Altopiano della Vigolana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Altopiano della Vigolana
comune
Altopiano della Vigolana – Veduta
Il municipio, a Vigolo Vattaro.
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Amministrazione
Sindaco David Perazzoli (lista civica) dal 9-5-2016
Data di istituzione 1º gennaio 2016
Territorio
Coordinate 46°00′N 11°12′E / 46°N 11.2°E46; 11.2 (Altopiano della Vigolana)Coordinate: 46°00′N 11°12′E / 46°N 11.2°E46; 11.2 (Altopiano della Vigolana)
Altitudine 725 m s.l.m.
Superficie 45,03 km²
Abitanti 4 942 (1-1-2016)
Densità 109,75 ab./km²
Frazioni Bosentino, Campregheri, Centa San Nicolò, Frisanchi, Migazzone, Pian dei Pradi, Valle, Vattaro, Vigolo Vattaro (sede comunale)
Comuni confinanti Besenello, Calceranica al Lago, Caldonazzo, Folgaria, Pergine Valsugana, Trento
Altre informazioni
Cod. postale 38049
Prefisso 0461
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022236
Cod. catastale M350
Targa TN
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti alto-vigolani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Altopiano della Vigolana
Altopiano della Vigolana
Altopiano della Vigolana – Mappa
Posizione del comune dell'Altopiano della Vigolana nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Altopiano della Vigolana (Altopiàn dela Vigolana in dialetto trentino) è un comune italiano sparso di 4 942 abitanti della provincia autonoma di Trento nel Trentino-Alto Adige. La sede municipale si trova a Vigolo Vattaro.

Fa parte della Comunità Alta Valsugana e Bersntol.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è nato in seguito al referendum popolare del 7 giugno 2015 fra gli elettori degli ex comuni di Bosentino, Centa San Nicolò, Vattaro e Vigolo Vattaro.[1]

I paesi dell'Altopiano sono insediamenti umani antichi, posti sulla strada romana che collega la Valsugana con la Valle dell'Adige. Per questo nel Medioevo i paesi soffrirono più volte per il passaggio di eserciti, a causa dei quali Vigolo Vattaro subì il sacco dei rivoltosi trentini.

I paesi furono, dal 1020 al 1801, sotto l'influenza del principato vescovile di Trento.

Nell'ambito della prima guerra mondiale, durante l'offensiva del maggio 1916, la località fu sede del comando d'armata austro-ungarico. Alla fine della secondo guerra mondiale invece, e precisamente il 4 maggio 1945 i soldati tedeschi in ritirata uccisero 7 partigiani. L'eccidio di Vattaro è ricordato da una lapide posta a Vattaro[2].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

È situato sulla Vigolana, a pochi chilometri da Trento e dal lago di Caldonazzo.

Il comune conobbe un certo stato di unità come quello odierno nel periodo intercorso tra il 1928 e il 1947 quando, a seguito della campagna di fusioni intrapresa dal regime fascista, le frazioni vennero a trovarsi sotto un unico amministratore, l'allora podestà.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Di particolare interesse è la chiesa parrocchiale di Vigolo Vattaro, intitolata a San Giorgio, caratterizzata dal bassorilievo paleocristiano, forse anteriore al VII secolo, raffigurante un albero d'ulivo con uccelli. Tra il 1538 e il 1558 l'edificio venne ricostruito e, eccezion fatta per l'aggiunta di una navata laterale nel 1852, conserva ancora oggi l'aspetto originale. Al fianco dell'altare maggiore, risalente al 1750, è inoltre murata un'epigrafe barocca con lo stemma dei Tabarelli de Fatis, signori del castello che avevano il diritto di patronato della chiesa.

Il Castello di Vigolo, recentemente restaurato, ha perso il suo carattere medievale a causa della ricostruzione seicentesca: dell'antica cinta muraria rimane solamente una torricella quadrangolare, mentre la struttura è adornata da bifore e monofore cinquecentesche. La struttura sorge in vetta alla panoramica collina e funge da guardia dell'antica strada che collega Vigolo a Bosentino.

Degna di nota è anche la cappella della Madonna del Feles di Bosentino, dove si narra apparve, all'inizio del XVII secolo, la Vergine Maria.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti negli attuali confini.[3][4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º gennaio 2016 8 maggio 2016 Giuseppe Toller Comm. pref. [5]
9 maggio 2016 in carica David Perazzoli Lista civica Sindaco [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comuni, via libera a 19 progetti di fusione, Trentino, 16 marzo 2015.
  2. ^ ANPI - lapide Vattaro, anpi-vicenza.it.
  3. ^ Dati ottenuti tramite la somma degli abitanti dei quattro comuni originari.
  4. ^ I dati degli anni 1931 e 1936 riportano i dati realmente misurati nell'allora comune unificato.
  5. ^ Nominati i commissari straordinari per i comuni nati dalle fusioni, ufficiostampa.provincia.tn.it, 30 dicembre 2015. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  6. ^ Elezioni Comunali 8 maggio 2016, speciali.gelocal.it. URL consultato l'11 maggio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige