Amblar-Don

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amblar-Don
comune
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
Amministrazione
SindacoGiuliano Marches (lista civica) dal 9-5-2016
Data di istituzione1º gennaio 2016
Territorio
Coordinate46°24′N 11°09′E / 46.4°N 11.15°E46.4; 11.15 (Amblar-Don)Coordinate: 46°24′N 11°09′E / 46.4°N 11.15°E46.4; 11.15 (Amblar-Don)
Altitudine980 m s.l.m.
Superficie19,06 km²
Abitanti503[1] (30-4-2017)
Densità26,39 ab./km²
FrazioniAmblar, Don (sede comunale)
Comuni confinantiCaldaro sulla Strada del Vino (BZ), Cavareno, Predaia, Romeno, Sfruz, Termeno sulla Strada del Vino (BZ)
Altre informazioni
Cod. postale38011
Prefisso0463
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022237
Cod. catastaleM351
TargaTN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantiamblo-donesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Amblar-Don
Amblar-Don
Amblar-Don – Mappa
Posizione del comune di Amblar-Don
nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Amblar-Don (Amblàr-Dòn[2] in noneso) è un comune italiano sparso di 503 abitanti[1] della provincia autonoma di Trento in Trentino-Alto Adige. Prende il nome dai due centri abitati che lo costituiscono, in precedenza comuni autonomi, che hanno dato vita alla fusione. La sede municipale è situata a Don. È situato in Val di Non e fa parte della Comunità della Val di Non.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è nato grazie al referendum popolare del 7 giugno 2015 fra gli elettori degli ex comuni di Amblar e Don[3], il cui risultato positivo è stato seguito dalla legge provinciale n. 8/2015 che ha fissato la decorrenza del nuovo ente al 1º gennaio 2016.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune conobbe un certo stato di unità come quello odierno nel periodo intercorso tra il 1928 e il 1947 quando, a seguito della campagna di fusioni intrapresa dal regime fascista, i due paesi vennero a trovarsi sotto un unico amministratore, l'allora podestà.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º gennaio 2016 8 maggio 2016 Luciano Fanti Commissario prefettizio [5]
9 maggio 2016 in carica Giuliano Marches Lista civica Sindaco [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ Enrico Quaresima, Vocabolario anaunico e solandro, Firenze, Leo S. Olschki, 1991 [1964], pp. XXIII-XXIV, ISBN 88-222-0754-8.
  3. ^ Comuni, via libera a 19 progetti di fusione Archiviato il 5 febbraio 2016 in Internet Archive., Trentino, 16 marzo 2015.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 17-01-2016.
  5. ^ Nominati i commissari straordinari per i comuni nati dalle fusioni, su ufficiostampa.provincia.tn.it, 30 dicembre 2015. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  6. ^ Elezioni Comunali 8 maggio 2016, su speciali.gelocal.it. URL consultato l'11 maggio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige