Stuart Holden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stuart Holden
Stuart-holden.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 178 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2014
Carriera
Giovanili
2003-2005 Clemson Tigers
2005-2006 Sunderland
Squadre di club1
2005-2006Sunderland0 (0)
2006-2010Houston Dynamo88 (15)[1]
2010-2013Bolton30 (2)
2013Sheffield Weds4 (0)
2013-2014Bolton0 (0)
Nazionale
2004-2005 Stati Uniti Stati Uniti U-20 11 (2)
2007-2008 Stati Uniti Stati Uniti U-23 7 (1)
2009-2013 Stati Uniti Stati Uniti 26 (3)
Palmarès
CONCACAF - Gold Cup.svg Gold Cup
Argento USA 2009
Oro USA 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Stuart Holden (Aberdeen, 1º agosto 1985) è un ex calciatore statunitense, di origine scozzese, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Holden con la maglia degli Houston Dynamo nel 2009.

Dopo aver giocato due anni a calcio nel college alla Clemson University, Holden firma con il club inglese del Sunderland, nel marzo 2005. Tuttavia, pochi giorni dopo, il 12 marzo, viene aggredito fuori da un bar a Newcastle upon Tyne, riportando una frattura all'occhio sinistro che gli impedisce di scendere in campo con la maglia del club. Ritorna negli Stati Uniti per giocare nella Major League Soccer, con gli Houston Dynamo per la stagione 2006. Debutta nella MLS il 27 maggio 2006 e segna il suo primo gol da professionista il 22 luglio 2006, in un pareggio per 1-1 in casa contro il New England. Gioca tredici volte nella stagione 2006 e due volte come sostituto nella Coppa MLS del campionato 2006. Dopo altre buone stagioni con la maglia dello Houston, sbarca di nuovo in Inghilterra.

Dopo aver trascorso diverse settimane di formazione in Inghilterra dopo la fine della stagione 2009 di Major League Soccer, Holden firma per i Bolton Wanderers, il 25 gennaio 2010 debuttando in FA Cup il 24 febbraio 2010, in una sconfitta per 4-0 contro il Tottenham Hotspur e in campionato il 27 febbraio 2010, giocando tutti i 90 minuti nella vittoria per 1-0 contro il Wolverhampton. Al termine della stagione 2010-2011 viene scelto da tifosi e stampa come giocatore dell'anno, malgrado un infortunio l'abbia costretto a saltare le ultime partite.[2]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Partecipa alle Olimpiadi di Pechino 2008 con l'Under-23 statunitense.

Convocato per la Gold Cup 2009, debutta con la maglia degli Stati Uniti il 4 luglio 2009 contro Grenada, mettendo a segno all'esordio il suo primo gol in Nazionale maggiore. Conclude la competizione con 5 presenze e 2 reti.


Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Stati Uniti
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
04-07-2009 Seattle Stati Uniti Stati Uniti 4 – 0 Grenada Grenada Gold Cup 2009 - 1º turno 1
11-07-2009 Foxborough Stati Uniti Stati Uniti 2 – 2 Haiti Haiti Gold Cup 2009 - 1º turno 1
18-07-2009 Filadelfia Stati Uniti Stati Uniti 2 – 1 Panama Panama Gold Cup 2009 - Quarti -
23-07-2009 Chicago Honduras Honduras 0 – 2 Stati Uniti Stati Uniti Gold Cup 2009 - Semifinale -
26-07-2009 East Rutherford Stati Uniti Stati Uniti 0 – 5 Messico Messico Gold Cup 2009 - Finale -
Totale Presenze 5 Reti 2

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Houston Dynamo: 2006, 2007

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 99 (16) se si considerano i play-off
  2. ^ Bolton, Stuart Holden giocatore dell'anno socceritalia.info

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]