Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ziziphus jujuba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Giuggiolo
Ziziphus zizyphus in winter.jpg
Ziziphus jujuba
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Rhamnales
Famiglia Rhamnaceae
Genere Ziziphus
Specie Z. jujuba
Classificazione APG
Ordine Rosales
Famiglia Rhamnaceae
Nomenclatura binomiale
Ziziphus jujuba
Mill.
Sinonimi

Ziziphus zizyphus
(L.) H. Karst.

Il giuggiolo (Ziziphus jujuba Mill.) è una pianta a foglie decidue della famiglia delle Rhamnaceae[2], noto anche come dattero cinese, natsume o tsao (cinese semplificato: 枣; cinese tradizionale: 棗; pinyin: zǎo). il frutto viene detto giuggiola, o plurale giuggiole.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che il giuggiolo sia originario dell'Africa settentrionale e della Siria, e che sia stato successivamente esportato in Cina e in India, dove viene coltivato da oltre 4000 anni. I romani lo importarono per primi in Italia, e la chiamarono ziziphum (dal greco ζίζυφον, zízyphon).

In Italia però fu però diffuso dai veneziani, che lo importarono direttamente dall'oriente e lo diffusero dapprima in Dalmazia, poi sulle isole della laguna e infine sulla terraferma, nella zona dei Colli Euganei, quella più idonea nel nord-est alla loro coltura per esposizione e clima.[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Fogliame

L'albero può arrivare ad un'altezza che va dai 5 ai 12 metri, le foglie sono di un verde brillante.

Le radici vanno molto in profondità, fatto che lo rende resistente a calura e siccità anche in terreni detritici.[3]

La struttura dell'albero è molto articolata e i rami sono ramificati e contorti con una corteccia molto corrugata che si sfalda, come quella del fusto; i rami sono spesso ricoperti di spine. Il giuggiolo produce, oltre che un gran numero di fiori di piccole dimensioni dal colore bianco verdastro, dei frutti grandi più o meno quanto un'oliva, con buccia di colore dal rosso porpora al bruno rossastro, e polpa giallastra.

La fioritura avviene a giugno-luglio e la maturazione completa ad ottobre[senza fonte].

La zizifina, un composto che si trova nelle foglie del giuggiolo, sopprime nell'uomo la percezione del sapore dolce.

Frutti[modifica | modifica wikitesto]

Giuggiole
Giuggiole

Se colto quando non ancora maturo (ossia quando presenta un colore verde uniforme), il frutto del giuggiolo, la giuggiola, ha un sapore simile a quello di una mela. Con il procedere della maturazione tuttavia, il colore si scurisce, la superficie si fa rugosa e il sapore diviene via via più dolce, fino ad assomigliare a quello di un dattero. Le giuggiole si consumano sia fresche, appena colte dall'albero, sia quando sono leggermente raggrinzite. C'è un solo nocciolo all'interno del frutto, simile a quello di un'oliva, che nella cucina persiana è noto come annab.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è presente allo stato spontaneo in Asia centrale e nella regione del Caucaso.[1]

Al di fuori del suddetto areale la presenza degli alberi di giuggiole è pressoché sempre dovuta a coltivazione, attuale o residua, pur esistendo una presenza significativa di piante naturalizzate. È possibile trovare esemplari di giuggiolo nei climi più diversi, tuttavia la pianta dà buoni frutti soltanto alla fine delle estati calde.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione Ziziphus jujuba è stata giudicata nomen conservandum a spese del sinonimo Ziziphus zizyphus (nomen rejiciendum).[4]

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

A differenza di altre specie della stessa famiglia, è in grado di sopravvivere ad inverni freddi, con temperature fino a −15 °C. Non ha particolari esigenze di terreno.

La crescita della pianta è molto lenta per la formazione di cortissimi brachiblasti. La presenza di alberi di mole significativa, e quindi molto vecchi, in seguito allo sconvolgimento agrario del secolo scorso, è alquanto rara; si trovano spesso solo presso vecchie case coloniche, o cascinali abbandonati, su suolo povero ma non disturbato.

I semi della pianta sono molto restii a germogliare a causa dell'endocarpo molto duro e robusto, un modo semplice per aggirare il problema è il taglio della punta del seme con delle forbici da potatura per agevolare l'ingresso dell'umidità all'interno del seme.

Frequentemente la pianta è propagata più facilmente per mezzo dei numerosi polloni radicali che produce in abbondanza. in giappone e cina dove è più coltivato sono presenti diverse varietà che differiscono per forma e dimensione del frutto.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

È pianta mellifera molto visitata dalle api[5] e se ne può ottenere un miele, ma la produzione è occasionale per la presenza solo sporadica della pianta.

Il giuggiolo era usato in passato, in alcune regioni italiane, per fare siepi difensive nei confini degli appezzamenti. In ragione delle spine e del fitto intreccio dei rami la siepe di giuggiolo costituiva una barriera pressoché impenetrabile. Sovente viene utilizzato come pianta ornamentale.

Riferimenti nella cultura e nella tradizione[modifica | modifica wikitesto]

Narra Omero (Odissea, libro IX) che Ulisse e i suoi uomini, portati fuori rotta da una tempesta, approdarono all'isola dei Lotofagi (secondo alcuni l'odierna Djerba), nel nord dell'Africa. Alcuni dei suoi uomini, una volta sbarcati per esplorare l'isola, si lasciarono tentare dal frutto del loto, un frutto magico che fece loro dimenticare mogli, famiglie e la nostalgia di casa. È probabile che il loto di cui parla Omero sia proprio lo Zizyphus lotus, un giuggiolo selvatico, e che l'incantesimo dei Lotofagi non fosse provocato da narcotici ma soltanto dalla bevanda alcolica che si può preparare coi frutti del giuggiolo.

Una specie affine (al giuggiolo) è lo Zizyphus spina-christi, è ritenuto dalla leggenda una delle due piante che servirono a preparare la corona di spine di Gesù. L'altra sarebbe il Paliurus spina-christi chiamata comunemente "marruca".

Pare che per gli antichi Romani il giuggiolo fosse il simbolo del silenzio, e come tale adornasse i templi della dea Prudenza. In Romagna e in altre regioni, in molte case coloniche era coltivato adiacente alla casa, nella zona più riparata ed esposta al sole. Si riteneva che fosse una pianta portafortuna.

Secondo gli scritti di Erodoto, le giuggiole potevano essere usate, dopo aver fermentato, per produrre un vino, le cui più antiche preparazioni risalgono a Egizi e Fenici.

Ad Arquà Petrarca, comune veneto dove i giuggioli sono ancora piantati nei giardini di molte abitazioni, le giuggiole sono utilizzate per realizzare ottime confetture, sciroppi, e il famoso brodo di giuggiole, un antico liquore. I frutti del giuggiolo hanno un blando effetto lassativo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) FFI/IUCN SSC Central Asian regional tree Red Listing workshop, 2007, Ziziphus jujuba, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017.
  2. ^ Ziziphus jujuba, in Germplasm Resources Information Network (GRIN). URL consultato il 21 giugno 2012.
  3. ^ a b Paolo Pejrone, Quel mitico brodo del giuggiolo l'albero che incantò la Serenissima, su "La Stampa" del 26 maggio 2017, p. 28
  4. ^ Vienna ICBN Art. 14.4 & App. IV
  5. ^ SM-Bee Plants -Jujube

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]