Bixa orellana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bixa orellana
Bixa.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Dilleniidae
Ordine Malvales
Famiglia Bixaceae
Genere Bixa
Specie B. orellana
Nomenclatura binomiale
Bixa orellana
L.

Bixa orellana (Achiote) è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia Bixacee, originaria del Sud America (il Brasile è il maggiore esportatore).

Dai semi di questa pianta si ricava l'annatto, colorante naturale (E160b).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I suoi fiori sono di color rosa e dà frutti rossi a spine piene di grani, anche loro rossi.

La grana di roucou[1] non è di per sé commestibile . Essa viene raccolta poi seccata per estrarne la cera che avvolge i grani, molto ricchi di carotenoidi.

Il roucou o annatto o achiote, utilizzato nell'alimentazione, corrisponde a questa preparazione. Si tratta di un potente colorante e anche un condimento, dal sapore leggero di noce moscata pepata.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene l'esatta origine della Bixa orellana sia ignota, essa è nativa del Sudamerica settentrionale e dei tropici dell'America Centrale:

«Si dice che sia indigena della costa nordoccidentale di Messico e Panama, di Triana nella Nuova Granada, di Meyer nella Guaiana Olandese e di Piso e Claussen in Brasile»

([2])

Inoltre la Bixa orellana si trova sia allo stato selvatico che coltivata tra Messico ed Ecuador, in Brasile e in Bolivia.[3] Sebbene sia una specie invasiva, viene coltivata in molte regioni del mondo.[3]

Durante i secoli XVI e XVII, la tintura di annatto era distribuita nel Sudest Asiatico, in Africa, nei Caraibi, nelle Hawaii e nelle regioni tropicali e subtropicali del sudest americano attraverso scambi commerciali.[3][2] Essa divenne coltivata nelle regioni tropicali dell'Asia, quali India, Sri Lanka e Giava principalmente per il colore fornito dai suoi semi.[3]

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

È una pianta mirmecofila che accoglie le formiche nei nettari extrafloreali e negli internodi.[4]

Uso in cucina[modifica | modifica wikitesto]

La pasta di achiote, favorita nella cucina dello Yucatán e di Oaxaca, è formata dai semi rossi di achiote, dal sapore leggermente amaro, con gusto di terra, mescolati con altre spezie e macinati fino a formare una pasta. L'achiote è decisamente importante come colorante e aroma nella cucina messicana.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Dictionnaire encyclopédique des sciences médicales. Troisième série, Q-T. Tome cinquième, RHU-RYT, su Gallica, 1874-1885, p. 103. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  2. ^ a b (EN) Julia F. Morton, Can Annatto (Bixa orellana, L.), an old source of food color, meet new needs for safe dye?, in Proceedings of the Florida State Horticultural Society, vol. 73, 1960, pp. 301–309. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  3. ^ a b c d (EN) Bixa orellana (annatto), su cabi.org, Center for Agriculture and Biosciences International (CABI), 27 settembre 2018. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  4. ^ Annato, su infoerbe.org. URL consultato il 17 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2010).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Van Wyk, Ben-Erik, Food Plants of the World, Portland, Oregon, Timber Press Inc., 2005, ISBN 0-88192-743-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]