Castello di Gardolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Gardolo
Castello di Gardolo.jpg
Ruderi del castello
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige
CittàTrento
Coordinate46°06′52.82″N 11°07′10.18″E / 46.114672°N 11.119494°E46.114672; 11.119494Coordinate: 46°06′52.82″N 11°07′10.18″E / 46.114672°N 11.119494°E46.114672; 11.119494
Mappa di localizzazione: Trentino-Alto Adige
Castello di Gardolo
Informazioni generali
TipoCastello
Inizio costruzioneXII secolo
Condizione attualeRovine
Visitabile
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Gardolo è un castello medievale ormai in rovina che si trova sul Dosso della Purga, sopra l'abitato di Gardolo di Mezzo, quartiere del comune di Trento in Trentino.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il castello, che si ergeva a difesa della via Rossa, non era molto grande ed era dotato di una torre risalente probabilmente a un periodo antecedente al XII secolo. Viene citato per la prima volta in un testo del 1161 del principe vescovo di Trento Adelpreto II.

Nel 1184 risulta annotato che il vescovo Alberto Madruzzo acquisì i feudi da Wasengerino di Gardolo e una sola parte del suddetto castello, per quaranta marche d'argento.[1]

Il 14 di novembre 1212, metà del castello fu venduta da Guitoldo di Trento e suo nipote Milone al vescovo Federico Vanga per 2250 lire veronesi.[2]

Le ultime tracce scritte risalgono al 1376. A partire dai secoli successivi fu definitivamente abbandonato e cadde in rovina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietro Micheli, Alle radici di Gardolo dal Piano, Calliano, Manfrini Editori, 1986, ISBN 88-7024-364-8.
  • Aldo Gorfer, Strade e volti della collina di Trento, fotografie di Giorgio Rossi, a cura del Gruppo per la Ricerca Storico-Territoriale del Meanese, prefazione di Giuseppe Gorfer, 2007, pp. 48-49.