Pomarolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pomarolo
comune
Pomarolo – Stemma
Pomarolo – Bandiera
Pomarolo – Veduta
Pomarolo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
Amministrazione
SindacoArturo Gasperotti (Lista civica) dal 22-9-2020
Data di istituzione16-10-1920
Territorio
Coordinate45°55′41.16″N 11°02′35.09″E / 45.9281°N 11.04308°E45.9281; 11.04308 (Pomarolo)
Altitudine206 m s.l.m.
Superficie9,23 km²
Abitanti2 448[1] (31-10-2021)
Densità265,22 ab./km²
FrazioniChiusole, Savignano
Comuni confinantiAldeno, Cimone, Nomi, Rovereto, Villa Lagarina, Volano
Altre informazioni
LingueItaliano
Cod. postale38060
Prefisso0464
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022144
Cod. catastaleG808
TargaTN
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 716 GG[3]
Nome abitantipomarolesi
PatronoSan Cristoforo
Giorno festivo26 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pomarolo
Pomarolo
Pomarolo – Mappa
Pomarolo – Mappa
Posizione del comune di Pomarolo
nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Pomarolo (Pomaròl in dialetto locale) è un comune italiano di 2 448 abitanti in provincia di Trento.

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo deriva dal latino pomarium con suffisso diminutivo ("piccolo meleto"). Proprio per questo lo stemma tradizionale, derivante da sigilli del XVIII secolo e adottato ufficialmente il 1º settembre 1980, rappresenta un melo con frutti d'oro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Complice la sua collocazione sulla strada che costeggia la riva orientale dell'Adige, Pomarolo è sempre stato, dopo Villa Lagarina, il centro più importante della Val Lagarina sia durante l'epoca romana che nell'Alto Medioevo. Il villaggio venne distrutto nel 1136 dall'imperatore Lotario II di Supplimburgo. Dalle ceneri dell'incursione imperiale, il villaggio risorse come un piccolo libero comune valligiano, la cui sfera d'influenza comprendeva tutti i villaggi tra Isera, Aldeno e Cimone. Parallelamente, presso la vicina rocca di Castel Barco si originava una famiglia di milites di grande importanza nella storia del Trentino, i Castelbarco. Occupato dalla Repubblica di Venezia nel XV secolo, il castello venne distrutto per ordine di Massimiliano I d'Asburgo nel 1508.

Nel 1967 i confini del territorio comunale hanno subito una modifica in seguito al distacco della frazione Piazzo, aggregata al comune di Villa Lagarina (Censimento 1961: pop. res. 219).[4]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Tra le tradizioni locali non si può tralasciare il filò, tipica usanza rurale veneto-trentina. Consiste in una riunione serale alla quale, in passato, intervenivano persone anziane e giovani che raccontavano le ultime novità, infiorandole naturalmente con la fantasia e quel pizzico di malizia che rendeva interessanti le conversazioni.

La sede più adatta a tali riunioni era senz'altro la stalla, il luogo più caldo della casa rurale, che era costituita da enormi stanzoni per i bachi da seta, spesso aperti in modo tale che passasse il vento di tramontana che le lunghe sere invernali portavano con sé.
L'usanza del filò si è protratta fino alla fine della seconda guerra mondiale, ma con la quasi totale scomparsa delle stalle adiacenti alle case, dell'economia agricola diffusa ed il contributo non irrilevante dell'avvento della televisione, è del tutto scomparsa.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Media[modifica | modifica wikitesto]

Pomarolo è stata la location della serie televisiva La dama velata.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti un centro civico, degli ambulatori medici, una farmacia, una caserma di vigili del fuoco[6], uno sportello bancario, un ufficio postale, un tabaccaio, un asilo nido, una scuola dell'infanzia, una scuola elementare, un auditorium, un punto di lettura, una palestra e un campo sportivo.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il paese di Pomarolo è raggiungibile comodamente dall'autostrada A22, sia venendo dalla direzione nord che da sud (uscita Rovereto Nord, distanza casello 1 km); oppure tramite la Statale 12 del Brennero, proseguendo per la strada provinciale SP 90 Destra Adige.

Alternativamente all'utilizzo della propria automobile, vi è la possibilità di utilizzare i trasporti pubblici; questi possono raggiungere direttamente la stazione FS di Trento o Rovereto, che sono collegate al paese con un servizio pullman.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
28 giugno 1985 6 giugno 1990 Luigi Pasqualetto Democrazia Cristiana Sindaco
6 giugno 1990 5 giugno 1995 Luigi Pasqualetto Democrazia Cristiana Sindaco
5 giugno 1995 15 maggio 2000 Gianni Battistotti Lista civica Sindaco
15 maggio 2000 9 maggio 2005 Massimo Fasanelli Lista civica Sindaco
9 maggio 2005 17 maggio 2010 Massimo Fasanelli Lista civica Sindaco
17 maggio 2010 22 settembre 2014 Massimo Fasanelli Lista civica Sindaco
22 settembre 2014 11 maggio 2015 Lucia Vicentini Lista civica Vicesindaco
11 maggio 2015 22 settembre 2020 Roberto Adami Lista civica Sindaco
22 settembre 2020 in carica Arturo Gasperotti Lista civica Sindaco

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico mensile anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Vigili del Fuoco Volontari di Pomarolo Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Trentino-Alto Adige