Piramidi di Segonzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piramidi di Segonzano

Le piramidi di Segonzano (in dialetto locale òmeni, "uomini") sono piramidi di terra che si trovano nel territorio del comune di Segonzano a 875 metri, nella val di Cembra, in Trentino.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le piramidi di terra alla loro massima estensione, verso la fine del 1800
Panoramica delle piramidi

Le formazioni, alcune delle quali raggiungono i 40 metri d'altezza[1], sono geologicamente di origine molto recente: formatesi circa 50.000 anni fa, sono l'opera combinata di azioni di erosione delle acque correnti sul terreno in un deposito morenico lasciato dalle lingue dei ghiacciai quaternari del Würm.

Sono composte da un conglomerato di terra e piccoli ciottoli di varia origine, sufficientemente consolidati per mantenere una certa consistenza, ma ancora suscettibili all'erosione provocata dall'acqua piovana. Il deposito morenico è stato ricoperto da una frana di grandi massi di porfido[2], a cui si deve la nascita delle piramidi: sotto il peso del masso, infatti, il terreno è più compatto e protetto dall'erosione della pioggia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trentino Alto Adige, in Guida d'Italia del Touring Club Italiano, vol. 7, Touring Editore, 1976, p. 292, ISBN 8836500080.
  2. ^ Paola Colombini (a cura di), Trentino-Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia, in Guide d'Italia, Touring Editore, 1999, p. 64, ISBN 8836511627.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Perna, Le piramidi di terra di Segonzano e del Renon, in Natura Alpina, IX, nº 1, Trento, pp. 3-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]