Hey Hey, My My (Into the Black)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hey Hey, My My (Into the Black)

Artista Neil Young
Tipo album Singolo
Pubblicazione 27 agosto 1979
Durata 7 min : 24 sec
Album di provenienza Rust Never Sleeps
Dischi 1
Tracce 2
Genere Rock
Etichetta Reprise Records
Produttore Neil Young
David Briggs
Tim Mulligan
Registrazione 22 ottobre 1978
Neil Young - cronologia
Singolo precedente
(1978)
Singolo successivo
(1979)

Hey Hey, My My (Into the Black) è una canzone rock scritta da Neil Young inclusa come ultima traccia nell'album Rust Never Sleeps del 1979. Il brano fa da contraltare elettrico della canzone d'apertura acustica My My, Hey Hey (Out of the Blue). I due brani sono stati pubblicati come unico singolo dalla Reprise nel 1979, qui la versione di Hey Hey, My My è più corta di quella sull'album.

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Ispirata dai Devo e dall'esplosione del punk 77, e scritta sull'onda emotiva della morte di Elvis Presley, la canzone è diventata uno dei brani più celebri di Neil Young, ammirato da un ampio pubblico che va dagli estimatori del punk a quelli del grunge.

Il verso: «It's Better to Burn Out Than to Fade Away» ("è meglio bruciare che spegnersi lentamente"), presente in realtà solo in My My, Hey Hey (Out of the Blue) è divenuto celebre perché rinvenuto sulla lettera d'addio scritta da Kurt Cobain dei Nirvana prima di suicidarsi nel 1994. Da allora la popolarità della canzone è aumentata notevolmente. Young, scosso dall'accaduto, dedicò poi a Cobain l'album Sleeps with Angels. Da allora Young canta con enfasi il verso: «Once you're gone you can't come back» ("una volta che te ne sei andato non puoi più tornare") nelle esibizioni dal vivo.

Anche il verso: «Out of the blue and into the black» ("Improvvisamente e nell'oscurità") assurse ad emblema della Guerra del Vietnam, perché descrive il salto dalla luce del giorno in un tunnel oscuro da parte dei Vietcong, con probabile riferimento alla morte.[senza fonte]

La versione presente sull'album fu registrata il 22 ottobre 1978 al Cow Palace di San Francisco.

Cover[modifica | modifica sorgente]

La canzone ha influenzato molti artisti del Britpop, tra cui gli Oasis, che nel 2000 presentarono una cover del pezzo durante il tour mondiale poi immortalato dall'album live Familiar to Millions. In occasione del sesto anniversario della morte di Cobain, la band di Manchester dedicò la performance al rocker di Seattle proprio durante un concerto tenuto nella sua città natale[1].

Tracce[2][modifica | modifica sorgente]

Lato A[modifica | modifica sorgente]

  • Hey Hey, My My (Out of the Blue) - 3:51

Lato B[modifica | modifica sorgente]

  • My My, Hey Hey (Into the Black) - 3:44

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Oasis Pay Tribute to Cobain, NME, 06-04-2000.
  2. ^ http://www.discogs.com/Neil-Young-Crazy-Horse-Hey-Hey-My-My-Into-The-Black/release/2098938

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock