Mary Alice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mary Alice ai Premi Emmy 1993.

Mary Alice Smith, nota al pubblico semplicemente come Mary Alice (Indianola, 3 dicembre 1941), è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mary Alice nasce a Indianola, nel Mississippi, da Ozelar Jurnakin e Sam Smith. Ha iniziato la carriera di attrice nella sua città natale ed è apparsa in oltre 50 show televisivi e film. Ha fatto il suo debutto sul grande schermo nel 1974 con il film The Education of Sonny Carson e più avanti come guest star nelle serie televisive Pepper Anderson agente speciale e Sanford and Son. Ha preso parte anche alla soap opera La valle dei pini e Tutti al college, spin-off della nota serie tv I Robinson, nel ruolo di Lettie Bostic.

Nel 1987 ha vinto un Tony Award per la miglior attrice non protagonista in uno spettacolo nell'opera teatrale Fences e nel 1993 vince un Emmy alla miglior attrice non protagonista in una serie drammatica nella serie Io volerò via. I film più importanti in cui Mary Alice ha preso parte sono Malcolm X, The Inkwell e Down in the Delta. Nel 2003 ha sostituito Gloria Foster nel ruolo dell'Oracolo in Matrix Revolutions, dopo che quest'ultima era morta nel 2001 durante le riprese del secondo film.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Premio Emmy

  • 1992 - Nomination Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica per Io volerò via
  • 1993 - Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica per Io volerò via

Tony Award

  • 1987 - Miglior attrice non protagonista in uno spettacolo per Fences
  • 1995 - Nomination Miglior attrice protagonista in uno spettacolo per Having Our Say

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ repubblica.it, Matrix: un'altra morte sul set del sequel, in trovacinema.repubblica.it. URL consultato il 31 ottobre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19889494 · ISNI (EN0000 0000 5083 9155 · LCCN (ENnr00000056 · BNF (FRcb14149054t (data)