Alan Bennett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore irlandese, vedi Alan John Bennett.
Alan Bennett nel 1973 (foto di Allan Warren)

Alan Bennett (Leeds, 9 maggio 1934) è uno scrittore, drammaturgo, sceneggiatore e attore britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alan Bennett è nato a Leeds (Yorkshire occidentale) e precisamente nel quartiere operaio Armley. Figlio di un macellaio, dopo gli studi secondari ha vinto una borsa di studio ad Oxford presso l'Exeter College, dove si è laureato in storia e dove è rimasto per diversi anni come ricercatore e docente di storia medievale, finché non ha abbandonato il mondo accademico per dedicarsi al teatro.

Nel 1960, ha esordito come attore e coautore dello spettacolo Beyond the Fringe. Nel 1968, a Londra è andata in scena la sua prima commedia: Forty Years On. È del 1996 la sua commedia La pazzia di Re Giorgio, che lui stesso ha sceneggiato per la trasposizione cinematografica del 1994 intitolata ancora La pazzia di Re Giorgio. Nel 2004 è avvenuta la prima rappresentazione della commedia The History Boys (Gli studenti di storia), che ha vinto 6 Tony Award e da cui, nel 2006, è stato tratto l'omonimo film. Tra i suoi lavori più celebri spicca anche la serie di monologhi Talking Heads (Signore e signori) (1988 - 1998), nei quali rientrano Una patatina nello zucchero, La grande occasione e Un letto fra le lenticchie, resi poi celebri nel panorama teatrale italiano grazie alle interpretazioni dell'attrice Anna Marchesini.

La versione tradotta e adattata per la scena da Edoardo Erba di "Nudi e crudi", debutta in prima nazionale l'8 gennaio 2016 al Teatro Comunale di Cormons, diretta da Walter Mramor, con Maria Amelia Monti, Paolo Calabresi e Nicola Sorrenti, regia di Serena Sinigaglia[senza fonte].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Alcune opere, tra la sua vasta produzione, sono state pubblicate in Italia dalla casa editrice Adelphi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN110928162 · LCCN: (ENn82070229 · ISNI: (EN0000 0001 2284 1490 · GND: (DE119201224 · BNF: (FRcb122211163 (data)