Daniel Evans (attore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daniel Evans

Daniel Gwyn Evans (Rhondda, 31 luglio 1973) è un attore, cantante, regista teatrale e direttore artistico gallese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha recitato in diverse produzioni della Royal Shakespeare Company, tra cui Coriolano, Enrico V e Sogno di una notte di mezza estate a Broadway nel 1996. Ha recitato anche in numerose produzioni del Royal National Theatre, tra cui Il mercante di Venezia, Troilo e Cressida, Cardiff East, Peter Pan e l'operetta Candide con Simon Russell Beale, per cui è stato candidato al Laurence Olivier Award al miglior attore in un musical nel 2000. Ha recitato anche nelle prime produzioni di due drammi della controversa drammaturga Sarah Kane al Royal Court Theatre: Cleansed (1998) e 4.48 Psychosis (2000).[1]

Dal 2000 ha recitato in diversi musical del compositore statunitense Stephen Sondheim, per cui ha ricevuto diversi riconoscimenti: Merrily We Roll Along (Londra, 2000; Laurence Olivier Award al miglior attore in un musical), Sunday in the Park with George (Londra, 2005-2007; Broadway, 2008; Laurence Olivier Award al miglior attore in un musical e nomination al Tony Award al miglior attore protagonista in un musical, all'Outer Critics Circle Award e al Drama Desk Award), Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street (Londra, 2007) e Company (Sheffield, 2011).[2] Dal 2009 al 2015 è stato direttore artistico del Crucible Theatre di Sheffield e dal 2016 è il direttore del festival teatrale di Chichester.

Daniel Evans è dichiaratamente gay.[3]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daniel Evans - Broadway Theatre Credits, Photos, Who's Who - Playbill Vault, su www.playbillvault.com. URL consultato il 21 febbraio 2016.
  2. ^ Daniel Evans | Ovrtur, su www.ovrtur.com. URL consultato il 21 febbraio 2016.
  3. ^ (EN) Jay Rayner, Daniel Evans: 'I'm proud of my connection with Stephen Sondheim', in The Observer, 27 novembre 2011. URL consultato il 3 marzo 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN26814978 · ISNI (EN0000 0001 0907 1225 · BNF (FRcb121068039 (data) · WorldCat Identities (EN26814978