Christine Ebersole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christine Ebersole nel 2005

Christine Ebersole (Winnetka, 21 febbraio 1953) è un'attrice e soprano statunitense, nota soprattutto come interprete di musical a Broadway, per cui ha vinto due Tony Awards.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi diplomata all'Accademia americana di arti drammatiche, Christine Ebersole ha fatto il suo debutto ufficiale sulle scene nel 1977, con la produzione di Shenandoah in scena alla Paper Mill Playhouse nel New Jersey. Sempre nello stesso anno debutta a New York con la produzione dell’Off Broadway del musical Green Pond. Nel 1978 debutta a Broadway nella produzione originale di On the Twentieth Century con Madeline Kahn; la Kahn resta nel musical per poco settimane e quando Judy Kaye la sostituisce, Christine Ebersole diventa l’interprete del ruolo di Agnes e la prima sostituta per il ruolo della protagonista Judy Garland. Nel 1979 interpreta Ado Anie in un revival di Broadway del classico Oklahoma! con Laurence Guittard, Mary Wickes e Christine Andreas.

Nei primi anni ottanta comincia a lavorare anche al Melody Top Theatre di Milwaukee, dove interpreta i ruoli da protagonista in un musical di successo come My Fair Lady e Evita. Nel 1980 è nuovamente a Broadway con un revival del musical Camelot, in cui interpreta Ginevra accanto al Re Artù di Richard Burton. Al termine delle repliche a Broadway, la Ebersole e Richard Burton continuano a interpretare i protagonisti di Camelot anche nel tour statunitense. Nel 1983 canta in una versione concertistica di Pal Joey in scena a New York con Tammy Grimes e Laurie Beechman.[1] Nel 1985 torna a Broadway con Harrigan ‘n Hart. Nel 1982 inaugura la carriera cinematografica con Tootsie, esperienza bissata due anni dopo con Amadeus.

Nel 1994 recita in due produzioni della City Center!Encores a New York: Allegro con Karen Ziemba e Christopher Reeve e Lady in the Dark nel ruolo della protagonista Liza Elliot. Nel 1996 recita nella commedia di Stephen Sondheim e George Furth Getting Away with Murder a Broadway, ma la commedia ha vita breve. Nel 1999 recita ancora al City Center! Encores nel musical Ziegfeld Follies of 1934; nello stesso anno interpreta Mame Dennis in una produzione del New Jersey del musical Mame con Kelly Bishop. Nel 2001 torna a Broadway con un revival di successo del musical 42nd Street e per la sua performance nel ruolo di Dorothy Brock vince il Drama Desk Award ed il prestigioso Tony Award alla miglior attrice protagonista in un musical.[2]

Nel 2003 viene nominata al Tony Award alla miglior attrice non protagonista in una commedia per Dinner At Eight. Nel 2004 recita nuovamente in Mame, in una produzione in scena alla Hollywood Bowl con Ben Platt e Michele Lee. Nel 2006 recita nel musical Grey Gardens nell’Off Broadway e a Broadway e per la sua acclamata performance nel duplice ruolo di Edith Ewing Bouvier Beale ed Edith Bouvier Beale vince il Tony Award alla miglior attrice protagonista in un musical, oltre al Drama Desk Award, l’Obie Award, il Drama Critics' Circle Award, il Drama League Award e l'Outer Critics Circle Award. Nel 2008 recita a New York nel musical Applause nel ruolo originariamente interpretato da Lauren Bacall e a Boston in una versione concertistica di A Little Night Music.

Nel 2010 ha recitato in una versione concertistica di Brigadoon a New York e nel 2015, dopo cinque anni di assenza, torna a recitare in un musical con Even After alla Paper Mill Playhouse. Nel 2017 torna a Broadway dopo dieci anni per recitare nel ruolo di Elizabeth Arden accanto a Patti LuPone nel musical War Paint; per la sua performance viene candidata al Tony Award alla miglior attrice protagonista in uno spettacolo. Si esibisce regolarmente allo Studio 54 di New York.[3] Ha inciso un album di canzoni di Noël Coward.[4]

La Ebersole è stata sposata due volte: con l'attore Peter Bergman dal 1976 al 1981 e dal 1988 con Bill Moloney, con cui ha adottato i tre figli Elijah, Mae Mae e Aron. È la zia dell'attrice Janel Moloney.[5]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Christine Ebersole | Ovrtur, su www.ovrtur.com. URL consultato il 22 ottobre 2016.
  2. ^ Ben Brantley, THEATER REVIEW; You've Got to Come Back a . . . You Know, in The New York Times, 03 maggio 2001. URL consultato il 22 ottobre 2016.
  3. ^ Christine Ebersole at 54 Below, playbill.com.
  4. ^ "Christine Ebersole Sings Noel Coward" CD, playbill.com.
  5. ^ (EN) Christine Ebersole, Maplewood's award-winning actress, talk about her success-www.njmonthly.com, in New Jersey Monthly, 19 dicembre 2007. URL consultato il 04 agosto 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN24791185 · LCCN: (ENno2001001767 · ISNI: (EN0000 0001 1469 3547 · GND: (DE134681649 · BNF: (FRcb13937857m (data)