Vachellia farnesiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Gaggìa
Vachellia farnesiana
Stato di conservazione
Specie non valutata
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi
(clade) Fabidi
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Sottofamiglia Caesalpinioideae
(clade) Mimosoide
Genere Vachellia
Specie V. farnesiana
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Fabales
Famiglia Mimosaceae
Genere Vachellia
Specie V. farnesiana
Nomenclatura binomiale
Vachellia farnesiana
(L.) Wight & Arn., 1834
Sinonimi

Acacia acicularis
Acacia farnesiana
Acacia indica
Acacia minuta
Acacia lenticellata
Farnesia odora
Farnesiana odora
Mimosa acicularis
Mimosa farnesiana
Mimosa indica
Mimosa suaveolens
Pithecellobium acuminatum
Pithecellobium minutum
Popanax farnesiana
Poponax farnesiana

Areale

     aree native

     aree di introduzione

La gaggìa[1] (Vachellia farnesiana (L.) Wight & Arn., 1834) è una pianta appartenente alla famiglia delle Fabacee.[2]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'epiteto specifico farnesiana fa riferimento alla dinastia rinascimentale dei Farnese, in quanto l'esemplare descritto da Linneo nel 1753, come Mimosa farnesiana, proveniva dagli Orti Farnesiani di Roma.[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Foglie, fiori e frutti della pianta
Semi

Questa pianta è un arbusto deciduo con fusto alto fino a 6-7 metri, e con diametro di 20 cm, con rami pendenti.[4]

Le foglie sono bipennate, provviste di stipole spinose, lunghe da 1,5 a 5 cm, formate da 4-10 paia di pinne composte da numerose piccole foglioline, lunghe 2–4 mm.

Ha infiorescenze globose, di colore giallo-dorato, solitarie o in piccoli gruppi, riunite all'ascella delle foglie, molto profumate.

Il frutto è un legume grossolanamente cilindrico, contenente da 2 a 10 semi, ricoperti da un tegumento di colore bruno.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è originaria della zona tropicale del Nuovo Mondo (ecozona neotropicale)[2]. È stata introdotta, e si è naturalizzata in molti paesi della fascia tropicale e subtropicale di Africa, Asia e Australia.[5]
In Europa la sua presenza, come specie naturalizzata, è segnalata in Spagna, Francia e Italia (compresa la Sicilia).[6]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il fogliame è una notevole fonte di foraggi in buona parte della sua gamma, con un tenore di proteine di circa il 18%.[senza fonte]
  • I fiori sono elaborati attraverso la distillazione per produrre un profumo chiamato Cassie. È ampiamente usato nell'industria dei profumi in Europa. L'unguento profumato di Cassie è realizzato in particolar modo in India.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vocabolario Treccani, voce Gaggia.
  2. ^ a b (EN) Vachellia farnesiana, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 2 giugno 2023.
  3. ^ Pignatti S., Vachellia farnesiana, in Flora d'Italia Vol. II, Milano, Edagricole, 2017, p. 431, ISBN 9788850652433.
  4. ^ Acacia farnesiana, su Hortus Botanicus Catinensis, Dipartimento di Botanica Università di Catania. URL consultato il 27 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  5. ^ Acacia farnesiana, su ILDIS World Database of Legumes.
  6. ^ Tutin T.G., Heywood V.H. et al., Leguminosae, in Flora Europea, Cambridge University Press, 1976, ISBN 0-521-08489-X.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Botanica