The Masterplan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Masterplan
Artista Oasis
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 1998
Durata 67 min: 37 s
Dischi 1
Tracce 14
Genere Alternative rock
Britpop
Etichetta Creation/Sony - Big Brother - Epic
Produttore Owen Morris e Noel Gallagher
Registrazione Rockfield Studios-The Congress House Studio-Masion Rouge-Sawmills, Cornovaglia-The Soundcheck, Scozia-Air Studios-Loco studios, Galles meridionale
Note composto da Noel Gallagher, tranne I'm the Walrus, composta da John Lennon e Paul McCartney, e Rockin' Chair, composta da Noel Gallagher e C. Griffiths
Oasis - cronologia
Album precedente
(1997)

The Masterplan è una compilation della band inglese Oasis, contenente le b-sides tratte dai vari singoli che non sono mai state pubblicate in un album. Questa raccolta fu inizialmente pensata per essere pubblicata solo in alcuni paesi, come Stati Uniti e Giappone, dove i brani del gruppo erano disponibili solo su costosi singoli provenienti dall'Europa. Alla fine, fu rilasciata in tutto il mondo nel tardo 1998. The Masterplan raggiunse la posizione #2 nella UK Singles Chart, dove vinse il disco di platino, mentre negli Stati Uniti arrivò alla #51, riuscendo a vendere circa 2 milioni di copie in tutto il mondo. Quattro canzoni di quest'album sono presenti anche nella raccolta Stop the Clocks (2006), primo Greatest Hits del gruppo.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Noel Gallagher, durante un'esibizione acustica a MTV Sonic del 1997, aveva dichiarato che dopo Be Here Now sarebbe passato molto tempo prima che la gente avesse potuto sentire nuove canzoni degli Oasis. E questo nuovo album in effetti non smentisce tale dichiarazione, non presentando infatti alcun inedito, ma unicamente 14 canzoni scelte tra le migliori b-sides dei singoli pubblicati dall'esordio discografico della band fino a quel momento. O quasi, dato che i brani cronologicamente più remoti sono Fade Away, Listen Up e la cover di I Am the Walrus dei Beatles, originariamente inclusi in Cigarettes & Alcohol, che già era il quarto singolo del gruppo. Ciò appare strano, soprattutto tenendo presente che la scelta della tracklist dell'album era stata affidata al pubblico stesso, chiamato a votare le migliori b-sides tramite il sito ufficiale degli Oasis; pertanto riesce difficile credere che perle come Take Me Away, D'Yer Wanna Be A Spaceman o Cloudburst siano state dimenticate dai fans. Ancor più quando da voci indiscrete emerge che Noel abbia insistito per l'inserimento di Underneath The Sky, benché quest'ultima non fosse emersa tra le migliori 14.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Acquiesce (da Some Might Say) - 4:24
  2. Underneath The Sky (da Don't Look Back in Anger) - 3:21
  3. Talk Tonight (da Some Might Say) - 4:21
  4. Going Nowhere (da Stand By Me) - 4:39
  5. Fade Away (da Cigarettes & Alcohol) - 4:13
  6. The Swamp Song (da Wonderwall) - 4:19
  7. I Am The Walrus (live) (da Cigarettes & Alcohol) - 6:25
  8. Listen Up (da Cigarettes & Alcohol) - 6:21
  9. Rockin' Chair (da Roll With It) - 4:35
  10. Half the World Away (da Whatever) - 4:21
  11. (It's Good) To Be Free (da Whatever) - 4:18
  12. Stay Young (da D'You Know What I Mean?) - 5:05
  13. Headshrinker (da Some Might Say) - 4:38
  14. The Masterplan (da Wonderwall) - 5:22

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Posizioni in classifica[modifica | modifica sorgente]

Anno Classifica Posizione
1998 Billboard 200 51
1998 Canada 11
1998 Svezia 20
1998 Francia 20
1998 Svizzera 40
1998 Norvegia 18
1998 Olanda 55
1998 UK Albums Chart 2
1998 Lista Top-40 (Finlandia) 32
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock