Acido colico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acido colico
formula di struttura dell'acido colico
Nome IUPAC
acido (R)-4-((3R,5S,7R,8R,9S,10S,12S,13R,14S,17R)-

3,7,12-triidrossi-10,13-dimetilesadecaidro-1H- ciclopenta[a]fenantren-17-il)pentanoico

Nomi alternativi
acido 3α,7α,12α-triidrossi-5β-colanoico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C24H40O5
Massa molecolare (u) 408,57
Aspetto solido bianco
Numero CAS [81-25-4]
PubChem 221493
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua insolubile
Temperatura di fusione 200-201 °C

L'acido colico è uno steroide, e più precisamente un acido biliare; si presenta come una sostanza bianca e cristallina, insolubile in acqua (solubile in etanolo e acido acetico), con un punto di fusione di 200,2-201,6 °C. I sali dell'acido colico, ovvero questi deprotonati, sono detti colati e dal momento che il pH del fegato è (di regola) al di sotto di 7 sono proprio quest'ultimi la forma maggiormente presente all'equilibrio (acido colico --> colato). L'acido colico, insieme con l'acido chenodesossicolico, è il più importante degli acidi biliari prodotti dal fegato – dove esso viene sintetizzato a partire dal colesterolo. I derivati del colato rappresentano circa l'80% di tutti gli acidi biliari. Questi derivati vengono prodotti a partire dal colil-coenzima A (colil-CoA), che, unendosi con la glicina o la taurina, porta rispettivamente all'acido glicocolico e all'acido taurocolico.

Se l'acido colico e l'acido chenodesossicolico sono i più importanti acidi biliari umani, altri mammiferi sintetizzano prevalentemente l'acido desossicolico.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]