Trambileno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trambileno
comune
Trambileno – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Sindaco Franco Vigagni (lista civica "Insieme per Trambileno") dal 09/03/2014
Territorio
Coordinate 45°52′00″N 11°04′00″E / 45.866667°N 11.066667°E45.866667; 11.066667 (Trambileno)Coordinate: 45°52′00″N 11°04′00″E / 45.866667°N 11.066667°E45.866667; 11.066667 (Trambileno)
Altitudine 525 m s.l.m.
Superficie 50 km²
Abitanti 1 373[1] (31-12-2010)
Densità 27,46 ab./km²
Frazioni Acheni, Boccaldo, Ca' Bianca, Clocchi, Dosso, Giazzera, Lesi, Moscheri (sede comunale), Porte, Pozza, Pozzacchio, Rocchi, San Colombano, Sega, Spino, Toldo, Vanza, Vignala
Comuni confinanti Posina (VI), Rovereto, Terragnolo, Vallarsa, Valli del Pasubio (VI)
Altre informazioni
Cod. postale 38068
Prefisso 0464
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022203
Cod. catastale L322
Targa TN
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti trambeleri
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Trambileno
Sito istituzionale

Trambileno è un comune sparso di 1.386 abitanti della provincia di Trento, con sede in frazione Moscheri.

Interessato nel XIII secolo da un insediamento di coloni tedeschi, in cimbro il suo nome suonava Trumelays[2].

Il toponimo fa riferimento all'idronimo Leno, un probabile prelatino (forse etrusco o retico) "Lemno".

L'etimologia del nome deriva da "Tram bis lenum", cioè "tra due leni", che sono proprio il Leno di Vallarsa e il Leno di Terragnolo: il comune sorge infatti alla congiunzione dei due rami del fiume Leno.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Tra gli edifici principali del comune, spicca senz'altro il Santuario della Madonna de la Salette. Situato su uno sperone roccioso che sovrasta il capoluogo comunale Moscheri, il santuario è stato costruito nel 1856 con i soldi della donazione di un nobile roveretano. Per volere di alcuni emigranti del comune il Santuario venne consacrato alla Madonna de La Salette. Il Santuario appare anche nello stemma del comune sopra i due Leni che si congiungono.

La Valle del Leno

Altro luogo di spicco è l'eremo di San Colombano. Arroccato su una splendida parete rocciosa a strapiombo sul Leno, l'eremo fu dimora di alcuni religiosi devoti a San Colombano. Nel corso dei secoli attorno alla grotta è nata una chiesetta che è raggiungibile grazie a un ripido sentiero di scale scolpite nella roccia.

Interessante dal punto di vista storico è Forte Pozzacchio (ted. Valmorbia Werk). Costruito dall'Impero Austro-ungarico poco prima dell'inizio della Grande Guerra, Forte Pozzacchio sorge su un panettone roccioso al limite del comune tra i paesi di Pozzacchio e Valmorbia, nel territorio comunale di Vallarsa. Unico nel suo genere è un capolavoro di ingegneria militare. Mai ultimato e mai usato come forte vero e proprio è interamente scavato nella roccia e doveva servire a proteggere la linea del fronte lungo la Vallarsa. Attualmente sono in corso i lavori di restauro dell'opera.

Meta di escursioni e luogo di partenza per suggestive passeggiate il Rifugio Vincenzo Lancia sorge sulle pendici del Pasubio nei prati dell'Alpe Pozze. Dal rifugio partono numerosi sentieri che esplorano il massiccio del Pasubio, il Col Santo, il Col Santino, il Monte Testo e il Corno Battisti. Nei pressi del rifugio anche l'Alpe Alba con le suggestive baite in pietra nate per dar riparo ai contadini che facevano il fieno in quota e ora usate dai residenti come meta di villeggiatura.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Trambileno è gemellata con:

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Carla Marcato, Trambileno in Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 1990, p. 662.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]