Demon Days

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Demon Days

Artista Gorillaz
Tipo album Studio
Pubblicazione 23 maggio 2005
Durata 51 min : 34 s
Dischi 1
Tracce 15
Genere Alternative rap
Alternative rock
Underground rap
Trip hop
Etichetta Parlophone
Produttore Danger Mouse, Gorillaz, Jason Cox, James Dring
Registrazione gennaio–dicembre 2004 ai Kong Studios e agli Studio 13 di Londra (Regno Unito)
Gorillaz - cronologia
Album precedente
(2001)
Album successivo
(2010)
Singoli
  1. Feel Good Inc
    Pubblicato: 9 maggio 2005
  2. Dare
    Pubblicato: 29 agosto 2005
  3. Dirty Harry
    Pubblicato: 21 novembre 2005
  4. El Mañana/Kids with Guns
    Pubblicato: 10 aprile 2006

Demon Days è il secondo album in studio del gruppo musicale britannico Gorillaz, pubblicato il 20 maggio 2005 dalla Parlophone.

Il disco ha debuttato alla prima posizione della UK Albums Chart,[1] vendendo sei milioni di copie in tutto il mondo,[2] e ha visto la partecipazione di molti artisti, tra cui De La Soul, Shaun Rider, Neneh Cherry, Martina Topley-Bird, Ike Turner, MF Doom e Dennis Hopper.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Antefatti[modifica | modifica sorgente]

La principale fonte d'ispirazione per l'album è nata in conseguenza a un viaggio in treno che Damon Albarn ha compiuto da Pechino fino alla Mongolia, dove lui (insieme al partner e all'allora figlia di sei anni) ha trascorso un'intera giornata di viaggio in cui ha potuto vedere "una parte dimenticata della Cina. Fondamentalmente c'erano alberi morti, per quanto l'occhio può vedere", ricorda Albarn.[3] "Ciotole di polvere, terra smossa che rapidamente si trasformava in deserto. Ci sono piccole città-satellite nel mezzo di questi semi-deserti che sono assolutamente in ginocchio. E quel territorio era grosso come l'Europa. E poi ti svegli nella mattina con questo incubo che hai in testa e fuori vedi il cielo blu e una bellissima distesa di sabbia, che adesso sembra fantastica ma qualche milione di anni fa era stata probabilmente qualcosa di totalmente differente. E questo accadrà su di noi durante il corso della nostra vita."[3][4]

Il fumettista Jamie Hewlett era entusiasta dalla prospettiva di un secondo album dei Gorillaz, affermando, "Andiamo a ripetere lo stesso processo, ma facciamolo meglio. Perché tutti pensavano che [i Gorillaz] fossero un espediente. Se lo fai ancora, non è più un espediente, e se funziona vuol dire che abbiamo dimostrato un punto. Ed immediatamente, tutti noi siamo emozionati.[4]

Registrazione[modifica | modifica sorgente]

Demon Days è stato prodotto da Albarn insieme a Jason Cox, James Dring e Danger Mouse. Quest'ultimo in particolare ha ricordato di come ha imparato molto durante il lavoro svolto con Albarn all'album:[5]

« Era come nuotare o affondare [...] Alla fine della giornata, le persone con cui lavoravi - che fosse il coro o che fosse il chitarrista - erano specializzate in ciò che fanno. Quello che c'era da fare era scoprire il lato migliore del loro lavoro per poi rendere il tutto adattabile al contesto dell'intero progetto. Che risale a mettere insieme una canzone su un programma basato su computer. [...] Tutte queste cose non erano estranee a me, perché avevo già realizzato qualcosa prima dei Gorillaz. »

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Testi e musiche di Gorillaz, eccetto dove indicato.

  1. Intro – 1:03 (Gorillaz, Don Harper)contiene elementi provenienti dal brano Dark Earth, composto da Don Harper e tratto dalla colonna sonora del film Zombi
  2. Last Living Souls – 3:15
  3. Kids with Guns – 3:48
  4. O Green World – 4:34
  5. Dirty Harry (featuring Bootie Brown) – 3:50 (Gorillaz, Romye Robinson)
  6. Feel Good Inc. (featuring De La Soul) – 3:41 (Gorillaz, David Jude Jolicoeur)
  7. El Mañana – 3:53
  8. Every Planet We Reach Is Dead – 4:55
  9. November Has Come (featuring MF Doom) – 2:45 (Gorillaz, Daniel Dumile)
  10. All Alone (featuring Roots Manuva) – 3:33 (Gorillaz, Rodney Smith, Simon Tong)
  11. White Light – 2:13
  12. Dare (featuring Shaun Rider) – 4:06
  13. Fire Coming Out of the Monkey's Head – 3:19
  14. Don't Get Lost in Heaven – 2:11
  15. Demon Days – 4:28

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Virtuale
Reale
  • Damon Albarn – voce, tastiera, chitarra acustica, sintetizzatore, melodica
  • Morgan Nicholls – basso
  • Chris Frangou – basso
  • Cass Browne – batteria
  • Simon Tong – chitarra aggiuntiva (tracce 2, 4, 6–7 e 10)
  • Sally Jackson – violino (tracce 2, 5, 7–8, 10 e 15)
  • Prabjote Osahn – violino in (tracce 2, 5, 8, 10 e 15)
  • Antonia Pagulatos – violino in El Mañana
  • Amanda Drummond e Stella Page – viola (tracce 2, 5, 7–8, 10 e 15)
  • Isabelle Dunn – violoncello (tracce 2, 5, 7–8, 10 e 15)
  • Al Mobbs e Emma Smith – contrabasso (tracce 2, 5, 7–8, 10 e 15)
  • Neneh Cherry – voce aggiuntiva in Kids with Guns
  • San Fermandez Youth Chorus – cori in Dirty Harry
  • Ike Turner – assolo di pianoforte in Every Planet We Reach Is Dead
  • Martina Topley-Bird – voce aggiuntiva in All Alone
  • Rosie Wilson – cori in Dare
  • Dennis Hopper – voce parlata in Fire Coming Out of the Monkey's Head
  • London Community Gospel Choir – cori in Don't Get Lost in Heaven e in Demon Days

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica (2005) Posizione
massima
Australia[6] 2
Austria[6] 3
Belgio (Fiandre)[6] 4
Belgio (Vallonia)[6] 2
Danimarca[6] 3
Finlandia[6] 10
Francia[6] 1
Germania[6] 2
Italia[6] 5
Norvegia[6] 7
Nuova Zelanda[6] 3
Paesi Bassi[6] 15
Portogallo[6] 5
Regno Unito[1] 1
Spagna[6] 22
Svezia[6] 25
Svizzera[6] 1

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) 2005 Top 40 Official Albums Chart UK Archive - 4th June 2005, OfficialCharts.com, 4 giugno 2005. URL consultato il 25 agosto 2013.
  2. ^ (EN) Gorillaz, EMI Music Publishing. URL consultato il 25 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2009).
  3. ^ a b (EN) New Damon interview in Notion magazine - talks Gorillaz, Gorillaz-News.LiveJournal.com, 2 novembre 2005. URL consultato il 25 agosto 2013.
  4. ^ a b (EN) Making a Gorillaz movie, Gorillaz-Unofficial.com. URL consultato il 25 agosto 2013.
  5. ^ (EN) KITCHEN CONFIDENTIAL, LiveJournal.com, agosto 2005. URL consultato il 25 agosto 2013.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Gorillaz - Demon Days, Ultratop.be. URL consultato il 25 agosto 2013.