Audra McDonald

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Audra McDonald nel settembre 2008

Audra Ann McDonald (Berlino, 3 luglio 1970) è un'attrice e soprano statunitense, specializzata nel genere musical. È una delle più acclamate interpreti di musical a Broadway e per le sue interpretazioni sulle scene newyorchesi ha vinto sei Tony Award, più di ogni altra attrice nella storia del premio.[1].

Audra è conosciuta a livello internazionale per la partecipazione a Private Practice di Shonda Rhimes dove interpreta la parte di Naomi Bennett.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato canto lirico alla prestigiosa Juilliard School di New York, diplomandosi nel 1993, e un anno prima del diploma aveva già debuttato a Broadway nell'adattamento musicale del Giardino Segreto. Nel 1994 ottiene il suo primo grande successo quando interpreta Carrie nel revival del musical Carousel in scena al Lincoln Center con la regia di Nicholas Hytner; per la sua performance ha vinto il Theatre World Award, il Drama Desk Award, l'Outer Critics Circle Award ed il Tony Award alla miglior attrice non protagonista in un musical.[2]

Nel 1995 ritorna a Broadway nel dramma di Terrence McNally Master Class, sulle lezioni tenute da Maria Callas (interpretata da Zoe Caldwell) alla Juilliard School; la McDonald recitava nel ruolo del giovane soprano Sharon e per la sua interpretazione ha vinto il Tony Award alla miglior attrice non protagonista in uno spettacolo.[3] Nel 1997 ottiene un altro successo in un musical, quando interpreta Sarah Brown nell'adattamento musicale del romanzo di E. L. Doctorow Ragtime, al fianco di altri affermati attori di Broadway come Marin Mazzie, Brian Stokes Mitchell, Judy Kaye e la giovanissima Lea Michele; il ruolo le vale un altro Tony Award alla miglior attrice non protagonista in un musical.[4]

Nel 1999 recita con Anthony Crivello nel musical Marie Christine al Lincoln Center e viene candidata al Tony Award alla miglior attrice protagonista in un musical. Nel 2000 canta in una versione concertistica di Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street con Patti LuPone e George Hearn al Lincoln Center e nel 2001 recita in un concerto di Dreamgirls con Lillias White.[5] Nel 2002 canta in una versione concertistica di Carousel con Hugh Jackman, Judy Kaye e Norbert Leo Butz.

Nel 2003 recita nel suo primo musical di Stephen Sondheim, Passion, in scena a Ravinia con Patti LuPone e Michael Cerveris. Sempre nel 2003 torna a Broadway dopo quattro anni per recitare in Enrico IV, Parte 1 e 2. L'anno successivo recita in un acclamato revival di A Raisin in the Sun di Lorraine Hansberry con Phylicia Rashād e vince il suo quarto Tony Award, questa volta alla miglior attrice non protagonista in uno spettacolo.[6] Sempre nel 2004, recita in un altro musical di Sondheim, Sunday in the Park with George, a Ravinia con Michael Cerveris e Patti LuPone. Nel 2005 prende parte alle celebrazioni per il settantacinquesimo compleanno di Sondheim e recita con Patti LuPone e Michael Cerveris in Passion al Lincoln Center e in Anyone Can Whistle a Ravinia. Nello stesso anno debutta a Londra in una versione concertistica di Wonderful Town con Kim Criswell e Brent Barrett.

Nel 2007 recita nuovamente con Patti LuPone alla Los Angeles Opera in un nuovo allestimento di Ascesa e caduta della città di Mahagonny e torna a Broadway con il musical 110 in Shade, per cui viene candidata al Tony Award alla miglior attrice protagonista in un musical; il premio viene vinto da Christine Ebersole per Grey Gardens. Nell'estate 2009 recita nel ruolo di Olivia in una nuova produzione della Dodicesima Notte a Central Park, con Anne Hathaway (Viola) e Raúl Esparza (Orsino). Nel 2011 interpreta Bess accanto al Porgy di Norm Lewis in un allestimento dell'opera dei Gershwin Porgy and Bess in scena a Cambridge e poi a Broadway; per la sua performance vince il quinto Tony Award, il primo alla miglior attrice protagonista in un musical.[7]

Nel 2014 recita nuovamente al Lincoln Center in una nuova versione concertistica di Sweeney Todd con Emma Thompson, Bryn Terfel, Christian Borle e Jay Armstrong Johnson. Nello stesso anno interpreta Billie Holiday nel dramma Lady Day at Emerson's Bar and Grill a Broadway; per la sua interpretazione vince il suo sesto Tony Award, diventando l'attrice ad aver vinto più Tony Award nella storia del premio.[8] Nel 2016 recita ancora a Broadway nel musical Shuffle Along, or, the Making of the Musical Sensation of 1921 and All That Followed con Brian Stokes Mitchell, Billy Porter e Brandon Victor Dixon.[9] Nello stesso anno il presidente Obama le concede la Medaglia presidenziale della libertà per i suoi servizi al teatro.[10]

Alla principale attività teatrale ha affiancato anche quella di interprete cinematografica (Il prezzo della libertà, Dove eravamo rimasti) e televisiva (The Good Wife, Grey's Anatomy), che le ha portato cinque candidature all'Emmy Award e una vittoria nel 2015. Come solista in concerto si è esibita in prestigiosi teatri e sale da concerto in tutto il mondo, tra cui la Carnegie Hall, la Biblioteca del Congresso, la Walt Disney Concert Hall, la Royal Albert Hall, la Hollywood Bowl e il Teatro dell'opera di Sydney.[11]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Audra McDonald è stata sposata con il bassista Peter Donovan dal settembre 2000 al 2009 e la coppia ha avuto una figlia, Zoe, chiama così in onore dell'attrice australiana Zoe Caldwell.[12] Nel 2012 ha sposato l'attore Will Swenson, da cui ha avuto una figlia, Sally James McDonald-Swenson, nell'ottobre 2016.[13]

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

Broadway[modifica | modifica wikitesto]

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

  • Sweeney Todd, Lincoln Center (2000)
  • Dramgrils, Actor's Fund of America Concert (2001)
  • Carousel, Carnegie Hall (2002)
  • Passion, Ravinia (2003)
  • The Seven Deadly Sins: A Song Cycle (2004)
  • Passion, Lincoln Center (2005)
  • Wonderful Town, Royal Festival Hall (2005)
  • Sweeney Todd, Lincoln Center (2014)

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Master Class, Philadelphia Theatre Company (1995)
  • La voix humaine/Send (who are you? I love you), Houston Grand Opera (2006)
  • Ascesa e caduta della città di Mahagonny, Los Angeles Opera (2007)
  • La dodicesima notte, Delacorte Theatre (2009)
  • Porgy and Bess, American Repertory Theatre (2011)
  • A Moon for the Misbegotten, Williamstown Theatre Festival (2015)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici Italiane[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia Presidenziale della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Presidenziale della Libertà
— 22 settembre 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.bbc.co.uk/news/entertainment-arts-27760516
  2. ^ Carousel @ Vivian Beaumont Theatre | Playbill, su Playbill. URL consultato il 10 novembre 2016.
  3. ^ Vincent Canby, THEATER REVIEW;Patti LuPone's Arrival Changes the Effect Of McNally's Script, in The New York Times, 26 luglio 1996. URL consultato il 10 novembre 2016.
  4. ^ Ragtime @ Ford Center for the Performing Arts | Playbill, su Playbill. URL consultato il 10 novembre 2016.
  5. ^ (EN) Matt Wolf, Review: ‘Sweeney Todd’, in Variety, 09 maggio 2000. URL consultato il 10 novembre 2016.
  6. ^ Broadway Bad Boy: Rap Mogul Sean Combs Opens in Raisin in the Sun April 26 | Playbill, su Playbill. URL consultato il 10 novembre 2016.
  7. ^ (EN) Matt Trueman, Broadway's Porgy and Bess drops new ending after Stephen Sondheim complains, in The Guardian, 15 novembre 2011. URL consultato il 10 novembre 2016.
  8. ^ Six-Time Tony Winner Audra McDonald Makes History (in Two Ways) with Lady Day Win, in Broadway.com. URL consultato il 10 novembre 2016.
  9. ^ Shuffle Along Plays Final Broadway Performance Today | Playbill, su Playbill. URL consultato il 10 novembre 2016.
  10. ^ Audra McDonald receives National Medal of Arts from President Obama, in Mail Online. URL consultato il 10 novembre 2016.
  11. ^ (EN) John Shand, Audra McDonald review: reviving the fading art of singing, in The Sydney Morning Herald. URL consultato il 10 novembre 2016.
  12. ^ http://www.sfgate.com/entertainment/article/Never-Short-of-Breath-Taking-a-break-from-2748694.php
  13. ^ http://www.playbill.com/article/audra-mcdonald-and-will-swenson-welcome-a-baby-girl

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN42036393 · LCCN: (ENno97062348 · ISNI: (EN0000 0000 8121 0245 · GND: (DE135000378 · BNF: (FRcb140010390 (data)