Castel Beseno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castel Beseno
Calliano-Castel Beseno from Folgaria-southeast.jpg
Il lato sudorientale di Castel Beseno visto dal punto panoramico nei pressi della frazione di Serrada del comune di Folgaria.
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige
CittàBesenello
Coordinate45°55′51.44″N 11°06′35.3″E / 45.930956°N 11.109806°E45.930956; 11.109806Coordinate: 45°55′51.44″N 11°06′35.3″E / 45.930956°N 11.109806°E45.930956; 11.109806
Mappa di localizzazione: Trentino-Alto Adige
Castel Beseno
Informazioni generali
TipoCastello
Termine costruzioneXII secolo
Condizione attualeMuseo
Proprietario attualeProvincia autonoma di Trento
Visitabile
Sito web e
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Castel Beseno (talora indicato come Schloss Pysein nei testi di lingua tedesca[1][2][3]) è la più grande struttura fortificata del Trentino-Alto Adige. Situata nel territorio del comune di Besenello, in provincia di Trento, attualmente è una delle sedi del complesso museale del Museo provinciale del Castello del Buonconsiglio.

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

Castel Beseno domina la vallata sottostante
Feritoie del castello sulla vallagarina
Vista da Castel Noarna. Dalla bifora di sinistra si scorge castel Beseno.

All'interno si trovano ampi spazi, porte fortificate, bastioni, cortili, mura maestose, cantine e cisterne, e numerosi affreschi (in gran parte rovinati dalle intemperie); si gode una vista su tutta la Vallagarina e a strapiombo sul sottostante Rio Cavallo.

Nel periodo estivo il castello è sede di manifestazioni culturali e turistiche. Si raggiunge sia dal centro di Besenello che dalla Strada statale 350 di Folgaria e di Val d'Astico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni provinciali.
Folgaria-Guardia-Castel Beseno-east cc.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàBesenello
Caratteristiche
TipoCollezioni d'arte e d'archeologia
Sito web

Fin dall'antichità dalla sommità della collina si poteva controllare tutta la sottostante Vallagarina e l'accesso alla valle che conduce a Folgaria.

Le prime notizie certe riguardo a questa fortezza risalgono al XII secolo, allora feudo dei conti di Appiano, ed abitato da una famiglia di loro vassalli: i Da Beseno. In seguito la storia di questo edificio si fa per la verità piuttosto travagliata, intorno al 1200 infatti la chiesa trentina, in parte per acquisti ed in parte per donazioni diventa proprietaria di buona parte della struttura, ciononostante esso rimase sotto il controllo di due rami distinti della famiglia Beseno: quello di Enghelberto e quello di Odolrico, ma la rivalità tra le due fazioni porta ad un decadimento prematuro sia castel Beseno che Castel Pietra, su cui entrambe le famiglie vantavano dei diritti.

Circa un secolo più tardi il castello passa sotto il controllo di Guglielmo II da Castelbarco, che provvede a restaurarne buona parte, ed infine verso la metà del Quattrocento un altro importante personaggio entra nella storia di questo edificio, si tratta di Marcabruno II Castelbarco, il quale si trova nel bel mezzo delle diatribe tra le truppe di Venezia e quelle Trentine e Tirolesi; è proprio in questo frangente che si sviluppa la famosa Battaglia di Calliano (1487), dove millecinquecento veneti furono uccisi o catturati. Fu una vera e propria sconfitta per i veneziani e il loro comandante Roberto Sanseverino d'Aragona, che morì annegato nell'Adige.

Nel corso del '500, a seguito di un incendio esso viene ricostruito e rinnovato, mutando il suo aspetto di castello medievale in quello di residenza, conservando però la sua identità di fortezza difensiva ben armata. Le vicissitudini non finirono così presto: verso la fine del Settecento infatti esso fu nuovamente protagonista di un sanguinoso assedio da parte delle truppe napoleoniche che, nonostante l'ingente spiegamento, non riuscirono ad avere la meglio, venendo sconfitte dopo giorni di assedio da una colonna di truppe austriache giunte in difesa di Castel Beseno.

Panorama dal bastione verso Nord - Est su Calliano (a sinistra) e Besenello (a destra); sullo sfondo l'Adige che percorre la valle.

In seguito, a causa della più tranquilla situazione politica, e quindi alla perdita di importanza di questa struttura difensiva, inizia un lungo periodo di decadenza del castello, che verrà infine abbandonato nel corso dell'Ottocento e scoperchiato per non pagare le imposte sulla proprietà, per essere infine donato nel 1973 alla Provincia Autonoma di Trento, che ne avviò subito il restauro per farne una delle sedi distaccate del museo del Castello del Buonconsiglio, dimostrando ben altra sensibilità storica rispetto a quando nel 1957 la stessa Provincia provvide all'abbattimento con la dinamite di una torre ritenuta pericolosa per il traffico sulla strada sottostante.

La struttura, restaurata nella seconda metà del XX secolo, ha una forma ellittica che copre tutta la sommità della collina calcarea, estendendosi in lunghezza per 250 metri e in larghezza per circa 50 metri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]