Za'atar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Za'atar
ZaatarbyGassan.jpg
Zattar fatta con origano, timo, sesamo e sale
Origini
Altri nomizaatar, za'tar, zatar, zatr, zattr, zahatar, zaktar, satar
Luoghi d'origineLibano Libano
Palestina Palestina
Zona di produzioneLevante
Dettagli
Categoriacondimento
Ingredienti principaliorigano, semi di sesamo, sumacco, sale

Lo Za'atar (in arabo: زعتر‎; in armeno: զահթար; in ebraico: זעתר?) è una miscela di spezie originaria del Medio Oriente. Il termine arabo zaʿtar si riferisce ad alcune piante locali della famiglia delle Lamiaceae, tra le quali maggiorana, origano e timo[1].

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Lo za'atar è una mistura di spezie tradizionalmente composta da timo, sesamo e sale, ma la cui composizione può anche prevedere origano, cumino, semi di finocchio, santoreggia, maggiorana, sommacco, issopo. Come per molte miscele orientali di spezie, ogni famiglia ha la sua ricetta. Si conserva sott'olio, sotto sale, o fatta essiccare al sole.

Costume[modifica | modifica wikitesto]

In Libano si crede che questa miscela di spezie rafforzi il corpo e la mente; perciò i bambini sono incoraggiati a mangiare cibi insaporiti con za'atar (un sandwich aromatizzato allo za'atar è una colazione tradizionale prima di un esame). La miscela è popolare nell'area dell'ex-impero Ottomano (Libano, Egitto, Turchia, Siria, Palestina, Giordania, ed è molto usata anche con la focaccia (manakish b zattar) che viene consumata in prevalenza per colazione. A Zahle o Zahlé (in arabo: زحلة‎, Zahla) gli antenati della famiglia Zaatar producevano medicina a base di timo (considerata oggi omeopatica). Alcune ricette dell'inizio novecento testimoniano questo passato in libri scritti a mano ed in arabo. Nel dialetto Siracusano il timo viene chiamato Zattra, parola indubbiamente di origine araba.

Cucina tipica[modifica | modifica wikitesto]

Manakeesh preparato con za'atar in un forno palestinese

È usata per speziare pani, carni e verdure e mescolata con olio di oliva viene spalmata sulla base di una sorta di piccola focaccia mediorientale, chiamata manouche (singolare) o manakish. Viene anche aggiunta al labne (uno yogurt che è stato scolato fino a fargli raggiungere la consistenza di un formaggio cremoso dal sapore intenso).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ana Sortun, Spice: Flavors of the Eastern Mediterranean, HarperCollins, 2013, p. 31, ISBN 0-06-233651-7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina