Paliurus spina-christi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Marruca
Paliurus fg01.jpg
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Rhamnales
Famiglia Rhamnaceae
Genere Paliurus
Specie P. spina-christi
Classificazione APG
Ordine Rosales
Famiglia Rhamnaceae
Nomenclatura binomiale
Paliurus spina-christi
Mill., 1775
Sinonimi

Paliurus aculeatus Lam.
Paliurus australis Gaertn.
Rhamnus paliurus L.
Ziziphus vulgaris Lam.
Ziziphus paliurus Willd.

Nomi comuni

marruca, cappellini, soldini

La Marruca (Paliurus spina-christi Mill.) è un arbusto perenne molto ramificato, appartenente alla famiglia delle Rhamnaceae e al genere paliurus. viene chiamata anche con i nomi volgari di cappellini, soldini,

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

La marruca è un arbusto, latifoglie e caducifoglie, molto ramificato alto da 3 a 6 metri e con rami spinosi, ha ramoscelli flessibili con spine lunghe 5–8 mm, foglie ovali lunghe 2–4 cm con picciolo corto. i fiori sono ermafroditi, la fioritura va da giugno ad luglio con un'infiorescenza ad ombrello di piccoli fiori gialli. la maturazione dei frutti avviene tra ottobre e dicembre, il frutto è una drupa legnosa in forma di dischetto flangiato di 2-3,5 cm di diametro. la marruca è un arbusto con una crescita molto lenta, ed è un arbusto longevo ed esistono esemplari plurisecolari. la marruca è un arbusto eliofilo. talvolta rifiorisce in autunno. le foglie sono lanceolate e di un colore verde brillante.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Pontico-mediterraneo, cresce in climi temperati e asciutti dal Marocco all'Iran, sopporta temperature basse fino a -10 gradi. la marruca è resitente all'aridità.

In Italia ha habitat in zone collinari, si trova dappertutto tranne nelle isole[senza fonte], nelle zone più a meridione e sulle Alpi. una volta era più diffusa perché usata nelle siepi, ma poi sono spesso sono state estirpate e in altre zone è stata sopraffatta da piante aliene o alloctone invasive.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

I frutti sono edibili (commestibili) con sapore di mela essiccata. I frutti tostati e macinati costituiscono un surrogato del caffè. L'infuso dei frutti dà una tisana diuretica per eliminare l'acido urico con proprietà ipoglicemizzanti. Dalle foglie si ottiene un preparato cosmetico contro la pelle grassa. Le foglie della pianta costituiscono il nutrimento delle larve della Bucculatrix albella.

Il discreto contenuto di acidi grassi Omega 3-6, ne fanno un valido aiuto per aiutare a combattere l’eccesso di colesterolo nel sangue e sono coadiuvanti in tutti i processi flogistici in genere, ottimi anche contro le prostatiti

Dai suoi fiori le api producono un ottimo miele, essendo una pianta mellifera e si può produrre quello uniflorale ma è molto rara sul territorio italiano e la produzione è scarsissima.

La marruca era usata in passato, in alcune regioni italiane, per fare siepi impenetrabili e per recinzione dei campi a difesa dal bestiame al pascolo. In ragione delle spine e del fitto intreccio dei rami la siepe di Marruca costituiva una barriera pressoché impenetrabile.

Nomi regionali[modifica | modifica wikitesto]

sono tanti i nomi volgari e comuni a livello locale della Marruca: marruca nera, piattini, soldini, cappellini, spino soldini, spino gatto, spina marruca, spino nero, spino crocefisso. A Bari è chiamato: "pane de Criste".

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il nome spina-christi ricorda l'antica leggenda secondo la quale i suoi rami spinosi furono usati per fare la corona di spine posta sulla testa di Cristo prima della crocifissione.
L'uso della pianta è attestato sin dal V secolo a.C. : Greci e Romani chiamavano marrucini il popolo che coltivava la marruca, nome derivato dall'antica città di Marouca dove era usata per costruire recinzioni per i campi in difesa dal bestiame al pascolo. Per Plinio è un albero della Cirenaica che si chiama paliurus dal nome di una antica città della Marmarica[1]. Infine il suo nome in ebraico è Shamir; con lo stesso nome si indica un mitico strumento usato per intagliare la pietra. In Romagna, o perlomeno a Santarcangelo di Romagna, i rami più vigorosi e dritti, con robusti rametti secondari, erano utilizzati per appendere, in locali riparati, i grappoli d'uva e i pomodori a grappolo da conservare per l'autunno e i primi mesi invernali. Il suo nome in romagnolo: marugoun o mareug.

la marruca ricorda nell'aspetto il giuggiolo, appartenete alla stessa famiglia di piante.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Naturalis historia, libro XIII, par.33

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica