Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ginkgo biloba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ginkgo
Ginkgo biloba SZ136.png
Stato di conservazione
Status iucn2.3 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Ginkgophyta
Classe Ginkgoopsida
Ordine Ginkgoales
Famiglia Ginkgoaceae
Genere Ginkgo
E. Kaempfer, 1712
Specie G. biloba
Nomenclatura binomiale
Ginkgo biloba
L.
Sinonimi
  • Salisburia adiantifolia
    Smith, 1797
  • Pterophyllus salisburiensis
    Nelson, 1866

Ginkgo biloba (L., 1771) è una pianta, unica specie ancora sopravvissuta della famiglia Ginkgoaceae, dell'intero ordine Ginkgoales (Engler 1898) e della divisione delle Ginkgophyta. È un albero antichissimo le cui origini risalgono a 250 milioni di anni fa nel Permiano[1] e per questo è considerato un fossile vivente. È una specie relitta.

Appartiene alle Gimnosperme: i semi non sono protetti dall'ovario. Le strutture a forma di albicocca che sono prodotte dagli esemplari femminili non sono frutti, ma semi ricoperti da un involucro carnoso.

La pianta, originaria della Cina, viene chiamata volgarmente ginko o ginco o albero di capelvenere. Il nome Ginkgo deriva probabilmente da un'erronea trascrizione del botanico tedesco Engelbert Kaempfer del nome giapponese ginkyō (ぎんきょう?) derivante a sua volta da quello cinese 銀杏 "yin-kuo" (, yín «argento» e , xìng «albicocca»; 銀杏T, yínxìngP, «albicocca d'argento»). Questo nome è stato attribuito alla specie dal famoso botanico Carlo Linneo nel 1771 all'atto della sua prima pubblicazione botanica ove mantenne quell'erronea trascrizione del nome originale. Il nome della specie (biloba) deriva invece dal latino bis e lobus con riferimento alla divisione in due lobi delle foglie, a forma di ventaglio.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Corteccia di esemplare adulto
Ginkgo biloba
Foglie di ginkgo
Insieme di coni maschili

Portamento[modifica | modifica wikitesto]

È una pianta arborea che raggiunge un'altezza di 30–40 m, chioma larga fino a 9 m, piramidale nelle giovani piante e ovale negli esemplari più vecchi. Il tronco presenta rami sparsi da giovane, più fitti in età adulta, branche principali asimmetriche inclinate di 45°, legno di colore giallo. I rami principali (macroblasti) portano numerosi rametti più corti (brachiblasti), sui quali si inseriscono le foglie e le strutture fertili.

Corteccia[modifica | modifica wikitesto]

È liscia e di color argento nelle piante giovani, diventa di colore grigio-brunastro fino a marrone scuro e di tessitura fessurata negli esemplari maturi.

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Ha foglie decidue, di 5–8 cm, lungamente picciolate a lamina di colore verde chiaro. In autunno assumono una colorazione giallo vivo molto decorativa, dalla forma tipica a ventaglio (foglia labelliforme) leggermente bilobata e percorsa da un numero elevato di nervature dicotome. La morfologia fogliare varia a seconda della posizione e dell'età: le plantule hanno foglie profondamente incise, le foglie portate dai brachiblasti hanno margine interno e talvolta ondulato, le foglie portate dai macroblasti sono spesso bilobate.

Fiori[modifica | modifica wikitesto]

Chiavari - Piazza Roma lato Est. Ginkgo biloba in veste autunnale.

La Ginkgo è una gimnosperme e per questo non presenta dei fiori come abitualmente li intendiamo. Le Gimnosperme non hanno fiori, ma portano delle strutture definite coni o strobili o, come in questo caso squame modificate. I coni da un punto di vista funzionale possono essere considerare simili a dei fiori per omologia. È una pianta dioica, cioè che porta strutture fertili maschili e femminili separate su piante diverse.[1] Negli strobili maschili i microsporangi sono portati a coppie su microsporofilli, disposti a spirale su un asse allungato. L'impollinazione è anemofila.

Negli strobili femminili gli ovuli, inizialmente due, si riducono ad uno solo nel corso dello sviluppo e sono portati su peduncoli isolati. Dunque le piante femminili, a differenza della maggior parte delle Gimnosperme (in particolare delle Pinophyta), non producono coni propriamente detti, ma strutture analoghe a questi.

La fioritura è primaverile. Tra impollinazione e fecondazione intercorrono alcuni mesi. La fecondazione avviene a terra all'inizio dell'autunno, quando gli ovuli sono già caduti dalla pianta madre e hanno quasi raggiunto le dimensioni definitive. I gameti sono ciliati e mobili, come avviene in molti gruppi meno evoluti (Cycadophyta, muschi, felci ed alghe).

I semi, di cui è commestibile l'embrione dopo la torrefazione, sono lunghi 1,5–2 cm e sono rivestiti da un involucro carnoso definito sarcotesta, pruinoso di colore giallo, con odore sgradevole a maturità per la liberazione di acidi carbossilici, in particolare acido butirrico.[2] All'interno del sarcotesta vi è una parte legnosa chiamata sclerotesta che contiene l'embrione. La germinazione del seme avviene fuori terra (epigea).

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Roma, Ginkgo autunnale al Parco della Resistenza

La pianta è originaria della Cina, nella quale sono stati rinvenuti fossili che risalgono all'era paleozoica. La pianta è stata ritenuta estinta per secoli, ma recentemente ne sono state scoperte almeno due stazioni relitte nella provincia dello Zhejiang nella Cina orientale. Non tutti i botanici concordano però sul fatto che queste stazioni siano davvero spontanee, perché la Ginkgo è stata estesamente coltivata per millenni dai monaci cinesi.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

È una specie eliofila che preferisce una posizione soleggiata e un clima fresco. Non è particolarmente esigente quanto a tipo di terreno anche se vegeta meglio in terreni acidi e non asfittici. È una pianta che sopporta le basse temperature: è stato dimostrato che non subisce danni anche a -35 °C. La moltiplicazione avviene generalmente per margotta. È preferibile coltivare gli individui maschili per evitare lo sgradevole odore dei semi; tuttavia il sesso della specie è difficilmente riconoscibile in quanto la pianta non presenta caratteri sessuali secondari affidabili. Le piante mal sopportano la potatura: i rami accorciati seccano.

Il primo Ginkgo biloba importato in Italia, nel 1750, si trova nell'Orto Botanico di Padova (Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO). È un esemplare maschile maestoso su cui, verso la metà dell'Ottocento, fu innestato a scopo didattico un ramo femminile.

Propagazione[modifica | modifica wikitesto]

La pianta si riproduce per seme o per talee semilegnose prelevate durante l'estate.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Firenze. Ginkgo autunnale nel parco Le Cascine
  • Molto utilizzata come pianta ornamentale in parchi, viali e giardini grazie alla notevole resistenza agli agenti inquinanti non solo delle metropoli più inquinate, ma anche in cittadine più piccole. Viene inoltre usata anche per creare cortine frangivento.
  • Diffuso il suo utilizzo per farne bonsai.
  • Viene coltivata industrialmente in Europa, Giappone, Corea e Stati Uniti per l'utilizzo medicinale delle sue foglie.
  • Il legno giallastro viene usato per la costruzione di mobili, lavori di tornio e intaglio, è però di bassa qualità data la sua fragilità.
  • La parte interna legnosa dei semi viene utilizzata come cibo prelibato in Asia e fa parte della tradizione culinaria cinese. Viene commercializzato sotto il nome di "White Nuts". In Giappone i semi di Ginkgo vengono aggiunti a molti piatti, per esempio il chawanmushi, e utilizzati come contorno.

Proprietà medicinali[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Un ramo di Ginkgo biloba

Ormai numerosi e scientificamente rilevanti sono gli studi che attestano le molteplici proprietà terapeutiche e salutari degli estratti di Ginko biloba. Ciò ne ha promosso la riscoperta come integratore alimentare, tra i dieci maggiormente consumati nel mondo occidentale.[3] La maggior parte delle pubblicazioni prendono in esame degli estratti standardizzati contenenti elevate concentrazioni di principi attivi, in particolare quelli denominati "EGb-761" che hanno mostrato efficacia nel trattamento di un'ampia varietà di condizioni patologiche, anche se in alcuni casi la qualità delle evidenze raccolte non è tale da trarre conclusioni definitive sulla reale portata terapeutica.[4]

Principi attivi[modifica | modifica wikitesto]

I composti presenti negli estratti di Ginko biloba e che si ritiene siano responsabili dell'azione terapeutica sono[5][6][7]

  • Il terpene trilattone Bilobalide, che rappresenta il 2.6-3.4% del peso secco.
  • I Gingkolidi A, B e C (che rappresentano in totale il 3-3.6% del peso secco) così come i Ginkgolidi J e K (0.3-0.6%) e gli M, Q, P (presenti in quantità minori).
  • Acidi carbossilici denominati Acidi Ginkolici, che però potrebbero avere degli effetti tossici e che sono perciò presenti in basse concentrazioni negli estratti (5-10 ppm). Altri acidi carbossilici presenti sono il Ginkolo e l'acido Shikimico.

Altre molecole bioattive presenti in basse concentrazioni sono

Effetti terapeutici[modifica | modifica wikitesto]

Gli estratti di Ginko sono stati sperimentati per un grandissimo numero di patologie e per alcune di esse si sono ottenuti notevoli riscontri di efficacia terapeutica. In particolare le maggiori evidenze ci sono per il trattamento del declino cognitivo, della claudatio intermittens, nel trattamento di alcuni disordini con origini vascolari e sindromi metaboliche.[8] Tali estratti devono però essere usati con cautela in pazienti che assumono anticoagulanti, acido acetilsalicilico, ticlopidina, diuretici tiazidici, pentossifillina, trombolitici, caffeina, ergotammina; non associare a prodotti a base di aglio o derivati dal salice per aumento dei rischi di gastrolesività.

  • L'ipotesi che i suddetti principi attivi abbiano un'azione sulle funzioni cerebrovascolari e sui disturbi della memoria, tali da suggerirne l'uso nella malattia di Alzheimer[9] è ancora controversa a livello di sperimentazione scientifica.[10] Tuttavia, una revisione degli studi pubblicata nel 2002 dalla Crochane Collaboration (una delle istituzioni scientifiche più conosciute al mondo) ha concluso che l'attuale letteratura supporta fortemente efficacia e sicurezza delle formulazioni di Ginko nel trattamento del declino cognitivo e della perdita di memoria dovute all'età.[7]
  • Altri studi ne supportano l'efficacia nel miglioramento dei sintomi cognitivi e del senso di benessere dovuto ad altre patologie del sistema nervoso centrale, come quelle dovute a disordini vascolari[11][12] o nei soggetti sottoposti a terapia radiante nel contesto della terapia dei tumori cerebrali.[13] Tuttavia non sembra accelerare il recupero delle funzioni a seguito di ictus.[14] I gingkolidi prevengono il danno metabolico causato da ischemia cerebrale e riducono gli infarti causati da occlusione vasale. Il Bilobalide, più che il gingkolide B, esercita un potente effetto protettivo nei confronti del danno ischemico. Chiaramente,le proprietà antiossidanti e neuroprotettive del gingko sono importanti nei casi di ipossia, ischemia e danno neuronale.[15]
  • Il ginkolide B è ritenuto un antagonista del PAF (platelet activating factor), mediatore intracellulare implicato nei processi di aggregazione piastrinica, formazione del trombo, reazioni infiammatorie (iperattività bronchiale).[1] Ciò potrebbe contribuire, tra l'altro, agli effetti positivi sulla funzione vascolare, in particolare nel miglioramento del microcircolo, che sarebbero alla base di alcune sue azioni terapeutiche.[16] Ad esempio, secondo i risultati di uno studio, la somministrazione di estratti di Ginko ha provocato un incremento di oltre il 20% del flusso ematico oculare e ciò ne suggerisce l'uso nel trattamento del glaucoma, nella neuropatia ottica e nei disordini ischemici oculari.[17] Secondo i risultati di altri studi diminuirebbe significativamente il rischio di disordini vascolari periferici[18] e migliorerebbe il flusso ematico in alcuni distretti cerebrali.[19] Permetterebbe inoltre di migliorare la circolazione di sangue a livello periferico, apportando quindi un certo beneficio alla fragilità capillare e contrastando le varici.[20]
  • Gli estratti hanno una potente azione antiossidante che va ad eliminare i radicali liberi rallentando i fenomeni di ossidazione; proprio anche grazie a questa azione si contrastano gli effetti dello stress fisico e mentale.[21][22] La somministrazione cronica di estatti di Ginko si è inoltre mostrata in grado di incrementare le concentrazione di glutatione e superossido dismutasi, degli antiossidanti naturali,[16] nonché diminuire i livelli di cortisolo (il cosìdetto ormone dello stress).[23]
  • Gli estratti sarebbero anche in grado di migliorare i sintomi di alcune patologie neurologiche e psichiatriche. Ad esempio è stato visto migliorare i sintomi della schizofrenia e diminuire gli effetti collaterali extrapiramidali nei pazienti resistenti al trattamento col solo farmaco,[24] migliorare i sintomi della sindrome premestruale,[25] della discinesia tardiva,[26] contrastare gli effetti collaterali sessuali degli antidepressivi SSRI.[27]
  • L'utilizzo di estratti migliora i parametri patologici delle sindromi metaboliche e potrebbe perciò rappresentare una terapia di supporto per tali patologie. Ad esempio si è dimostrato in grado di migliorare il profilo lipidico,[28] ridurre la formazione di placche arterosclerotiche, i valori di interleuchina-6, di creatinina urinaria e proteina C-reattiva,[29] nonché contrastare in modelli animali l'insulino resistenza.[30]
  • In cosmetica viene utilizzato, applicato a livello topico, per ripristinare il giusto equilibrio lipidico nelle pelli secche e screpolate.[31]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Hiroshima[modifica | modifica wikitesto]

  • Sei esemplari di Ginkgo, ancora esistenti, sono sopravvissuti alle radiazioni prodotte dalla bomba atomica caduta sulla città di Hiroshima.[32][33]
  • Il Ginkgo biloba è il simbolo della città di Tokyo, capitale del Giappone.

Goethe[modifica | modifica wikitesto]

Anche il Poeta J. W. von Goethe (1749-1832), in uno dei suoi viaggi, rimase così affascinato da un esemplare di Ginkgo biloba da dedicarci una poesia:

"La foglia di quest'albero, dall'oriente affidato al mio giardino, segreto senso fa assaporare così come al sapiente piace fare."

"È una sola cosa viva, che in se stessa si è divisa? O son due, che scelto hanno, si conoscan come una?"

In risposta a tal domanda, trovai forse il giusto senso. Non avverti nei miei canti ch'io son uno e doppio insieme?"

Gli alberi di conoscenze[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 Pierre Lévy e Michel Authier inventano gli "alberi delle conoscenze", strumento filosofico e tecnico per la condivisione dei saperi; il software per trattarli viene denominato Gingo, prendendo spunto dal Ginkgo biloba.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Nell'antichità il Ginkgo venne considerato nel primo importante erbario cinese una sostanza benefica per il cuore e i polmoni;[1] i medici lo utilizzavano per curare l'asma, i geloni e le tumefazioni causate dal freddo; i monaci buddisti lo piantavano accanto al , gli antichi cinesi e giapponesi consumavano i semi tostati come rimedio digestivo; i guaritori indiani ayurvedici lo associavano alla longevità usandolo come ingrediente del "soma", l'elisir di lunga vita. L'albero è stato introdotto in Europa nel 1730.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d "Farmacia al naturale", di Roberta Pasero, pubbl. su "Sapere & Salute", anno 4, maggio 1999, num.20, pag.26-29
  2. ^ Elena Maugini, Manuale di Botanica Farmaceutica, VIII, 2006, p. 325.
  3. ^ L. C. Winslow e D. J. Kroll, Herbs as medicines, in Archives of Internal Medicine, vol. 158, nº 20, 09 novembre 1998, pp. 2192–2199. URL consultato il 24 settembre 2017.
  4. ^ Yves Christen e Jean-Michel Maixent, What is Ginkgo biloba extract EGb 761? An overview--from molecular biology to clinical medicine, in Cellular and Molecular Biology (Noisy-Le-Grand, France), vol. 48, nº 6, September 2002, pp. 601–611. URL consultato il 24 settembre 2017.
  5. ^ Pushpinder Kaur, Abha Chaudhary e Bikram Singh, Optimization of extraction technique and validation of developed RP-HPLC-ELSD method for determination of terpene trilactones in Ginkgo biloba leaves, in Journal of Pharmaceutical and Biomedical Analysis, vol. 50, nº 5, 05 dicembre 2009, pp. 1060–1064, DOI:10.1016/j.jpba.2009.06.036. URL consultato il 24 settembre 2017.
  6. ^ Teris A van Beek, Chemical analysis of Ginkgo biloba leaves and extracts, in Journal of Chromatography A, vol. 967, nº 1, 16 agosto 2002, pp. 21–55, DOI:10.1016/S0021-9673(02)00172-3. URL consultato il 24 settembre 2017.
  7. ^ a b EGb 761: ginkgo biloba extract, Ginkor, in Drugs in R&D, vol. 4, nº 3, 2003, pp. 188–193. URL consultato il 24 settembre 2017.
  8. ^ Frank, Kurtis, Patel, Kamal e Lopez, Gregory, Ginkgo biloba Research Analysis, in Examine.com, 05 settembre 2017. URL consultato il 24 settembre 2017.
  9. ^ "L'energia che viene dalle erbe", di Maddalena Colombo, pubbl, su "Sapere&Salute speciale", suppl. num.27, luglio 2000, anno V, pag.24
  10. ^ si vedano i risultati contrastanti di Ginkgo biloba for preventing cognitive decline in older adults: a randomized trial, in JAMA. 2009; 302(24): 2663-70. e Alleviating neuropsychiatric symptoms in dementia: the effects of Ginkgo biloba extract EGb 761. Findings from a randomized controlled trial., in Neuropsychiatric disease and treatment. 2011;7:209-15.
  11. ^ Shi-Jin Zhang e Zhan-You Xue, Effect of Western medicine therapy assisted by Ginkgo biloba tablet on vascular cognitive impairment of none dementia, in Asian Pacific Journal of Tropical Medicine, vol. 5, nº 8, August 2012, pp. 661–664, DOI:10.1016/S1995-7645(12)60135-7. URL consultato il 24 settembre 2017.
  12. ^ Zhang SJ and Xue ZY, Effect of Western medicine therapy assisted by Ginkgo biloba tablet on vascular cognitive impairment of none dementia. - PubMed - NCBI, su www.ncbi.nlm.nih.gov. URL consultato il 24 settembre 2017.
  13. ^ Albert Attia, Stephen R. Rapp e L. Doug Case, Phase II study of Ginkgo biloba in irradiated brain tumor patients: effect on cognitive function, quality of life, and mood, in Journal of Neuro-Oncology, vol. 109, nº 2, September 2012, pp. 357–363, DOI:10.1007/s11060-012-0901-9. URL consultato il 24 settembre 2017.
  14. ^ X. Zeng, M. Liu e Y. Yang, Ginkgo biloba for acute ischaemic stroke, in The Cochrane Database of Systematic Reviews, nº 4, 19 ottobre 2005, pp. CD003691, DOI:10.1002/14651858.CD003691.pub2. URL consultato il 24 settembre 2017.
  15. ^ Fitoterapia, impiego razionale delle droghe vegetali, F. Capasso G. Grandolini A.A. Izzo Springer
  16. ^ a b Andy Suter, Wolfgang Niemer e Rainer Klopp, A new ginkgo fresh plant extract increases microcirculation and radical scavenging activity in elderly patients, in Advances in Therapy, vol. 28, nº 12, December 2011, pp. 1078–1088, DOI:10.1007/s12325-011-0083-4. URL consultato il 24 settembre 2017.
  17. ^ H. S. Chung, A. Harris e J. K. Kristinsson, Ginkgo biloba extract increases ocular blood flow velocity, in Journal of Ocular Pharmacology and Therapeutics: The Official Journal of the Association for Ocular Pharmacology and Therapeutics, vol. 15, nº 3, June 1999, pp. 233–240, DOI:10.1089/jop.1999.15.233. URL consultato il 24 settembre 2017.
  18. ^ R. F. Santos, J. C. Galduróz e A. Barbieri, Cognitive performance, SPECT, and blood viscosity in elderly non-demented people using Ginkgo biloba, in Pharmacopsychiatry, vol. 36, nº 4, July 2003, pp. 127–133, DOI:10.1055/s-2003-41197. URL consultato il 24 settembre 2017.
  19. ^ R. F. Santos, J. C. Galduróz e A. Barbieri, Cognitive performance, SPECT, and blood viscosity in elderly non-demented people using Ginkgo biloba, in Pharmacopsychiatry, vol. 36, nº 4, July 2003, pp. 127–133, DOI:10.1055/s-2003-41197. URL consultato il 24 settembre 2017.
  20. ^ "Le piante medicinali", di Roberto Michele Suozzi, Newton&Compton, Roma, 1994, pag.37
  21. ^ "In linea con la fitoterapia", di Roberta Pasero, pubbl. su Sapere&Salute Folia, anno 2, marzo 2003, num.4, pag.10
  22. ^ D. Jezova, R. Duncko e M. Lassanova, Reduction of rise in blood pressure and cortisol release during stress by Ginkgo biloba extract (EGb 761) in healthy volunteers, in Journal of Physiology and Pharmacology: An Official Journal of the Polish Physiological Society, vol. 53, nº 3, September 2002, pp. 337–348. URL consultato il 24 settembre 2017.
  23. ^ D. Jezova, R. Duncko e M. Lassanova, Reduction of rise in blood pressure and cortisol release during stress by Ginkgo biloba extract (EGb 761) in healthy volunteers, in Journal of Physiology and Pharmacology: An Official Journal of the Polish Physiological Society, vol. 53, nº 3, September 2002, pp. 337–348. URL consultato il 24 settembre 2017.
  24. ^ X. Y. Zhang, D. F. Zhou e P. Y. Zhang, A double-blind, placebo-controlled trial of extract of Ginkgo biloba added to haloperidol in treatment-resistant patients with schizophrenia, in The Journal of Clinical Psychiatry, vol. 62, nº 11, November 2001, pp. 878–883. URL consultato il 24 settembre 2017.
  25. ^ Giti Ozgoli, Elham Alsadat Selselei e Faraz Mojab, A randomized, placebo-controlled trial of Ginkgo biloba L. in treatment of premenstrual syndrome, in Journal of Alternative and Complementary Medicine (New York, N.Y.), vol. 15, nº 8, August 2009, pp. 845–851, DOI:10.1089/acm.2008.0493. URL consultato il 24 settembre 2017.
  26. ^ Xiang Yang Zhang, Wu-Fang Zhang e Dong-Feng Zhou, Brain-derived neurotrophic factor levels and its Val66Met gene polymorphism predict tardive dyskinesia treatment response to Ginkgo biloba, in Biological Psychiatry, vol. 72, nº 8, 15 ottobre 2012, pp. 700–706, DOI:10.1016/j.biopsych.2012.04.032. URL consultato il 24 settembre 2017.
  27. ^ A. J. Cohen e B. Bartlik, Ginkgo biloba for antidepressant-induced sexual dysfunction, in Journal of Sex & Marital Therapy, vol. 24, nº 2, April 1998, pp. 139–143, DOI:10.1080/00926239808404927. URL consultato il 24 settembre 2017.
  28. ^ Christopher D. Gardner, Ruth E. Taylor-Piliae e Alexandre Kiazand, Effect of Ginkgo biloba (EGb 761) on treadmill walking time among adults with peripheral artery disease: a randomized clinical trial, in Journal of Cardiopulmonary Rehabilitation and Prevention, vol. 28, nº 4, July 2008, pp. 258–265, DOI:10.1097/01.HCR.0000327184.51992.b8. URL consultato il 24 settembre 2017.
  29. ^ M. Rodríguez, L. Ringstad e P. Schäfer, Reduction of atherosclerotic nanoplaque formation and size by Ginkgo biloba (EGb 761) in cardiovascular high-risk patients, in Atherosclerosis, vol. 192, nº 2, June 2007, pp. 438–444, DOI:10.1016/j.atherosclerosis.2007.02.021. URL consultato il 24 settembre 2017.
  30. ^ Wei-na Cong, Rong-ya Tao e Jin-ying Tian, EGb761, an extract of Ginkgo biloba leaves, reduces insulin resistance in a high-fat-fed mouse model, in Acta Pharmaceutica Sinica B, vol. 1, nº 1, 1° giugno 2011, pp. 14–20, DOI:10.1016/j.apsb.2011.04.006. URL consultato il 24 settembre 2017.
  31. ^ P. Chuarienthong, N. Lourith e P. Leelapornpisid, Clinical efficacy comparison of anti-wrinkle cosmetics containing herbal flavonoids, in International Journal of Cosmetic Science, vol. 32, nº 2, April 2010, pp. 99–106, DOI:10.1111/j.1468-2494.2010.00522.x. URL consultato il 24 settembre 2017.
  32. ^ (EN) A-bombed Ginkgo trees in Hiroshima, Japan, su xs4all.nl. URL consultato il 5 maggio 2012.
  33. ^ Martina Brunner-Bulst, Il segreto del Ginkgo e una poesia di Goethe (PDF), su marciadibarbiana.it, 12 maggio 2007. URL consultato il 22 maggio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ginkgo farm, su ginkgofarm.it. URL consultato il 22 maggio 2010.
Controllo di autoritàLCCN: (ENsh85054984 · GND: (DE4198536-9
Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica