Amblar-Don

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amblar-Don
comune
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Amministrazione
Sindaco Giuliano Marches (lista civica) dal 9-5-2016
Data di istituzione 1º gennaio 2016
Territorio
Coordinate 46°24′N 11°09′E / 46.4°N 11.15°E46.4; 11.15 (Amblar-Don)Coordinate: 46°24′N 11°09′E / 46.4°N 11.15°E46.4; 11.15 (Amblar-Don)
Altitudine 980 m s.l.m.
Superficie 19,06 km²
Abitanti 504[1] (31-12-2016)
Densità 26,44 ab./km²
Frazioni Amblar, Don (sede comunale)
Comuni confinanti Caldaro sulla Strada del Vino (BZ), Cavareno, Predaia, Romeno, Sfruz, Termeno sulla Strada del Vino (BZ)
Altre informazioni
Cod. postale 38011
Prefisso 0463
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022237
Cod. catastale M351
Targa TN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti amblo-donesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Amblar-Don
Amblar-Don
Amblar-Don – Mappa
Posizione del comune di Amblar-Don
nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Amblar-Don (Amblàr-Don in nones) è un comune italiano sparso di 504 abitanti della provincia autonoma di Trento nel Trentino-Alto Adige. Prende il nome dai due centri abitati, già comuni autonomi, che hanno dato vita alla fusione. La sede municipale è situata a Don.

Fa parte della Comunità della Val di Non.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è nato grazie al referendum popolare del 7 giugno 2015 fra gli elettori degli ex comuni di Amblar e Don[2], il cui risultato positivo è stato seguito dalla legge provinciale n. 8/2015 che ha fissato la decorrenza del nuovo ente al 1º gennaio 2016.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

È situato in Val di Non, a metà strada tra la Val di Sole e la Valle dell'Adige.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune conobbe un certo stato di unità come quello odierno nel periodo intercorso tra il 1928 e il 1947 quando, a seguito della campagna di fusioni intrapresa dal regime fascista, i due paesi vennero a trovarsi sotto un unico amministratore, l'allora podestà.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º gennaio 2016 8 maggio 2016 Luciano Fanti Comm. pref. [4]
9 maggio 2016 in carica Giuliano Marches Lista civica Sindaco [5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2016.
  2. ^ Comuni, via libera a 19 progetti di fusione, Trentino, 16 marzo 2015.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 17-01-2016.
  4. ^ Nominati i commissari straordinari per i comuni nati dalle fusioni, ufficiostampa.provincia.tn.it, 30 dicembre 2015. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  5. ^ Elezioni Comunali 8 maggio 2016, speciali.gelocal.it. URL consultato l'11 maggio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige