Ossana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ossana
comune
Ossana – Stemma Ossana – Bandiera
Ossana – Veduta
Panorama
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
Amministrazione
SindacoLaura Marinelli (lista civica) dal 21-9-2020
Territorio
Coordinate46°18′N 10°44′E / 46.3°N 10.733333°E46.3; 10.733333 (Ossana)Coordinate: 46°18′N 10°44′E / 46.3°N 10.733333°E46.3; 10.733333 (Ossana)
Altitudine970 - 1 003 m s.l.m.
Superficie25,25 km²
Abitanti839[2] (30-4-2020)
Densità33,23 ab./km²
FrazioniCusiano (Cusian), Fucine (le Fosìne)
Comuni confinantiCarisolo, Peio, Pellizzano, Pinzolo, Vermiglio
Altre informazioni
Cod. postale38026
Prefisso0463
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022131
Cod. catastaleG173
TargaTN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[3]
Cl. climaticazona F, 3 955 GG[4]
Nome abitantiossanesi[1]
Patronosan Vigilio Martire
Giorno festivo26 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ossana
Ossana
Ossana – Mappa
Posizione del comune di Ossana nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Ossana (IPA: /osˈsana/[5]) è un comune italiano di 839 abitanti della provincia di Trento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La località è attestata per la prima volta nel 1174 quale "Volsana" in un documento dei conti di Appiano a favore della Collegiata agostiniana di San Michele all'Adige[6].

Nel 1929 il territorio del comune di Ossana fu incorporato in quello di Pellizzano, decisione abrogata nel secondo dopoguerra.[7] Nel 2019, le popolazioni dei due comuni hanno bocciato la proposta di una fusione tra Pellizzano e Ossana.[8]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di San Michele. Di supposta origine longobarda. Le prime fonti scritte risalgono al 1191. In epoca medievale vi risiedevano funzionari vescovili, successivamente i conti del Tirolo e di Gorizia. Nel XV secolo passa ai Federici della Val Camonica, poi agli Heydorf e ai Bertelli. Tra Ottocento e Novecento una parte della proprietà fu del premio Nobel Bertha von Suttner.[9]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2020.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ Luciano Canepari, Ossana, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  6. ^ Hannes Obermair, Martin Bitschnau, Die Traditionsnotizen des Augustinerchorherrenstiftes St. Michael a. d. Etsch (San Michele all'Adige). Vorarbeiten zum „Tiroler Urkundenbuch“ (XML), in MIÖG - Mitteilungen des Instituts für Österreichische Geschichtsforschung, vol. 105, 1997, pp. 263-329, qui pp. 303-306, n. 1(m), DOI:10.7767/miog.1997.105.jg.263, ISSN 2307-2903 (WC · ACNP). URL consultato il 25 novembre 2020.
  7. ^ Silvio Cova, Pellizzano in Val di Sole - Guida Turistica, La Grafica-Mori, 1989, pp. 15-16.
  8. ^ Salta il “matrimonio” fra Pellizzano e Ossana, su giornaletrentino.it.
  9. ^ a b c Comune di Ossana - Val di Sole, su comuneossana.it. URL consultato il 28 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2009).
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Ciccolini, Ossana nelle sue memorie, 1993 [1913].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN238149743 · WorldCat Identities (ENviaf-238149743
Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Trentino-Alto Adige