Centri di Vavilov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

centri di origine (o centri di differenziazione) sono le aree geografiche in cui un gruppo di organismi, domesticati o selvatici, ha sviluppato originalmente le sue caratteristiche distintive.[1] I centri di origine sono anche considerati i centri di diversificazione delle specie.

Vegetali[modifica | modifica wikitesto]

La localizzazione del centro di origine delle colture agricole è di cruciale importanza per il lavoro di selezione genetica. Questa identificazione delle zone di origine dei raccolti, infatti, permette di indirizzare geograficamente la ricerca dei parenti selvatici, delle specie imparentate e di nuovi geni (specialmente i geni dominanti, che possono introdurre resistenze specifiche a malattie o altre caratteristiche desiderate nelle colture industriali). La conoscenza delle aree di origine delle specie coltivate è importante per contrastare l'erosione genetica, la perdita del germoplasma conseguente alla scomparsa di ecotipi e razze autoctone, la scomparsa degli habitat (per esempio le foreste pluviali) e l'estendersi dell'urbanizzazione. La preservazione del germoplasma è sostenuta dalle banche del gene, in parte ospitate all'interno della rete di centri di ricerca agricola internazionale che sono raggruppati nel CGIAR e in parte attivate da una miriade di iniziative di conservazione in situ del germoplasma. Più recentemente, la costruzione e la messa in opera della Svalbard Global Seed Vault (la banca mondiale del germoplasma, localizzata sotto terra, nel permafrost delle isole Svalbard) ha rappresentato un importante passo avanti nella consapevolezza dell'importanza di mantenere, e rendere disponibile per le prossime generazioni, la ricchezza costituita dalla diversità del patrimonio genetico dei vegetali.

I centri di Vavilov[modifica | modifica wikitesto]

Nikolaj Vavilov, agronomo russo.
Distribuzione geografica dei Centri di Vavilov. (1) Messico-Guatemala, (2) Peru-Ecuador-Bolivia, (2A) Cile meridionale, (2B) Brasile meridionale, (3) Mediterraneo, (4) Medio Oriente, (5) Etiopia, (6) Asia centrale, (7) India-Birmania, (7A) Indocina, (8) Cina e Corea.[2]

Un Centro di Vavilov (conosciuti anche come centri di diversità di Vavilov) è una regione del mondo identificata in origine dallo scienziato russo Nikolaj Ivanovič Vavilov come uno dei centri originale di domesticazione delle piante.[3] Vavilov ha sviluppato la teoria originale dei centri di origine delle specie coltivate; ha dimostrato che la domesticazione dei vegetali non è accaduta in modo casuale in varie parti del mondo, ma è avvenuta in centri di differenziazione caratteristici per ogni specie[4]. I centri di origine sono considerati anche i centri di diversità e ancora oggi i centri di Vavilov sono regioni del mondo dove si può riconoscere una vasta presenza di parenti selvatici dei raccolti coltivati, che rappresentano ancora un pool genico ampio e differenziato delle specie di interesse commerciale. Il fatto di poter attingere a un ampio spettro di geni diversi rappresenta non solo una ricchezza potenziale per il lavoro dei fitomiglioratori, ma anche una sicurezza per il futuro quando nuove malattie o nuove esigenze determinate dal cambio delle condizioni climatologiche, ecologiche o sociali renda preferibile o necessario modificare il comportamento di certe colture e - per poterlo fare - sia indispensabile attingere a un patrimonio genetico altrimenti estinto.

Centri mondiali di origine delle specie coltivate[5][6]

Centro Piante

1) Messico meridionale e centro-America[modifica | modifica wikitesto]

Comprende delle porzioni del Messico meridionale, Guatemala, Honduras e Costa Rica.

Grani e legumi[modifica | modifica wikitesto]

Cucurbitacee[modifica | modifica wikitesto]

Radici e tuberi[modifica | modifica wikitesto]

Spezie[modifica | modifica wikitesto]

Fibre[modifica | modifica wikitesto]

Alberi da frutta[modifica | modifica wikitesto]

Miscellanea[modifica | modifica wikitesto]

2) America meridionale[modifica | modifica wikitesto]

Tre sotto-centri. 62 specie.

2) Peru, Ecuador, Bolivia[modifica | modifica wikitesto]

Tuberi[modifica | modifica wikitesto]

Grani e legumi[modifica | modifica wikitesto]

Regione litoranea, subtropicale e tropicale[modifica | modifica wikitesto]

Grani e legumi[modifica | modifica wikitesto]

Tuberi[modifica | modifica wikitesto]

Orticole[modifica | modifica wikitesto]

Cucurbitacee[modifica | modifica wikitesto]

Spezie e stimolanti[modifica | modifica wikitesto]

Fibre[modifica | modifica wikitesto]

Alberi da frutta[modifica | modifica wikitesto]

Medicinali[modifica | modifica wikitesto]

2A) Chiloé[modifica | modifica wikitesto]

(isola presso la costa del Cile meridionale)

2B) Brasile-Paraguay[modifica | modifica wikitesto]

Specie endemiche[modifica | modifica wikitesto]

Alberi da frutta[modifica | modifica wikitesto]

3) Mediterraneo[modifica | modifica wikitesto]

Comprende la regione rivierasca del mare Mediterraneo. 84 specie.

Cereali[modifica | modifica wikitesto]

Foraggi[modifica | modifica wikitesto]

Oleaginose e fibre[modifica | modifica wikitesto]

Alberi da frutta[modifica | modifica wikitesto]

Orticole[modifica | modifica wikitesto]

Orticole e spezie[modifica | modifica wikitesto]

Tintorie e tanniche[modifica | modifica wikitesto]

Miscellanea[modifica | modifica wikitesto]

4) Medio Oriente[modifica | modifica wikitesto]

Comprende l'interno dell'Asia minore, tutta la Transcaucasia, Iran e gli altopiani del Turkmenistan. 83 specie.

Grani e legumi[modifica | modifica wikitesto]

Foraggi[modifica | modifica wikitesto]

Oleaginose[modifica | modifica wikitesto]

Orticole, alcaloidee, tanniche[modifica | modifica wikitesto]

Cucurbitacee[modifica | modifica wikitesto]

Orticolee[modifica | modifica wikitesto]

Alberi da frutta[modifica | modifica wikitesto]

Spezie, tintorie[modifica | modifica wikitesto]

5) Etiopia[modifica | modifica wikitesto]

Comprende l'Abissinia, l'Eritrea e parte del Somaliland. 38 specie identificate; ricca in frumento e orzo.

Grani[modifica | modifica wikitesto]

Oleaginose[modifica | modifica wikitesto]

Spezie e eccitanti[modifica | modifica wikitesto]

Orticole[modifica | modifica wikitesto]

Miscellanea[modifica | modifica wikitesto]

6) Asia centrale[modifica | modifica wikitesto]

Comprende India nordoccidentale (Punjab, province della frontiera nordovest e Kashmir), Afghanistan, Tagikistan, Uzbekistan, e il Tian-Shan occidentale. 43 specie.

Grani e legumi[modifica | modifica wikitesto]

Fibre[modifica | modifica wikitesto]

Orticole[modifica | modifica wikitesto]

Spezie[modifica | modifica wikitesto]

Alberi da frutta[modifica | modifica wikitesto]

7) India[modifica | modifica wikitesto]

Two subcenters

7) Indo-Birmano[modifica | modifica wikitesto]

Il centro principale comprende Assam e Birmania, non il Nordovest dell'India, Punjab, né le province della frontiera nordoccidentale. 117 specie.

Grani e legumi[modifica | modifica wikitesto]

Orticole[modifica | modifica wikitesto]

Radici e tuberi[modifica | modifica wikitesto]

Alberi da frutta[modifica | modifica wikitesto]

Zuccherine[modifica | modifica wikitesto]

Oleaginose[modifica | modifica wikitesto]

Fibre[modifica | modifica wikitesto]

Spezie e stimolanti[modifica | modifica wikitesto]

Orticole, resinose e tanniche[modifica | modifica wikitesto]

Tintorie[modifica | modifica wikitesto]

Medicinali[modifica | modifica wikitesto]

Miscellanea[modifica | modifica wikitesto]

7A) Indocina[modifica | modifica wikitesto]

comprende Indocina e arcipelago malese. 55 specie

Grani e legumi[modifica | modifica wikitesto]

Bambu[modifica | modifica wikitesto]

Radici e tuberi[modifica | modifica wikitesto]

Alberi da frutta[modifica | modifica wikitesto]

Oleaginose[modifica | modifica wikitesto]

Zuccherine[modifica | modifica wikitesto]

Spezie[modifica | modifica wikitesto]

Fibre[modifica | modifica wikitesto]

Tintorie[modifica | modifica wikitesto]

Elastica[modifica | modifica wikitesto]

8) Cina[modifica | modifica wikitesto]

È il più vasto centro e comprende 136 specie

Grani e legumi[modifica | modifica wikitesto]

Bambu[modifica | modifica wikitesto]

Radici, tuberi e acquatiche[modifica | modifica wikitesto]

Orticole[modifica | modifica wikitesto]

Alberi da frutta[modifica | modifica wikitesto]

Zuccherine[modifica | modifica wikitesto]

Oleaginose, resinose e tanniche[modifica | modifica wikitesto]

Spezie[modifica | modifica wikitesto]

Da costruzione e medicinali[modifica | modifica wikitesto]

Fibre[modifica | modifica wikitesto]

Tintorie[modifica | modifica wikitesto]

Miscellanea[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ITPGRFA, Article 2
  2. ^ Ladizinsky, G. (1998).
  3. ^ Blaine P. Friedlander Jr, 20 giugno 2000.
  4. ^ N. I. Vavilov, Origin and geography of cultivated plants, a cura di Doris Love, interpr., Cambridge University Press, 1992. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  5. ^ Adapted from Vavilov (1951) by R. W. Schery, Plants for Man, Prentice Hall, Englewood Cliffs, NJ, 1972
  6. ^ History of Horticulture, Jules Janick, Purdue University, 2002
  7. ^ Vedi Opuntia ficus-indica

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]