Salacca zalacca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Salak
Salacca edulis 5zz.jpg
Salacca zalacca
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Monocotiledoni
(clade) Commelinidi
Ordine Arecales
Famiglia Arecaceae
Sottofamiglia Calamoideae
Tribù Calameae
Sottotribù Salaccinae
Genere Salacca
Specie S. zalacca
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Arecidae
Ordine Arecales
Famiglia Arecaceae
Genere Salacca
Specie S. zalacca
Nomenclatura binomiale
Salacca zalacca
(Gaertn.) Voss, 1895
Sinonimi

Calamus salakka
Willd. ex Steud., 1840
Calamus zalacca
Gaertn., 1791
Salacca blumeana
Mart., 1838
Salacca edulis
Reinw., 1825
Salacca edulis var. amboinensis
Becc., 1918
Salacca rumphii
Wall., 1831[illegit.]
Salacca zalacca var. amboinensis
(Becc.) Mogea, 1982

Il salak (Salacca zalacca (Gaertn.) Voss, 1895) è una specie di palma appartenente alla famiglia Arecaceae.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È una palma di limitata altezza, ma con foglie lunghe fino a 6 metri, cosicché queste spesso ricadono verso il suolo, le foglie hanno piccioli eretti lunghi fino a due metri, molto spinosi (spine lunghe fino a 15 cm), le foglie sono pennate.

Frutti

I frutti sono anche conosciuti come "frutti di serpente" a causa della buccia squamosa bruno-rossastro, che sembra imitare la pelle del serpente. I frutti hanno circa le dimensioni e la forma di un grosso fico maturo, ma con la punta in alto, i frutti nascono a grappoli alla base dei piccioli fogliari. Data la spinosità dei piccioli la raccolta è difficile.

La polpa è commestibile. Il frutto può essere sbucciato pelandolo dalla punta. Il frutto all'interno è costituito da tre lobi contenenti un grande seme non commestibile. I lobi assomigliano, ed hanno la consistenza di grandi spicchi d'aglio. Il sapore è solitamente dolce, talvolta con un tono astringente, ma la loro consistenza può variare dalla consistenza secca e friabile (salak pondoh di Yogyakarta) a quella umida e croccante (salak di Bali).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È nativo delle isole di Giava e di Sumatra, in Indonesia, ma viene coltivato anche in altre regioni indonesiane e quindi cresce anche a Bali, Lombok, Timor, Maluku, e Sulawesi[2][3].

La palma salak è tipica in natura dei suoli umidi, e delle sponde fluviali delle piane costiere indonesiane.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

L'albero di salak è coltivato in tutto l'arcipelago indonesiano, dove vi sono almeno 30 cultivar, la maggior parte delle varietà coltivate hanno sapore dolce con una sfumatura di astringenza. Le due cultivar più note sono la Salak pondoh della provincia di Yogyakarta (trovata negli anni '80), e la Salak Bali dell'isola di Bali.

La coltivazione della palma salak è in estensione ed è legata alla distribuzione di consumo dei frutti verso le città, con una particolare connotazione alla distribuzione per il turismo, (mercati etnici, ristoranti, alberghi), dato il suo aspetto esotico che è esclusivo della Indonesia. Il frutto del salak gula pasir, noto anche come "salak sugar" (salak-zucchero), è noto per la sua eccellente succosità e dolcezza. Il succo può essere fermentato e produce il "vino di Salak" con una gradazione alcolica fino a 13,5 gradi volumetrici, quindi simile al vino tradizionale ottenuto da uve.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Salacca zalacca, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 1º febbraio 2021.
  2. ^ Kew World Checklist of Selected Plant Families
  3. ^ Govaerts, R. & Dransfield, J. (2005). World Checklist of Palms: 1-223. The Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]