Éric Cantona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Éric Cantona
Eric Cantona Cannes 2009.jpg
Dati biografici
Nome Éric Daniel Pierre Cantona
Nazionalità Francia Francia
Altezza 191 cm
Peso 86 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Giovanili
1981-1983 Auxerre Auxerre
Squadre di club1
1983-1985 Auxerre Auxerre 19 (2)
1985-1986 Martigues Martigues 15 (4)
1986-1988 Auxerre Auxerre 68 (21)
1988-1989 O. Marsiglia O. Marsiglia 22 (5)
1989 Bordeaux Bordeaux 11 (6)
1989-1990 Montpellier Montpellier 33 (10)
1990-1991 O. Marsiglia O. Marsiglia 40 (13)
1991 Nimes Nîmes 17 (2)
1992 Leeds Leeds 28 (9)
1992-1997 Manchester Utd Manchester Utd 143 (64)
Nazionale
1987-1995 Francia Francia 45 (20)
Palmarès
 Europei di calcio Under-21
Oro 1988
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Beach soccer Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Francia Francia
Carriera
Nazionale
2005 Francia Francia 2 (1)
Carriera da allenatore
2005-2011 Francia Francia
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg  Mondiali
Oro 2005
Bronzo 2006
 

Éric Daniel Pierre Cantona (Marsiglia, 24 maggio 1966) è un attore, dirigente sportivo ed ex calciatore francese, di ruolo attaccante, attuale direttore tecnico dei New York Cosmos.

I sostenitori del Manchester United lo elessero "Calciatore del secolo" del club nel 2001. Fu tra i protagonisti della rinascita sportiva della società di calcio inglese negli anni novanta.[1] Dal 1992 al 1997 militò nelle file dei Red Devils, con cui vinse quattro titoli di Premiership in cinque anni, compresi due double campionato-FA Cup. Nella stagione in cui Cantona fu sospeso la sua squadra non vinse il campionato.

Con la Nazionale francese conobbe un rapporto controverso, collezionando, comunque, 45 presenze e 20 reti tra il 1987 e il 1995.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Cantona è stato sposato con Isabelle Ferrer e insieme hanno avuto due figli. Attualmente è sposato con l'attrice Rachida Brakni, di dieci anni più giovane. Inoltre, anche suo fratello Joël è stato un calciatore, che ha giocato con Olympique Marsiglia, Újpesti TE e Stockport County, ma attualmente è un attore. Suo nipote, Sacha Opinel, ha giocato con squadre come Cannes e Ajaccio, mentre attualmente gioca con l'Ebbsfleet United.

Cantona è nato da padre di origine sarda, precisamente di Ozieri[2], e madre di origine catalana.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Auxerre[modifica | modifica sorgente]

Il primo club di Éric Cantona fu l'Auxerre, dove trascorse due anni nelle giovanili prima di fare il debutto nella squadra professionistica.

La sua carriera si arrestò momentaneamente nel 1984, a causa della chiamata del servizio di leva francese. Dopo aver passato il suo periodo militare, fu prestato al Martigues, nella seconda divisione francese. Tornò all'Auxerre nel 1986 e firmò il suo primo contratto professionistico.

Olympique Marsiglia[modifica | modifica sorgente]

Subito dopo il successo al campionato europeo Under-21 del 1988 si trasferì all'Olympique de Marseille, squadra per cui tifava da ragazzo, grazie ad un trasferimento per una cifra record per il mercato francese. Con la sua nuova squadra, Cantona dimostrò di avere un temperamento impulsivo, che lo portò ad avere diversi problemi per tutta la sua carriera: in un'amichevole del gennaio 1989 contro la Torpedo Mosca, gettò a terra la sua maglia nel momento in cui venne sostituito e il club decise di sospenderlo per un mese. Subito dopo il suo rientro, venne sospeso dalle competizioni internazionali per aver insultato il commissario tecnico della Nazionale durante uno show televisivo.

Dopo questi problemi, venne spedito in prestito prima al Bordeaux per il resto del 1989 e poi al Montpellier per tutta la stagione 1989/1990. Durante il prestito al Montpellier, fu coinvolto in una rissa con il compagno di squadra Jean-Claude Lemoult e lo colpì con un calcio in faccia. L'incidente portò sei membri della squadra a chiedere di mettere Cantona fuori rosa, ma grazie all'appoggio di alcuni leader dello spogliatoio come Laurent Blanc e Carlos Valderrama, il club decise di lasciare in squadra il calciatore perché ritenuto fondamentale. Il Montpellier vinse poi la Coppa di Francia e le prestazioni di Éric convinsero il Marsiglia a chiedere la restituzione dal prestito.

Tornato a Marsiglia, Cantona giocò inizialmente sotto gli ordini del nuovo tecnico della squadra Franz Beckenbauer. Comunque, il presidente del Marsiglia non fu soddisfatto dai risultati e decise quindi di sollevare Beckenbauer dall'incarico per mettere al suo posto Raymond Goethals. Goethals non andò mai d'accordo con Cantona che, nonostante avesse aiutato la sua squadra a vincere il campionato, fu ceduto al Nîmes Olympique per la stagione successiva.

Nel dicembre 1991, durante un match col Nîmes, arrabbiatosi per alcune delle decisioni dell'arbitro, gli lanciò addosso la palla. Venne punito dalla Federcalcio francese e sospeso per un mese. Cantona si arrabbiò con i membri della commissione che lo avevano squalificato, definendoli tutti idioti. Per tutta risposta, la commissione gli aumentò la squalifica a tre mesi. Questa decisione portò Cantona, sempre nel dicembre 1991, ad annunciare il suo ritiro dal calcio giocato. Durante il periodo lontano dal calcio, si dedicò all'arte, in particolar modo alla pittura[1].

Il commissario tecnico della Nazionale francese, Michel Platini, convinse però Cantona a ripensarci, essendo un suo accanito tifoso. Su invito di Gérard Houllier, si trasferì in Inghilterra per ricominciare la sua carriera.

Leeds United[modifica | modifica sorgente]

Il 6 novembre 1991 gli inglesi del Liverpool vennero in Francia per disputare una partita nel secondo turno della Coppa UEFA contro l'Auxerre. Al termine dell'incontro[3], Michel Platini parlò di Cantona a Graeme Souness, all'epoca tecnico dei Reds, spiegandogli che conosceva un giocatore francese che avrebbe potuto giocare nel Liverpool. Souness, che conosceva le qualità di Cantona, ringraziò Platini ma gli spiegò che non voleva avere alcun tipo di problema nello spogliatoio e con la stampa, declinando quindi l'offerta. Nel gennaio 1992, Cantona andò in Inghilterra per effettuare un provino con lo Sheffield Wednesday, allenato da Trevor Francis. Gli venne offerto un secondo provino, ma ciò provocò il risentimento del giocatore, che si ritenne offeso e decise di firmare per il Leeds United, diventando una colonna della squadra che vinse il titolo nel 1992. Fu decisivo anche nella vittoria per 4 a 3 sul Liverpool nel Charity Shield, segnando una tripletta.

Lasciò comunque il Leeds, da campione d'Inghilterra, prima della fine della stagione 1992/1993, trasferendosi al Manchester United nel novembre 1992, per un trasferimento dal prezzo contenuto, 1,2 milioni di sterline. Si guadagnò anche l'odio sportivo dei tifosi del Leeds, che se la presero anche con il tecnico Howard Wilkinson, colpevole, ai loro occhi, di averlo lasciato andare.

Manchester United[modifica | modifica sorgente]

Esordì con il Manchester United a Lisbona contro il Benfica, in un incontro amichevole per festeggiare il cinquantesimo compleanno di Eusébio. Il suo debutto in partite ufficiali arrivò il 6 dicembre 1992, nel secondo tempo della partita tra Manchester United e Manchester City, vinta dai Red Devils per 2 a 1.

La stagione dello United fu piena di problemi, soprattutto in attacco: Brian McClair e Mark Hughes erano fuori forma, mentre l'acquisto estivo Dion Dublin si ruppe una gamba all'inizio della stagione. Nonostante tutto, però, Cantona aiutò la sua squadra a risolvere questo problema, non segnando molto ma creando tantissime occasioni da goal per i suoi compagni di squadra. La prima rete di Éric arrivò il 19 dicembre 1992, nel pareggio per 1 a 1 con il Chelsea a Stamford Bridge. Ma fu contro il Tottenham che Cantona mostrò a tutti la sua classe: segnò una rete e aiutò i suoi compagni a segnare nel 4 a 1 finale. Nei successivi due anni, lo United iniziò una corsa fantastica che lo portò a vincere l'edizione inaugurale della Premier League del 1993.

Anche nella stagione successiva, il Manchester United vinse il campionato e, grazie a una doppietta su rigore di Cantona che sancì il 4 a 0 sul Chelsea, si aggiudicò anche l'FA Cup. Éric fu poi votato giocatore dell'anno della PFA. Comunque, la stagione fu pesante dal punto di vista disciplinare: venne infatti espulso ben quattro volte.

Nel campionato successivo, Cantona fece crescere ancora la sua popolarità, anche se per un evento assolutamente negativo: durante una partita in trasferta contro il Crystal Palace, venne espulso dall'arbitro per aver colpito con un calcio il difensore avversario Richard Shaw che lo aveva trattenuto. Quando si avviò negli spogliatoi, colpì con un calcio in stile Kung-fu un tifoso del Crystal Palace, Matthew Simmons. Il tifoso fu successivamente processato per aver insultato il francese e fu condannato a sette giorni di carcere, anche se uscì soltanto ventiquattro ore dopo la sentenza.

Dopo diversi giorni di assoluto silenzio stampa, Cantona organizzò una conferenza stampa per parlare dell'accaduto. Durante la conferenza, Cantona disse probabilmente una delle frasi più famose mai pronunciate da un calciatore, accusando il mondo dei media, in particolare stampa e giornalisti:

« Quando i gabbiani seguono il peschereccio è perché pensano che verranno gettate in mare delle sardine. »
(Éric Cantona)

Fu rinviato a giudizio ed il processo divenne un caso mediatico. In primo grado fu condannato a due settimane di carcere, sentenza ridotta in appello a 120 ore di servizio civile. Fu poi sospeso dalla Federcalcio inglese per nove mesi, fino all'ottobre successivo. Il Manchester United perse il campionato, che fu vinto a sorpresa dal Blackburn.

Durante la sua assenza, ci furono molte polemiche sull'opportunità della sua permanenza allo United. Fu Alex Ferguson a chiudere le polemiche convincendolo a restare. In estate la squadra decise di vendere alcune delle sue stelle per puntare su dei giocatori del vivaio. All'inizio del campionato 1995/96 le prospettive per il Manchester non erano favorevoli. Ci fu grande attesa, però, per il ritorno in campo di Cantona, avvenuto contro il Liverpool il 1º ottobre 1995. Durante la partita, Éric permise a Nicky Butt di segnare un gol e poi realizzò un rigore che si era procurato Ryan Giggs. Otto mesi di inattività, ovviamente, influirono sulla condizione fisica dell'attaccante, e il francese tornò in forma intorno al periodo natalizio. Aiutò la sua squadra ad avvicinarsi alla testa della classifica con la vittoria per 1 a 0 contro il Newcastle United, dopo che lo United si era trovato, nel corso della stagione, a dodici punti dalla vetta. Fu però con la vittoria per 3 a 0 al Riverside Stadium, contro il Middlesbrough, che fu deciso il campionato. Nella stessa stagione, il Manchester vinse anche l'FA Cup, battendo in finale il Liverpool per 1 a 0, proprio grazie a una rete di Cantona, che resterà probabilmente uno dei suoi gol più famosi. Il francese divenne quindi il primo straniero a vincere l'FA Cup da capitano di una squadra inglese. Il Man Utd fu anche la prima squadra inglese ad ottenere per due volte il Double (già raggiunto infatti due anni prima) ossia l'accoppiata campionato-coppa.

Cantona galvanizzò tutto l'ambiente, formato da stelle ormai affermate come Ryan Giggs e nuovi talenti come David Beckham, Paul Scholes e Gary Neville, che si stavano affacciando in prima squadra. Lo United vinse anche il titolo nel 1997, che per Cantona fu il quarto campionato vinto con il Manchester in cinque stagioni (sesto campionato in sette stagioni se si considerano le vittorie con il Marsiglia e con il Leeds). In sostanza, Cantona non vinse il campionato soltanto nell'anno della sua squalifica. Dopo l'eliminazione dalla Champions League nelle semifinali ad opera del Borussia Dortmund, Cantona annunciò il suo ritiro dal calcio giocato al termine della stagione, a soli trent'anni. La notizia portò molto sconcerto tra i tifosi del Manchester. La sua ultima partita ufficiale fu contro il West Ham, l'11 maggio 1997. Giocò anche una partita di beneficenza per David Busst contro il Coventry City ad Highfield Road, in cui Éric segnò una doppietta che sancì il 2 a 2 finale. Per i Red Devils, Cantona segnò 64 reti in Premier League, 11 reti nelle coppe nazionali e 5 reti in Champions League.

Nel 2004 Cantona rilasciò una dichiarazione sui suoi ex tifosi:

« Sono molto orgoglioso che i tifosi cantino ancora il mio nome allo stadio, ma ho paura che un domani loro si fermino. Ho paura perché lo amo. E ogni cosa che ami, hai paura di perderla. »
(Éric Cantona)

Sempre nel 2004, è stato incluso nella FIFA 100, una lista dei 125 più grandi giocatori viventi, selezionata da Pelé in occasione delle celebrazioni del centenario della FIFA.

Nel 2006, il quotidiano britannico The Sun riportò una dichiarazione di Cantona secondo cui il Manchester United aveva ormai perso la sua anima, e che i giocatori attuali non erano all'altezza dell'Old Trafford; riconobbe che i tempi di figure carismatiche come la sua e quella di George Best erano passati, ma era impaurito dal fatto che lo United potesse diventare una squadra uguale alle altre.

Cantona si oppose anche all'acquisizione della società da parte di Malcolm Glazer, dicendo che se fosse diventato il proprietario del club, non sarebbe mai tornato nella società, neanche come allenatore, infrangendo così le speranze dei tifosi che nel 2000 lo avevano indicato come erede di Alex Ferguson.

Intervenne anche a luglio 2008, sostenendo che la nuova stella Cristiano Ronaldo sarebbe stato uno stupido a lasciare il Manchester United. Aggiunse che avrebbe potuto capire se avesse scelto di andare via per trovare nuovi stimoli, ma se il motivo non fosse stato questo, avrebbe fatto una idiozia. Lo definiva comunque un artista del pallone[4].

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Nazionali giovanili[modifica | modifica sorgente]

Fece parte della spedizione che conquistò il titolo europeo Under-21 ai campionati di categoria del 1988.

Nazionale maggiore[modifica | modifica sorgente]

Cantona fece il suo debutto nella Nazionale maggiore nel 1987, sotto la guida del tecnico Henri Michel. Nel settembre 1988, insofferente al fatto di essere stato accantonato dalla sua Nazionale, accusò in diretta televisiva il tecnico e fu quindi sospeso dalla Nazionale. Michel fu in ogni caso licenziato nel momento in cui fallì la qualificazione ai Mondiali del 1990.

In sostituzione di Michel arrivò Platini, grande estimatore di Cantona: fu, infatti, lui a consigliare al giocatore di lasciare la Francia per spostarsi in Inghilterra. La Nazionale si qualificò per gli Europei 1992, ma non riuscì ad aggiudicarseli. Platini lasciò la Nazionale al termine della rassegna europea e fu sostituito da Gérard Houllier.

Sotto la guida di Houllier la Francia mancò la qualificazione ai Mondiali del 1994, dopo aver perso la partita decisiva del girone contro la Nazionale bulgara per 2-1, quando ai Bleus sarebbe bastato un pareggio. Houllier rassegnò le sue dimissioni e il suo posto fu preso da Aimé Jacquet.

Jacquet cercò di ricostruire la squadra in vista degli Europei 1996 e nominò Cantona capitano della squadra, che rimase tale fino al giorno del sopraccitato episodio di Selhurst Park del gennaio 1995. Dal giorno della squalifica non avrebbe più vestito la maglia della Nazionale.

Il suo posto fu preso da Zinédine Zidane, intorno al quale Jacquet costruì una squadra di giovani per aprire un nuovo ciclo. Cantona, Jean-Pierre Papin e David Ginola non furono più convocati in Nazionale, ma fu soprattutto la decisione di escludere Éric a creare non poche polemiche, dalle quali Jacquet si difese dicendo che la squadra aveva fatto bene anche senza di loro. A confermare la bontà della scelta di Jacquet venne la prima vittoria ai mondiali di calcio nella storia della nazionale francese, ottenuta ai Mondiali del 1998 disputati proprio in Francia, seguita dal successo agli Europei 2000 con un nuovo CT, Roger Lemerre, che mantenne il blocco di giocatori selezionati da Jacquet.

Cantona non accettò di buon grado l'esclusione: sia agli Europei 2004 che ai Mondiali del 2006 dichiarò che avrebbe tifato per la Nazionale inglese.[5]

Dirigente sportivo[modifica | modifica sorgente]

Il 18 gennaio 2011 viene ingaggiato come nuovo direttore tecnico dei New York Cosmos, glorioso club americano scioltosi nel 1985. Nel 2009 infatti, Paul Kemsley, ex vicepresidente del Tottenham ha convinto G. Peppe Pinton, ex general manager dei Cosmos, a cedergli l'uso legale del nome della squadra con l'intento di rilanciare il club. Nel progetto di rinascita Kemsley ha coinvolto l'ex stella brasiliana Pelé, nel ruolo di presidente onorario, Giorgio Chinaglia in quello di ambasciatore e appunto Cantona nelle vesti di direttore tecnico.[6][7] Ad aprile si aggiungono a loro l'attore Robert De Niro e il campione del mondo del 1970 Carlos Alberto.[8]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Squadre di club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe europee Supercoppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1983-84 Francia Auxerre D1 2 0 - - - - - - - - - 2 0
1984-85 D1 5 2 - - - - - - - - 5 2
1985-86 D1 7 0 - - - - - - - - - 7 0
Totale Auxerre 19 2 - - - - - - 19 2
1985-86 Francia Martigues D2 15 4 - - - - - - - - - 15 4
1986-87 Francia Auxerre D1 36 13 - - - - - - - - - 36 13
1987-88 D1 32 8 - - - CU 2 1 - - - 34 9
Totale Auxerre 68 21 - - 2 1 - - 70 22
1988-89 Francia Olympique de Marseille D1 22 5 - - - - - - - - - 22 5
1988-89 Francia Bordeaux D1 11 6 - - - - - - - - - 11 6
1989-90 Francia Montpellier D1 33 10 - - - - - - - - - 33 10
1990-91 Francia Olympique de Marseille D1 18 8 - - - CdC 3 1 - - - 21 9
1991-92 Francia Nîmes Olympique D1 17 2 - - - - - - - - - 17 2
1991-92 Inghilterra Leeds United PL 15 3 - - - - - - - - - 15 3
1992-93 PL 13 6 FA + LC 0 + 1 0 + 0 UCL 5 2 CS 1 3 19 11
Totale Leeds United 28 9 1 0 5 2 1 3 35 14
1992-93 Inghilterra Manchester United PL 22 9 FA + LC 1 + 0 0 + 0 - - - - - - 23 9
1993-94 PL 34 18 FA + LC 5 + 5 4 + 1 UCL 4 2 CS 1 2 49 27
1994-95 PL 21 12 FA + LC 1 + 0 1 + 0 UCL 2 0 CS 1 0 25 13
1995-96 PL 30 14 FA + LC 7 + 1 5 + 0 - - - - - - 38 19
1996-97 PL 36 11 FA + LC 3 + 0 0 + 0 UCL 10 3 CS 1 0 49 14
Totale Manchester United 143 64 23 11 16 5 3 2 185 82
Totale 374 131 24 11 26 9 4 5 428 156

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Francia Francia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
12/08/1987 Berlino Germania Ovest Germania Ovest 2 – 1 Francia Francia Amichevole 1
14/10/1987 Parigi Francia Francia 1 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 1988 -
18/11/1987 Parigi Francia Francia 0 – 1 Germania Ovest Germania Ovest Qual. Euro 1988 -
27/01/1988 Tel Aviv Israele Israele 1 – 1 Francia Francia Amichevole -
23/03/1988 Bordeaux Francia Francia 2 – 1 Spagna Spagna Amichevole -
16/08/1989 Malmö Svezia Svezia 2 – 4 Francia Francia Amichevole 2
05/09/1989 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 1 Francia Francia Qual. Mondiali 1990 -
11/10/1989 Parigi Francia Francia 3 – 0 Scozia Scozia Qual. Mondiali 1990 1
18/11/1989 Tolosa Francia Francia 2 – 0 Cipro Cipro Qual. Mondiali 1990 -
21/01/1990 Madinat al-Kuwait Kuwait Kuwait 0 – 1 Francia Francia Amichevole -
24/01/1990 Madinat al-Kuwait Francia Francia 3 – 0 Germania Germania Amichevole 2
28/02/1990 Montpellier Francia Francia 2 – 1 Germania Germania Amichevole 1
28/03/1990 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 3 Francia Francia Amichevole 2
15/08/1990 Parigi Francia Francia 0 – 0 Polonia Polonia Amichevole -
05/09/1990 Reykjavík Islanda Islanda 1 – 2 Francia Francia Qual. Euro 1992 1
13/10/1990 Parigi Francia Francia 2 – 1 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Qual. Euro 1992 -
20/02/1991 Parigi Francia Francia 3 – 1 Spagna Spagna Qual. Euro 1992 -
30/03/1991 Parigi Francia Francia 5 – 0 Albania Albania Qual. Euro 1992 -
12/10/1991 Siviglia Spagna Spagna 1 – 2 Francia Francia Qual. Euro 1992 -
20/11/1991 Parigi Francia Francia 3 – 1 Islanda Islanda Qual. Euro 1992 2
09/02/1992 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Francia Francia Amichevole -
25/03/1992 Parigi Francia Francia 3 – 3 Belgio Belgio Amichevole -
27/05/1992 Losanna Svizzera Svizzera 1 – 2 Francia Francia Amichevole -
05/06/1992 Lens Francia Francia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
10/06/1992 Stoccolma Svezia Svezia 1 – 1 Francia Francia Euro 1992 - 1º Turno -
14/06/1992 Malmö Francia Francia 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Euro 1992 - 1º Turno -
17/06/1992 Malmö Francia Francia 1 – 2 Danimarca Danimarca Euro 1992 - 1º Turno -
14/10/1992 Parigi Francia Francia 2 – 0 Austria Austria Qual. Mondiali 1994 1
14/11/1992 Parigi Francia Francia 2 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 1994 1
17/02/1993 Tel Aviv Israele Israele 0 – 4 Francia Francia Qual. Mondiali 1994 1
28/04/1993 Parigi Francia Francia 2 – 1 Svezia Svezia Qual. Mondiali 1994 2
28/07/1993 Caen Francia Francia 3 – 1 Russia Russia Amichevole 1
22/08/1993 Stoccolma Svezia Svezia 1 – 1 Francia Francia Qual. Mondiali 1994 -
08/09/1993 Tampere Finlandia Finlandia 0 – 2 Francia Francia Qual. Mondiali 1994 -
13/10/1993 Parigi Francia Francia 2 – 3 Israele Israele Qual. Mondiali 1994 -
17/11/1993 Parigi Francia Francia 1 – 2 Bulgaria Bulgaria Qual. Mondiali 1994 1
16/02/1994 Napoli Italia Italia 0 – 1 Francia Francia Amichevole -
26/05/1994 Kōbe Australia Australia 0 – 1 Francia Francia Amichevole 1
29/05/1994 Tōkyō Giappone Giappone 1 – 4 Francia Francia Amichevole -
17/08/1994 Bordeaux Francia Francia 2 – 2 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole -
07/09/1994 Bratislava Slovacchia Slovacchia 0 – 0 Francia Francia Qual. Euro 1996 -
08/10/1994 Saint-Étienne Francia Francia 0 – 0 Romania Romania Qual. Euro 1996 -
16/11/1994 Zabrze Francia Francia 0 – 0 Polonia Polonia Qual. Euro 1996 -
13/12/1994 Trebisonda Azerbaigian Azerbaigian 0 – 2 Francia Francia Qual. Euro 1996 -
18/01/1995 Utrecht Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 Francia Francia Amichevole -
Totale Presenze 45 Reti (11º posto) 20

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Éric Cantona in campo.

Dopo il ritiro dall'attività agonistica Cantona si è dedicato al cinema francese, prima recitando e poi dirigendo un cortometraggio dal titolo Apporte-moi ton amour nel 2002. Fuori dalla Francia ha ricoperto il ruolo dell'ambasciatore francese nel film Elizabeth, che ha avuto tra i suoi protagonisti Cate Blanchett. Ha recitato anche in Le Deuxieme souffle al fianco di Monica Bellucci.[9] Nel corso del 2008, è tornato a Manchester in veste di produttore e attore del film Il mio amico Eric, dedicato ai tifosi del Manchester United, con la regia di Ken Loach.[10]

Dal suo ritiro in poi Cantona è stato protagonista di diversi spot pubblicitari, soprattutto per la Nike. Ha, infatti, preso parte alle più memorabili campagne pubblicitarie dell'azienda statunitense: nel primo spot insieme a Ronaldo, Paolo Maldini, Rui Costa, Luís Figo, Patrick Kluivert, Edgar Davids affronta una formazione guidata dalle forze del Male in un'arena simile al Colosseo. Memorabile la frase di Cantona che, prima di trapassare l'estremo difensore della formazione del Male con una cannonata delle sue, si aggiusta il colletto della maglietta ed esclama: "au revoir!". Lo spot successivo lo vede con la Nazionale brasiliana giocare a calcio all'interno di un aeroporto, mentre in un'altra era in programma una sfida tra il Brasile e il Portogallo. In una campagna pubblicitaria a livello mondiale, organizzata dalla Nike nel periodo della Coppa del Mondo 2002, Cantona era l'organizzatore di un torneo "underground" (sponsorizzato dalla Nike come Scorpion KO) che vedeva tra i protagonisti calciatori come Thierry Henry, Roberto Carlos, Francesco Totti, Luís Figo e Hidetoshi Nakata per la regia di Terry Gilliam. Nel corso della campagna pubblicitaria organizzata per i Mondiali 2006, Cantona era lo speaker di una società che si proponeva come obiettivo l'eliminazione della simulazione e del falso dal calcio, chiamata Joga Bonito. Le campagne pubblicitarie che lo hanno visto tra i protagonisti gli hanno garantito degli ingenti introiti economici, paragonabili a quelli che avrebbe percepito se avesse continuato a giocare a calcio per qualche anno ancora.

Poco dopo la separazione dal Manchester United, Cantona divenne capitano della Nazionale francese di beach soccer. Ha continuato ad interessarsi al beach soccer, giocando la Coppa del Mondo di Beach Soccer del 2005. Allenò poi la stessa Nazionale francese alla Coppa del Mondo 2006 di beach soccer.

Nel 1998, la Football League, durante le celebrazioni per il centesimo campionato disputato, incluse Cantona nella lista dei Football League 100 Legends.

Nel 2002, Cantona fu incluso nella neonata Hall of Fame del calcio inglese.

Nel 2010 l'ex-calciatore si fa portatore di una crociata contro le banche invitando i cittadini francesi a ritirare contemporaneamente il 7 dicembre tutti i propri risparmi dai conti corrente bancari[11]. Nonostante il clamore mediatico suscitato dalla proposta (Cantona è stato definito "irresponsabile" dal Presidente dell'UE Jean-Claude Juncker) il risultato si rivela un flop e pochissimi francesi seguono l'iniziativa[12].

Il 13 marzo 2014 viene arrestato per aggressione dopo una lite avvenuta nel nord di Londra[13].

Nel 2014 recita assieme a Mads Mikkelsen nel film western danese The Salvation, che parteciperà fuori concorso al Festival di Cannes, diretto da Kristian Levring[14].

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Montpellier: 1989-1990
Olympique Marsiglia: 1990-1991
Leeds United: 1992
Manchester United: 1993, 1994, 1996
Leeds United: 1991-1992
Manchester United: 1992-1993, 1993-1994, 1995-1996, 1996-1997
Manchester United: 1994, 1996

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

1988

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1994
1996
1995-1996 - marzo

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Eric Cantona The King, EuroCalcio News. URL consultato il 6 aprile 2010.
  2. ^ Ozieri, strani incontri in cimitero, Cantona visita la tomba del nonno, Unione Sarda, 1º settembre 2012. URL consultato il 1º settembre 2012.
  3. ^ Vinse il Liverpool per 3 a 0.
  4. ^ Stefano Volpe, Cantona su Ronaldo: "Uno stupido se lasciasse Manchester", Tutto Mercato Web, 29 luglio 2008. URL consultato il 6 aprile 2010.
  5. ^ (EN) Cantona blasts France, BBC Sport, 28 giugno 2004. URL consultato il 6 aprile 2010.
  6. ^ Cantona ai Cosmos insieme con Pelé, gazzetta.it, 20 gennaio 2011.
  7. ^ MLS - Cantona nuovo direttore tecnico dei Cosmos, yahoo.com, 19 gennaio 2011.
  8. ^ n.s., Anche De Niro gioca con i Cosmos in Extra Time, 19 aprile 2011, p. 12.
  9. ^ Eric Cantona: dal Manchester United al cinema, Cineblog, 19 novembre 2006. URL consultato il 6 aprile 2010.
  10. ^ Emanuele Rigano, Cantona torna a Manchester, da "produttore-calciatore", Tutto Mercato Web, 11 maggio 2008. URL consultato l'11 maggio 2008.
  11. ^ Cantona il rosso contro le banche: "Svuotate i conti" - cantona, banche, juncker, soldi, manchester united - liberoquotidiano.it
  12. ^ Banche, è il giorno di Cantona. Ma la rivoluzione di Eric stenta a decollare - Adnkronos Economia
  13. ^ Aggressione, arrestato Cantona in ANSA, 13 marzo 2013. URL consultato il 14 marzo 2014.
  14. ^ A Cannes un western con Eric Cantona in ANSA, 6 maggio 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Rob Wightman, FourFourTwo Great Footballers: Eric Cantona, Virgin Books, 2002, ISBN 978-0-7535-0662-2.
  • (EN) Eric Cantona, Cantona on Cantona: Reflections of a sporting legend, Andre Deutsch, 1996, ISBN 978-0-233-99045-3.
  • Michael Robinson, La Philosophie De Cantona, Prentice Hall, 1995, ISBN 978-1-898051-39-8.
  • (EN) Terence Blacker, William Donaldson, The Meaning of Cantona: Meditations on Life, Art and Perfectly Weighted Balls, Mainstream Publishing, 1997, ISBN 978-1-85158-950-0.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 92048962 LCCN: nb2005008475