Erodoto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Poiché, se si proponesse a tutti gli uomini di fare una scelta fra le varie tradizioni e li si invitasse a scegliersi le più belle, ciascuno, dopo opportuna riflessione, preferirebbe quelle del suo paese: tanto a ciascuno sembrano di gran lunga migliori le proprie costumanze. »
(Erodoto, III, 38)
Busto erodoteo

Erodoto (in greco antico: Ἡρόδοτος, Heròdotos; Alicarnasso, 484 a.C.Thurii, dopo il 430 a.C.) è stato uno storico greco antico, famoso perché considerato da Cicerone come il «padre della storia»[1]. Nella sua opera, ispirata a quella dei logografi (in particolare Ecateo di Mileto), egli cerca di individuare le cause che hanno portato alla guerra fra le poleis unite della Grecia e l'Impero persiano ponendosi in una prospettiva storica, utilizzando l'inchiesta e diffidando degli incerti resoconti dei suoi predecessori.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bassorilievo ritraente Erodoto (Museo del Louvre).

Erodoto nacque, presumibilmente, nel 484 a.C.[2] da una famiglia aristocratica di Alicarnasso (Asia minore), città della Caria (colonizzata fin dall'XI secolo a.C. dai Dori), da madre greca, Dryò, e padre asiatico, Lyxes. Politicamente fu sempre avverso, assieme al cugino Paniassi[3], a Ligdami II, tiranno di Alicarnasso, che governava la città grazie all'appoggio del Gran Re di Persia Dario I.

Paniassi, anzi, accusato da Ligdami di aver preso parte a una congiura di aristocratici per eliminarlo, fu messo a morte, mentre Erodoto riuscì, a fuggire a Samo, città aderente alla Lega delio-attica, d'orientamento antipersiano (457 a.C. circa), dove ebbe la possibilità di perfezionare la sua conoscenza del dialetto ionico[4]. Ritornò in patria intorno al 455 a.C. vedendo così la cacciata di Ligdami II, dopo la quale, nel 454 a.C., Alicarnasso entrò nella lega ateniese, divenendo tributaria della città attica.


Erodoto viaggiò e visitò gran parte del Mediterraneo orientale, in particolar modo l'Egitto dove, affascinato da quella civiltà, rimase per quattro mesi[5]. I viaggi gli avrebbero fornito materiali utili destinati alla stesura della sua opera (le Storie).

Dal 447 a.C. soggiornò ad Atene, dove conobbe Pericle, il poeta tragico Sofocle[6], l'architetto Ippodamo di Mileto, i sofisti Eutidemo e Protagora. Nel 445 a.C. partecipò alle Panatenee, durante le quali lesse pubblicamente i brani della sua opera, ricevendone in premio la notevole somma di 10 talenti[7].

Lo scrittore si stabilì, infine, nella colonia panellenica di Thurii (in Magna Grecia, nel luogo ove sorgeva l'antica Sibari), alla cui fondazione collaborò intorno al 444 a.C. ottenendone la cittadinanza. La tradizione vuole che vi morisse negli anni successivi allo scoppio della Guerra del Peloponneso, alla quale accenna nella sua opera[8].

Il mondo concettuale di Erodoto[modifica | modifica wikitesto]

Busto di Erodoto

Per capire bene la grande rivoluzione operata da Erodoto, considerato, come detto, "padre della storiografia", va premesso che il concetto di storia nell'antica Grecia era leggermente diverso da quello moderno, ossia una sequenza cronologica di avvenimenti descritta in modo obiettivo e con metodo scientifico, tanto che per molto tempo Tucidide fu considerato il più vero e antico storiografo greco, per quanto riguarda la scientificità della narrazione.

Nell'antica Grecia, infatti, la storia era considerata anzitutto come magistra vitae e aveva quindi un fine pedagogico e solo secondariamente scientifico. Il fine della narrazione erodotea, come è possibile desumere dalla dichiarazione proemiale, era quello di raccontare «gesta degli eroi», anche se poi tale premessa sarà solo parzialmente mantenuta. L'ottica con la quale Erodoto considera gli avvenimenti, i valori della storia e le azioni umane è analoga e paragonabile a quella dominante nel mondo dell'epos (epica), in cui gli uomini agiscono spinti dal desiderio di gloria nell'intento di lasciare un ricordo imperituro di sé. Sebbene la ricerca storiografica tenda alla razionalizzazione del presente nella ricerca di una dinamica cause-conseguenze, la composizione erodotea non può fare a meno di ammettere l'esistenza di un'entità divina, terribile e sconvolgente cui, in ultima istanza, andavano ricondotti i rovesci del destino.

L'opera era destinata a una lettura pubblica e questa fu certo una delle prime forme di trasmissione del testo; per questa ragione lo stile adottava espressioni formulari di carattere epico e procede secondo una dinamica circolare, sempre cercando di rimanere a suo modo impersonale e oggettivo nonostante attinga a piene mani dal materiale epico e dalla logografia (termine che indicava originariamente la "scrittura in prosa", i cui autori raccolsero in opere organicamente strutturate descrizioni di paesi stranieri, leggende locali eroiche, ecc.), Erodoto sarà il primo a ricercare un filo logico nella successione degli eventi, che si traduce nel rapporto causa-effetto.

La storia non è considerata da Erodoto come una semplice serie di avvenimenti che si susseguono nel tempo, ma come un insieme di fatti collegati fra loro da una complessa rete di rapporti logici, ben intelligibile. I principi chiave su cui si fonda la metodologia erodotea sono l'ὄψις (vista), la ἀκοή (ascolto) e la γνώμη (criterio con il quale seleziona i dati raccolti da vista e ascolto nel caso in cui essi siano in contraddizione, o li divide fra quelli visti da lui e quelli che ha sentito raccontare)[9].

Erodoto dichiara, quindi, espressamente l'uso di un metodo che rende i suoi racconti sono veridici, anche se accosta in maniera asistematica dati autentici a fatti palesemente favolistici, al fine di pilotare l'attenzione degli spettatori, quindi trovandosi ancora in una via di mezzo fra il logografo e lo storico, un narratore di storie più che uno storico in senso moderno[10]. Qualora gli si prospettano due versioni diverse e non abbia elementi per decidere, si basa su un criterio di logica e verosimiglianza; talvolta lascia al lettore le scelta o respinge una determinata notizia, ritenendola incredibile.

(GRC)

« Τοῖσι μέν νυν ὑπ' Αἰγυπτίων λεγομένοισι χράσθω ὅτεῳ τὰ τοιαῦτα πιθανά ἐστι· ἐμοὶ δὲ παρὰ πάντα τὸν λόγον ὑπόκειται ὅτι τὰ λεγόμενα ὑπ' ἑκάστων ἀκοῇ γράφω. »

(IT)

« A queste cose raccontate dagli Egizi prestino pure fede coloro per i quali faccende del genere risultano credibili; ma per me in tutta la narrazione è dato per sottinteso che scrivo, per averle sentite narrare, le cose che mi vengono dette da ciascuno. »

(Erodoto, Storie, II, 123.)

Erodoto introduce nel suo pensiero anche quella che noi oggi potremmo chiamare filosofia della storia. Secondo Erodoto, infatti, protagonista della storia è la divinità, che è garante dell'ordine universale ed è quindi una divinità conservatrice. Nell'attimo stesso in cui l'ordine viene compromesso la divinità interviene, in base a quel principio che l'autore definisce come φθόνος θεῶν ("invidia degli dèi"). Tale principio filosofico si basa su una concezione arcaica della divinità: nell'antica Grecia, gli dei possedevano attributi piuttosto "umani", ed erano gelosi della propria gloria e del proprio potere. L'uomo che ottiene troppa fortuna (l'ολβος,la felicità o fortuna,si trasforma in υβρις,tracotanza) dunque, incorre nel loro φθόνος, invidia, e viene conseguentemente ucciso o privato della propria gloria.

Egli deve quindi adeguarsi alla loro volontà, cercando di capirla con le divinazioni, gli oracoli e l'oneiromanzia (interpretazione dei sogni). Con questa convinzione Erodoto riproduce uno schema mentale di asservimento alla divinità, tipico dell'età arcaica. Una visione della Storia pericolosamente mescolata dunque alla religione, ma di cui Erodoto supera i tranelli grazie alla sua limpida onestà e logica intellettuale[11].

L'ambiente con cui viene a contatto lo storico è l'Atene di Pericle, nella quale i valori tradizionali dell'aristocrazia naturale vengono contestati veementemente dai sofisti, intellettuali polemici che fondano la propria critica nella condanna dei nomoi, convenzionali ovvero artificiali quindi non degni di rispetto, importanza, interesse. Si tratta quindi di elementi critici anche dell'impianto periegetico di Erodoto che analizza e studia proprio i nomoi delle popolazioni barbare, che, se da una parte venivano, come abbiamo visto, criticate dai sofisti per la loro non corrispondenza alla physis, venivano anche osteggiati dagli esponenti del cosiddetto tradizionalismo etico, che vedevano nel nomos propriamente greco l'unica fonte di verità, giustizia e sicurezza.

Erodoto risponde unendo e facendo propri alcuni aspetti contrari delle due visioni, riuscendo a sfuggire alle critiche e dando significato proprio alla sua ricerca. Egli, attraverso il relativismo di Protagora rifiuta di riconoscere come unica degna di attenzione la tradizione greca, affermando che a ogni uomo i propri costumi appariranno sempre i migliori, e contesta ai sofisti l'inutilità o la dannosità dei nomoi affermando che essi meritano attenzione e rispetto in quanto espressione per ciascun popolo della propria tradizione e cultura. La modernità di Erodoto è chiara proprio in questo passaggio culturale e storiografico[12].

Le Storie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storie (Erodoto).
Inizio delle Storie in un'edizione critica

L'opera storiografica di Erodoto, le Storie (Ἱστορίαι), è divisa in 9 libri, secondo una divisione operata dai grammatici alessandrini.

Nel proemio, dopo aver indicato il proprio nome e quello della città natale, Erodoto presenta la sua opera, illustrandone lo scopo generale e il tema:

(GRC)

« Ἠροδότου Ἁλικαρνησσέος ἱστορίης ἀπόδεξις ἥδε, ὡς μήτε τὰ γενόμενα ἐξ ἀνθρώπων τῷ χρόνῳ ἐξίτηλα γένηται, μήτε ἔργα μεγάλα τε καὶ θωυμαστά, τὰ μὲν Ελλησι, τὰ δὲ βαρβάροισι ἀποδεχθέντα, ἀκλεᾶ γένηται, τά τε ἂλλα καὶ δι'ἣν αἰτίην ἐπολέμησαν ἀλλήλοισι »

(IT)

« Questa è l'esposizione della ricerca di Erodoto di Alicarnasso, perché gli eventi umani non svaniscano con il tempo e le imprese grandi e meravigliose, compiute sia dai Greci sia dai barbari, non diventino prive di gloria; in particolare egli ricerca per quale ragione essi combatterono tra di loro. »

(Erodoto, Storie, I, 1.)

Erodoto presenta l'opera come "ἱστορίης ἀπόδεξις", "esposizione della ricerca", che ha riguardato sia le imprese umane (τὰ γενόμενα ἐξ ἁνθρώπων) che non devono essere dimenticate, sia le gesta grandi e maravigliose (ἔργα μεγάλα τε καὶ θωυμαστά), compiute "sia dai Greci sia dai barbari".

Leonida e l'esercito spartano alle Termopili, dipinto ottocentesco di Jacques-Louis David

In Persia il re Ciro il Grande intende conquistare tutti possedimenti degli altri governatori tra i quali Candaule, Gige e Creso. Nel primo libro Erodoto narra di vari episodi fantastici come quello della moglie di Candaule scoperta nuda da Gige e un aneddoto pieno di coraggio e onore raccontato da Solone a Creso. Sconfitto in una battaglia quest'ultimo da Ciro, egli diventa il sovrano assoluto della Persia e si trasferisce in Babilonia dove muore (529 a.C.).

Nel secondo libro vengono esposte tutte le qualità e le curiosità della terra d'Egitto, ove ora governa Cambise II. Facendo riferimenti ai suoi viaggi compiuti in giovinezza, Erodoto fornisce una dettagliata descrizione dei luoghi, dei paesaggi, delle usanze popolari e delle tradizioni dell'Egitto, sottolineando in particolare le funzioni del fiume Nilo.

Nei libri III e IV viene narrato come Cambise conquista con ripetuti assalti l'Egitto, terra dei faraoni, e di come Dario I gli succede alla sua morte. Egli immediatamente nota che la Grecia è un punto strategico dove fondare nuove città e insediamenti perché fornisce l'accesso dei commerci tra l'Oriente e l'Occidente mediante il Mar Mediterraneo. Immediatamente Dario comincia a conquistare le colonne greche ioniche dell'Asia Minore (odierna Turchia) e a dividerle in satrapie ponendo a capo di ciascuna un governatore.

Nel V libro delle città ioniche guidate da Aristagora insorgono contro il dominio di Dario I e di seguito la ribellione viene sostenuta in Ellade dai politici Milziade e Aristide i quali formano un esercito oplita. La battaglia si svolge nel 490 a.C. a Maratona e l'esercito greco, di gran lunga inferiore di numero a quello nemico, riesce a sconfiggere Dario. La vittoria la si deve all'unione delle polis Sparta e Atene e al coraggio degli uomini ellenici.

Non molti anni dopo il figlio di Dario Serse riprende il progetto espansionistico del padre e assalta alcune città ioniche come Mileto (libro VII). Ora veramente l'intera Grecia è minacciata e tutte le polis, dopo il sacrificio dello spartano Leonida alle Termopili, si uniscono politicamente e militarmente per fronteggiare il copioso esercito di Serse.

Nell'ottavo libro Erodoto narra delle battaglie condotte da Temistocle prima a Capo Artemisio nei pressi di Atene, ove i greci si ritirano strategicamente ma permettendo così ai persiani di radere al suolo la capitale, e di seguito la battaglia finale di Salamina svoltasi in una sorta di piccolo golfo. I persiani, recatisi nel piccolo spazio con tutte le navi, rimangono incagliati e quindi sorpresi dalle navi greche che le distruggono una dopo l'altra.

La guerra combattuta per la seconda volta contro i persiani dalla Grecia è vinta nuovamente (IX libro). Nell'ultima parte dell'opera Erodoto dirige un'invocazione a Calliope, dea dei poeti, e di seguito narra la battaglia tra la Grecia e l'usurpatore Mardonio.

Frammento del Papiro di Ossirinco 2099 (datato alla prima parte del II secolo d.C.), contenente un brano delle Storie di Erodoto, Libro VIII.

Le premesse sostanziali su cui si fonda il dibattito su quest'opera riguardano le discrasie prospettiche e la frammentarietà della visione che coinvolgono l'intera opera erodotea[13].

Una prima ipotesi sistemerebbe l'opera mettendo prima le guerre persiane e poi i λόγοι (discorsi) introduttivi. Jacoby, nel 1913, ipotizzò che in origine l'opera fosse stata composta in chiave acroamatica (destinata cioè alla pubblica lettura, in discorsi separati) e che poi Erodoto, venuto a contatto con l'ideologia periclea, abbia fuso assieme tutti i vari discorsi. Secondo Jacoby, Erodoto aveva scritto prima i logoi sui persiani e la loro espansione e in seguito il racconto più lineare della guerra greco-persiana. De Sanctis nel 1926 teorizzò invece che Erodoto avesse raccontato la storia dal punto di vista dei Persiani e che, di conseguenza, abbia presentato i vari popoli da essi incontrati. Secondo queste due teorie quindi, l'opera non è il risultato di un progetto preciso, ma del caso.

Infine, l'ipotesi unitaria, formulata nel 1933 da Schadewaldt, afferma che Erodoto raccontò la storia delle colonie greche secondo un'ottica universalistica, rappresentando lo scontro fra Oriente e Occidente. I sostenitori di tale ipotesi mettono in luce l'episodio iniziale dell'opera, l'assoggettamento delle colonie greche da parte di Creso (560 a.C.), e l'episodio finale, la liberazione di Sesto, ultima città greca in mano ai Persiani.

Molte discussioni sono nate proprio dal fatto che l'opera erodotea si concluda con un evento minore, come è la presa di Sesto, avvenuta nel 478 a.C.; a questo si aggiungono alcune promesse dell'autore, disattese (come un λόγος assiro o la narrazione della morte di Efialte), e imperfezioni e incongruenze.

Secondo alcuni critici, l'opera è stata interrotta da circostanze esterne, mentre il lavoro era in corso, come la Guerra del Peloponneso di Tucidide: Wilamowitz e Jacoby, ipotizzarono che Erodoto avesse voluto giungere fino al momento della costituzione della lega delio-attica (477 a.C.).

I sostenitori della completezza dell'opera analizzano soprattutto l'ultimo libro; Luciano Canfora sostiene che il colloquio tra Artembare e Ciro, che si conclude con la frase "prepararsi a non essere più dominatori ma dominati", appare "palesemente conclusivo", adatto al tema della "Storia persiana".

Le promesse non rispettate dall'autore sono

« spiegate invece come sviste. Anche Erodoto, come Omero, aveva il diritto di sonnecchiare qualche volta. »
(A.Lesky, Storia della letteratura greca, Milano, Il Saggiatore, 1962, vol. I)

Inoltre bisogna ricordare che l'opera era destinata a un uso orale-aurale, per cui non vi era la necessaria presenza di un finale.

La fortuna[modifica | modifica wikitesto]

Le citazioni di Erodoto in opere successive sono numerosissime, sia per quel che riguarda i contenuti, sia per quel che riguarda il suo stile.[14] Dionigi di Alicarnasso fu un grande estimatore del suo stile[15], mentre Plutarco scrisse un intero trattato contro di lui, il De Herodoti Malignitate[16]

La tradizione papiracea di Erodoto ne documenta l'ampia fortuna lungo tutta l'antichità, ma soprattutto per quel che riguarda episodi e narrazioni famose[17], con 45 papiri che contengono frammenti del testo delle Storie e 10 papiri che attestano il nome dello storico in altre opere o documenti, come in un famoso frammento papiraceo afferente a un commento di Aristarco a Erodoto.[18]

Le stesse storie sono attestate nel Medioevo in opere compilative, tra le quali anche opere tarde di Boccaccio (Il De Casibus Virorum Illustrium e De Mulieribus Claris).

La fortuna di Erodoto è amplissima nel Rinascimento, momento nel quale cominciano anche a comparire le prime traduzioni, quali quella dei primi capitoli di Guarino Veronese (prima del 1446), la traduzione di Mattia Palmieri (prima edizione a stampa nel 1474, ma scritta forse prima di quella del Valla)[19], la traduzione latina di Lorenzo Valla (dopo il 1457)[20]

  • la prima traduzione volgare, di Matteo Maria Boiardo (la prima di 5 edizioni a stampa è del 1533)[21] e l'edizione, la traduzione e le due apologie di Henri Estienne. Alla fine del XV secolo risale anche la prima edizione a stampa di Erodoto (1502), della quale è conservato anche il codice di riferimento utilizzato per la sua produzione, il Norimbergensis V, 10.[22]


Le moderne edizioni critiche cominciano a comparire nel XVII secolo: anzi, l'attuale suddivisione in capitoli risale proprioa questo periodo.[23]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cicerone, De legibus, I, I, 5.
  2. ^ Aulo Gellio, XV 23, 1 ss.
  3. ^ Suda, η 536.
  4. ^ H. R. Immerwahr, Storiografia. 1. Erodoto, in Letteratura Greca Cambridge, Milano, Mondadori, 2005, vol. 2, p. 3.
  5. ^ H. R. Immerwahr, Storiografia. 1. Erodoto, in Letteratura Greca Cambridge, Milano, Mondadori, 2005, vol. 2, p. 4.
  6. ^ Plutarco, An seni res publica gerenda sit, 3, 785b.
  7. ^ Plutarco, De Herodoti malignitate, 26, 862b.
  8. ^ Plutarco, De exilio, 13, 604f.
  9. ^ H. R. Immerwahr, Storiografia. 1. Erodoto, in Letteratura Greca Cambridge, Milano, Mondadori, 2005, vol. 2, pp. 24-28.
  10. ^ H. R. Immerwahr, Storiografia. 1. Erodoto, in Letteratura Greca Cambridge, Milano, Mondadori, 2005, vol. 2, p. 4.
  11. ^ H. R. Immerwahr, Storiografia. 1. Erodoto, in Letteratura Greca Cambridge, Milano, Mondadori, 2005, vol. 2, pp. 25-26.
  12. ^ Sul tema, cfr. A. Dihle, I Greci e il mondo antico, Firenze, Giunti, 1997, pp. 38-43.
  13. ^ Cfr., per quanto segue, H. R. Immerwahr, Storiografia. 1. Erodoto, in Letteratura Greca Cambridge, Milano, Mondadori, 2005, vol. 2, pp. 6-7.
  14. ^ Aristotele Retorica 1409a
  15. ^ Ad Pompeium III
  16. ^ , anche se nelle sue opere utilizza abbondantemente l'opera di Erodoto.
  17. ^ West 2011
  18. ^ una lista aggiornata si può trovare in questo documento
  19. ^ Pagliaroli 2012
  20. ^ Pagliaroli 2006
  21. ^ Fumagalli 1998
  22. ^ Mondrain 1995
  23. ^ Hemmerdinger 1981

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Herodotus, Historiae. 1, Oxonii, Clarendon Press, 1908. URL consultato il 19 febbraio 2015.
  • Herodotus, Historiae. 2, Oxonii, Clarendon Press, 1908. URL consultato il 19 febbraio 2015.
  • Jacoby, Felix, "Herodot", in Paulys Realenzyklopädie der klassischen Altertumswissenschaft, Suppl. II, 1913, cc. 205-520
  • Pohlenz, Max, Herodot, der erste Geschichtsschreiber des Abendlandes, Berlin-Leipzig 1937.
  • Gigante, Marcello, ΝΟΜΟΣ ΒΑΣΙΛΕΥΣ, Napoli 1956.
  • Momigliano, Arnaldo, "The Place of Herodotus in the History of Historiography", in Id., Secondo contributo alla storia degli studi classici, Roma 1960, pp. 29–44.
  • Immerwahr, Henry, Form and Thought in Herodotus, Cleveland, Case Western Reserve University Press, 1966.
  • Fornara, Charles W., Herodotus: An Interpretative Essay, Oxford, Clarendon Press, 1971.
  • Hartog, François, Le miroir d'Hérodote, Paris, Gallimard, 1980.
  • Corcella, Aldo, Erodoto e l'analogia, Palermo, Sellerio, 1984.
  • Boedeker, Deborah (ed.), Herodotus and the Invention of History, (= « Arethusa » 20), Buffalo 1987.
  • Lateiner, Donald, The historical method of Herodotus, Toronto: Toronto University Press, 1989. ISBN 0-8020-5793-4.
  • Momigliano, Arnaldo, The classical foundations of modern historiography. Berkeley: University of California Press, 1990.
  • Nenci G., Reverdin O.(eds), Hérodote et les peuples non-grecs, Entretiens Hardt 35, Genève 1990
  • Evans, J.A.S., Herodotus, explorer of the past: three essays, Princeton, NJ, Princeton University Press, 1991. ISBN 0-691-06871-2.
  • Dorati, Marco, Le Storie di Erodoto: etnografia e racconto, Pisa-Roma 2000.
  • Thomas, Rosalind, Herodotus in context: ethnography, science and the art of persuasion, Cambridge: Cambridge University Press, 2000.
  • Luraghi, Nino (ed.), The Historian's Craft in the Age of Herodotus, Oxford 2001.
  • Munson, Rosaria Vignolo, Telling Wonders: Ethnographic and Political Discourse in the Work of Herodotus, Ann Arbor 2001.
  • Bakker, Egbert J.; de Jong, Irene J.F.; van Wees, Hans (eds), Brill's companion to Herodotus. Leiden: E.J. Brill, 2002. ISBN 90-04-12060-2.
  • Munson, Rosaria Vignolo, Black Doves Speak. Herodotus and the Languages of Barbarians, Cambridge (Mass.) 2005.
  • Dewald, Carolyn; Marincola, John (eds), The Cambridge companion to Herodotus. Cambridge: Cambridge University Press, 2006. ISBN 0-521-83001-X.
  • Miletti, Lorenzo, Linguaggio e metalinguaggio in Erodoto, Pisa-Roma, Fabrizio Serra Editore, 2008, ISBN 978-88-6227-130-1
  • Haziza, Typhaine, Le Kaléidoscope hérodotéen. Images, imaginaire et représentations de l'Égypte à travers le livre II d'Hérodote, Paris, Les Belles Lettres, 2009.
  • François Hartog, The Mirror of Herodotus: The Representation of the Other in the Writing of History, University of California Press, 1º gennaio 1988, ISBN 978-0-520-05487-5.
  • Pascal Payen, Les îles nomades: conquérir et résister dans l'Enquête d'Hérodote, Éditions de l'École des hautes études en sciences sociales, 1997, ISBN 978-2-7132-1222-2.
  • Hérodote à la Renaissance, Susanna Gambino Longo (ed.), Latinitates : culture et littérature latines à travers lessiècles = Latin culture and literature through the ages, Turnhout, Brepols, 2012, ISBN 978-2-503-54121-1.
  • Achille Olivieri, Erodoto Nel Rinascimento: L'umano E La Storia, L'eredità dell'antico, Roma, L'Erma di Bretschneider, 2004, ISBN 88-8265-251-3.
  • Brigitte Mondrain, Un Nouveau Manuscrit d'Hérodote: le Modèle de l'impression Aldine, in Scriptorium, vol. 49, 1995, pp. 263–73.
  • Stephanie R. West, The Papyri of Herodotus, in Culture In Pieces: Essays on Ancient Texts in Honour of Peter Parsons, 2011, pp. 69. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  • Edoardo Fumagalli, Il Volgarizzamento di Erodoto, in Giuseppe Anceschi, Tina Matarrese (eds.) (a cura di), Il Boiardo e il Mondo Estense nel Quattrocento, Padova, 1998, pp. 399–428.
  • Stefano Pagliaroli, L'Erodoto del Valla, Messina; Roma, Centro interdipartimentale di studi umanistici ; distribuzione : Viella, 2006, ISBN 88-87541-30-2.
  • Stefano Pagliaroli, Il Proemio di Mattia Palmieri, in Susanna Gambino Longo (ed.) (a cura di), Hérodote à La Renaissance, 2012, pp. 38–43.
  • Maurizio Grimaldi, Plutarco: La malignità di Erodoto., Corpus Plutarchi moralium, M. D'Auria Editore in Napoli, Napoli, 2004, ISBN 88-7092-242-1. URL consultato il 27 marzo 2012.
  • Bertrand Hemmerdinger, A. M Desrousseaux, Les manuscrits d'Hérodote et la critique verbale, Genova, Istituto di filologia classica e medievale, 1981.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni delle Storie:

Controllo di autorità VIAF: (EN100225976 · LCCN: (ENn79086888 · ISNI: (EN0000 0001 2353 0125 · GND: (DE118549855 · BNF: (FRcb119073789 (data) · ULAN: (EN500257721 · CERL: cnp01259792