Nomenclatura binomiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nome scientifico e Nomenclatura (biologia).

La nomenclatura binomiale, o nomenclatura binomia, è una convenzione standard utilizzata in sistematica per conferire il nome ad una specie. Come suggerisce il termine binomiale, il nome scientifico di una specie viene coniato dalla combinazione di due nomi:

  • il nome del genere a cui appartiene la specie
  • un epiteto che caratterizzi e distingua quella specie dalle altre appartenenti al quel genere.

Il primo termine (nome generico) porta sempre l'iniziale maiuscola, mentre il secondo termine (nome specifico) viene scritto in minuscolo; entrambi i nomi vanno inoltre scritti in corsivo (ad esempio Homo sapiens). Quando il genere è stato precedentemente trattato nel testo o quando sono già state elencate delle specie di quel genere, il nome generico può essere abbreviato con la sua lettera iniziale (H. sapiens) ma non deve mai essere omesso. Solo in rare occasioni questa abbreviazione viene usata comunemente al posto del nome completo. Per esempio il batterio Escherichia coli viene spesso indicato solo come E. coli.

Origine dei nomi[modifica | modifica sorgente]

Come nome specifico viene utilizzato un aggettivo che permette di distinguere la specie dagli altri membri di quel genere. Sia il nome generico che l'epiteto derivano frequentemente dal latino. Alcuni nomi sono di origine greca o derivano dalla lingua locale o dall'autore che per primo ha scoperto la specie. Infatti, i tassonomisti, per nominare le specie, traggono spunto da una varietà di fonti, inclusi i giochi di parole. Comunque, i nomi usati tendono ad essere "latinizzati" ed è per questa ragione che il nome binomiale, oltre ad essere detto nome scientifico, viene spesso chiamato volgarmente "nome latino". Per maggiori dettagli sull'origine dei nomi scientifici si veda la lista dei termini latini e greci comuni nei nomi scientifici.

Importanza ed usi del sistema binomiale[modifica | modifica sorgente]

L'importanza del sistema binomiale deriva principalmente dalla sua semplicità e dal suo esteso uso:

  • Lo stesso nome è valido in tutte le lingue, evitando così possibili difficoltà di traduzione;
  • Ogni specie può essere identificata inequivocabilmente da due sole parole;
  • Il sistema è stato adottato internazionalmente in botanica (dal 1753), zoologia (dal 1758) e batteriologia (dal 1980).

Lo svantaggio della nomenclatura binomiale è il fatto che spesso in caso di cambiamento nella classificazione (genere), si deve cambiare in parte o tutto il nome, per cui una stessa specie può adottare nel corso degli anni anche diversi nomi, oppure avere una serie di nomi che dipendono dalle diverse teorie scientifiche in circolazione. Le procedure associate alla nomenclatura binomiale tendono comunque a favore della stabilità. In particolare, quando, per vari motivi, le specie vengono trasferite da un genere ad un altro, se è possibile, viene conservato lo stesso epiteto specifico. Similarmente, se delle specie, che venivano considerate distinte, vengono successivamente ritenute sottospecie della stessa specie, i loro termini specifici vengono spostati a termini sottospecifici nella nomenclatura trinomiale.

Le regole dei codici di nomenclatura per le Piante, Funghi, Cianobatteri, Animali, Batteri e Virus differiscono tra di loro. Per esempio, la nomenclatura ICBN (piante) non mostra tautonomia, cioè l'uso dello stesso nome per il genere e la specie, mentre il codice ICZN (animali) sì. È stata suggerita la creazione di un BioCode che prenda il posto ed unifichi i vari codici, ma vi sono anche dei dibattiti sullo sviluppo di un PhyloCode, che si occuperà di nominare i rami (o cladi) dei vari alberi filogenetici (o cladogrammi).

Estensioni del nome scientifico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi nomenclatura trinomiale.

Nomenclatura trinomiale degli animali[modifica | modifica sorgente]

In zoologia, una specie animale può risultare ulteriormente suddivisa in sottospecie, le quali vengono identificate con il sistema di nomenclatura trinomiale. Per fare un esempio, il cormorano comune (Phalacrocorax carbo) della Nuova Zelanda differisce da quelli viventi in altre regioni, e viene classificato come sottospecie Phalacrocorax carbo novaehollandiae. Per la classificazione degli animali, viene usata esclusivamente questa categoria come livello inferiore alla specie e, per questo motivo, non è necessario aggiungere ulteriori indicazioni. Il terzo epiteto è sufficiente per indicare che si tratta di una sottospecie.

Suddivisione botanica[modifica | modifica sorgente]

In botanica, una specie, oltre che in sottospecie, può risultare suddivisa in varietà, forme, cultivar o altre categorie. A causa di ciò, il nome del taxon deve essere preceduto da una abbreviazione che indichi quella categoria infraspecifica (subsp., var., form. etc.), cosa che non avviene nella nomenclatura trinomiale degli animali. Ad esempio, una singola specie di pianta (Pinus nigra) può avere sottospecie (Pinus nigra subsp. salzmannii), varietà (Pinus nigra var. caramanica), varietà di sottospecie (Pinus nigra subsp. salzmannii var. corsicana) o altre complesse terminologie.

Ibridi botanici[modifica | modifica sorgente]

Dall'incrocio di individui appartenenti a taxon differenti si ottiene un ibrido e questi vengono indicati utilizzando il segno di moltiplicazione × oppure aggiungendo il prefisso "notho-" al termine che denota il livello della tassonomia. Ad esempio Forsythia × intermedia è il nome degli ibridi ottenuti dall'incrocio di F. suspensa con F. viridissima oppure × Cupressocyparis leylandii è il nome degli ibridi ottenuti dall'incrocio di Cupressus macrocarpa con Chamaecyparis nootkatensis

Autori nei nomi scientifici[modifica | modifica sorgente]

Molte volte si vedrà un nome (od una sua abbreviazione) dopo un nome scientifico e spesso anche una data annuale. Per essere completa, la referenza ad una specie deve includere anche l'autore (o gli autori) che ha descritto la specie e che le ha dato il nome. Mentre il nome scientifico viene scritto in corsivo, la citazione sull'autore no. Questa aggiunta viene usualmente fatta una sola volta in un particolare articolo o citazione. Le convenzioni sulla citazione degli autori differiscono, per alcune modalità, tra le piante e gli animali, e sono governate rispettivamente dal Codice Internazionale di Nomenclatura Botanica e dal Codice Internazionale di Nomenclatura Zoologica.

Citazione degli autori in botanica[modifica | modifica sorgente]

I nomi degli autori botanici risultano abbreviati da un indice standardizzato e pubblicato dai Royal Botanic Gardens di Kew (le abbreviazioni standard degli autori botanici sono elencate in questa lista).

Così, nell'esempio Pinus sylvestris L., l'abbreviazione "L." si riferisce a Carolus Linnaeus; nell'esempio Pinus koraiensis Siebold & Zucc., Siebold si riferisce a Philipp Franz von Siebold e Zucc. al co-autore Joseph Gerhard Zuccarini.

Se una specie viene trasferita a un genere differente conservando inalterato l'altro termine, l'autore originale viene posto tra parentesi tonde e si aggiunge l'autore responsabile dello spostamento. Per esempio, la sequoia sempreverde venne descritta inizialmente da David Don come Taxodium sempervirens D. Don. In seguito, Stephan Ladislaus Endlicher si accorse che questa specie differiva largamente dalle altre specie del genere Taxodium, e la incluse in un nuovo genere, pubblicando la combinazione Sequoia sempervirens (D. Don) Endl..

Negli articoli che trattano la tassonomia dettagliata delle piante, vengono sempre aggiunti la data e la pubblicazione dell' autore, ma, nelle enciclopedie o altre opere non tassonomiche, questa è una pratica rara. Per il precedente esempio, la citazione completa è Sequoia sempervirens (D. Don) Endl., Syn. Conif. 198 (1847), riferendosi alla pagina 198 del Synopsis Coniferarum di Endlicher, pubblicato nel 1847.

Citazione degli autori in zoologia[modifica | modifica sorgente]

Per i nomi delle specie animali, gli autori vengono indicati con il loro cognome scritto per intero, cioè senza abbreviazione. Il primo nome viene omesso ma, se esistono due autori con lo stesso cognome, viene aggiunta l'iniziale per distinguerli. La data della prima pubblicazione viene anch'essa citata, con una virgola tra nome e data.

Esempio: Balaena mysticetus Linnaeus, 1758.
Questa specie è stata descritta da Carolus Linnaeus, il cognome è scritto per intero ed è seguito dalla data di pubblicazione 1758.

Se una specie viene in seguito trasferita a un differente genere, l'autore originale e la data vengono posti tra parentesi tonde per segnalare che è avvenuta una revisione, ma l'autore e la data della revisione non vengono citati. Ad esempio, l'oca lombardella fu descritta per la prima volta da Giovanni Antonio Scopoli come Branta albifrons Scopoli, 1769. Successivamente si dimostrò che questa specie fosse, per caratteristiche, più vicina alle oche del genere Anser che a quelle del genere Branta, così subì un trasferimento ed ora viene citata come Anser albifrons (Scopoli, 1769).

Anche per gli animali, nelle pubblicazioni tassonomiche ufficiali, viene fornita una citazione completa che comprende il nome e la data della pubblicazione: Branta albifrons Scopoli, 1769, Annus I Hist.-Nat. 69.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'uso della nomenclatura binomiale si deve a Linneo, che l'adottò per il suo sistema di classificazione scientifica, basato sull'osservazione delle diverse caratteristiche delle specie viventi. Per questo motivo, è concezione comune credere che Linneo fu anche l'inventore della nomenclatura binomiale. In realtà, questa semplice, ma altrettanto grandiosa, idea fu precedentemente concepita da Gaspard Bauhin, un botanico vissuto oltre 100 anni prima di lui, che l'adottò per una classificazione delle piante.

Lista dei termini latini e greci comuni nei nomi scientifici[modifica | modifica sorgente]

Parole latine e greche

(o parti di esse)

lingua

L=Latino G=Greco

Traduzione
anglicus L inglese
archaeo- G antico (estinto),primordiale,che era all'inizio(greco:arche?)
arcticus L artico
argentatus L argentato
australis L dell'emisfero meridionale
-avis L uccello
-batrachus G anfibio
bengalensis L del Bengala, indiano
borealis L boreale
brachy- G corto
brevis L corto
capensis L del Capo
carbo L color carbone
caulos G gambo, fusto
(-)caudatus L con la coda
-cephalus G che ha la testa con particolari caratteristiche(es.globosa)
-ceps L testa
cer(at)o- G dotato di corna
-cetus G cetaceo
-champsa G coccodrillo
-chelys G tartaruga
chiro-/-ch(e)irus G mani
chloros (χλωρός) G verde
cinereus L color cenere
coel- G cavo, vuoto
-cola L -geno, abitante
cristatus L crestato, con la cresta
cyanos G ciano, azzurro
-dactylus G dito
deca G dieci
dermis G pelle
diplo- G doppio
dodeca G dodici
dolicho- G allungato
domesticus L domestico
dorsalis L dal dorso
dukhunensis L del Deccan, indiano
echinus G spinoso
-elaps G serpente
ennea G nove
ennea G novanta
erythro- G rosso
familiaris L comune
fasciatus L striato
-flora L fiore
-folia L foglia
fuscus L marrone scuro
fulvus L giallo
gallicus G francese
-gaster G ventre, stomaco
-gnathus G mascelle
glycis G dolce
halo G sale
hecta- G cento
helveticus G svizzero
hendeca- G undici
hepta- G sette
heptacota- G settanta
hexa- G sei
hexacota- G sessanta
-(h)erpeton G anfibio o rettile
hibernicus L irlandese
horridus L spinoso
hortensis L da giardino
-ichthys G pesce
icosa- G venti
indicus L indiano
lateralis L laterale
-lepis/lepido- G squamato
lepto- G stretto
-leucus/leuco- G bianco
lineatus L rigato, a strisce
longus L lungo
ludovicanus L di Ludovico
lusitanicus L portoghese
luteus L giallo
macro- G grande
maculatus L maculato
major L maggiore
mauritanicus L marocchino o nordafricano
mauro- G scuro
maximus L molto grande
melano- G nero
micro- G piccolo
-mimus L simile
minimus L piccolissimo
minor L minore
montanus L montano
-morphus G forma
-netta G anatra/oca
niger L nero
nona L nove
notho- G finto, bastardo
noto- G meridionale
novaehollandiae L australiano
novaeselandiae L neozelandese
noveboracensis L di New York
obscurus L oscuro
occidentalis L occidentale
octa- G otto
octaconta- G ottanta
-odus/odon G denti
oeos- G tubolare
officinalis L medicinale
-oides G simile a
-onyx/-onychus G artiglio
-ophis/-ophidion G serpente
-ops G occhi, faccia
orientalis L orientale
-ornis G uccello
ortho- G dritto, eretto
pachy- G spesso, robusto
palaeo- G antico (estinto)
par(a)- G simile
parvus L piccolo
pedi- L piede
pelagius G oceanico
penta- G cinque-
pentaconta G cinquanta
petra G pietra
phyllo- G foglia
-phyton G pianta
platy- G piatto
proto- G primo
pseudo- G simile a x, falso x
-pterus/-pteryx G ala, penne
punctatus L punteggiato, maculato
-pus G zampe
-raptor L predatore
repens L strisciante, stolonifero
-rhinus G naso
rhiza G radice
rhyncho-/-rhynchus G becco
rhytis G corrugato
rubra L rosso
-rostris L becco
rufus L rosso
sativus L seminato, coltivato
-saurus/-saura G lucertola, rettile
sinensis L cinese
-suchus G coccodrillo
-stoma G bocca, apertura
striatus L striato
sylvestris L della foresta, selvatico
tetra- G quattro-
tetraconta G quaranta
-teuthis G cefalopode
-therium G bestia (mammifero)
tinctorius L colorante
tomentosus L peloso
trich-, -thrix G capello
triconta G trenta
-ura G della coda
variabilis L variabile
variegatus L variegato
-ventris L ventre
verrucosus L dalla pelle rugosa
viridis L verde
vittatus L striato
volans L volante
vulgaris L comune

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]