Coppa dei Campioni 1990-1991

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coppa dei Campioni 1990-1991
Competizione UEFA Champions League
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 36ª
Organizzatore UEFA
Date 18 settembre 1990 - 29 maggio 1991
Partecipanti 31
Risultati
Vincitore Stella Rossa Stella Rossa
(1º titolo)
Secondo O. Marsiglia O. Marsiglia
Statistiche
Miglior marcatore Francia Jean-Pierre Papin (6)
Austria Peter Pacult (6)
Incontri disputati 59
Gol segnati 190 (3,22 per incontro)
Champions league 1991.jpg
I giocatori della Stella Rossa in festa col trofeo
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1989-1990 1991-1992 Right arrow.svg

La Coppa dei Campioni 1990-1991, che vide la partecipazione di 31 squadre, fu vinta per la prima volta dalla Stella Rossa, che superò l'Olympique Marsiglia ai tiri di rigore nella finale allo Stadio San Nicola di Bari.

Sedicesimi di finale[modifica | modifica sorgente]

Risultato Andata Ritorno
APOEL Cipro 2 - 7 Germania Ovest Bayern Monaco 2 - 3 0 - 4
Akureyri Islanda 1 - 3 Bulgaria CSKA Sofia 1 - 0 0 - 3
Dinamo Bucarest Romania 5 - 1 Irlanda St. Patrick's Athletic 4 - 0 1 - 1
Porto Portogallo 13 - 1 Irlanda del Nord Portadown 5 - 0 8 - 1
Stella Rossa Jugoslavia 5 - 2 Svizzera Grasshopper 1 - 1 4 - 1
Valletta Malta 0 - 10 Scozia Rangers 0 - 4 0 - 6
Luxembourg Lussemburgo 1 - 6 Germania Est Dinamo Dresda 1 - 3 0 - 3
Malmö Svezia 5 - 4 Turchia Beşiktaş 3 - 2 2 - 2
Napoli Italia 5 - 0 Ungheria Újpest 3 - 0 2 - 0
Sparta Praga Cecoslovacchia 0 - 4 URSS Spartak Mosca 0 - 2 0 - 2
Odense Danimarca 1 - 10 Spagna Real Madrid 1 - 4 0 - 6
FC Swarovski Tirol Austria 7 - 1 Finlandia Kuusysi 5 - 0 2 - 1
Lillestrøm S.K. Norvegia 1 - 3 Belgio Bruges 1 - 1 0 - 2
Lech Poznań Polonia 5 - 1 Grecia Panathinaikos 3 - 0 2 - 1
Olympique Marsiglia Francia 5 - 1 Albania Dinamo Tirana 5 - 1 0 - 0

Ottavi di finale[modifica | modifica sorgente]

Risultato Andata Ritorno
Bayern Monaco Germania Ovest 7 - 0 Bulgaria CSKA Sofia 4 - 0 3 - 0
Dinamo Bucarest Romania 0 - 4 Portogallo Porto 0 - 0 0 - 4
Stella Rossa Jugoslavia 4 - 1 Scozia Rangers 3 - 0 1 - 1
Dinamo Dresda Germania Est 7 - 6 Svezia Malmö 1 - 1 6 - 5 d.c.r.
Napoli Italia 3 - 5 URSS Spartak Mosca 0 - 0 3 - 5 d.c.r.
Real Madrid Spagna 11 - 3 Austria FC Swarovski Tirol 9 - 1 2 - 2
Milan Italia 1 - 0 Belgio Bruges 0 - 0 1 - 0
Lech Poznań Polonia 4 - 8 Francia Olympique Marsiglia 3 - 2 1 - 6

Quarti di finale[modifica | modifica sorgente]

Squadra 1   Totale   Squadra 2   Andata     Ritorno  
Bayern Monaco Germania 3 - 1 Portogallo Porto 1 - 1 2 - 0
Stella Rossa Jugoslavia 6 - 0 Germania Est Dinamo Dresda 3 - 0 3 - 0[4]
Spartak Mosca URSS 3 - 1 Spagna Real Madrid 0 - 0 3 - 1
Milan Italia 1 - 4 Francia Olympique Marsiglia 1 - 1 0 - 3[5]

Semifinali[modifica | modifica sorgente]

Squadra 1   Totale   Squadra 2   Andata     Ritorno  
Bayern Monaco Germania 3 - 4 Jugoslavia Stella Rossa 1 - 2 2 - 2
Spartak Mosca URSS 2 - 5 Francia Olympique Marsiglia 1 - 3 1 - 2

Finale[modifica | modifica sorgente]

Bari
29 maggio 1991, ore 20:15
Stella Rossa Flag of SFR Yugoslavia.svg 0 – 0
(d.t.s.)
referto
Flag of France.svg O. Marsiglia Stadio San Nicola (56 000 spett.)
Arbitro Italia Tullio Lanese

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Stella Rossa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Olympique Marsiglia
Stella Rossa Stella Rossa
P 1 Jugoslavia Stevan Stojanović (C)
C 2 Jugoslavia Vladimir Jugović
D 3 Jugoslavia Slobodan Marović Yellow card.svg
D 4 Jugoslavia Refik Šabanadžović
D 5 Romania Miodrag Belodedić
D 6 Jugoslavia Ilija Najdoski
C 7 Jugoslavia Robert Prosinečki
C 8 Jugoslavia Siniša Mihajlović Yellow card.svg
A 9 Jugoslavia Darko Pančev
A 10 Jugoslavia Dejan Savićević Sub off.svg 84'
C 11 Jugoslavia Dragiša Binić Yellow card.svg
Sostituzioni:
C 15 Jugoslavia Vlada Stošić Sub on.svg 84'
Allenatore
Jugoslavia Ljupko Petrović
O. Marsiglia O. Marsiglia
P 1 Francia Pascal Olmeta
D 2 Francia Manuel Amoros
D 3 Francia Éric Di Meco Sub off.svg 112'
D 4 Francia Basile Boli Yellow card.svg
D 5 Brasile Carlos Mozer
C 6 Francia Bruno Germain
C 7 Francia Bernard Casoni
C 8 Inghilterra Chris Waddle
A 9 Francia Jean-Pierre Papin (C)
A 10 Ghana Abédi Pelé
C 11 Francia Laurent Fournier Sub off.svg 75'
Sostituzioni:
C 12 Jugoslavia Dragan Stojković Sub on.svg 112'
C 13 Francia Philippe Vercruysse Sub on.svg 75'
Allenatore:
Belgio Raymond Goethals

Vincitore[modifica | modifica sorgente]

Campione d'Europa 1990-1991

600px Bianco e Rosso diagonale con stella Rossa.png

Stella Rossa
(1º titolo)

Classifica marcatori[modifica | modifica sorgente]

Gol Marcatore Squadra
1rightarrow.png 6 Francia Jean-Pierre Papin O. Marsiglia O. Marsiglia
Austria Peter Pacult Swarovski Tirol Swarovski Tirol
5 Francia Philippe Vercruysse O. Marsiglia O. Marsiglia
- Jugoslavia Darko Pančev Stella Rossa Stella Rossa
- Messico Hugo Sánchez Real Madrid Real Madrid
- Spagna Sebastián Losada
- Germania Est Torsten Gütschow Dinamo Dresda Dinamo Dresda
- Scozia Mo Johnston Rangers Rangers

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Milan fu qualificato d'ufficio come detentore della coppa agli ottavi di finale.
  2. ^ Il Liverpool fu squalificato per 6 anni dalle competizioni UEFA in seguito alla strage dell'Heysel.
  3. ^ L'Ajax fu squalificato per un anno dalle competizioni UEFA in seguito all'abbandono del campo al 104º minuto, durante i tempi supplementari, della partita di ritorno dei trentaduesimi di finale della Coppa UEFA 1989-1990 con l'Austria Vienna.
  4. ^ Vittoria a tavolino in seguito all'interruzione della partita al 78º minuto a causa di intemperanze dei tifosi tedeschi sul risultato di 2-1 per la Stella Rossa. La Dinamo Dresda è stata per questo squalificata per due anni dalle competizioni internazionali, cfr. Antonio Dipollina, 50 miliardi perduti in la Repubblica, 28 marzo 1991.
  5. ^ Vittoria a tavolino dopo che al 88º minuto, sul risultato di 1-0 per l'Olympique Marsiglia, il Milan si è rifiutato di continuare a giocare in seguito allo spegnimento di uno dei riflettori dello stadio. La squadra italiana è stata per questo squalificata per un anno dalle competizioni internazionali, cfr. Antonio Dipollina, 50 miliardi perduti in la Repubblica, 28 marzo 1991.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio