Oasis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da The Rain)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati del termine, vedi Oasis (disambigua).
« Non siamo arroganti. Crediamo solamente di essere la miglior band del mondo. »
(Noel Gallagher)
Oasis
Liam (in primo piano) e Noel Gallagher in concerto
Liam (in primo piano) e Noel Gallagher in concerto
Paese d'origine Regno Unito Regno Unito
Genere Britpop[1]
Alternative rock[1]
Hard rock[1]
British traditional rock[1]
Pop rock[1]
Periodo di attività 1991-2009
Album pubblicati 11
Studio 7
Live 1
Raccolte 3
Sito web
Oasisworklogo.png

Gli Oasis sono stati un gruppo rock britannico formatosi a Manchester nel 1991 e attivo fino al 2009.

Una delle band più note e di successo del rock e, in particolare, del britpop, movimento di cui figurano tra i pionieri, gli Oasis hanno pubblicato in totale 11 album, hanno venduto circa 47 milioni di dischi[2] (di cui 18 nel solo 1996[3]), piazzato 8 singoli al primo posto nel Regno Unito, 22 singoli consecutivi nella top 10 inglese e raccolto 15 NME Awards, 6 Brit Awards, 9 Q Awards e 4 MTV Europe Music Awards[4].

Guidato dal chitarrista, cantante, compositore ed autore Noel Gallagher e dal fratello Liam Gallagher, cantante (e chitarrista, limitatamente a poche canzoni) e in seguito anche autore, quello degli Oasis è uno dei gruppi che hanno avuto maggiore successo e influenza nella società britannica e nel mondo tra quelli nati negli anni novanta nell'ambito del movimento britpop, fino ad assurgere a vero e proprio fenomeno di costume[5]. La loro musica, a metà tra il rock anni settanta e il rock and roll[6], al tempo stesso ruvida e melodica[7], ha saputo dare un nuovo significato al termine britpop, mentre i loro continui litigi e il loro atteggiamento talvolta bizzoso e rude sono stati oggetto di un'attenzione crescente da parte dei media[8].

I fratelli Gallagher sono gli unici membri della formazione originaria che vi hanno fatto parte fino al 2009. Nel 1991 a Manchester si costituirono i Rain: Liam Gallagher (voce), Paul Arthurs (chitarra), Paul McGuigan (basso) e Tony McCarroll (batteria). Poco dopo ai quattro si aggregò Noel (chitarra e voce) e Liam suggerì il nuovo nome. Il gruppo conobbe la fama già con l'album di debutto, Definitely Maybe (1994), che propose con forza la band come leader del movimento britpop. Con il nuovo batterista Alan White gli Oasis realizzarono il secondo album, (What's the Story) Morning Glory? (1995), che ad oggi ha venduto quasi 25 milioni di copie in tutto il mondo. Da quel momento dilagò una specie di Oasis mania[9]: a metà degli anni novanta gli Oasis conobbero una popolarità altissima, esemplificata dal grande concerto di Knebworth, agosto 1996, quando in due serate accorsero 250.000 spettatori[5].

Il terzo album, Be Here Now (1997), divenne disco record per l'elevatissimo numero di copie vendute in un giorno[10], ma non fu risparmiato da critiche. Verso la fine del decennio la band visse un periodo di crisi. Due membri storici, McGuigan e Arthurs, furono avvicendati da Colin "Gem" Archer e, più tardi, da Andy Bell. Tra il 1999 e il 2000 la band registrò e pubblicò Standing on the Shoulder of Giants, album che presentava un sound più sperimentale e psichedelico, seguito nel 2001 dall'album live Familiar to Millions. Nel 2002 gli Oasis tornarono al suono delle origini con Heathen Chemistry e rividero il successo. Nel 2005 uscì il sesto album, Don't Believe the Truth, registrato insieme al nuovo batterista Zak Starkey. Il disco registrò ottime vendite e riportò gli Oasis in classifica anche negli Stati Uniti. Nel 2006 uscì Stop the Clocks, il primo best of degli Oasis, che ha venduto tre milioni di copie nel mondo[11]. Nell'ottobre 2008 è stato pubblicato Dig Out Your Soul, settimo album, seguito da un lungo tour mondiale, in cui alla batteria figurava Chris Sharrock.

Il 28 agosto 2009, a tre date dalla conclusione della tournée, Noel Gallagher ha comunicato ufficialmente il proprio abbandono alla band[12], dopo aver lasciato il palco del Rock en Seine a pochi minuti dall'esibizione. Nell'ottobre seguente Liam ha confermato le voci di uno scioglimento, dichiarando che «gli Oasis sono finiti»[13], ma a dicembre ha detto di essere al lavoro insieme al resto della band per pubblicare un nuovo disco[14], che inizialmente avrebbe dovuto vedere la luce nell'estate del 2011[15]. Il 25 maggio 2010 un comunicato ufficiale[16] pubblicato sul sito ufficiale e accompagnato da una foto della band in studio con il produttore Steve Lillywhite ha reso noto il nuovo nome del gruppo, Beady Eye, mettendo dunque fine alla storia degli Oasis. La nuova formazione ha pubblicato il primo disco il 28 febbraio 2011. Noel Gallagher ha intrapreso invece la carriera solista e ha pubblicato il primo disco il 17 ottobre 2011.

Liam Gallagher in un concerto a San Diego nel 2005

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dagli esordi con i Rain a Definitely Maybe (1991–1994)[modifica | modifica sorgente]

Gli Oasis hanno origine a Burnage, quartiere di Manchester, da una band formatasi verso la fine degli anni ottanta e di nome The Rain. Inizialmente il gruppo era composto da Paul McGuigan (detto Guigsy) al basso, da Paul Arthurs (detto Bonehead) alla chitarra, da Tony McCarroll alla batteria, e da Chris Hutton come cantante. Quando questi fu allontanato dalla band, Guigsy chiese al suo compagno di scuola Liam Gallagher di rimpiazzarlo[17]. Liam era il terzo e ultimo figlio di immigrati irlandesi trasferitisi a Manchester, Peggy e Thomas Gallagher. La sua infanzia e quella degli altri due suoi fratelli (Paul e Noel) era stata segnata dalle violenze del padre alcolizzato, che nel 1984 avevano spinto la madre a scappare di casa insieme ai figli.

Liam e Noel, più grande di lui di cinque anni, erano stati adolescenti difficili, inclini alla ribellione, alle risse e ai furti[18]. Liam non aveva mai mostrato grande interesse per la musica fino al 1988, quando era rimasto colpito da un concerto degli Stone Roses[19] al quale si era recato insieme a Noel, appassionato di musica e chitarrista. Liam accettò la proposta di "Guigsy" e poco dopo propose di cambiare il nome del gruppo in Oasis, ispirato da un poster appeso ai muri della sua stanza che riportava la scritta "Oasis Leisure Centre in Swindon"[20]. Liam lo scelse perché gli piacquero le immagini che evocava[17].

La band provava una volta a settimana, ma stentava a decollare. Secondo Liam il problema erano i testi che venivano scritti da lui e Bonehead e che, per stessa ammissione di Liam, erano davvero mediocri[18]. Serviva qualcuno capace di scrivere bei testi e di lanciare la band. Nell'aprile 1991 il fratello maggiore di Liam, Noel, tornato dagli Stati Uniti dove faceva il roadie per un tour americano degli Inspiral Carpets, seppe dalla madre che il fratello minore era entrato a far parte di una band e il 18 agosto 1991 si presentò al Boardwalk, piccola sala vicina al noto locale notturno The Haçienda[21], per assistere all'esibizione dei Rain. Conoscendo le qualità del fratello, Liam pensò subito a lui come quell'elemento mancante capace di poter portare in alto il gruppo[18]. La passione di Noel, infatti, era quella di scrivere canzoni.

Dopo aver visto l'esibizione, Noel riferì apertamente al fratello che la band non gli piaceva affatto e, alla domanda se fosse disposto a far loro da manager[21], replicò proponendo di entrare a far parte del gruppo, a patto di esserne il leader, l'unico compositore e il chitarrista principale[21]. "Aveva scritto già molte cose" – ricorda Bonehead riguardo a Noel – "Quando abbiamo iniziato facevamo il diavolo a quattro con poche canzoni. Improvvisamente con lui nel gruppo ci furono un sacco di idee"[22]. La band era così al completo. Con Noel Gallagher l'approccio musicale degli Oasis si indirizzò verso una maggiore semplicità. Arthurs suonava prevalentemente accordi con barré, McGuigan note basse e McCarroll eseguiva ritmi base, mentre gli amplificatori erano predisposti in modo da creare una distorsione. In questo modo gli Oasis forgiarono un suono "privo a tal punto di finezza e complessità da risultare pressoché inarrestabile"[23].

Il logo storico della band, ideato da Brian Cannon

Dopo aver trascorso oltre un anno ad esibirsi nei vari locali di Manchester, nel maggio del 1993 la band ebbe finalmente la sua grande occasione. Gli Oasis erano stati invitati da una band chiamata Sister Lovers a suonare al King Tut's Wah Wah Hut Club di Glasgow, in Scozia. Noel e Bonehead raccolsero il denaro necessario, noleggiarono un furgone e partirono insieme agli altri membri del gruppo per un viaggio di sei ore[18]. Inizialmente la loro richiesta di ingresso fu respinta poiché non erano previsti in scaletta. Il rifiuto avrebbe suscitato le ire della band, che si sarebbe fatta largo con le maniere forti (sebbene i componenti del gruppo abbiano fornito versioni contrastanti in merito)[18]. Alla fine, in qualche modo, la band riuscì ad ottenere uno spazio per suonare qualche brano. La loro esibizione impressionò molto Alan McGee, produttore discografico della Creation Records, etichetta indipendente minore di proprietà della Sony, il quale era lì per assistere alla performance di un'altra band, gli 18 Wheeler.

A fine serata McGee si avvicinò al gruppo per chiedere loro se poteva avere una demo con qualche loro canzone. Qualche giorno dopo Noel lo accontentò consegnandogli una cassetta di 35 minuti di nome Live Demonstration[24], dove comparve per la prima volta quello che sarebbe diventato lo storico logo del gruppo, disegnato per l'occasione da Tony French. Dopo aver sentito questa cassetta McGee rimase ancora più colpito del potenziale della band e decise quindi di offrire al gruppo il loro primo contratto discografico appena quattro giorni dopo[25]. A causa di problemi sorti nella stipula di un contratto valido negli Stati Uniti, gli Oasis finirono poi per firmare un contratto mondiale con la Sony, che a sua volta assegnò gli Oasis alla Creation Records per il Regno Unito[26]. Noel disse di avere moltissime canzoni già pronte, anche se alcuni anni dopo avrebbe ammesso che in quel momento il repertorio degli Oasis comprendeva soltanto sei brani originali e alcune cover[18].

La prima canzone degli Oasis che iniziò a circolare fu Columbia, pubblicata come singolo in edizione limitata, la famosa "White Label demo". Nel dicembre 1993 la Creation Records distribuì alle radio un 12 pollici contenente la registrazione demo del brano, che fu trasmesso per ben 19 volte della BBC Radio 1 nelle due settimane successive, evento raro per un brano non ancora lanciato sul mercato[27]. Nell'aprile del 1994 uscirono, invece, i primi due singoli, Supersonic e Shakermaker. I due pezzi ebbero un discreto successo, guadagnandosi il passaggio nelle radio ed entrando nella Top 40 inglese: il primo fu 31º[28], mentre il secondo divenne oggetto di una disputa legale con i New Seekers, i quali chiesero un risarcimento danni di 500.000 dollari per plagio. Fu con il terzo singolo, Live Forever, uscito ai primi di agosto, che gli Oasis iniziarono a farsi conoscere veramente, entrando per la prima volta nella top 10 dei singolo inglesi, alla posizione numero dieci[29]. L'indomani, 9 agosto, Noel fu colpito da uno spettatore in pieno volto durante un concerto a Newcastle e reagì sfasciandogli la chitarra in testa[30].

Trascinato dal buon risultato dei singoli, il 30 agosto 1994 uscì l'album di debutto della band, Definitely Maybe, che andò a collocarsi direttamente alla prima posizione in classifica ed entrò nella storia come album di debutto capace di vendere più copie nel minor tempo[31], 150.000 nei primi tre giorni[30][32]. In concomitanza con l'uscita del disco gli Oasis tennero un concerto acustico nel negozio londinese Virgin di Marble Arch, dove fu ospite inatteso Evan Dando, leader dei Lemonheads[30].

Intanto i litigi e la vita turbolenta dei due fratelli divennero oggetto di attenzione da parte dei media. Il 23 settembre 1994 a Seattle cominciò il primo tour nei piccoli e medi locali degli Stati Uniti[33]. Alla fine di ottobre, durante un'esibizione a Whisky a Go-Go Los Angeles le tensioni esplosero. A un fotografo della rivista NME, presenza non gradita, fu ordinato di allontanarsi e il suo tentativo di scattare ugualmente delle foto non fece che inasprire la situazione[34]. Sul palco i cinque si trovarono disorientati, dato che le scalette erano tutte diverse e nessuno sapeva quale pezzo avrebbe suonato l'altro[34].

Alla fine ne eseguirono uno, ma l'esibizione, deludente, suscitò le ire di Liam, che inveì contro il pubblico e litigò con il fratello su I'm the Walrus[34]. Noel abbandonò il palco, talmente scosso da lasciare la band per volare a Las Vegas (fu in questa occasione che scrisse la canzone Talk Tonight). La band rischiò seriamente di sciogliersi. Lo stesso Noel ricorda come fosse veramente deciso a tornare a casa, ma cambiò idea dopo aver letto, in taxi, l'elenco dei prossimi concerti della band in Gran Bretagna riportata sul Melody Maker[34], anche se fu soprattutto la mediazione di Tim Abbot della Creation a convincere Noel a tornare sui suoi passi e a riappacificarsi con il fratello. Il tour poté così ripartire da Minneapolis[35]. A dicembre Liam, ritrovatosi privo di voce sul palco del Barrowlands di Glasgow, spaccò il microfono prima di volatilizzarsi[36].

Il 10 ottobre 1994 era uscito il quarto singolo estratto da Definitely Maybe, Cigarettes & Alcohol, mentre il 19 dicembre fu la volta di Whatever, che divenne il primo singolo del gruppo a raggiungere la top 5 delle classifiche britanniche, dove entrò direttamente al terzo posto[37]. Il 9 novembre gli Oasis erano stati premiati ai Q Awards come miglior nome nuovo dell'anno[38].

Il successo di (What's the Story) Morning Glory? e l'era britpop (1995–1996)[modifica | modifica sorgente]

Nell'aprile del 1995 gli Oasis raggiunsero per la prima volta la vetta della classifica inglese con il singolo Some Might Say, uscito il 24 aprile. Cinque giorni prima, il batterista Tony McCarroll era stato escluso dal gruppo. McCarroll disse di essere stato "cacciato ingiustamente per via di uno scontro personale" con i fratelli Gallagher, ma Noel motivò l'allontanamento dicendo che la tecnica di Tony era insufficiente per accompagnare le canzoni sempre più mature che egli scriveva[39]. Nel 1997, McCarroll avrebbe fatto causa alla band, chiedendo l'equivalente di 45 miliardi di lire, un quinto dei guadagni del gruppo[40], e avrebbe ottenuto un risarcimento di 555.000 sterline[41]. Al suo posto subentrò il londinese Alan White, fratello di Steve White, batterista del gruppo di Paul Weller. Alan incontrò Noel di domenica in un pub di Camden[39] e debuttò alla batteria degli Oasis di mercoledì durante un'esecuzione di Some Might Say a Top of the Pops[42].

In questo periodo la stampa inglese montò e amplificò una rivalità tra Oasis e Blur[43], altra band emergente nel panorama della musica inglese e, in particolare, del neonato movimento britpop. A dire il vero in un primo momento gli Oasis non si definivano band del movimento britpop e non furono invitati al programma Britpop Now della BBC, condotto dal cantante dei Blur, Damon Albarn[44]. Un primo contatto tra i due gruppi si era già avuto nel 1994, nel corso di un'altra trasmissione condotta da Albarn. Gli Oasis suonarono Whatever a Top of the Pops, presentati proprio dal frontman dei Blur. Durante la presentazione Liam e Noel non risparmiarono gesti irriguardosi alle spalle di Albarn. Fu così che nacque quella che sarà considerata, con espressione giornalistica, la "Battaglia delle band" (Band battle), combattuta sul piano commerciale e mediatico. La rivista NME arrivò a definire la sfida, in una famosa copertina, il "Campionato inglese dei pesi massimi".

L'uscita di Roll With It, singolo degli Oasis, e di Country House, singolo dei Blur, venne programmata infatti lo stesso giorno, il 14 agosto 1995, alimentando ancor di più la rivalità. A spuntarla furono i Blur[45], con 274.000 copie vendute contro le 216.000 di Roll With It. L'entourage degli Oasis giustificò il dato con il minor prezzo di Country House (1,99 sterline contro 3,99) e con il fatto che le due diverse versioni del singolo dei Blur, con diverse b-side, avevano invogliato i fan a comprare entrambi i tipi di copie[46]. All'epoca la Creation diede una spiegazione alternativa: il singolo dei Blur aveva venduto ufficialmente più copie perché, a causa di un problema con i codici a barre di Roll With It, non erano state registrate tutte le vendite del singolo degli Oasis[47].

Nel settembre dello stesso anno, il bassista Paul McGuigan lasciò il gruppo per un po' di tempo a causa di esaurimento nervoso[48]. Il sostituto, consigliato dal manager degli Stone Roses Gareth Evans, fu Scott McLeod degli Ya-Yas, che comparve anche in alcune esibizioni dal vivo, prima di andarsene bruscamente durante un tour del gruppo negli Stati Uniti. In seguito McLeod chiamò Noel Gallagher e gli riferì di sentire di aver preso la decisione sbagliata. Gallagher replicò seccamente: "Lo credo anch'io. Buona fortuna quando ti presenti all'ufficio di collocamento"[49]. Per completare il tour fu arruolato nuovamente McGuigan, convinto a tornare a far parte della band.

Gli accesi scambi di vedute, lo stile di vita sregolato e la spavalderia erano ormai divenuti un tratto caratterizzante dell'immagine pubblica dei fratelli Gallagher e della band. I frequenti battibecchi trovarono perfino una documentazione su singolo, Wibbling Rivalry, contenente una registrazione (14 minuti) dell'intervista fatta il 7 aprile 1994 da John Harris della rivista Q ai due fratelli, che litigavano su qualunque cosa, dai meriti dei Rolling Stones e dei Sex Pistols al fatto di conoscere o meno John Lennon. Stranamente la registrazione fu pubblicata in vinile anziché su CD, forse perché il primo formato sembra adattarsi perfettamente ad un archivio[50]. Intanto erano finite le registrazioni del secondo album, iniziate a maggio ai Rockfield Studios di Monmouth[51]. (What's the Story) Morning Glory? uscì il 2 ottobre e divenne subito un successo commerciale di proporzioni enormi.

La band di Manchester ottenne così la rivincita sui Blur, dato che, ad oggi, il disco ha venduto nel mondo oltre 25 milioni di copie e compare al terzo posto nella classifica degli album più venduti di tutti i tempi nel Regno Unito, dove ha venduto oltre 4.300.000 copie[52]. Il disco, dal sound più melodico del precedente, vendette 346.000 copie nei primi sette giorni[53] e contiene pezzi entrati nella storia del rock, tra cui il primo singolo, Wonderwall, assurto a vero e proprio inno generazionale[54]. Wonderwall uscì il 30 ottobre 1995 con tre inediti, raggiunse il primo posto nel Regno Unito ed entrò nella top ten delle classifiche dei singoli americani (unico singolo della band ad aver raggiunto questo risultato)[55]. La notorietà di cui gode ne fa, forse, il pezzo più conosciuto nel repertorio della band. Il singolo successivo, Don't Look Back in Anger, fu quello più venduto del 1996 nel Regno Unito e anche l'ultimo singolo estratto, Champagne Supernova – che vide l'importante collaborazione di Paul Weller come chitarrista principale e seconda voce – fu salutato con entusiasmo da gran parte della critica, piazzandosi al primo posto della Modern Rock Tracks statunitense. Anche Bono degli U2 espresse massimo rispetto per la band[55]. Intanto i due concerti tenuti all'Earls Court di Londra il 4 e 5 novembre 1995 avevano battuto, con 19.000 spettatori a serata, il record di affluenza a una manifestazione al chiuso in Gran Bretagna[56].

Nel febbraio 1996 la band di Manchester vinse tre BRIT Awards come migliore band britannica, miglior album per (What's the Story) Morning Glory? e miglior video per Wonderwall. Nel corso della premiazione Liam Gallagher e il fratello si distinsero per alcune intemperanze, parodiando irriguardosamente la canzone Parklife dei Blur. Gli Oasis avevano prima accettato e poi rifiutato di esibirsi[42]. Gli Oasis tennero i loro primi due concerti all'aperto come headliner (attrazione principale) al Maine Road Football Ground di Manchester il 27 e il 28 aprile 1996. Alcune riprese della seconda serata avrebbero fatto parte del video ...There and Then, commercializzato in videocassetta nell'ottobre 1996 e per la prima volta in DVD nel novembre 1997.

Il gruppo toccò il picco della fama in estate, quando nell'arco di due serate (10 e 11 agosto) ben 250.000 persone[57], distribuite su 10 km² di terreno[5], assistettero sul prato del parco di Knebworth a uno dei più grandi concerti all'aperto mai realizzati in Inghilterra[58]. Ad oggi si tratta dello spettacolo con più richieste in assoluto nella storia della Gran Bretagna. Furono, infatti, ben 2,5 milioni (quasi il cinque per cento della popolazione britannica) le persone che cercarono inutilmente di acquistare un biglietto per il concerto[19], come confermano i botteghini. Del resto i biglietti andarono esauriti nel giro di otto ore e il ricavato delle vendite superò i sei milioni di sterline (14 miliardi di lire), mentre l'evento fu trasmesso in diretta radiofonica in 34 paesi[58]. La frase pronunciata da Noel Gallagher all'inizio del concerto (This is history, this is history, right here, right now..., "La storia è qui, adesso, stiamo facendo la storia"[58]) e l'irriverente risposta del fratello rimasero celebri. L'avvenimento, cui partecipò pure il chitarrista degli Stone Roses John Squire, chiamato sul palco da Liam per l'esecuzione di Champagne Supernova, consacrò gli Oasis come star internazionali: se giornali autorevoli come il Times, l'Independent e l'Observer dedicarono loro le copertine, un sondaggio condotto tra gli appassionati di musica dai 15 ai 45 anni rivelò che i fratelli Gallagher erano più amati dei Beatles[58]. Il loro successo era ormai all'apice.

Il mese successivo si rivelò, tuttavia, difficile per la band, ma in realtà l'intero 1996 fu l'anno in cui lo scioglimento degli Oasis sembrò più che mai imminente. Il 23 agosto il gruppo registrò una puntata di MTV Unplugged alla Royal Festival Hall, ma Liam diede forfait per mal di gola. Nonostante la defezione, Liam presenziò ugualmente in sala[59] e, da un balcone, assistette all'esibizione acustica del fratello con in mano sigarette e birra, ironizzando su di lui nelle pause tra un brano e l'altro[18]. Tre giorni dopo il padre di Noel e Liam, Thomas, che i fratelli non vedevano da dodici anni, raggiunse, remunerato dal News of the World, l'hotel di Dublino dove i figli si trovavano per la tappa irlandese del tour. Noel evitò il contatto con il genitore si chiuse nella sua stanza, mentre Liam affrontò il padre in un bar con minacce[18]: il peggio fu evitato grazie all'intervento della security, che allontanò Thomas Gallagher[18].

Il 27 agosto la band salì sul volo che l'avrebbe condotta in tour negli Stati Uniti, ma Liam scese dall'aereo pochi minuti prima del decollo. Il resto del gruppo decise di recarsi ugualmente oltreoceano, continuando il tour con Noel come cantante[60]. Liam, che aveva lasciato gli Stati Uniti dicendo di voler "cercare casa"[61], raggiunse i suoi compagni il 29 agosto[61], ma poche settimane più tardi fu Noel a tornare a casa senza la band, la quale, a sua volta, lo raggiunse con un altro volo[62]. Sull'episodio si concentrarono le speculazioni dei media, che ipotizzarono lo scioglimento del gruppo, ma la riconciliazione tra i due fratelli non si fece attendere.

Così la band riprese il tour regolarmente[63], ma a settembre tra Noel e Liam scoppiò, a Charlotte, una nuova lite[64], in seguito alla quale Noel decise di abbandonare il resto della band e tornare in Inghilterra, mettendo nuovamente a repentaglio il futuro del gruppo. La casa discografica cancellò i restanti quattro concerti[64] degli Oasis negli Stati Uniti, espresse dubbi sulla prosecuzione del tour europeo e tentò di minimizzare l'accaduto[64]. Secondo i media britannici alla base del dissidio ci sarebbero stati i contrasti mai sopiti tra Noel e Patsy Kensit, l'allora compagna di Liam (chiamata "Yoko" da Noel[65], che paragonò la sua influenza a quella, negativa, che Yoko Ono ebbe sui Beatles), e una questione di denaro: Noel, grazie ai diritti d'autore, guadagnava circa 16 milioni di sterline all'anno, contro i 2,3 milioni di Liam[65].

Il controverso Be Here Now (1997–1998)[modifica | modifica sorgente]

Dal novembre 1996 al marzo 1997[66] la band si riunì agli Abbey Road Studios di Londra e ai Ridge Farm Studios, nel Surrey, per registrare il terzo album, Be Here Now. Il disco, che uscì il 21 agosto 1997, fu anticipato dal singolo D'You Know What I Mean?, lungo brano dalle numerose influenze elettroniche, ispirato da Setting Sun, canzone frutto della collaborazione di Noel con i Chemical Brothers e forse unico nel repertorio della band[67]. La canzone raggiunse subito la prima posizione nella classifica dei singoli mondiali.

Fu, probabilmente, questo l'album più atteso nella storia del gruppo e, come tale, divenne oggetto di particolare attenzione da parte dei media e del pubblico. A testimonianza di ciò, quasi due mesi prima dell'uscita del disco si verificò un episodio bizzarro: alcuni dirigenti della Sony si erano dimenticati le finestre aperte dello studio in cui stavano ascoltando le nuove canzoni della band, causando un ingorgo nella strada sottostante, dove la gente, incuriosita, cercava di sentire o di registrare i brani[68]. La grande curiosità suscitata raggiunse il culmine con un documentario sugli Oasis dal titolo Right Here, Right Now, trasmesso da BBC One alla vigilia della messa in vendita del CD.

Grazie all'incessante attesa e all'enorme pressione della stampa, il disco, al quale collaborò anche Johnny Depp (suo l'assolo di chitarra in Fade In-Out)[67], si piazzò direttamente al primo posto nelle classifiche di vendita britanniche e diventò l'album venduto più velocemente di sempre nel Regno Unito[69] (questo primato non va confuso con il record di Definitely Maybe, relativo all'album di debutto e non in senso assoluto), grazie alle circa 350.000 copie vendute in Gran Bretagna già nel primo giorno di pubblicazione[10] e le 696.000 nella prima settimana. Il disco ottenne molto successo di vendite anche negli Stati Uniti, dove riuscì a piazzarsi al secondo posto delle classifiche, per quello che ancora oggi è il miglior piazzamento raggiunto degli Oasis in una classifica musicale statunitense.

Sebbene le prime recensioni fossero molto positive[70], una volta spentosi l'entusiasmo generale per l'uscita del nuovo disco, l'album iniziò a ricevere critiche molto pesanti[70]. Le maggiori accuse si indirizzarono verso la scarsa originalità del disco, secondo alcuni ai limiti del plagio: D'You Know What I Mean, per esempio, è costruito sui medesimi accordi di Wonderwall. Altro oggetto di critica fu l'eccessiva lunghezza e ripetitività di molti brani dell'album. Il CD, infatti, dura più di 70 minuti ed è il più lungo della discografia degli Oasis. Negli anni successivi l'album fu comunque, almeno in parte, rivalutato[71], anche se lo stesso Noel Gallagher considera questo il lavoro peggiore del gruppo[72].

Dal disco furono estratti quattro singoli. Al già citato D'You Know What I Mean si affiancò dapprima Stand by Me, che raggiunse la seconda posizione[73] della classifica dei singoli del Regno Unito nel settembre 1997. Nel gennaio del 1998 fu invece pubblicato All Around the World, il brano più lungo mai registrato dalla band e vero e proprio opus magnum dell'album[74], impreziosito da archi e fiati. Il videoclip della canzone, diretto dalla coppia Jonathan Dayton e Valerie Faris, fu il più costoso mai realizzato per un brano degli Oasis. L'ultimo brano a essere estratto come singolo fu Don't Go Away, pubblicato solo in Giappone e per questo divenuto oggetto del desiderio dei collezionisti.

Il 14 giugno 1997 a Irvine, in California, era partito il Be Here Now Tour con una performance di supporto agli U2. La tournée durò fino al marzo 1998, per un totale di 85 tappe. Alla fine di gennaio 1998, a Los Angeles, Noel si disse «stufo del rock» e accusò il fratello di «avere in testa una turbolenza che dura 24 ore al giorno»[75], dichiarazioni che alimentarono nuove voci su un eventuale scioglimento della band. A gettare acqua sul fuoco ci pensò ancora una volta la Creation Records, che insieme al portavoce del gruppo Johnny Hopkins smentì le illazioni[75].

Il 23 febbraio 1998 i due fratelli furono al centro di un nuovo caso. Durante il volo della Cathay Pacific Airways diretto da Hong Kong in Australia, dove era in programma la prosecuzione del tour, si comportarono in modo molesto, prendendo di mira i passeggeri e il personale di volo[18]. Nella tappa australiana del tour Liam fu poi arrestato con l'accusa di aver aggredito un fan diciannovenne con una testata, a quanto pare perché gli aveva chiesto di fare una foto. Ai danni del cantante fu intentata solo una causa civile. In seguito Liam avrebbe ammesso l'aggressione, dicendo di aver perso il controllo a causa dell'insistenza del giovane[18].

La band rimase lontano dagli studi fino al 1999. In questo periodo, esattamente nel novembre 1998, venne pubblicata The Masterplan, una raccolta di 14 b-side tratte dai singoli precedenti del gruppo, tra cui una versione live (registrata alla Cathouse di Glasgow nel giugno 1994) di I Am the Walrus dei Beatles, vero e proprio cavallo di battaglia della band mancuniana sin dagli esordi, e una di Helter Skelter, altro pezzo dei Beatles. In un'intervista del 2008, Noel, riferendosi al periodo di Be Here Now, ha dichiarato: «La roba più interessante di quel periodo sono le b-side. Credo che la musica delle b-side sia molto più ispirata rispetto a quella di Be Here Now»[76]. Nella raccolta non figurano, infatti, brani dall'album del 1997, ma è presente Stay Young, una b-side di D'You Know What I Mean divenuta una delle canzoni più popolari tra i fan.

La crisi e Standing on the Shoulder of Giants (1999–2001)[modifica | modifica sorgente]

Gem Archer, chitarrista degli Oasis dal 1999

Nel corso del 1999 il gruppo affrontò forse il suo periodo più duro. Durante le registrazioni del nuovo album, Standing on the Shoulder of Giants (i cui primi dettagli furono rivelati a febbraio), il chitarrista Bonehead decise, ad agosto, di lasciare il gruppo. All'epoca l'abbandono fu descritto come amichevole: Noel dichiarò che Arthurs intendeva trascorrere più tempo accanto alla propria famiglia, mentre lo stesso Arthurs chiarì la sua scelta dicendo di volersi "concentrare su altre cose"[41]. In seguito, però, Noel fornì versioni contraddittorie: Arthurs avrebbe violato la regola "no drink or drugs" ("niente bibite e niente droghe"), imposta da Noel in modo che Liam potesse cantare bene, e ne sarebbe nato un litigio[77]. Due settimane dopo fu, invece, il bassista Paul McGuigan a lasciare la band per la seconda volta, quella definitiva. I fratelli Gallagher, durante una conferenza stampa, smentirono le voci di uno scioglimento e rassicurarono i fan, dicendo: "Il futuro degli Oasis è certo, la storia e la gloria andranno avanti"[78].

Gli Oasis erano rimasti in tre, con il solo batterista Alan White al fianco dei fratelli Gallagher. In questo periodo di transizione Noel, che nel frattempo si era disintossicato dalla droga[18], si vide costretto a suonare da solo tutte le parti di chitarra e basso, insieme al tecnico del suono, e suo amico, Paul Stacey. La situazione rientrò alla fine dell'anno con l'ingresso alla chitarra di Colin "Gem" Archer, già negli Heavy Stereo, il quale riferì di aver conosciuto personalmente Noel solo alcuni giorni prima dell'abbandono di Arthurs[24]. La band provò per un breve periodo con David Potts, che si sarebbe defilato di lì a poco lasciando il posto ad Andy Bell, ex chitarrista, paroliere e cantante dei Ride e degli Hurricane #1. Bell, che non aveva mai suonato il basso fino a quel momento, dovette imparare a suonare lo strumento facendo riferimento ad alcune canzoni storiche del repertorio della band, in previsione di un tour in programma negli Stati Uniti per dicembre. Intanto la Creation Records era scomparsa, così gli Oasis crearono un'etichetta propria, seppur affiliata alla Sony, la Big Brother Recordings, nome ispirato al ruolo di Noel Gallagher nella band.

Il 28 febbraio 2000 uscì Standing on the Shoulder of Giants, album dal sound sperimentale, decisamente lontano dallo stile originario[79], che nella prima settimana registrò buone vendite. Dal disco, che raggiunse il vertice delle classifiche britanniche e il 24º posto nella Billboard chart[80][81], furono estratti tre singoli: Go Let It Out, Who Feels Love? (pezzo dalle sonorità spiccatamente psichedeliche[82]) e Sunday Morning Call, tutti entrati nella top 5 dei singoli del Regno Unito[83]. La partenza di due dei membri fondatori aprì la strada ad alcuni cambiamenti nell'immagine e nel suono della band. Sulla copertina del nuovo album non campeggiava più il logo storico del gruppo, bensì uno nuovo ideato dal neo-entrato Gem Archer, mentre per la prima volta in un disco degli Oasis comparve una canzone, Little James, scritta da Liam Gallagher. Nonostante un inizio promettente, la critica si dimostrò fredda nei confronti del disco[84], che rimane il meno venduto nella storia della band.

In seguito all'uscita dell'album la band avviò un tour mondiale, nel corso del quale fu presentata una cover del brano Hey Hey, My My (Into the Black) di Neil Young, divenuto celebre perché un suo verso fu scritto da Kurt Cobain dei Nirvana prima di suicidarsi nell'aprile 1994. Il 5 aprile 2000, durante il concerto di Seattle, Noel Gallagher dedicò la canzone a Cobain, proprio nella sua città natale[85].
Il tour sfociò in un altro litigio tra Noel e Liam. Nel maggio 2000 gli Oasis, alle prese con le prime date europee del tour, furono costretti a cancellare la data di Barcellona perché Alan White aveva problemi al braccio e trascorsero la serata bevendo. Liam si lasciò andare ad un commento sprezzante nei confronti dell'allora moglie di Noel, Meg Mathews, e mise in dubbio la paternità della figlia Anais, provocando una colluttazione a seguito del quale Noel decise di abbandonare il gruppo[86].

Liam ne divenne il leader. Al nuovo chitarrista Matt Deighton fu affidata la parte ritmica di Gem, il quale a propria volta sostituì Noel nel ruolo di prima chitarra[87]. Con l'apporto di Deighton il sound degli Oasis si fece più punk. Dal tour venne tratto un album live, Familiar to Millions, e un DVD, registrati in occasione del primo dei due concerti tenuti al Wembley Stadium il 21 e 22 luglio 2000 di fronte a 70.000 persone[88], concerti per i quali Noel rientrò nel gruppo. Il disco Familiar To Millions venne pubblicato alla fine dell'anno.

Il ritorno alle origini: Heathen Chemistry (2002–2004)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Heathen Chemistry Tour.

Verso la fine del 2000 gli Oasis tornarono in studio per la realizzazione del quinto album. Per tutto il 2001 si divisero, dunque, tra registrazioni e spettacoli dal vivo in giro per il mondo, come il Tour of Brotherly Love insieme con Black Crowes e Spacehog e il concerto di Parigi a supporto di Neil Young. Nel febbraio 2002 anche gli Oasis si esibirono alla Royal Albert Hall di Londra per sostenere la causa benefica della Teenage Cancer Trust[3]. Accompagnato da Paul Weller[3] nell'esecuzione di Don't Look Back in Anger, il gruppo suonò anche due nuove canzoni, The Hindu Times e Hung in a Bad Place, già presentate in anteprima nel 2001 durante il tour Noise and Confusion, che celebrava il decennale della band[3].

Nel luglio 2002 fu pubblicato l'album Heathen Chemistry, che a detta di Noel segnava «l'inizio di una nuova era» per la band[89]. Il disco raggiunse la vetta della classifiche britanniche e la posizione numero 23 negli Stati Uniti[90][91], anche se i commenti che sollevò furono di tenore contrastante[92][93]. Il suono ricorda ancora quello sperimentale di Standing on the Shoulder of Giants, ma è privo di ghirigori elettronici[92] e risulta più vicino all'anima rock delle origini[94].

La novità principale è la partecipazione alla scrittura dei testi da parte di tutti i componenti del gruppo, ad eccezione di Alan White. È di Gem Archer il brano Hung In a Bad Place, probabilmente il pezzo più rock dell'opera[95], mentre Andy Bell è autore di un brano strumentale di un minuto, noto come A Quick Peep[92]. In un paio di canzoni una delle chitarre e la seconda voce furono di Johnny Marr. Da Heathen Chemistry furono estratti quattro singoli: The Hindu Times, Stop Crying Your Heart Out, che divenne uno dei singoli più venduti dell'anno e fu paragonato a Don't Look Back in Anger per la sua carica di incoraggiamento[96], Little by Little e Songbird, breve ballata acustica, canzone scritta da Liam e dedicata alla compagna Nicole Appleton[97].

A sostegno del disco la band fece partire un altro tour mondiale, che vide la band anche headliner sul palco della prima edizione del festival scozzese T in the Park. Ad agosto un incidente d'auto occorso a Indianapolis a Noel, Andy e al tastierista Jay Darlington, che riportarono ferite e contusioni, costrinse la band ad annullare il concerto previsto nella città statunitense[98]. A dicembre Liam, Alan e tre membri dell'entourage furono coinvolti in una brutta rissa in un lussuoso hotel di Monaco di Baviera con un gruppo di cinque italiani[99]. Gli Oasis furono costretti a cancellare quattro concerti in terra tedesca, ma li recuperarono nell'aprile 2003, terminando in tal modo il tour.

La ripresa con Don't Believe the Truth (2005–2006)[modifica | modifica sorgente]

Liam Gallagher in un concerto del 2005 in California

Alla fine di dicembre del 2003 la band cominciò le registrazioni per il sesto album presso i Sawmills Studios, in Cornovaglia. Il disco fu prodotto per le prime 3-4 settimane dai Death in Vegas[100]. Originariamente prevista per settembre 2004, in modo da coincidere con il decimo anniversario del lancio di Definitely Maybe, l'uscita dell'album fu posticipata a causa dell'abbandono del batterista Alan White, il quale si fece da parte ai primi di gennaio del 2004 dopo quasi nove anni di militanza nel gruppo. Per la lavorazione dell'album venne assunto provvisoriamente Zak Starkey, batterista degli Who e figlio di Richard, meglio noto come Ringo Starr, batterista dei Beatles. Nonostante provasse in studio e fosse sempre presente alla batteria durante i tour, Starkey, che si esibì per la prima volta con gli Oasis al Lighthouse di Poole[101], non diventò mai un membro ufficiale del gruppo. Pertanto, pur prendendo parte ai videoclip ufficiali, raramente avrebbe fatto la propria comparsa in occasione di attività promozionali quali interviste o servizi fotografici e giornalistici.

Le registrazioni proseguirono per tutto il 2004, inframmezzate dall'uscita di un DVD, Definitely Maybe, celebrativo dei 10 anni dall'uscita dell'omonimo disco – e che diventò uno dei DVD più venduti nel Regno Unito – e dalla seconda apparizione degli Oasis al festival di Glastonbury. Qui la band eseguì i brani storici e due nuove canzoni (A Bell Will Ring, di Gem Archer, e The Meaning of Soul, di Liam Gallagher), ma la critica fu severa nei confronti della performance[102][103]. Le sessioni del nuovo disco furono ultimate ai Capitol Studios di Los Angeles da ottobre a dicembre 2004.

Gli Oasis in concerto nel 2005

Il 30 maggio 2005 uscì l'album Don't Believe the Truth, il primo dopo tre anni. In copertina tornava il logo originario della band. Come già accaduto per Heathen Chemistry, alla realizzazione delle nuove canzoni collaborarono tutti i membri della band[104] tranne Zak Starkey, peraltro al debutto discografico con gli Oasis. Il disco riscosse subito notevole successo, entrando, come i precedenti cinque del gruppo, al primo posto nella classifica degli album più venduti nel Regno Unito e in molti altri paesi[105]. I primi due singoli, Lyla e The Importance of Being Idle, raggiunsero la prima posizione in classifica; il terzo, Let There Be Love, primo singolo cantato da entrambi i fratelli (era già accaduto nel 1995 per il lato b Acquiesce), giunse al secondo posto: gli Oasis erano di nuovo sulla cresta dell'onda, come confermarono anche i due Q Awards, il People's Choice Award e il Best Album Award, vinti alla cerimonia organizzata dall'omonimo magazine musicale[106]. Critici e pubblico furono generalmente concordi nel reputare questo il miglior lavoro della band dai tempi del pluridecorato (What's the Story) Morning Glory?[107]. L'album esordì alla posizione numero 1 nel Regno Unito e in molti altri paesi. Fu triplo disco di platino nel Regno Unito nella prima settimana del 2006 (oltre 900.000 copie vendute), mentre negli Stati Uniti ha venduto oltre 200.000 copie[108][109].

In seguito il gruppo lanciò un lungo tour mondiale, iniziato il 10 maggio 2005 all'Astoria di Londra e terminato il 31 marzo 2006 con un tutto esaurito a Città del Messico, esibendosi dal vivo 110 volte e in 26 paesi diversi, fatto che non succedeva dai tempi del tour di Definitely Maybe. Il tour, che per gli Oasis fu quello con maggiore seguito in più di dieci anni, fece registrare il tutto esaurito anche al Madison Square Garden di New York e all'Hollywood Bowl di Los Angeles[110] e fu l'oggetto del documentario Lord Don't Slow Me Down, pubblicato nel 2007 in DVD e corredato da un DVD aggiuntivo contenente alcune riprese di uno dei tre concerti tenuti al City of Manchester Stadium, quello del 2 luglio 2005.

Nel settembre 2005 uscì il film Goal!, alla cui colonna sonora parteciparono gli Oasis con Who Put the Weight of the World on My Shoulders?, nuova canzone scritta da Noel, e versioni remixate di Cast No Shadow e Morning Glory[111]. Nel film figura anche il brano Acquiesce, poi escluso dal disco della colonna sonora.

La raccolta Stop the Clocks (2006–2007)[modifica | modifica sorgente]

Noel Gallagher a San Diego nel 2005

Verso la fine del 2005 iniziarono a trapelare delle notizie sulla pubblicazione di una raccolta di greatest hits della band da parte della Sony contro il parere di Noel, che in più occasioni si era detto contrario alla pubblicazione di una raccolta di greatest hits a meno che il gruppo non si fosse sciolto[88]. In un'intervista pubblicata sul sito news.com.au del dicembre 2005 Noel fece capire che la Sony stava pensando di pubblicare ugualmente la raccolta e che, pur essendo in disaccordo, avrebbe accettato la decisione. Nel settembre 2006 Noel confermò alla rivista NME che, una volta comunicata alla Sony l'intenzione degli Oasis di risolvere il contratto discografico, la casa discografica aveva in qualche modo imposto alla band di pubblicare un greatest hits.

Il 13 novembre 2006 uscì l'Extended Play Stop the Clocks e il 20 novembre fu la volta della raccolta Stop the Clocks, con 18 brani tratti da Definitely Maybe, (What's the Story) Morning Glory?, Standing on the Shoulder of Giants, Heathen Chemistry e Don't Believe the Truth, oltre ad alcune vecchie b-side. I brani furono scelti dallo stesso Noel e racchiusi in due CD. Contro ogni previsione il best of riscosse un grande successo, vendendo tre milioni di copie nel mondo[11], nonostante mancassero inediti e fossero stati esclusi tutti i brani dell'album Be Here Now. Dal disco mancava anche l'atteso brano Stop the Clocks, composto da Noel già nel 2001 e poi trapelato su Internet nel 2008. La curiosità attorno al pezzo era stata alimentata da un'esibizione acustica di Noel al Zanzibar club di Liverpool il 3 maggio 2003. In quell'occasione Noel Gallagher aveva eseguito il brano in pubblico per la prima volta, accompagnato dal chitarrista Gem Archer e dal percussionista Terry Kirkbride in un set di 5 canzoni come supporto ai Bandits, principale attrazione della serata[112].

In quel periodo Noel Gallagher e Gem Archer, accompagnati dal percussionista Terry Kirkbride, tennero una serie di concerti semi-acustici che toccarono le seguenti città: Los Angeles, Toronto, Manchester, Melbourne, Sydney, Brisbane, Perth, Tokyo, Mosca, Parigi, Londra e Milano. Furono concerti molto apprezzati dalla critica ed ebbero un grande successo di pubblico. Nelle esibizioni acustiche furono eseguite anche delle reinterpretazioni, come quella di Strawberry Fields Forever dei Beatles. Il 1º settembre 2006 Liam e l'ex calciatore Paul Gascoigne vennero alle mani al Groucho Club di Londra[113].

Il 14 febbraio 2007 gli Oasis furono premiati ai BRIT Awards con il prestigioso premio Outstanding Contribution To Music per lo straordinario contributo dato alla musica[114] e a marzo si esibirono per la prima volta a Mosca. Ad aprile furono tra gli artisti invitati da BBC Radio 2 a celebrare il quarantennale del celebre album dei Beatles Sgt Pepper's Lonely Hearts Club Band, in occasione del quale il canale radiofonico indisse speciali sessioni di registrazione riproducendo l'attrezzatura musicale utilizzata dal quartetto di Liverpool nel 1967[115], sotto la supervisione di Geoff Emerick, l'ingegnere del suono che aveva curato la produzione dell'album dei Beatles.

Ad ottobre fu la volta dell'unica pubblicazione nel solo formato digitale di una canzone degli Oasis. Si trattò di Lord Don't Slow Me Down, brano contenuto anche nell'omonimo DVD sopraccitato e che esordì al decimo posto nelle classifiche dei singoli del Regno Unito[116]. Da luglio a settembre 2007 gli Oasis si riunirono negli Abbey Road Studios, ultimando due nuove canzoni e le demo del settimo album in studio. Interrotte le registrazioni per un paio di mesi per via della nascita di Donovan, figlio di Noel, il gruppo tornò in studio 5 novembre 2007 e finì le sessioni verso marzo 2008[117] con il produttore Dave Sardy. L'album fu mixato a Los Angeles.

Dig Out Your Soul e l'abbandono di Noel (2008–2009)[modifica | modifica sorgente]

Noel Gallagher durante il concerto tenuto al Virgin Mobile Festival 2008 di Toronto

Il recupero di popolarità degli Oasis fu confermato da un sondaggio condotto nel febbraio 2008 dalle riviste Q e HMV per decretare i migliori 50 album britannici degli ultimi 50 anni: due dischi degli Oasis, Definitely Maybe e (What's the Story) Morning Glory?, furono inseriti rispettivamente al primo e al secondo posto[118][119]. Nella lista comparvero pure Don't Believe The Truth, quattordicesimo[118], e Be Here Now, ventiduesimo[118] malgrado le numerose critiche ricevute poco tempo dopo la sua uscita. Nel settembre 2006 lo stesso magazine Q aveva incoronato, dopo un sondaggio, Live Forever miglior canzone di tutti i tempi, con Wonderwall al secondo posto[120].

Nel maggio 2008 fu reso noto che Zak Starkey non avrebbe partecipato al tour successivo all'uscita del nuovo disco degli Oasis. Al suo posto subentrò, sempre come membro non ufficiale, Chris Sharrock, noto al pubblico per essere stato il batterista di Robbie Williams. Firmato a giugno un nuovo contratto con la Sony per la produzione di tre album[121], il 14 agosto il gruppo aprì le porte della propria sala prove a soli 100 fan per un concerto chiamato Standing on the Edge of the Noise, caratterizzato da un'atmosfera insolitamente raccolta che fece da preludio al tour mondiale[122]. All'evento partecipò anche Chris Sharrock, al suo debutto con gli Oasis.

Il 7 settembre 2008 Noel Gallagher fu aggredito e buttato giù dal palco durante il concerto tenutosi al Virgin Mobile Festival 2008 di Toronto[123]. Dopo una lunga attesa il concerto è ripreso e si è concluso regolarmente; poi Noel si è recato in ospedale, dove gli è stata diagnosticata la rottura di tre costole[124]. Il settimo album in studio, Dig Out Your Soul, uscì nei negozi del Regno Unito il 6 ottobre 2008.

L'uscita del disco, che trae il nome da un verso della canzone To Be Where There's Life, scritta da Gem Archer, fu preceduta da quella del singolo The Shock of the Lightning, pubblicato il 29 settembre con una versione di Falling Down remixata dai Chemical Brothers come b-side. Gli altri due singoli estratti furono I'm Outta Time, uscito il 1º dicembre, e Falling Down, il 9 marzo. In Giappone l'album fu pubblicato il 1º ottobre, in una versione con due bonus track: I Believe in All e una versione alternativa di The Turning. Noel Gallagher aveva dichiarato che Dig Out Your Soul non è un disco britpop, ma uno dal sound più sperimentale[125][126], «l'album che volevo fare da Standing on the Shoulder of Giants in avanti»[127]. La critica lo definisce «un disco compatto e visceralmente "Oasis", pur nella parziale inusualità dei suoni»[127], accostati al blues britannico di fine anni ottanta, che vide tra gli artefici principali i Fleetwood Mac[128], e al sound dei Beatles, rivisitati in chiave moderna e a tratti kraut, come in Waiting for the Rapture[127].

Chris Sharrock in concerto con gli Oasis durante il tour di Dig Out Your Soul

L'album, registrato in pochi mesi, ha subito riscosso notevole successo, piazzandosi al primo posto in Italia, nel Regno Unito e nel mondo per numero di vendite. Nel Regno Unito ha venduto 90.000 copie nel giorno d'esordio, risultando il secondo album venduto più velocemente del 2008[129]. Ha debuttato al primo posto della UK album chart e ha venduto 200.866 copie nella prima settimana[130] (51º album venduto più velocemente in tutte le epoche nel Regno Unito). Ha poi esordito al 5º posto nella US Billboard 200 con 53.000 copie vendute. Dal 1997, con Be Here Now, gli Oasis non raggiungevano una posizione così alta negli Stati Uniti, sebbene le vendite della prima settimana siano inferiori a quelle di Don't Believe the Truth[131]. Ciononostante I'm Outta Time, secondo singolo, non è andato oltre la dodicesima posizione nel Regno Unito, interrompendo una serie di singoli degli Oasis giunti tutti in vetta alla classifica, da Supersonic in poi[132].

Insieme a Dig Out Your Soul sono tornati nelle classifiche britanniche degli album più venduti anche la raccolta Stop the Clocks e l'album del 1995 (What's the Story) Morning Glory?, che si stima abbia venduto 25 milioni di copie nel mondo[133], consolidando la propria posizione di disco fondamentale nella scena rock di tutti i tempi. Alla pubblicazione ha fatto seguito un tour di 18 mesi che ha toccato varie parti del mondo, tra cui, per la prima volta[134], il Sudafrica, con due date. Il 25 febbraio 2009 gli Oasis hanno vinto l'NME Award come Migliore band britannica del 2009[135], mentre a marzo hanno dovuto cancellare i loro concerti previsti in Cina in quanto il governo locale non ha concesso ai membri della band il visto d'entrata, a causa della partecipazione, nel 1997, di Noel ad un concerto pro-Tibet.

Gem Archer in concerto con gli Oasis a Taipei nell'aprile 2009

Nel marzo 2009 il Times ha pubblicato insieme con iTunes alcuni brani scelti dal concerto acustico tenuto da Noel e Gem alla Royal Albert Hall di Londra il 27 marzo 2007. La raccolta, intitolata The Dreams We Have as Children (da un verso della canzone Fade Away), ha finanziato l'associazione benefica Teenage Cancer Trust.

Il 4 giugno la band ha inaugurato il proprio tour estivo tornando a Manchester per tre date all'Heaton Park, di fronte a 70.000 spettatori a sera. I concerti hanno riscosso grande successo[136], ma non sono mancate, durante il tour estivo, nuove voci sul futuro della band. Il 22 agosto la band si è esibita al V Festival, nello Staffordshire, proponendo in 90 minuti solo tre canzoni da Dig Out Your Soul e le maggior hit della carriera.

La performance del giorno seguente è stata annullata a causa di una laringite virale che ha colpito il frontman Liam Gallagher. Per la prima volta dopo un quasi anno di tour gli Oasis hanno cancellato un concerto a causa di un malanno di uno dei componenti, ma l'annuncio del forfait ha dato adito ancora una volta a speculazioni mediatiche circa il futuro della band di Manchester, con voci di dissidi sempre più forti tra i fratelli Gallagher. Liam su Twitter si è scusato con i fan per l'annullamento del concerto e ha smentito seccamente le voci diffuse dai tabloid britannici e dall'italiano Il Messaggero, che rifacendosi a quanto riportato dal Sun, riconduceva la cancellazione dell'esibizione del 23 agosto a dissapori tra Liam e Noel in seguito ad alcune dichiarazioni rese da Liam ai quotidiani inglesi e definiva il concerto di Milano del successivo 30 agosto il probabile ultimo concerto della band prima dello scioglimento.

Il 28 agosto, a tre date dalla conclusione del tour, l'esibizione degli Oasis al festival Rock en Seine di Parigi è stata annullata dopo un violento litigio tra i fratelli Gallagher, culminato con due chitarre sfasciate[137][138]. In seguito all'accaduto Noel Gallagher ha annunciato il proprio abbandono ufficiale alla band con queste parole:

« È con un po' di tristezza e grande sollievo che vi dico che questa notte lascio gli Oasis. La gente scriverà e dirà quello che vorrà, ma semplicemente non potevo lavorare con Liam un giorno di più. Le mie scuse a tutte le persone che avevano comprato i bi­glietti per Parigi, Costanza e Milano. »
(Noel Gallagher[137])

Nel settembre 2009 gli Oasis sono entrati per la seconda volta nel prestigioso Guinness dei Primati per aver piazzato 22 successive hit nella top 10 del Regno Unito. Il primo ingresso della band nel libro dei record risale a quattro anni prima, grazie alle 765 settimane trascorse nella top 75 di singoli e album dal 1995 al 2005[139]. Cinque mesi più tardi sono stati premiati per la sesta volta ai BRIT Awards per (What's the Story) Morning Glory?, votato «miglior album britannico degli ultimi trent'anni»[140].

Dopo lo scioglimento (2009-oggi)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Beady Eye e Noel Gallagher's High Flying Birds.
Liam Gallagher con i Beady Eye dal vivo nel marzo 2011 ad Amsterdam

Nell'ottobre 2009, in un'intervista al Times, Liam Gallagher ha dichiarato: «Gli Oasis non esistono più, penso lo abbiamo capito tutti. È finita». Il cantante ha poi alluso alla probabile carriera da solista del fratello[13]. Ai primi di dicembre ha detto di aver già composto alcune canzoni con Gem Archer, Andy Bell (tornato a suonare la chitarra), Chris Sharrock, Jay Darlington e un nuovo bassista, con i quali si è riunito in studio di registrazione a gennaio 2010[14]. Non ha escluso l'eventualità che il gruppo continui a chiamarsi comunque Oasis[141]. Alla fine di marzo Liam ha riferito che per il nuovo disco, la cui uscita è prevista[15] per l'estate del 2011, la band si è ispirata ai T.Rex e a David Bowie[15], forgiando un mix di psichedelia e rock 'n' roll. Della nuova formazione fa parte anche il giovane bassista Jeff Wootton, come confermato dallo stesso Gallagher in un'intervista successiva[142]. Il 25 maggio 2010 il sito della band ha reso noto, tramite un comunicato ufficiale[16] accompagnato da una foto della band con il produttore Steve Lillywhite, che il nuovo nome del gruppo è Beady Eye. Gli Oasis erano dunque ufficialmente scomparsi.

Il nuovo album è stato preceduto dalla raccolta di singoli Time Flies… 1994–2009, lanciata sul mercato.[143] Il 14 giugno 2010 è salita subito in vetta alla classifica britannica degli album[144].Il disco d'esordio dei Beady Eye, Different Gear, Still Speeding, è uscito il 28 febbraio 2011, quello di Noel Gallagher, Noel Gallagher's High Flying Birds, è stato messo sul mercato il 17 ottobre.

La querelle tra i fratelli Gallagher è proseguita nel luglio 2011, in seguito alle dichiarazioni rilasciate da Noel Gallagher alla presentazione del suo nuovo progetto solista all'Electric Cinema di Londra. Noel ha detto di aver lasciato la band perché "ne avevo abbastanza di Liam" e ha sostenuto che il concerto del 23 agosto 2009 al V Festival fu annullato non perché Liam aveva la laringite, ma perché Liam era troppo ubriaco per salire sul palco a cantare. Il maggiore dei Gallagher ha poi aggiunto: "La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l'insistenza di Liam nel voler pubblicizzare la sua linea di abbigliamento, la Pretty Green, nel programma del tour degli Oasis, cosa che io non approvavo". Liam Gallagher ha replicato alle accuse minacciando di adire le vie legali contro Noel, tacciato di "falsità" e invitato a porgere delle scuse ufficiali[145]. Il 19 maggio 2014 esce una riedizione del loro celebre disco d'esordio, Definitely Maybe, per l'occasione anche in vinile [146]

Stile musicale e influenze[modifica | modifica sorgente]

Liam Gallagher con i caratteristici occhiali da sole

Gli Oasis sono stati influenzati soprattutto dai Beatles, influenza che i media britannici si sono spinti a definire "un'ossessione"[147][148][149]. All'apogeo della loro carriera gli Oasis furono soprannominati perfino i Beatles del Duemila[9], per aver creato un fenomeno musicale e sociale comparabile, secondo alcuni, soltanto a quello del gruppo di Liverpool[5], mentre c'è stato chi ha sottolineato l'importanza del gruppo nella storia della musica britannica del Novecento, indicando nei Beatles e negli Oasis due momenti topici:

« Gli Oasis sono probabilmente la band di maggiore talento e successo che la Gran Bretagna abbia prodotto dai tempi dei Beatles»
(Ros Wynne-Jones[150])

Nel 1997 Noel Gallagher ebbe a dire che i punti di riferimento della band sono Beatles e Sex Pistols[151], tanto che per gli Oasis fu coniato il nome Sex Beatles, e che John Lennon è il suo vero idolo[9]. Liam è stato più volte accostato a Johnny Rotten per la vocalità e a Lennon per il modo di vestire[152]. Le sonorità della band sono state paragonate anche a quelle dei Rolling Stones[9], che figurano al secondo posto, dopo i Beatles, tra i cantanti preferiti da Noel[128]. Altre band di riferimento per la band di Manchester sono: Who[9], Kinks[9], Smiths[153], Neil Young[153], Stooges[112], Doors[112], La's[128] e Stone Roses[154].

Concerto degli Oasis in California nel 2005

D'altra parte sono numerose le band che si sono ispirate dichiaratamente agli Oasis: gli Arctic Monkeys[155], i Coldplay[156], i Killers[157], i Coral[158] e i Kasabian[159], il cui cantante Tom Meighan è grande amico di Noel[160]. Degli Oasis esiste anche una cover band, i No Way Sis, originari di Glasgow, che nel 1996 riuscirono a piazzare il singolo I'd Like to Teach the World to Sing, cover dei New Seekers cantata alla maniera degli Oasis, nella top 40 del Regno Unito[161]. A queste band si aggiunge quella giapponese dei Little by Little, che si chiamano così in omaggio all'omonima canzone della band dei fratelli Gallagher[162].

Alcune influenze più evidenti in alcune composizioni musicali della band hanno indotto alcuni artisti a citare gli Oasis in giudizio. È il caso di Neil Innes, che accusò la band di plagio per la canzone Whatever, a suo dire copiata dalla sua How Sweet to Be an Idiot. Il giudice gli diede ragione, concedendogli i diritti d'autore del testo del brano degli Oasis. Il gruppo di Manchester fu citato in giudizio anche dalla Coca-Cola per aver utilizzato senza permesso il brano I'd Like to Teach the World to Sing, canzone dei New Seekers nota negli anni settanta come jingle della pubblicità della bevanda. La band fu costretta poi a cambiare il testo del brano[8]. Inoltre, al momento della loro distribuzione, le copie promozionali di (What's the Story) Morning Glory? contenevano in origine un brano intitolato Step Out. Il CD promozionale fu subito ritirato e sostituito con una versione che ometteva la controversa canzone, troppo somigliante a un brano di Stevie Wonder, Uptight (Everything's Alright)[163]. Il pezzo poi comparve come lato b di Don't Look Back in Anger e a Wonder furono corrisposte mille sterline e riconosciuta la dizione "Wonder, et. al" nella lista dei parolieri[163]. Il CD promozionale dell'album contenente Step Out oggi è un oggetto ricercato dai collezionisti.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Ultima[modifica | modifica sorgente]

Turnisti[modifica | modifica sorgente]

Ex membri[modifica | modifica sorgente]

Ex turnisti[modifica | modifica sorgente]

  • Scott McLeod – basso (1995) (sostituto di McGuigan per poco tempo)

Linea del tempo[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia degli Oasis.
Album in studio
Demo
Album live
Raccolte

Videografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia_degli_Oasis#Video_musicali.

Nella loro carriera gli Oasis hanno prodotto 36 videoclip musicali per promuovere i singoli estratti dai vari album.

Tra i video del 1994 una menzione particolare va riservata a Supersonic e Live Forever, per ciascuno dei quali furono prodotti due versioni del video, una per il mercato britannico e una per il mercato statunitense. Anche il singolo Whatever, pubblicato nel dicembre 1994, fu accompagnato da un video nonostante non fosse stato estratto da alcun album.

Il video di Some Might Say, pubblicato nel 1995, è singolare perché consta di spezzoni tratti dai video di Cigarettes & Alcohol e dalla versione statunitense del video di Supersonic.

Nel 1998 Acquiesce, già nota come lato b del singolo Some Might Say, fu trasmessa dalle radio statunitensi per promuovere l'imminente pubblicazione della raccolta di lati b The Masterplan. Del brano furono prodotti due videoclip: il primo comprendeva immagini tratte dall'esibizione dal vivo al G-Mex Centre di Manchester, il 14 dicembre 1997; il secondo, girato nel settembre 2006, è interpretato da una band composta da sosia giapponesi degli Oasis. È del settembre 2006 anche il video della canzone The Masterplan, messo sul mercato per promuovere il greatest hits Stop the Clocks. Il videoclip, ispirato ai quadri di LS Lowry, pittore britannico che negli anni cinquanta dipinse la Manchester industriale, è simile a un cartone animato: protagonisti sono riproduzioni stilizzate dei membri della band[164].

Risale al 2007 Lord Don't Slow Me Down, singolo edito nel solo formato per il download digitale. Il videoclip del brano è costituito da una selezione di immagini tratte dall'omonimo DVD.

Tournée[modifica | modifica sorgente]

Tour[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tour degli Oasis.

Premi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista di premi e riconoscimenti degli Oasis.

Oltre ai numerosi premi, gli Oasis vantano alcuni primati legati agli NME Awards, conquistati per 15 volte. Nel 1995 quella dei fratelli Gallagher divenne la prima band dell'epoca moderna a vincere tre premi e nel 1996 migliorò il record, diventando la prima band dell'epoca moderna a ricevere quattro riconoscimenti (Best Band, Best Live band, Best Album per (What's the Story) Morning Glory? e Best Single per Wonderwall. Nel 2004 furono vincitori del premio Best DVD, appena istituito, mentre nel 2009 sono stati nominati in sette categorie, un record.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Dalla band degli Oasis è stato tratto spunto per ideare la band fittizia dei DriveShaft, presente nella serie televisiva americana Lost: vi è infatti anche in questo caso una coppia di fratelli, composta da Charlie Pace, bassista e chitarrista della band, uno dei personaggi principali della serie, e da Liam Pace, cantante, il cui nome richiama proprio quello del cantante della band britannica. Entrambe le band sono di Manchester ed hanno recato dissidi tra membri, causati da abusi di alcol e droga.
  • Il duo comico Toti e Tata, formato dai celebri Emilio Solfrizzi ed Antonio Stornaiolo, creò una parodia della band di nome Oesais, che rivisitava alcuni brani più famosi degli Oasis in dialetto di Molfetta (particolarmente simile nella parlata alle lingue anglofone). La parodia, avvalorata dagli esilaranti testi e dagli ancor più esilaranti sottotitoli in italiano forbito, resero gli Oesais uno dei personaggi più riusciti del duo. I video di queste parodie sono oggi disponibili su YouTube.[165]

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

  • 1997: Setting Sun, Noel Gallagher con i Chemical Brothers. Dall'album Dig Your Own Hole
  • 1997: Come on, Liam Gallagher alle backing vocals per i Verve. Dall'album Urban Hymns
  • 1999: Let Forever Be, Noel Gallagher con i Chemical Brothers. Dall'album Surrender
  • 2002: Scorpio Rising, Liam Gallagher con i Death In Vegas. Dall'album Scorpio Rising
  • 2004: Keep What Ya Got, Noel Gallagher con Ian Brown. Dall'album Solarized

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Scheda della band su Allmusic.com
  2. ^ http://fanofmusic.free.fr/index.php?m=Charts&s=BestSellers&p=BestSellers&Act=131.
  3. ^ a b c d Oasis perform charity gig, BBC News, 7 febbraio 2002.
  4. ^ Oasis Interview: What's The Story?, news.music.yahoo.com, 6 ottobre 2008.
  5. ^ a b c d Oasis da record battono anche il disco mito dei Beatles, Corriere della Sera, 13 agosto 1996.
  6. ^ I nipotini dei Beatles, Corriere della Sera, 29 marzo 1996.
  7. ^ Lodetti, op. cit.
  8. ^ a b Oasis Biography, Rolling Stone.
  9. ^ a b c d e f Oasis, ecco i Beatles del Duemila, Corriere della Sera, 29 gennaio 1996.
  10. ^ a b Per il disco degli Oasis è già record in 24 ore, Corriere della Sera, 24 agosto 1997.
  11. ^ a b Stop the Clocks, Amazon.
  12. ^ Noel Gallagher lascia gli Oasis, tgcom.it, 29 agosto 2009.
  13. ^ a b Luke Leitch, Liam Gallagher: the end of Oasis, timesonline.co.uk, 8 ottobre 2009.
  14. ^ a b Andy Bell to return to guitar for Liam Gallagher's new band, NME.com, 4 dicembre 2009.
  15. ^ a b c Liam Gallagher: 'David Bowie and T.Rex have inspired my post-Oasis album' - video, NME.com, 27 marzo 2010.
  16. ^ a b News from Liam, Gem, Andy and Chris, oasisinet.com, 25 maggio 2010.
  17. ^ a b Mathur, 1997, op. cit., pag. 13
  18. ^ a b c d e f g h i j k l Behind the music - Oasis. VH1, 2000.
  19. ^ a b Live Forever, 2004, op. cit.
  20. ^ Harris, 2004, op. cit., pagg. 124-125
  21. ^ a b c Mathur, 1997, op. cit., pag. 14
  22. ^ Harris, 2004, op. cit., pagg. 125-126
  23. ^ Harris, 2004, op. cit., pagg. 127-128
  24. ^ a b Definitely Maybe (DVD)
  25. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 129
  26. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 131
  27. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 132
  28. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 149
  29. ^ Vivaldi, 1996, op. cit., pag. 13
  30. ^ a b c Vivaldi, 1996, op. cit., pag. 14
  31. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 178
  32. ^ Il record di vendite inglese per un album di debutto sarebbe stato battuto dodici anni dopo dagli Arctic Monkeys con Whatever People Say I Am, That's What I'm Not
  33. ^ Vivaldi, 1996, op. cit., pag. 15
  34. ^ a b c d Mathur, 1997, op. cit., pagg. 131-132
  35. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 189
  36. ^ Vivaldi, 1996, op. cit., pag. 19
  37. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 213
  38. ^ Vivaldi, 1996, op. cit., pag. 17
  39. ^ a b Mathur, 1997, op. cit., pag. 169
  40. ^ L'ex batterista chiede 45 miliardi agli Oasis, Corriere della Sera, 30 giugno 1997.
  41. ^ a b Gallagher shrugs off Oasis departure, BBC News, 10 agosto 1999.
  42. ^ a b Mundy, 1996, op. cit., pag. 5
  43. ^ Mathur, 1997, op. cit., pag. 190
  44. ^ Stuart MacOnie, Blur: 3862 Days: The Official History, Virgin Books, 1999, ISBN 0-7535-0287-9.
  45. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 235
  46. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 233
  47. ^ "Cockney revels". NME. 26-08-1995.
  48. ^ Mathur, 1997, op. cit., pag. 205
  49. ^ John Robinson, Not here now, The Guardian, 19 giugno 2004.
  50. ^ Gregor Muir, Wibbling Rivalry, frieze.com, gennaio-febbraio 1996.
  51. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 226
  52. ^ Queen head all-time sales chart, BBC news, 16 novembre 2006.
  53. ^ Vivaldi, 1996, op. cit., pag. 29
  54. ^ Pier Eugenio Torri, Oasis, ondarock.
  55. ^ a b Vivaldi, 1996, op. cit., pag. 30
  56. ^ Vivaldi, 1996, op. cit., pag. 31
  57. ^ Harris, 2004, op. cit., pp. 298-299 (il calcolo è cumulativo)
  58. ^ a b c d Ganzerli, 1996, op. cit.
  59. ^ Liam degli Oasis snobba la band, Corriere della Sera, 28 agosto 1996.
  60. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 310
  61. ^ a b Liam in Usa. Oasis riuniti In Italia il 2 ottobre, Corriere della Sera, 30 agosto 1996.
  62. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 312
  63. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 313
  64. ^ a b c Oasis in lite: rottura vicina, Corriere della Sera, 13 settembre 1996.
  65. ^ a b "Devi lasciare Patsy, è come Yoko Ono", Corriere della Sera, 16 settembre 1996.
  66. ^ Come riportato nel booklet dell'album Be Here Now
  67. ^ a b Rolling Stone, 1997, op. cit.
  68. ^ Oasis: musica dalla finestra gigantesco ingorgo a Londra, Corriere della Sera, 1º luglio 1997.
  69. ^ Harris, 2004, op. cit., pag. 342
  70. ^ a b Oasis bio, Myplay.
  71. ^ Be Here Now - was it really so bad?, Q the music, 25 aprile 2007.
  72. ^ Noel Gallagher dice che 'Be here now' degli Oasis fa schifo, Rockol, 14 ottobre 2004.
  73. ^ Stand By Me by Oasis, Songfacts.
  74. ^ Piero Scaruffi, The History of Rock Music - Oasis, 1999.
  75. ^ a b Noel Gallagher: "Sono stufo del rock, in primavera lascerò gli Oasis", Corriere della Sera, 31 gennaio 1998.
  76. ^ Tom Lanham, Far from Idle, The Wave Magazine, Volume 6, Issue 21.
  77. ^ Mick St. Michael, Oasis: In Their Own Words, Omnibus Pr, 1996, ISBN 0-7119-5695-2.
  78. ^ Jenny Eliscu, Gallagher Brothers Say Oasis Bassist's Departure Won't Kill the Band, Rolling Stone, 25 agosto 1999.
  79. ^ Oasis in tour ancora nel segno dei Beatles Ma stavolta spunta un omaggio agli Stones, Corriere della Sera, 22 marzo 2000.
  80. ^ Oasis - Official Website - Discography, Oasisinet.
  81. ^ Billboard.com - Discography - Oasis - Standing on the Shoulders of Giants, Billboard. (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2008).
  82. ^ Sarah Zupko, Standing on the Shoulder of Giants, Popmatters.
  83. ^ Top 40 Singles, The Top 40 Charts.
  84. ^ Stephen Thomas Erlewine, allmusic Standing on the Shoulders of Giants > Overview, Allmusic.
  85. ^ Oasis pay tribute to Kurt Cobain, NME, 6 aprile 2000. URL consultato il 27 maggio 2010.
  86. ^ Oasis Noel quits tour, BBC News, 23 maggio 2000.
  87. ^ Oasis, nuova lite Noel Gallagher abbandona il tour mondiale, Corriere della Sera, 24 maggio 2000.
  88. ^ a b Tra una lite e l'altra gli Oasis si celebrano, Corriere della Sera, 15 novembre 2000.
  89. ^ «Basta liti, droga e crisi: gli Oasis sono rinati», Corriere della Sera, 7 aprile 2002.
  90. ^ Elvis and Oasis enjoy chart success, BBC News, 7 luglio 2002.
  91. ^ Heathen Chemistry > Charts & Awards > Billboard Albums, Allmusic.
  92. ^ a b c Stephen Thomas Erlewine, allmusic Heathen Chemistry > Overview.
  93. ^ Pitchfork: Heathen Chemistry review, Pitchfork Media.
  94. ^ C.Balzarotti, HEATHEN CHEMISTRY, newsic.it, 18 luglio 2002. URL consultato il 25 luglio 2009.
  95. ^ Heathen Chemistry - Amazon.co.uk Review, amazon.com.
  96. ^ Oasis : Heathen Chemistry, NME.com, 25 giugno 2002. URL consultato il 25 luglio 2009.
  97. ^ Live music review of Oasis gig at Wembley Stadium, thelondonpaper.com, 10 luglio 2009. URL consultato il 25 luglio 2009.
  98. ^ Usa, due membri degli Oasis feriti in un incidente d'auto, La Repubblica, 7 agosto 2002.
  99. ^ Oasis, rissa in un hotel - due denti rotti per Liam, La Repubblica, 2 dicembre 2002.
  100. ^ Oasis Record With Death In Vegas, xfm.co.uk, 12 novembre 2003.
  101. ^ OASIS ON THE POOLE!, NME, 13 maggio 2004.
  102. ^ Oasis : Astoria Tuesday May 10th, NME, 21 maggio 2005.
  103. ^ Tom Bishop, Oasis fail to surprise Glastonbury, BBC News, 26 giugno 2004.
  104. ^ Oasis : Don't Believe The Truth, NME, 1º giugno 2005.
  105. ^ Lars Brandle, Oasis Go For 'Soul' With New Album, Billboard, 24 giugno 2009.
  106. ^ Q Awards play safe, BBC Music, 10 ottobre 2005.
  107. ^ Don't Believe the Truth - Album review, Billboard.
  108. ^ Lars Brandle, Oasis Go For 'Soul' With New Album, Billboard.biz, 25 giugno 2008.
  109. ^ Gary Trust, Ask Billboard: "English Beat", Billboard, 23 gennaio 2009. (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2009).
  110. ^ Back in anger (...continued), The Telegraph, 4 giugno 2005.
  111. ^ New Oasis song on Goal! soundtrack, RTÉ.ie Entertainment, 2 settembre 2005. URL consultato il 14 luglio 2009.
  112. ^ a b c Noel finds time to play new song!, wagonband.com, NME.com, 14 maggio 2003.
  113. ^ Gallagher-Gascoigne, pugni in un pub, corriere.it, 5 settembre 2006.
  114. ^ Oasis 'Outstanding' at BRIT Awards, NME, 14 febbraio 2007.
  115. ^ Rock stars to recreate Sgt Pepper, BBC, 6 aprile 2007.
  116. ^ Oasis releasing brand new single 'Lord Don't Slow Me Down', NME, 24 settembre 2007.
  117. ^ Oasis - Dig Out Your Soul Album Review, Music Lovers Group, 2 ottobre 2008.
  118. ^ a b c Oasis top best British album poll, BBC News, 18 febbraio 2008.
  119. ^ Oasis Albums come out on top in Q Magazine / HMV Poll, Oasis-news.com, 17 febbraio 2008.
  120. ^ The greatest song in the history of the world. Maybe, The Independent, 27 agosto 2006.
  121. ^ Oasis in new three album deal, The Sun, 21 giugno 2008.
  122. ^ Standing on the Edge of the Noise, oasisinet, 27 novembre 2008. URL consultato il 7 settembre 2009.
  123. ^ Oasis' Noel Gallagher assaulted in Toronto, NME, 8 settembre 2008.
  124. ^ Man charged with assault on Oasis' Noel Gallagher, USA Today, 9 agosto 2008.
  125. ^ Noel Gallagher: 'New Oasis album is not Britpop', NME, 19 agosto 2008.
  126. ^ Noel Gallagher Talks Dig Out Your Soul, Idiomag, 21 agosto 2007.
  127. ^ a b c De Luca, 2008, op. cit., pag. 72
  128. ^ a b c Clausi, 2008, op. cit., pag. 79
  129. ^ Oasis' 'Dig Out Your Soul' a cert for Number One, NME, 7 ottobre 2008.
  130. ^ Oasis score seventh number one album, Music Week, 13 ottobre 2008.
  131. ^ Katie Hasty, T.I. Begins Second Week Atop Billboard 200, billboard.com, 15 ottobre 2008.
  132. ^ Oasis' 'I'm Outta Time' Chart Position, SCYHO, 7 dicembre 2008.
  133. ^ (What's the Story) Morning Glory?, Amazon.
  134. ^ Oasis headline Coca Cola Fest for first gig in SA, Sagoodnews, 30 gennaio 2009. URL consultato il 24 giugno 2009.
  135. ^ Oasis win best British band at NME awards, The Guardian, 26 febbraio 2009.
  136. ^ Oasis triumph at second Manchester Heaton Park show, NME, 7 giugno 2009.
  137. ^ a b Oasis, rissa con Liam e Noel lascia la band, Corriere.it. URL consultato il 1º settembre 2009. Si veda anche la testimonianza della cantante Amy Macdonald: Noel Gallagher quits Oasis, smh.com.au, 29 agosto 2009.
  138. ^ Liam Gallagher: 'I'll play my first post-Oasis gigs in a couple of months', NME.com, 13 novembre 2009.
  139. ^ Oasis da Guinness, newsic.it, 17 settembre 2009.
  140. ^ Oasis Wins Best U.K. Album Of Past 30 Years, RTT News, 18 febbraio 2010.
  141. ^ Liam Gallagher: 'My new band may still be named Oasis', NME.com, 1º dicembre 2009.
  142. ^ Live4ever’s Interview With Rock’s Greatest Frontman ‘Liam Gallagher’ - Part II, live4ever.uk.com, 28 marzo 2010.
  143. ^ Oasis unveil 'Time Flies' cover art. It's them at Knebworth, Clashmusic, 9 aprile 2010.
  144. ^ Oasis Singles Collection 'Time Flies' Tops UK Album Chart, Gigwise, 20 giugno 2010.
  145. ^ Dalle parole ai fatti: Liam Gallagher fa causa al fratello Noel, Rolling Stone, 19 agosto 2011.
  146. ^ Oasis: a partire dal 19 maggio lo storico Definitely Maybe ci farà tornare alla Mod London, Mauxa.com, 16 maggio 2014.
  147. ^ Dan Cairns, Song of the Year 1995: Oasis Wonderwall, Times Online, 7 settembre 2008.
  148. ^ Can Coldplay steal Oasis's crown?, Daily Telegraph, 12 maggio 2005.
  149. ^ The Beatles' musical footprints, BBC News Online.
  150. ^ Ros Wynne-Jones, Profile: Oasis - Five get above themselves, The Independent, 13 luglio 1997.
  151. ^ Oasis: "Sì, siamo come i Beatles", Corriere della Sera, 16 luglio 1997.
  152. ^ Oasis: basta cocaina, meglio la gazzosa, Corriere della Sera, 27 settembre 2008.
  153. ^ a b Oasis' official MySpace.
  154. ^ Oasis - Exclusive Interview from 1993!, Ready Steady Go, 1994.
  155. ^ Matt Diehl, Arctic Monkeys:a year ago, no one had heard of them (...), luglio 2006.
  156. ^ Steve Ciabattoni, COLDPLAY: Talk About The Passion, prod1.cmj.com, 10 settembre 2002.
  157. ^ Mike Kalil, IN DEPTH: killers rising, Las Vegas Review-Journal, 18 settembre 2005.
  158. ^ The Coral's official Myspace.
  159. ^ KASABIAN'S OASIS DREAMS, contactmusic.com, 9 giugno 2009.
  160. ^ Noel Gallagher Takes New Shooting Hobby, Exposay, 7 marzo 2008.
  161. ^ Tim Mohr, No Way Sis, "I'd Like To Teach The World To Sing", Westnet, 18 gennaio 1997.
  162. ^ little by little (りとるばいりとる), Musicgoone.
  163. ^ a b Mathur, 1997, op. cit., pag. 181
  164. ^ Dianne Bourne, Oasis' Masterplan to step into world of Lowry, CityLife, 18 ottobre 2006. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  165. ^ Tgcom - Oesais, Liam e Noel in salsa barese

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

In inglese
  • Jason Cohen, The Trouble Boys - Cross the Atlantic With a Hot Record, Two Battling Brothers and Attitude to Spare in Rolling Stone, nº 104, 18 maggio 1995, pp. 50-52.
  • Jemma Wheeler, Oasis: How Does It Feel?, UFO Music, 1995, ISBN 1-873884-35-4.
  • Chris Mundy (2 maggio 1996), Ruling Asses - Oasis have conquered America, and they won't shut up about it, Rolling Stone (68): 32-35
  • Lee Henshaw, Oasis: Revealed, Parragon Publishing, 1996, ISBN 0-7525-1859-3.
  • Mick Middles, Oasis: Round Their Way, Independent Music Press, 1996, ISBN 1-897783-10-8.
  • Paul Gallagher, Terry Christian, Brothers, from Childhood to Oasis. The Real Story, Virgin Books, 1996, ISBN 1-85227-671-1.
  • Paul Mathur, Take Me There - Oasis: The Story, Bloomsbury Publishing Plc, 1996. ISBN 0-7475-3388-1
  • Paul Moody, Oasis: Lost Inside, UFO Music, 1996, ISBN 1-873884-50-8.
  • (luglio 1997), Noel Gallagher, Rolling Stone (764/765).
  • Eugene Masterson, The Word on the Streets: The Unsanctioned Story of Oasis, Mainstream Publishing, 1997, ISBN 1-85158-890-6.
  • Ian Robertson, Oasis: What's the Story?, Delta, 1997, ISBN 0-385-31835-9.
  • Michael Krugman, Oasis: Supersonic Supernova, St. Martin's Griffin, 1997, ISBN 0-312-15376-7.
  • Paolo Hewitt, Getting High: The Adventures of Oasis, Hyperion Books, 1997, ISBN 0-7868-8228-X.
  • Paol Lester, Oasis: The Illustrated Story, Hamlyn, 1997, ISBN 0-600-59414-9.
  • Susan Wilson, Oasis: A Year in the Life, UFO Music, 1997, ISBN 1-873884-76-1.
  • Tim Abbot, Oasis Definitely, Fireside, 1997, ISBN 0-684-83746-3.
  • Chris Hutton & Richard Kurt, Don't Look Back in Anger: Growing Up with Oasis, Pocket Books 2, 1998, ISBN 0-671-01567-2.
  • Paolo Hewitt, Forever the people - Six months on the road with Oasis, Boxtree, 1999, ISBN 0-7522-2448-4.
  • Harry Shaw, Oasis "Talking" (In Their Own Words), Omnibus Press, 2002, ISBN 0-7119-9200-2.
  • John Harris, Britpop!: Cool Britannia and the Spectacular Demise of English Rock, Da Capo Press, 2004. ISBN 0-306-81367-X
  • Live Forever: The Rise and Fall of Brit Pop, Passion Pictures, 2004 (DVD).
  • Paul Slattery, Oasis: A Year On The Road, Music Sales, 2008, ISBN 1-84772-565-1.
In italiano
  • Antonio Vivaldi, Oasis. Beat per gli anni '90, Giunti, 1996. ISBN 88-09-20847-1
  • M. Ganzerli (settembre 1996), Oasis: This is history, Tutto - Musica e Spettacolo.
  • Gabriele Sacchi, Oasis - Frammenti rock, Arcana, 1996, ISBN 88-7966-085-3.
  • Ian Robertson, Oasis: what's the story?, Mondadori, 1997, ISBN 88-04-45944-1.
  • Nando Cruz, Oasis, Logos, 1997, ISBN 88-7940-035-5.
  • Paul Mathur, Oasis - I più grandi - La biografia ufficiale, Giunti, 1997. ISBN 88-09-21149-9
  • Paolo Hewitt, Oasis. Fuori di testa!, Tarab, 1997, ISBN 88-86675-20-8.
  • Luca Bonanni, Oasis... «come sentirsi vivi negli anni '90», Lo Vecchio, 2005, ISBN 88-7333-128-9.
  • Leonardo Clausi (ottobre 2008), Oasis - Io e mio fratello, Rock Star (336): 76-83.
  • Fabio De Luca (ottobre 2008), Oasis - Di nuovo in campo, Rolling Stone (60): 70-72.
  • Paolo Madeddu, Noel Gallagher - Bilanci brit in Rolling Stone, nº 71, settembre 2009, pp. 84-88.
  • Antonio Lodetti (30 agosto 2009), Titoli di coda sul western dei «fratelli Oasis», Il Giornale, pag. 27
  • Hamilton Santià, Oasis. Be Myself. Testi commentati, Arcana, 2011, ISBN 978-88-6231-175-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock
Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 5 giugno 2011vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue