Sanzeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sanzeno
comune
Sanzeno – Stemma Sanzeno – Bandiera
Sanzeno – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
Amministrazione
SindacoMartin Slaifer Ziller (lista civica) dal 23-9-2020
Territorio
Coordinate46°22′N 11°04′E / 46.366667°N 11.066667°E46.366667; 11.066667 (Sanzeno)Coordinate: 46°22′N 11°04′E / 46.366667°N 11.066667°E46.366667; 11.066667 (Sanzeno)
Altitudine641 m s.l.m.
Superficie7,88 km²
Abitanti900[2] (30-4-2020)
Densità114,21 ab./km²
FrazioniBanco (sede comunale), Casez, Sanzeno[1]
Comuni confinantiCles, Dambel, Predaia, Novella, Romeno, Ville d'Anaunia
Altre informazioni
Cod. postale38010
Prefisso0463
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022169
Cod. catastaleI411
TargaTN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantisanzenesi
Patronosanti Sisinnio, Martirio ed Alessandro
Giorno festivo29 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sanzeno
Sanzeno
Sanzeno – Mappa
Posizione del comune di Sanzeno all'interno della provincia di Trento
Sito istituzionale

Sanzeno (Sanzén[3] in noneso) è un comune italiano di 900 abitanti situato al centro della Val di Non in provincia autonoma di Trento, lungo la strada che porta all'Alta val di Non. Si tratta di un comune sparso in quanto la sede municipale non si trova nella località omonima, ma nella frazione di Banco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese ha origini molto antiche, tanto che sono stati rinvenuti in vari scavi importanti reperti archeologici retici, romani e posteriori. Già in epoca romana era indicato il villaggio di Metho (o Mecleo o Mecla).[4]

Nel 397 d.C. fu teatro dell'uccisione dei missionari cappadoci Sisinio, Martirio e Alessandro, inviati dal vescovo di Trento san Vigilio per evangelizzare queste zone, allora pagane.

Per commemorare l'accaduto fu in seguito costruita la Basilica dei Santi Martiri anauniesi Sisinnio, Martirio e Alessandro e il villaggio venne denominato San Sisinnio in ricordo dell'accaduto; la parlata comune lo trasformò man mano in San Sesen, da cui Sanzeno. Nel 1968 furono aggregati i comuni di Banco e Casez.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa di Sant'Alessandro

Da qualche anno, durante i mesi estivi, è stato vietato l'accesso in automobile al Santuario di San Romedio (comune di Predaia) tramite la valle del rio San Romedio ed è stata predisposta una navetta con partenza dalla località "Al Mulino". È stata inoltre allestita una suggestiva passeggiata che parte dal Museo Retico, situato all'imbocco della valle.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Stazione di Sanzeno

Posta lungo la strada statale 43 dir della Val di Non Sanzeno disponeva, fra il 1909 e il 1934, di una propria fermata lungo la Tranvia Dermulo-Fondo-Mendola.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1975 1990 Giuseppe Wegher Lista civica Sindaco 3 mandati
1990 2000 Carlo Berti Lista civica Sindaco 2 mandati
maggio 2000 9 maggio 2005 Marcello Bonadiman Lista civica Sindaco
9 maggio 2005 16 maggio 2010 Marcello Bonadiman Lista civica Sindaco
17 maggio 2010 10 maggio 2015 Marcello Bonadiman Lista civica Sindaco
11 maggio 2015 23 settembre 2020 Paolo Pellizzari Lista civica Sindaco
23 settembre 2020 in carica Martin Slaifer Ziller Lista civica Sindaco

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Sanzeno - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2020.
  3. ^ Enrico Quaresima, Vocabolario anaunico e solandro, Firenze, Leo S. Olschki, 1991 [1964], p. XXIV, ISBN 88-222-0754-8.
  4. ^ Giulia Mastrelli Anzilotti, Toponomastica trentina : i nomi delle località abitate, Trento, Provincia autonoma di Trento. Servizio beni librari e archivistici, 2003, p. 363.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN159459232
Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Trentino-Alto Adige