Malcolm Glazer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Malcolm Irving Glazer (Rochester, 25 maggio 1928Rochester, 28 maggio 2014) è stato un imprenditore statunitense.

Glazer ricoprì l'incarico di presidente della First Allied Corporation, una holding company che tratta diversi interessi economici. Il suo patrimonio fu stimato dalla rivista economica-finanziaria Forbes in 2,6 miliardi di dollari.[senza fonte] Fu anche proprietario del Manchester United e dei Tampa Bay Buccaneers, una franchigia della NFL della Florida.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un immigrato lituano da cui ha ereditato la sua catena gioielliera, Malcolm è il quinto di sette fratelli. Negli anni settanta diventa presidente della First Allied Corporation. , è vissuto a Palm Beach, in Florida. Si è sposato con Linda e ha cinque figli e una figlia: Avram, Kevin, Bryan, Joel, Darcie e Edward. Tre di questi (Joel, Bryan e Edward) sono vicepresidenti della First Allied Corporation.

Il 16 aprile 2006 Glazer fu colpito da un ictus che gli causò una perdita di mobilità nel suo braccio e gamba destra. Nel maggio dello stesso subì un secondo ictus. Glazer morì all'età di 86 anni, il 28 maggio 2014, nella sua città natale di Rochester[1].

È stato fino alla morte il proprietario dei Tampa Bay Buccaneers (dal 1995) e del Manchester United (dal 2005).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Malcolm Glazer, Buccaneers owner, dies at age 85, NFL.com, 28 maggio 2014. URL consultato il 29 maggio 2014.