Michael Bradley (calciatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Michael Bradley
Michael Bradley con la nazionale statunitense nel 2013
Nazionalità Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185[1] cm
Peso 75 kg
Calcio
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Stabæk (Assistente)
Termine carriera 25 ottobre 2023 - giocatore
Carriera
Giovanili
????-2002Chicago Sockers
2002-2004IMG Soccer Academy
Squadre di club1
2004-2005MetroStars30 (1)[2]
2006-2008Heerenveen55 (15)[3]
2008-2011Borussia M'gladbach76 (10)
2011Aston Villa3 (0)
2011-2012Chievo35 (1)
2012-2014Roma41 (2)
2014-2023Toronto FC245 (16)[4]
Nazionale
2002-2004Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti U-176 (0)
2004Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti U-181 (0)
2004-2007Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti U-208 (1)
2008Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti olimpica4 (0)
2006-2019Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti151 (17)
Carriera da allenatore
2023-StabækAssistente
Palmarès
 Gold Cup
Oro USA 2007
Argento USA 2011
Oro USA 2017
Argento USA-Costa Rica-Giamaica 2019
 Confederations Cup
Argento Sudafrica 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 25 ottobre 2023

Michael Sheehan Bradley (Princeton, 31 luglio 1987) è un allenatore di calcio ed ex calciatore statunitense, di ruolo centrocampista, assistente tecnico dello Stabæk.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bradley è nato a Princeton, nel New Jersey, figlio di Bob Bradley, ex allenatore della nazionale degli Stati Uniti. Mentre suo padre era capo allenatore di calcio dei Princeton Tigers all'Università di Princeton, la famiglia viveva a Pennington, nel New Jersey.

Michael ha trascorso la sua adolescenza a Palatine, Illinois, mentre suo padre allenava i Chicago Fire all'interno della Major League Soccer (MLS), ed è cresciuto giocando per il Sockers FC, dove è ha partecipato ai Campionati nazionali del 2002 posizionandosi terzo. Successivamente ha frequentato il programma di residenza della squadra nazionale maschile Under-17 degli Stati Uniti a Bradenton, in Florida, la struttura dedicata all'allenamento della nazionale Under-17, per quattro semestri, dal 2002 al 2004. Da bambino, ha idolatrato Roy Keane, il centrocampista del Manchester United e della Repubblica d'Irlanda.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Bradley parla correntemente inglese, italiano, olandese, tedesco e spagnolo. È sposato con Amanda, ex tennista dell'Università del Rhode Island. La coppia ha un figlio e una figlia, nati rispettivamente nel 2012 e nel 2014.[5][6] La sorella di Michael Bradley ha sposato il calciatore australiano Andy Rose.[7]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Bradley è un centrocampista di rottura, forte fisicamente e che corre molto durante la partita, compensando i propri limiti tecnici.[8]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Princeton, New Jersey, figlio del tecnico Bob Bradley,[9] cresce in Illinois, negli anni in cui suo padre allena i Chicago Fire della Major League Soccer (MLS); Michael gioca invece per i concittadini Chicago Sockers, che partecipano ai campionati nazionali del 2002 finendo terzi. Più tardi frequenta per due anni, dal 2002 al 2004, la IMG Soccer Academy a Bradenton, Florida, la struttura dedicata all'allenamento della nazionale statunitense Under-17.

Prima di lasciare Bradenton firma un contratto Project-40 con la MLS, diventando professionista a 16 anni ed entrando nel SuperDraft del 2004, dove viene scelto come 36º dai MetroStars, all'epoca allenati da suo padre Bob. Non scende in campo nella sua prima stagione per un infortunio al piede ma guadagna un posto da titolare nel 2005, giocando 30 su 32 partite per i Metros: proprio poche settimane dopo che suo padre era stato esonerato, Michael segna il suo primo gol da professionista, in una vittoria sui Chivas USA all'ultima giornata della regular season del campionato 2005, dando alla sua squadra l'accesso ai play-off.

L'arrivo in Europa: Heerenveen, Borussia M'gladbach e Aston Villa[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2006 diventa il giocatore più giovane della MLS ad essere venduto quando si trasferisce agli olandesi dell'Heerenveen. Disputa la sua prima partita da titolare il successivo 16 aprile, contro l'AZ Alkmaar, giocando da quel momento quattro partite da titolare e aiutando il club a raggiungere la qualificazione alla Coppa UEFA. A livello internazionale, in competizioni confederali, vanta 6 presenze e due gol, debuttando il 28 settembre 2006 nello 0-0 casalingo contro il portoghesi del Vitória Setúbal.[10]

Il 31 agosto 2008 firma per i tedeschi del Borussia M'gladbach,[11] debuttando il successivo 20 settembre nella sconfitta contro l'Hertha Berlino. Il 15 novembre 2008 segna il suo primo gol per il M'gladbach, contro il Bayern Monaco, contribuendo al 2–2 finale. All'inizio della stagione 2009-2010 viene per un breve periodo sospeso dalla squadra, dopo una lite con il manager Michael Frontzeck;[12] in seguito i due si riconciliarono e Bradley diventa titolare, fornendo un assist contro il Bayern e segnando il gol della vittoria contro l'Hannover 96.

Il 31 gennaio 2011 viene ufficializzato il suo trasferimento in prestito all'Aston Villa.[13] Termina la sua esperienza a Birmingham con 3 presenze in Premier League e una in FA Cup.

Esperienze italiane: Chievo e Roma[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 agosto 2011 passa alla società italiana del Chievo, che lo acquista a titolo definitivo[14] per 1,2 milioni di euro.[15] Esordisce in Serie A il successivo 18 settembre, nella sconfitta esterna 2-1 contro il Parma,[16] diventando titolare fisso nella squadra di Domenico Di Carlo. Il 7 aprile 2012 segna il suo primo gol in A, nel successo interno 3-2 sul Catania.

Bradley (a destra) alla Roma nel 2013, mentre contrasta Thierry Henry durante l'MLS All-Star Game

Il 15 luglio 2012, la Roma ufficializza l'acquisto del calciatore: al Chievo viene riconosciuta la cifra di 3,25 milioni di euro, più la metà del cartellino di Adrian Stoian.[17] Si tratta del primo statunitense della storia a vestire la maglia dei giallorossi capitolini,[18] con cui fa il suo esordio nella gara casalinga contro il Catania terminata 2-2.[19] Il 7 ottobre 2012 segna il suo primo gol con la maglia giallorossa, contro l'Atalanta, in una gara terminata 2-0 per i romani.[20] Il 31 dicembre dello stesso anno viene proclamato vincitore della prima edizione dell'American Player of the Year Award, venendo preferito al centrocampista del Seattle Sounders, Clint Dempsey, e all'attaccante del Sunderland, Jozy Altidore, rispettivamente secondo e terzo nella classifica finale.[21]

Il 27 ottobre 2013 realizza la sua prima rete stagionale, che decise la trasferta contro l'Udinese (0-1).[22] Il 6 gennaio 2014 viene inserito da Forbes, per la seconda volta, nella lista dei 30 sportivi Under-30 più influenti dell'anno.[23]

Toronto FC[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 gennaio 2014 Bradley torna in MLS, venendo acquistato dai canadesi del Toronto FC per 10 milioni di dollari (equivalenti a circa 7,35 milioni di euro).[24] Come parte del trasferimento, i due club hanno concordato una partnership che prevedeva la disputa di due amichevoli al BMO Field e un programma di sviluppo dei giovani giocatori del Toronto presso la struttura di allenamento della Roma.[25]

Bradley ha debuttato con il Toronto nella gara di apertura giocata contro i Seattle Sounders il 15 marzo 2014, conclusasi con la vittoria per 2-1 in favore dei canadesi grazie a una doppietta del neoacquisto Jermain Defoe.[26] Ha messo a segno la sua prima rete tre settimane dopo in una gara vinta per 2-0 in casa del Columbus Crew. Per la stagione 2015 verrà nominato capitano della squadra.[27]

Darà una mano fondamentale per la conquista della finale di MLS Cup, mettendo a segno una rete nella gara vinta per un totale di 7-5 contro i rivali del Montréal Impact.[28] Il 10 dicembre 2016 il Toronto perse la finale per 5-4 ai tiri di rigore contro i Seattle Sounders dopo aver tenuto il punteggio inviolato per tutti i tempi regolamentari e supplementari. Bradley fu l'autore di uno dei rigori sbagliati dal club canadese.[29]

Il successivo arrivo del trequartista spagnolo Víctor Vázquez all'inizio della stagione 2017 cambiò notevolmente lo stile di gioco del Toronto: l'allora tecnico Greg Vanney decise di passare da un 4-4-2 ad un 3-5-2, con Bradley che venne impiegato per lo più come centrocampista difensivo, e il che lasciò che lo spagnolo prendesse tutti compiti della trequarti.[30] Il 27 giugno il Toronto conquistò la Canadian Championship 2017 sconfiggendo i rivali del Montréal Impact in finale per 3-2.[31] Il 30 settembre 2017 Bradley ha ottenuto il suo primo MLS Supporters' Shield con una vittoria casalinga per 4-2 contro i New York Red Bulls, conquistando inoltre la vetta della classifica con il maggior numero di punti.[32] Il 9 dicembre 2017, Bradley ha dato un contributo fondamentale per la conquista della prima MLS Cup nella storia del club battendo i Seattle Sounders per 2-0, completando anche il treble nazionale.[33]

Il 18 aprile dell'anno seguente il Toronto si interfaccerà con il Guadalajara nella finale di andata della CONCACAF Champions League 2018, venendo però battuti con il risultato di 2-1. Nella gara di ritorno disputata il 25 aprile i canadesi riusciranno a mandare la gara ai tiri di rigore dopo esser riusciti ad uscire dai tempi supplementari mantenendo il risultato fermo sul 2-1. Nonostante ciò, il Toronto dovrà arrendersi ai messicani dopò un errore cruciale dal dischetto effettuato proprio del difensore statunitense.[34] Il 10 novembre 2019 ha totalizzato la sua 200esima presenza con la maglia del Toronto, disputando la finale della MLS Cup 2019 persa per 3-1 contro i Seattle Sounders.[35]

Poco dopo l'inizio del 2020, il giocatore ha subito un intervento chirurgico alla caviglia e quindi avrebbe dovuto saltare gran parte della stagione.[36] Tuttavia, a causa della pandemia di COVID-19, ha saltato solamente due gare tornando in buone condizioni giusto per l'avvio dell'MLS is Back Tournament. Concluse l'annata 2020 totalizzando solamente nove presenze in campionato.

Nel 2022 ha messo a segno una doppietta nella gara vinta per 4-0 contro il Charlotte FC, nella quale hanno debuttato i due nuovi acquisti Federico Bernardeschi e Lorenzo Insigne, ed entrambi hanno contribuito alla doppietta di Bradley. Questa prestazione gli è valsa il premio di miglior giocatore della settimana.[37]

Il 17 ottobre 2023, il difensore statunitense annuncia il ritiro dal calcio giocato dopo nove stagioni e quattro campionati vinti con la maglia del Toronto.[38][39] Il 25 ottobre seguente annuncia che si sarebbe aggregato al padre Bob sulla panchina dello Stabæk nel ruolo di assistente tecnico.[40]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Bradley con la nazionale statunitense nel 2013

Nel maggio 2006 viene portato al campo di allenamento di Cary, North Carolina, per allenarsi per la prima volta con la nazionale maggiore. Anche se non farà parte della squadra per la fase finale del campionato del mondo 2006 in Germania, viene convocato per tre amichevoli preparatorie al torneo, debuttando il 26 maggio contro il Venezuela, entrando a partita in corso.

Alla fine del 2006 il padre di Michael, Bob, viene ingaggiato come allenatore della nazionale e il giocatore diventa un punto fermo nel centrocampo statunitense sotto la gestione paterna, giocando la prima partita da titolare il 28 marzo 2007, in un'amichevole contro il Guatemala. Si conferma titolare alla CONCACAF Gold Cup 2007 dove aiuta la nazionale a vincere il titolo, nonostante la sua espulsione nella semifinale contro il Canada. Segna il primo gol con la nazionale maggiore il 17 ottobre 2007, all'87', in un'amichevole a Basilea contro la Svizzera che la sua squadra vince proprio grazie alla sua rete.

Dopo queste prestazioni, viene scelto come "U.S. Soccer's Young Athlete of the Year 2007".[41] Durante la prova della nazionale alla Confederations Cup 2009, segna il secondo gol contro l'Egitto al 63', ma non potrà giocare la finale in quanto espulso dall'arbitro Jorge Larrionda:[42] i dissidi con Larrionda proseguono dopo la partita e ciò gli costa un'ulteriore squalifica di 3 partite da scontare durante la CONCACAF Gold Cup 2009.[43]

Bradley viene convocato per il campionato del mondo 2010 in Sudafrica: titolare della squadra statunitense, va a segno nella seconda partita contro la Slovenia, siglando la rete del pareggio.[44] Nell'estate 2015, poco prima della Gold Cup 2015, diventa ufficialmente capitano della nazionale succedendo a Clint Dempsey. L'anno seguente viene convocato per la Copa América Centenario negli Stati Uniti d'America.[45]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 9 giugno 2023.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005 Bandiera degli Stati Uniti MetroStars MLS 30+2[46] 1+0[46] USOC 0 0 - - - - - - 32 1
gen.-giu. 2006 Bandiera dei Paesi Bassi Heerenveen ED 1+4[46] 0+0[46] CO 0 0 CU 0 0 - - - 5 0
2006-2007 ED 21+2[46] 0+0[46] CO 1 0 CU 4 0 - - - 28 0
2007-2008 ED 33+3[46] 15+0[46] CO 2 2 CU 2 2 - - - 40 19
Totale Heerenveen 55+9 15 3 2 6 2 - - 73 19
2008-2009 Bandiera della Germania Borussia M'gladbach BL 28 5 CG 0 0 - - - - - - 28 5
2009-2010 BL 29 2 CG 2 0 - - - - - - 31 2
2010-gen. 2011 BL 19 3 CG 3 1 - - - - - - 22 4
Totale Borussia M'gladbach 76 10 5 1 - - - - 81 11
gen.-giu. 2011 Bandiera dell'Inghilterra Aston Villa PL 3 0 FACup+CdL 1+0 0 UEL - - - - - 4 0
2011-2012 Bandiera dell'Italia Chievo A 35 1 CI 1 0 - - - - - 36 1
2012-2013 Bandiera dell'Italia Roma A 30 1 CI 5 0 - - - - - - 35 1
2013-gen. 2014 A 11 1 CI 0 0 - - - - - - 11 1
Totale Roma 41 2 5 0 - - - - 46 2
2014 Bandiera del Canada Toronto FC MLS 25 2 CC 2 1 - - - - 27 3
2015 MLS 25+1[46] 5+0[46] CC 2 0 - - - - 28 5
2016 MLS 24+6[46] 1+1[46] CC 0 0 - - - - 30 2
2017 MLS 30+5[46] 0+0[46] CC 3 0 - - - - 38 0
2018 MLS 32 0 CC 2 0 CCL 8 0 CpC 1 0 43 0
2019 MLS 27+4[46] 3+0[46] CC 2 0 CCL 2 0 - - 35 3
2020 MLS 9+1[46] 0+0[46] CC 1 0 - - MisB 4 0 15 0
2021 MLS 32 1 CC 3 0 CCL 4 0 - - 39 1
2022 MLS 34 3 CC 3 0 - - - - 37 3
2023 MLS 7 1 CC 0 0 - - - - 7 1
Totale Toronto FC 245+17 16+1 18 1 14 0 5 0 299 18
Totale carriera 511 46 33 4 20 2 5 0 569 52

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Stati Uniti
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
26-5-2006 Cleveland Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera del Venezuela Venezuela Amichevole - Ingresso al 89’ 89’
28-5-2006 East Hartford Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera della Lettonia Lettonia Amichevole - Ingresso al 83’ 83’
25-3-2007 Tampa Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 3 – 1 Bandiera dell'Ecuador Ecuador Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
28-3-2007 Frisco Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 0 Bandiera del Guatemala Guatemala Amichevole -
2-6-2007 San Jose Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 4 – 1 Bandiera della Cina Cina Amichevole -
7-6-2007 Carson Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera del Guatemala Guatemala Gold Cup 2007 - 1º turno -
9-6-2007 Carson Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera di Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Gold Cup 2007 - 1º turno - Ingresso al 65’ 65’
12-6-2007 Foxborough Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 4 – 0 Bandiera di El Salvador El Salvador Gold Cup 2007 - 1º turno - Uscita al 64’ 64’
16-6-2007 Foxborough Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 1 Bandiera di Panama Panama Gold Cup 2007 - Quarti di finale -
21-6-2007 Chicago Canada Bandiera del Canada 1 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Gold Cup 2007 - Semifinale -
22-8-2007 Göteborg Svezia Bandiera della Svezia 1 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
9-9-2007 Chicago Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -
17-10-2007 Basilea Svizzera Bandiera della Svizzera 0 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole 1
17-11-2007 Johannesburg Sudafrica Bandiera del Sudafrica 0 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
6-2-2008 Houston Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 2 Bandiera del Messico Messico Amichevole - Uscita al 63’ 63’
26-3-2008 Cracovia Polonia Bandiera della Polonia 0 – 3 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
28-3-2008 Londra Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 2 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
4-6-2008 Santander Spagna Bandiera della Spagna 1 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
8-6-2008 East Rutherford Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 0 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 46’ 46’
15-6-2008 Carson Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 8 – 0 Bandiera di Barbados Barbados Qual. Mondiali 2010 1
22-6-2008 Bridgetown Barbados Bandiera di Barbados 0 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2010 -
20-8-2008 Città del Guatemala Guatemala Bandiera del Guatemala 0 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2010 -
6-9-2008 L'Avana Cuba Bandiera di Cuba 0 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2010 -
10-9-2008 Bridgeview Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 3 – 0 Bandiera di Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Qual. Mondiali 2010 1 Uscita al 67’ 67’
11-10-2008 Washington Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 6 – 1 Bandiera di Cuba Cuba Qual. Mondiali 2010 -
11-2-2009 Columbus Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera del Messico Messico Qual. Mondiali 2010 2
28-3-2009 San Salvador El Salvador Bandiera di El Salvador 2 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 90+5’ 90+5’
1-4-2009 Nashville Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 3 – 0 Bandiera di Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Qual. Mondiali 2010 -
3-6-2009 San José Costa Rica Bandiera della Costa Rica 3 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2010 -
15-6-2009 Pretoria Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 3 Bandiera dell'Italia Italia Conf. Cup 2009 - 1º turno -
18-6-2009 Pretoria Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 3 Bandiera del Brasile Brasile Conf. Cup 2009 - 1º turno -
21-6-2009 Rustenburg Egitto Bandiera dell'Egitto 0 – 3 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Conf. Cup 2009 - 1º turno 1
24-6-2009 Bloemfontein Spagna Bandiera della Spagna 0 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Conf. Cup 2009 - Semifinale -
12-8-2009 Città del Messico Messico Bandiera del Messico 2 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2010 -
5-9-2009 Sandy Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 1 Bandiera di El Salvador El Salvador Qual. Mondiali 2010 -
9-9-2009 Port of Spain Trinidad e Tobago Bandiera di Trinidad e Tobago 0 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2010 -
10-10-2009 San Pedro Sula Honduras Bandiera dell'Honduras 2 – 3 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Washington Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 2 Bandiera della Costa Rica Costa Rica Qual. Mondiali 2010 1
14-11-2009 Bratislava Slovacchia Bandiera della Slovacchia 1 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
18-11-2009 Aarhus Danimarca Bandiera della Danimarca 3 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - Uscita al 61’ 61’
3-3-2010 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
29-5-2010 Filadelfia Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 1 Bandiera della Turchia Turchia Amichevole -
5-6-2010 Roodepoort Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 3 – 1 Bandiera dell'Australia Australia Amichevole -
12-6-2010 Rustenburg Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 1 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2010 - 1º turno -
18-6-2010 Johannesburg Slovenia Bandiera della Slovenia 2 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2010 - 1º turno 1
23-6-2010 Pretoria Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera dell'Algeria Algeria Mondiali 2010 - 1º turno -
26-6-2010 Rustenburg Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 2 dts Bandiera del Ghana Ghana Mondiali 2010 - Ottavi di finale -
10-8-2010 East Rutherford Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 2 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -
9-10-2010 Chicago Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 2 Bandiera della Polonia Polonia Amichevole -
12-10-2010 Chester Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 0 Bandiera della Colombia Colombia Amichevole -
26-3-2011 East Rutherford Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 1 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole -
29-3-2011 Nashville Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 1 Bandiera del Paraguay Paraguay Amichevole -
4-6-2011 Foxborough Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 4 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
7-6-2011 Detroit Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera del Canada Canada Gold Cup 2011 - 1º turno -
11-6-2011 Tampa Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 2 Bandiera di Panama Panama Gold Cup 2011 - 1º turno -
14-6-2011 Kansas City Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera della Guadalupa Guadalupa Gold Cup 2011 - 1º turno - Uscita al 85’ 85’
19-6-2011 Washington Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera della Giamaica Giamaica Gold Cup 2011 - Quarti di finale -
22-6-2011 Houston Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera di Panama Panama Gold Cup 2011 - Semifinale -
25-6-2011 Pasadena Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 4 Bandiera del Messico Messico Gold Cup 2011 - Finale 1
10-8-2011 Filadelfia Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 1 Bandiera del Messico Messico Amichevole - Uscita al 72’ 72’
8-10-2011 Miami Gardens Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera dell'Honduras Honduras Amichevole - Ingresso al 65’ 65’
11-10-2011 Harrison Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 1 Bandiera dell'Ecuador Ecuador Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
15-11-2011 Lubiana Slovenia Bandiera della Slovenia 2 – 3 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - Uscita al 90+4’ 90+4’
29-2-2012 Genova Italia Bandiera dell'Italia 0 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
26-5-2012 Jacksonville Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 5 – 1 Bandiera della Scozia Scozia Amichevole 1
30-5-2012 East Rutherford Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -
3-6-2012 Toronto FC Canada Bandiera del Canada 0 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
8-6-2012 Tampa Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 3 – 1 Bandiera di Antigua e Barbuda Antigua e Barbuda Qual. Mondiali 2014 -
12-6-2012 Città del Guatemala Guatemala Bandiera del Guatemala 1 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 St. John's Antigua e Barbuda Bandiera di Antigua e Barbuda 1 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2014 -
16-10-2012 Kansas City Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 3 – 1 Bandiera del Guatemala Guatemala Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Krasnodar Russia Bandiera della Russia 2 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole 1
6-2-2013 San Pedro Sula Honduras Bandiera dell'Honduras 2 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2014 -
22-3-2013 Commerce City Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera della Costa Rica Costa Rica Qual. Mondiali 2014 -
26-3-2013 Città del Messico Messico Bandiera del Messico 0 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2014 -
2-6-2013 Washington Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 4 – 3 Bandiera della Germania Germania Amichevole -
7-6-2013 Kingston Giamaica Bandiera della Giamaica 1 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2014 -
11-6-2013 Seattle Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera di Panama Panama Qual. Mondiali 2014 -
18-6-2013 Sandy Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera dell'Honduras Honduras Qual. Mondiali 2014 -
14-8-2013 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina Bandiera della Bosnia ed Erzegovina 3 – 4 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
15-11-2013 Glasgow Scozia Bandiera della Scozia 0 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
19-11-2013 Vienna Austria Bandiera dell'Austria 1 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
2-4-2014 Glendale Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 2 Bandiera del Messico Messico Amichevole 1
27-5-2014 San Francisco Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera dell'Azerbaigian Azerbaigian Amichevole -
1-6-2014 Harrison Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 1 Bandiera della Turchia Turchia Amichevole -
7-6-2014 Jacksonville Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 1 Bandiera della Nigeria Nigeria Amichevole -
16-6-2014 Natal Ghana Bandiera del Ghana 1 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2014 - 1º turno -
22-6-2014 Manaus Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 2 Bandiera del Portogallo Portogallo Mondiali 2014 - 1º turno -
26-6-2014 Recife Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 1 Bandiera della Germania Germania Mondiali 2014 - 1º turno -
1-7-2014 Salvador Belgio Bandiera del Belgio 2 – 1 dts Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2014 - Ottavi di finale -
14-10-2014 Boca Raton Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 1 Bandiera dell'Honduras Honduras Amichevole - Uscita al 75’ 75’
28-1-2015 Rancagua Cile Bandiera del Cile 3 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
8-2-2015 Carson Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera di Panama Panama Amichevole 1
25-3-2015 Aarhus Danimarca Bandiera della Danimarca 3 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - cap.
31-3-2015 Zurigo Svizzera Bandiera della Svizzera 1 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - cap.
15-4-2015 San Antonio Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera del Messico Messico Amichevole - cap.
5-6-2015 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 4 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - cap.
10-6-2015 Colonia Germania Bandiera della Germania 1 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - cap.
3-7-2015 Nashville Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 4 – 0 Bandiera del Guatemala Guatemala Amichevole - cap.
7-7-2015 Frisco Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 1 Bandiera dell'Honduras Honduras Gold Cup 2015 - 1º turno - cap.
10-7-2015 Foxborough Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera di Haiti Haiti Gold Cup 2015 - 1º turno - cap.
13-7-2015 Kansas City Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 1 Bandiera di Panama Panama Gold Cup 2015 - 1º turno 1 cap.
18-7-2015 Baltimora Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 6 – 0 Bandiera di Cuba Cuba Gold Cup 2015 - Quarti di finale - cap.
22-7-2015 Atlanta Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 2 Bandiera della Giamaica Giamaica Gold Cup 2015 - Semifinale 1 cap.
25-7-2015 Filadelfia Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 1 dts
(2 - 3 dtr)
Bandiera di Panama Panama Gold Cup 2015 - Finale 3º posto - cap.
8-9-2015 Foxborough Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole - cap. Uscita al 79’ 79’
10-10-2015 Pasadena Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 3 dts Bandiera del Messico Messico QConf.Cup 2017 - cap. Ammonizione al 87’ 87’
13-11-2015 Saint Louis Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 6 – 1 Bandiera di Saint Vincent e Grenadine Saint Vincent e Grenadine Qual. Mondiali 2018 - cap.
17-11-2015 Port of Spain Trinidad e Tobago Bandiera di Trinidad e Tobago 0 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2018 - cap.
31-1-2016 Carson Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 3 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - cap.
5-2-2016 Carson Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera del Canada Canada Amichevole - cap.
25-3-2016 Città del Guatemala Guatemala Bandiera del Guatemala 2 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2018 - cap. Ammonizione al 83’ 83’
29-3-2016 Columbus Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 4 – 0 Bandiera del Guatemala Guatemala Qual. Mondiali 2018 - cap. Ammonizione al 72’ 72’
25-5-2016 Frisco Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera dell'Ecuador Ecuador Amichevole - cap.
28-5-2016 Kansas City Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 4 – 0 Bandiera della Bolivia Bolivia Amichevole - cap. Uscita al 73’ 73’
3-6-2016 Santa Clara Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 2 Bandiera della Colombia Colombia Coppa America Centenario - 1º turno - cap.
7-6-2016 Chicago Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 4 – 0 Bandiera della Costa Rica Costa Rica Coppa America Centenario - 1º turno - cap.
11-6-2016 Filadelfia Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera del Paraguay Paraguay Coppa America Centenario - 1º turno - cap. Ammonizione al 59’ 59’
16-6-2016 Seattle Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 1 Bandiera dell'Ecuador Ecuador Coppa America Centenario - Quarti di finale - cap.
21-6-2016 Houston Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 4 Bandiera dell'Argentina Argentina Coppa America Centenario - Semifinale - cap.
25-6-2016 Glendale Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 1 Bandiera della Colombia Colombia Coppa America Centenario - Finale 3º posto - cap. Uscita al 79’ 79’
7-9-2016 Jacksonville Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 4 – 0 Bandiera di Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Qual. Mondiali 2018 - cap.
7-10-2016 L'Avana Cuba Bandiera di Cuba 0 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - cap.
11-10-2016 Washington Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 1 Bandiera della Nuova Zelanda Nuova Zelanda Amichevole - cap.
12-11-2016 Columbus Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 2 Bandiera del Messico Messico Qual. Mondiali 2018 - cap.
16-11-2016 San José Costa Rica Bandiera della Costa Rica 4 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2018 - cap. Ammonizione al 54’ 54’
29-1-2017 San Diego Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 0 Bandiera della Serbia Serbia Amichevole - cap.
4-2-2017 Chattanooga Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera della Giamaica Giamaica Amichevole - Ingresso al 62’ 62’
25-3-2017 San José Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 6 – 0 Bandiera dell'Honduras Honduras Qual. Mondiali 2018 1 cap.
29-3-2017 Panama Panama Bandiera di Panama 1 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2018 - cap.
3-6-2017 Sandy Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 1 Bandiera del Venezuela Venezuela Amichevole - cap.
8-6-2017 Commerce City Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera di Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Qual. Mondiali 2018 - cap.
11-6-2017 Città del Messico Messico Bandiera del Messico 1 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2018 1 cap.
19-7-2017 Filadelfia Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 0 Bandiera di El Salvador El Salvador Gold Cup 2017 - Quarti di finale - cap.
22-7-2017 East Rutherford Costa Rica Bandiera della Costa Rica 0 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Gold Cup 2017 - Semifinale - cap.
26-7-2017 San Jose Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 1 Bandiera della Giamaica Giamaica Gold Cup 2017 - Finale - cap.
1-9-2017 Harrison Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 2 Bandiera della Costa Rica Costa Rica Qual. Mondiali 2018 - cap.
5-9-2017 San Pedro Sula Honduras Bandiera dell'Honduras 1 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2018 - cap.
6-10-2017 Orlando Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 4 – 0 Bandiera di Panama Panama Qual. Mondiali 2018 - cap.
10-10-2017 Couva Trinidad e Tobago Bandiera di Trinidad e Tobago 2 – 1 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Qual. Mondiali 2018 - cap.
12-10-2018 Tampa Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 4 Bandiera della Colombia Colombia Amichevole - cap.
17-10-2018 East Hartford Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 1 Bandiera del Perù Perù Amichevole - Ingresso al 78’ 78’
28-1-2019 Phoenix Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 3 – 0 Bandiera di Panama Panama Amichevole - cap. Uscita al 84’ 84’
22-3-2019 Orlando Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera dell'Ecuador Ecuador Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
27-3-2019 Houston Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 1 Bandiera del Cile Cile Amichevole -
19-6-2019 Saint Paul Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 4 – 0 Bandiera della Guyana Guyana Gold Cup 2019 - 1º turno - cap. Uscita al 62’ 62’
23-6-2019 Cleveland Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 6 – 0 Bandiera di Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Gold Cup 2019 - 1º turno -
30-6-2019 Filadelfia Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 0 Bandiera di Curaçao Curaçao Gold Cup 2019 - Quarti di finale - cap.
3-7-2019 Nashville Giamaica Bandiera della Giamaica 1 – 3 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Gold Cup 2019 - Semifinale - cap.
7-7-2019 Chicago Messico Bandiera del Messico 1 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Gold Cup 2019 - Finale -
16-10-2019 Toronto Canada Bandiera del Canada 2 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti CONCACAF Nations League 2019-2020 - 2º turno -
Totale Presenze (3º posto) 151 Reti (9º posto) 17

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Toronto FC: 2016, 2017, 2018, 2020
Toronto FC: 2017
Toronto FC: 2017

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti 2007, Stati Uniti 2017

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Miglior giovane: 2007
Miglior atleta: 2015
2020

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michael Bradley, su mlssoccer.com. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  2. ^ 32 (1) se si comprendono le presenze e le reti nei play-off.
  3. ^ 64 (15) se si comprendono le presenze e le reti nei play-off.
  4. ^ 262 (17) se si comprendono le presenze e le reti nei play-off.
  5. ^ (EN) Luke O'Brien, America's Most Important Soccer Player Conquers The Old World, in Deadspin, 13 agosto 2013. URL consultato il 4 dicembre 2022.
  6. ^ (EN) Kurt Larson, Michael Bradley on life, recovery and finally helping Toronto FC qualify for the playoffs in 2015, in Toronto Sun, 11 gennaio 2015.
  7. ^ (EN) The Canadian Press, Father vs. son as LAFC visit Toronto FC in Bradley Bowl, TSN, 19 agosto 2018. URL consultato il 4 dicembre 2022.
  8. ^ Juventus: da Lalas e Bradley, i fratelli maggiori di McKennie, su repubblica.it, 27 agosto 2020. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  9. ^ Profilo su Calciozz.it
  10. ^ Bradley checks in at Villa after agreeing loan move, su it.uefa.com. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  11. ^ (EN) Stefan Coerts, Bradley Heading For Gladbach [collegamento interrotto], su gol.com, 31 agosto 2008. URL consultato il 2 settembre 2008.
  12. ^ (EN) Allen Ramsey, Bradley Benched For Not Recognizing Mistakes, su goal.com, 31 agosto 2009. URL consultato il 4 aprile 2010.
  13. ^ Michael Bradley, su avfc.co.uk. URL consultato il 4 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2011).
  14. ^ Tutti i trasferimenti - ChievoVerona Archiviato il 2 luglio 2014 in Internet Archive. Legaseriea.it
  15. ^ Palermo: per Bradley c'è accordo col giocatore, ora avanti con il Chievo Tuttopalermo.net
  16. ^ Parma-Chievo 2-1 Transfermarkt.it
  17. ^ Michael Bradley e Adrian Stoian (PDF), su asroma.it, 15 luglio 2012.
  18. ^ Bradley: Un americano a Roma, su Calciomercato.com.
  19. ^ Catania guastafeste di Zeman, ma la Roma rimonta: 2-2, su gazzetta.it, 26 agosto 2012.
  20. ^ Lamela-Bradley, la Roma risorge: l'Atalanta spreca e poi soccombe, su gazzetta.it, 7 ottobre 2012.
  21. ^ Michael Bradley miglior americano 2012 [collegamento interrotto], su socceritalia.info, 31 dicembre 2012. URL consultato il 31 dicembre 2012.
  22. ^ Udinese 0-1 Roma, su legaseriea.it, 27 ottobre 2013. URL consultato il 28 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  23. ^ 30 under 30 sports, su forbes.com, 6 gennaio 2014.
  24. ^ http://www.asroma.it/pdf/corporate/operazioni_di_mercato/2014_09_01_Bradley.pdf
  25. ^ Toronto FC Signs Michael Bradley | Toronto FC, su web.archive.org, 19 gennaio 2015. URL consultato il 27 dicembre 2023 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2015).
  26. ^ (EN) Kevin McGran Staff Reporter, Jermain Defoe scores twice, Toronto FC upsets Seattle 2-1 in season opener, su Toronto Star, 15 marzo 2014. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  27. ^ (EN) Bradley appointed new Toronto captain, su ESPN.com, 11 febbraio 2015. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  28. ^ (EN) mlssoccer, TORvsMTL 11-30-2016 | MLSsoccer.com, su mlssoccer. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  29. ^ (EN) Seattle Sounders FC 0-0 Toronto FC (Dec 10, 2016) Final Score, su ESPN. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  30. ^ Big Read: Why Victor Vazquez is like no player in Toronto FC history, su www.sportsnet.ca. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  31. ^ Toronto FC repeat as Canadian Champions; earn berth in CONCACAF Champions League, su web.archive.org, 31 luglio 2017. URL consultato il 27 dicembre 2023 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2017).
  32. ^ (EN) mlssoccer, Kings of the League: Toronto FC win first Supporters' Shield | MLSSoccer.com, su mlssoccer. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  33. ^ (EN) mlssoccer, TORvsSEA 12-09-2017 | MLSsoccer.com, su mlssoccer. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  34. ^ (EN) mlssoccer, CD Guadalajara 1, Toronto FC 2 | 2018 Concacaf Champions League Recap | MLSSoccer.com, su mlssoccer. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  35. ^ (EN) Toronto FC falls to Seattle Sounders in 2019 MLS Cup final, su www.sportsnet.ca. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  36. ^ (EN) mlssoccer, Update: Toronto FC captain Michael Bradley expected to be out 4 months after ankle surgery | MLSSoccer.com, su mlssoccer. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  37. ^ (EN) torontofc, Michael Bradley voted Week 22 MLS Player of the Week | Toronto FC, su torontofc. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  38. ^ (EN) mlssoccer, Michael Bradley: Toronto FC, USMNT legend to retire | MLSSoccer.com, su mlssoccer. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  39. ^ (EN) Sonja Cori Missio, Michael Bradley: the Toronto FC legend who will be long remembered, in The Guardian, 26 ottobre 2023. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  40. ^ UFFICIALE: Si ritira Michael Bradley. L\'ex Roma entrerà nello staff del padre allo Stabaek, su www.tuttomercatoweb.com. URL consultato il 27 dicembre 2023.
  41. ^ (EN) U.S. Soccers All-Time Athlete of the Year Award Winners, su ussoccer.com. URL consultato il 20 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2009).
  42. ^ (EN) U.S. Men's National Team Advances to First-Ever Final in a FIFA Tournament with 2-0 Victory Against Spain in 2009 FIFA Confederations Cup, su ussoccer.com, 24 giugno 2009. URL consultato il 26 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2009).
  43. ^ (EN) Bradley suspended for three matches, su soccernet.espn.go.com, 7 luglio 2009. URL consultato il 4 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2009).
  44. ^ Bradley salva il papà Usa, pari in rimonta, su repubblica.it. URL consultato il 24 maggio 2020.
  45. ^ (EN) Klinsmann names 23 player roster for historic Copa America Centenario, su ussoccer.com, 21 maggio 2016. URL consultato il 21 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2016).
  46. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r Regular season+Play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2087153472512845360001 · ISNI (EN0000 0005 0109 6355 · LCCN (ENno2020009160 · WorldCat Identities (ENviaf-2087153472512845360001