Miola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Miola (disambigua).
Miola
frazione
Miola – Veduta
Miola con lo Stadio del Ghiaccio "Ice Rink Piné" vista dal Dosso di Costalta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
ComuneBaselga di Piné-Stemma.png Baselga di Piné
Territorio
Coordinate46°07′35″N 11°14′53″E / 46.126389°N 11.248056°E46.126389; 11.248056 (Miola)Coordinate: 46°07′35″N 11°14′53″E / 46.126389°N 11.248056°E46.126389; 11.248056 (Miola)
Altitudine997 m s.l.m.
Abitanti1 183 (31 dicembre 2014[1])
Altre informazioni
Cod. postale38042
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022873
Cod. catastaleF227
TargaTN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantiMiolèri, Miöi, Miói
Patronosan Rocco
Giorno festivo16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Miola
Miola

Miola (Miöla o La Miòla[2] in dialetto trentino), è una frazione del comune di Baselga di Piné, in provincia di Trento, sull'Altopiano di Piné. Il nome Miola deriva da Meola o Medola, che significa metà. Un'altra ipotesi dell'etimologia, tuttavia, potrebbe risalire al tardo latino col termine madulla, ossia roccia, data l'orografia prevalentemente rocciosa sul colle dove sorge l'abitato.

Miola è la frazione più grande dell'intero comune di Baselga di Piné, incluso il centro abitato di Baselga che conta solo 936 abitanti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di San Rocco

La prima traccia storica dell'abitato risale a cavallo tra l'alto ed il basso medioevo, nel primo periodo dopo l'anno 1000: il castel de La Mot, costruito in posizione strategica sulla cima dell'omonimo dosso, dominava il villaggio. Secondo la leggenda, il castello venne distrutto da un incendio provocato dalla ribellione degli abitanti locali, oppressi dalla tirannia del Signore Jacopino. Della struttura, oggi, ne resta solo alcuni ruderi.

La Chiesa di San Rocco, edificio dall'architettura moderna, fu inaugurata nel 1914.

Dalla dissoluzione della Magnifica Comunità Pinetana (1875) al 1928, Miola costituiva un comune separato da Baselga.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1984 si sono iniziati i lavori per la costruzione dello stadio Olimpico del ghiaccio (Ice Rink Pinè), un anello per il pattinaggio di velocità con uno sviluppo lineare complessivo di 400 metri, che ha di frequente ospitato gare di dimensioni europee e addirittura mondiali. A Miola sorge anche un palazzetto del ghiaccio coperto, dove si gioca a hockey su ghiaccio, curling e broomball e dove si esibiscono le ballerine di pattinaggio artistico.

Festività ed eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 16 agosto si festeggia il santo patrono del paese san Rocco, con la tradizionale sagra presso lo stadio del ghiaccio e la processione lungo le vie del paese. A san Rocco è dedicata la chiesa parrocchiale del paese.
  • Nel periodo natalizio, Miola si trasforma nel "Paes dei Presepi". I presepi vengono costruiti tradizionalmente lungo le vie del paese, nei portici, nelle finestrelle da parte delle famiglie di Miola. In un portico di piazza San Rocco, è visitabile il presepe mobile della famiglia Anesin; in questa piazza è presente anche un mercatino di prodotti tipici trentini e vengono organizzati alcuni concerti natalizi.

Località[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio della frazione di Miola comprende alcune località minori:

  • Fovi (o Fovo Basso): è posta ai piedi del Dosso di Costalta
  • Poggio dei Pini: una suggestiva zona verde in cui ci sono delle villette sparse
  • Fiorè (1120 m): è un piccolo nucleo abitato immerso nei boschi della parte sud-occidentale del dosso di Costalta
  • Dosso di Miola (1075 m): collina boscosa posta a metà strada fra Baselga e Miola
  • Meie (o Meje): Area verde bonificata, ai piedi del doss de la Mot, pianeggiante, alta circa 950 metri, in cui ci sono alcune stalle e pascoli; è inoltre presente il centro di raccolta differenziata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito Comune Baselga di Piné
  2. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]