Brachiblasto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il brachiblasto è un ramo che presenta un passo estremamente ridotto delle distanze internodali. Tale caratteristica rende gli articoli estremamente accorciati e fitti. La conseguenza della formazione abituale di brachiblasti sulle estremità dei rami vegetativi produce come effetto, in assenza di rinnovo con getti basali o laterali, una crescita globalmente rallentata, da un lato, dell'individuo vegetale nel suo complesso, e dall'altro la costanza della produzione, quasi nello stesso punto, di foglie e fiori, e quindi frutti.[1]

Nelle gimnosperme, corti brachiblasti, specifici per tale funzione, contengono gli ovuli della pianta, talvolta raggruppati in strobili nelle gimnosperme più evolute. In esso, a causa della brevità, sono di frequente presenti ciuffi di foglie di tipo aghiforme, molto ravvicinate tra loro [2].

I brachiblasti si trovano di frequente nelle Pinoideae, sottofamiglia delle Pinaceae. In questi casi capita spesso che siano affiancati da rami normali[2]. Nel caso del pino si ha la pigna, l'insieme di più ovuli protetti dalle rispettive brattee, che andrà ad inserirsi nel brachiblasto.

I brachiblasti sono elementi caratterizzanti delle gimnosperme insieme ai macroblasti.

La parola deriva dalla fusione delle parole greche brachys, "corto", e blastē, "germoglio"[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Significato di brachiblasto sul Dizionario italiano De Mauro (ed. Paravia), su old.demauroparavia.it. (archiviato dall'url originale il 1 gennaio 2008).
  2. ^ a b c Bruno Peyronel, ne l'Enciclopedia, UTET, 2003, volume 3, pagina 373, voce "brachiblasto"
Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica