Julie Harris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Julie Harris nel trailer di La valle dell'Eden di Elia Kazan (1955)

Julie Harris all'anagrafe Julia Ann Harris (Grosse Pointe Park, 2 dicembre 1925West Chatham, 24 agosto 2013) è stata un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia dell'agente di borsa[1] William Pickett Harris e dell'infermiera Elsie L. Smith, Julie Harris si diplomò alla Gross Pointe Country Day School (Michigan) e, trasferitasi a New York, studiò per un anno alla Yale School of Drama[2], prima di diventare una delle più promettenti allieve dell'Actors Studio di Lee Strasberg[1].

Fotografata da Carl Van Vechten nel 1952

Nel 1945 fece il suo esordio teatrale a Broadway, ottenendo presto un grande successo di pubblico e di critica grazie alla pièce Member of the Wedding di Carson McCullers, in cui interpretò il vivace ruolo della dodicenne Frankie, contrapponendo la propria corporatura esile, i capelli rossi e i tratti delicati al personaggio di una ragazza-maschiaccio la cui vita viene sconvolta dal matrimonio del fratello[1]. La commedia venne trasposta per il grande schermo nel 1952 con il titolo Il membro del matrimonio (1952) di Fred Zinnemann, consentendo alla Harris di riprendere il personaggio di Frankie e di fare un trionfale debutto cinematografico, ottenendo subito una candidatura all'Oscar quale miglior attrice protagonista nel 1953.

Nello stesso anno vinse il Tony Award quale miglior attrice protagonista per il ruolo di Sally Bowles nella pièce I Am a Camera, versione teatrale di Goodbye to Berlin di Christopher Isherwood (che più tardi verrà trasposto in versione musical prima a Broadway e successivamente, nel 1972, nel film Cabaret con Liza Minnelli nel ruolo di Sally Bowles). Anche nel caso di I Am a Camera, la Harris si assicurò il ruolo di protagonista nella versione cinematografica che si intitolò La donna è un male necessario (1955) di Henry Cornelius, accanto a Laurence Harvey. Sempre nel 1955 l'attrice apparve in uno dei suoi film più celebri, La valle dell'Eden (1955) di Elia Kazan, in cui diede una poetica e struggente interpretazione della dolce e timida Abra[2], accanto a James Dean, un ruolo totalmente opposto a quelli vivaci ed estroversi fino ad allora proposti[1].

Julie Harris (a sinistra) riceve alla Casa Bianca l'onorificenza John F. Kennedy Center for the Performing Arts il 4 Dicembre 2005

Negli anni successivi le apparizioni cinematografiche della Harris furono sporadiche, ma talora indimenticabili per raffinatezza e sensibilità. Gli appassionati di film horror la ricordano nel ruolo dell'eterea Eleanor "Nell" Lance, ragazza dotata di poteri medianici, nel film Gli invasati (1963), un classico del genere diretto da Robert Wise e tratto dal romanzo L'incubo di Hill House di Shirley Jackson; altre interpretazioni di rilievo furono quelle di Grace Miller nel dramma pugilistico Una faccia piena di pugni (1962) di Ralph Nelson, di Betty Fraley nell'avvincente noir Detective's Story (1966) di Jack Smight, accanto a Paul Newman, e dell'infelice Alison Langdon nel torbido dramma Riflessi in un occhio d'oro (1967) di John Huston, accanto a Elizabeth Taylor e Marlon Brando. Nel 1966 interpretò anche il bizzarro ruolo di Miss Nora Thing in Buttati Bernardo! di Francis Ford Coppola, al fianco di Geraldine Page, Rip Torn ed Elizabeth Hartman.

Durante gli anni sessanta la Harris privilegiò gli impegni teatrali, comparendo in numerose pièce, tra le quali The Playboy of the Western World, Macbeth, A Shot in the Dark, Forty Carats e Lo zoo di vetro, vincendo il premio Sarah Siddons nel 1966. L'attrice vanta dieci candidature al Tony Award, che vinse cinque volte (primato assoluto detenuto insieme ad Angela Lansbury), tra cui quella per la performance in The Belle of Amherst, un monologo basato sulla vita e l'opera della poetessa Emily Dickinson, portato in scena per la prima volta dalla Harris nel 1976.

Tra gli anni settanta e novanta continuò a prendere parte a vari film, sempre in ruoli di comprimaria, tra i quali L'uomo della porta accanto (1970) di David Greene, La nave dei dannati (1976) di Stuart Rosenberg, Gorilla nella nebbia (1988) di Michael Apted e Passaggio per il paradiso (1998) di Antonio Baiocco. Nel 1993 tornò al genere horror con La metà oscura di George A. Romero. La sua ultima apparizione sul grande schermo risale al 2009 nella pellicola I guardiani del faro di Daniel Adams.

Tra le migliori interpretazioni televisive dell'attrice, che aveva lavorato per il piccolo schermo sin dai primi anni della carriera, sono da ricordare il dramma Casa di bambola (1959) di Henrik Ibsen, accanto a Christopher Plummer, e il ruolo della Regina Vittoria nell'omonima produzione del 1961 della serie Hallmark Hall of Fame, per la quale vinse il suo primo Emmy Award. Dal 1981 al 1987 l'attrice interpretò con successo il ruolo di Lilimae Clements nella soap opera California.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Julie Harris si sposò tre volte: dal 1946 al 1954 con Jay Julian; dal 1954 al 1967 con Manning Gurian, da cui ebbe il figlio Peter; dal 1977 al 1982 con Walter Carroll. Nel 1980 sconfisse un tumore al seno; in seguito subì due ictus, nel 2001 e nel 2010[3]. Morì nel 2013, a 87 anni, per insufficienza cardiaca[4].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. I, pag. 226
  2. ^ a b Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2002, pag. 521
  3. ^ Julie Harris - Too Good to be True? (en) Seniorwomen.com
  4. ^ Julie Harris, Celebrated Actress of Range and Intensity, Dies at 87 (en) Nytimes.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN13636084 · ISNI (EN0000 0001 0871 5690 · LCCN (ENn81086391 · GND (DE135569036 · BNF (FRcb14040321b (data) · BNE (ESXX1166672 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n81086391