Damon Albarn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Damon Albarn
Fotografia di Damon Albarn
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Genere Britpop
Alternative rock
Colonna sonora
Album pubblicati 2 (solista), 23 (in totale)
Colonne sonore 5
Gruppi e artisti correlati Blur, Gorillaz

Damon Albarn (Londra, 23 marzo 1968) è un cantante e musicista britannico.

È il leader dei Blur, gruppo simbolo del britpop, con il quale ha raggiunto fama mondiale, ma negli ultimi anni ha portato avanti con enorme successo anche il progetto parallelo dei Gorillaz, gruppo attento alle sonorità del rap e dell'hip-hop che ha la particolarità di non apparire mai in carne ed ossa, ma sempre in versione cartoon. È considerato uno dei musicisti più eclettici in circolazione, capace di spaziare con disinvoltura tra generi e sonorità molto diverse tra loro.

Biografia e carriera[modifica | modifica sorgente]

Trasferitosi con la famiglia all'età di dieci anni ad Aldham, Colchester, quando aveva tredici anni conobbe a scuola Graham Coxon, con il quale tuttavia perse contatto quando nel 1987 si trasferì a Londra. Qui iniziò a comporre e incidere musica presso lo studio di registrazione Beat Factory. Nel 1988, mentre frequentava un corso al Goldsmiths College di Londra, conobbe colui che sarebbe diventato il bassista dei Blur, Alex James. Con Coxon, Albarn formò The Circus, band che poi si trasformò in Seymour quando vi si aggiunsero James e Dave Rowntree. I Seymour cambiarono poi nome in Blur nel 1989.

Con il passare degli anni, Albarn divenne una delle icone del britpop, in contrapposizione ai fratelli Noel e Liam Gallagher, leader degli Oasis. Nel 1996, Albarn apparve nella colonna sonora del film Trainspotting sia come membro dei Blur, sia con un brano strumentale pubblicato a suo nome, Closet Romantic.

Anche quando Coxon, nel 2002, ha lasciato la band, Albarn, insieme a Rowntree e James, ha continuato a portare avanti il progetto, ma recentemente ha più volte dichiarato che non ci sarà un nuovo album dei Blur fino a quando Coxon non tornerà sui suoi passi. Nel luglio del 2009 partecipa alla reunion dei Blur per diverse date live, tra cui i due mega concerti tenuti presso l'Hyde Park.

Frattanto, oltre a portare avanti il progetto Gorillaz, Albarn ha inciso musica anche a proprio nome. Nel 2002 ha pubblicato Mali Music, un album basato sulle registrazioni risalenti alla sua visita in Mali, paese africano in cui Albarn si recò nel 2000 per conto della Oxfam, ONG britannica. Nel dicembre 2003 ha pubblicato Democrazy, sempre come solista. L'album contiene demo registrati con un quattro piste durante il tour statunitense dei Blur nel 2003. Nel 2004 è comparso anche in Palookaville, di Fatboy Slim, nella canzone Put It Back Together. Nel 2005 i Gorillaz hanno pubblicato il loro secondo album, Demon Days.

Albarn è molto attivo nel movimento contro la guerra. Si è scagliato infatti duramente contro l'invasione statunitense dell'Afghanistan e contro la guerra in Iraq. Ha dichiarato che vorrebbe incidere a Bagdad il nuovo album dei Blur, perché gli piace lo stile musicale iracheno. Ha anche criticato fortemente il Live 8 del 2 luglio 2005, sottolineando la quasi totale assenza di musicisti neri e africani nel programma. A causa delle sue critiche, numerosi artisti non bianchi sono stati aggiunti al programma del concerto, ed è stato organizzato un intero concerto con l'esibizione di soli artisti africani in Cornovaglia, in contemporanea con gli altri concerti. Nel 2007 assieme a Simon Tong (ex Verve), Paul Simonon (ex Clash), Tony Allen (ex Fela Kuti) ha dato vita ad una superband, "The Good, The Bad & The Queen" che hanno inciso un album omonimo. Questo ennesimo side project da parte di Albarn potrebbe non avere seguito secondo alcune voci, ma non si sa ancora nulla di certo. Nel 2010 è uscito l'album dei Gorillaz The Fall, registrato interamente su iPad.

Il 20 gennaio 2014 ha rilasciato il singolo Everyday Robots sul portale YouTube. Il brano anticipa il nuovo album in uscita il 28 aprile 2014[1]. Il disco è stato registrato nei personali Studio 13 di Londra con la co-produzione di Richard Russel, già al lavoro con Albarn in The Bravest Man In The Universe, album del 2012 di Bobby Womack[2]. Il 25 maggio 2014, Albarn è ospite della trasmissione Che tempo che fa dove esegue il brano Heavy Seas of Love e concede una breve intervista a Fabio Fazio.[3]

Dopo una lunga relazione con Justine Frischmann degli Elastica negli anni novanta, attualmente Albarn convive con Suzi Winstanley, che nel 1999 gli ha dato una figlia di nome Missy.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Con i Blur[modifica | modifica sorgente]

Con i Gorillaz[modifica | modifica sorgente]

con i The Good, the Bad & the Queen[modifica | modifica sorgente]

Da solista[modifica | modifica sorgente]

Colonne sonore[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Damon Albarn, Everyday Robots: l'album solista esce il 28 aprile 2014 in allsongs.tv.
  2. ^ Esce Everyday Robots, un faccia a faccia con Damon Albarn in deejay.it, Elemedia, 29 aprile 2014. URL consultato il 2 luglio 2014.
  3. ^  Damon Albarn - Che tempo che fa del 25/05/2014. RAI, 25 maggio 2014. URL consultato in data 2 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Damon Albarn
  • Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

    Controllo di autorità VIAF: 17421456 LCCN: n97085620