Castello di Stenico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Stenico
Stenicoecastello.JPG
Il castello visto dal basso
Ubicazione
Stato attuale Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Città Stenico
Coordinate 46°03′03.18″N 10°51′10.34″E / 46.050883°N 10.852872°E46.050883; 10.852872Coordinate: 46°03′03.18″N 10°51′10.34″E / 46.050883°N 10.852872°E46.050883; 10.852872
Mappa di localizzazione: Trentino-Alto Adige
Castello di Stenico
Informazioni generali
Tipo Castello medievale
Inizio costruzione XII secolo
Condizione attuale Visitabile
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Stenico si trova presso l'omonimo paese in Trentino occidentale; esso è la testimonianza dell'importanza che questo luogo ha avuto in passato.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Stenico

Esso risale al XII secolo, ma è legato ad un preesistente castelliere preistorico, dato che la zone dove poggia è altamente strategica poiché controlla il territorio a ovest di Trento. La proprietà del maniero era passata nel XIII secolo in mano al principe vescovo di Trento dove infatti fu oggetto di continui ampliamenti e modifiche che lo trasformarono in una pregevole residenza vescovile che controllava il territorio anche grazie a un suo funzionario: il Capitano delle Giudicarie. Il capitano amministrava la zona sia sul piano militare, economico e politico, ferme restando le autonomie riconosciute alle sette pievi delle Giudicarie, che garantivano una certa autonomia anche dal principato vescovile alla zona. Per quasi otto secoli fu occupato da un Capitano e dai luogotenenti che, in nome del Principe vescovo di Trento, esercitavano la funzione di massima autorità politico-amministrativa nel territorio giudicariese. Il nucleo più antico si eleva nella famigerata "torre della fame" dove i prigionieri venivano condannati a morire di stenti. Il castello fu quindi per lunghi secoli il centro politico, amministrativo e giudiziario dell'intera valle.

Il castello fu oggetto di continue modifiche che gli fecero assumere l'aspetto di austera ed elegante fortezza. Con la secolarizzazione del principato vescovile, il castello fu utilizzato dal governo austriaco come sede dell'Imperial Regio Giudizio ed Ufficio delle Imposte. Durante la dominazione austriaca del Trentino sul finire dell'Ottocento il castello fu in parte ricoperto con tavolette di cemento. Trasferita la proprietà al demanio italiano fu utilizzato come Pretura e poi come sede dei carabinieri. La provincia di Trento nel 1973 ha iniziato i lavori di restauro ed in seguito lo ha aperto al pubblico.

Il castello è rientrato negli ultimi anni nel circuito delle esposizioni museale del castello del Buonconsiglio a Trento oltre a essere diventato sede della biosfera dell'UNESCO per quanto riguarda le Alpi Ledrensi e Giudicarie.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Castel Stenico, su visittrentino.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]