Calliano (Trentino-Alto Adige)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Calliano
comune
Calliano – Stemma
Calliano – Veduta
Panorama di Calliano con la chiesa di San Lorenzo e Castel Beseno sullo sfondo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
Amministrazione
SindacoLorenzo Conci (lista civica Civica per Calliano) dal 10-5-2015
Territorio
Coordinate45°56′N 11°05′E / 45.933333°N 11.083333°E45.933333; 11.083333 (Calliano)Coordinate: 45°56′N 11°05′E / 45.933333°N 11.083333°E45.933333; 11.083333 (Calliano)
Altitudine187 m s.l.m.
Superficie10,2 km²
Abitanti1 901[1] (28-2-2017)
Densità186,37 ab./km²
Comuni confinantiBesenello, Folgaria, Nomi, Rovereto, Volano
Altre informazioni
Cod. postaleCAP 38060
Prefisso0464
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022035
Cod. catastaleB419
TargaTN
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanticalianoti
Patronosan Lorenzo
Giorno festivo10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Calliano
Calliano
Calliano – Mappa
Posizione del comune di Calliano
nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Calliano (Caliam o Calian nel dialetto trentino[2]) è un comune italiano di 1 901 abitanti della provincia autonoma di Trento.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


La chiesa di San Lorenzo

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Variazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1929 il comune viene soppresso e i suoi territori aggregati al comune di Beseno; nel 1947 il comune viene ricostituito (Censimento 1936: pop. res. 837).[4]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è stato sede di alcune riprese de La dama velata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4232155-4