Gavin Creel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gavin James Creel
Gavin Creel at Ryles Jazz Club.jpg
Gavin Creel si esibisce al Ryles Jazz Club di Boston nel dicembre 2010
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereMusical
Pop
Periodo di attività musicale1998 – in attività
Album pubblicati4
Studio4
Sito ufficiale

Gavin James Creel (Findlay, 18 aprile 1976) è un cantante, attore e attivista statunitense, noto soprattutto come interprete di musical a Broadway e a Londra.

Vita privata, formazione e attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Findlay (Ohio) il 18 aprile 1976, Creel ottiene un Bachelor of Fine Arts in teatro musicale all'Università del Michigan. Durante gli anni dell'Università incontra la sua migliore amica e futura attrice di Broadway, Celia Keenan-Bolger, con cui condividerà il primo appartamento newyorchese[1]. Gay dichiarato,[2] Creel è stato ospite regolare al LGBT RFamilyVacations di Rosie O'Donnell.[3] È anche uno dei fondatori, insieme a Rory O'Malley e Jenny Kanelos, di Broadway Impact[4], un'organizzazione per i pari diritti alle coppie omosessuali, che nel 2011 è stata tra le principali finanziatrici della commedia 8[5] del premio Oscar Dustin Lance Black, una drammatizzazione del processo intentato da due coppie omosessuali contro lo stato della California in riferimento al California Proposition 8 (Prop 8), referendum che chiedeva l'abolizione del diritto al matrimonio per coppie omosessuali, introdotto da una sentenza della Corte Suprema della California del 15 maggio 2008. Tra il 2009 e il 2010 la sua relazione con l'attore Jonathan Groff e la loro rottura molto difficoltosa sono diventate materia del gossip americano[6], unica volta che una cosa del genere è accaduta a Creel, molto geloso della propria privacy.

Carriera teatrale[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo la laurea, Creel viene scelto per interpretare il ruolo da protagonista maschile nel primo tour americano di Fame: The Musical, versione teatrale del film Saranno famosi. Nel 2000 è protagonista al North Shore Music Theater di Beverly, Massachusetts, del musical Honk!, liberamente ispirato alla favola de Il brutto anatroccolo di Hans Christian Andersen. Nel 2001, stabilitosi a New York, inizia a partecipare a diversi spettacoli come membro del coro (tra cui Bat Boy: The Musical), e lavora nel ruolo del protagonista Melchior Gabor al workshop del musical Spring Awakening di Duncan Sheik, insieme a Lea Michele. Il 2002 è l'anno del primo grande successo quando interpreta il ruolo di Jimmy nel musical Thoroughly Modern Millie, per cui riceve una nomination al Tony Award al miglior attore protagonista in un musical. Nel 2003 ottiene un ruolo da non protagonista in Bounce, nuovo musical della leggenda di Broadway Stephen Sondheim, sui palcoscenici di Chicago e Washington DC. Nel 2004 interpreta il ruolo di Jean-Michel nel revival del musical La cage aux folles a New York. Nel 2006 debutta sulle scene londinesi nel ruolo dello spazzacamino Bert nella versione teatrale di Mary Poppins[7]. Nel 2009 ottiene il ruolo di Claude nel revival dell'iconico musical anni sessanta Hair per cui riceve la sua seconda nomination al Tony Award al miglior attore protagonista in un musical. L'anno successivo riprenderà il ruolo anche a Londra[8]. Nel 2011 interpreta il ruolo di Prometeo in una rock opera off-Broadway basata sul mito greco, Prometheus Bound. A partire dall'estate 2012 interpreta il ruolo del giovane mormone Elder Price nel primo tour americano del fortunato spettacolo The Book of Mormon[9], dei creatori di South Park, Matt Stone e Trey Parker. Nel 2013 Creel interpreta Elder Price nella prima versione londinese di The Book of Mormon e per la sua performance vince il prestigioso Laurence Olivier Award al miglior attore in un musical. Nel 2015 torna a Broadway con The Book of Mormon e nel 2016 è in scena con Laura Benanti nel musical She Loves Me.[10] Nel 2017 è nuovamente a Broadway con il revival del musical di Jerry Herman Hello, Dolly! con Bette Midler, Kate Baldwin e David Hyde Pierce. Per la sua interpretazione del maldestro commesso Cornelius Hackl, Creel vince un Tony Award al miglior attore non protagonista in un musical.

Carriera televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Grazie al grande successo di Millie, nel 2003 Creel viene scelto per i due film TV Eloise al Plaza ed Eloise a Natale, basati su una celebre serie di libri per bambini degli anni cinquanta. Nei due film, in cui recita al fianco di Julie Andrews, Creel interpreta il cameriere e aspirante attore Bill.

Carriera da cantautore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 Creel ha lanciato il suo primo album da cantautore, Goodtimenation. Malgrado il coming out dell'attore avverrà ufficialmente solo nel 2009, già nell'album del 2006 i riferimenti all'omosessualità sono molti, compresa una canzone, For Nancy, dedicata alla madre Nancy Creel, in cui le chiede di accettare la sua identità. Nel 2010 debutta il secondo album, Quiet, in cui la maggior parte delle canzoni fanno riferimento alla sua rottura con Jonathan Groff. L'album è arrivato al numero 44 della classifica di vendite per gli "Heatseeking Albums" di Billboard su iTunes[11]. Nel 2011 Creel rilascia il suo primo e unico singolo, Noise, un inno contro la violenza omofoba e il bullismo, accompagnato da un video distribuito gratuitamente su YouTube [12] in cui si fa riferimento a celebri crimini contro omosessuali, come l'omicidio di Matthew Shepard. Il video è stato diretto dal regista, attore e cantante Andrew Keenan-Bolger, fratello dell'attrice Celia Keenan-Bolger, miglior amica di Creel dai tempi dell'Università. Tutti i proventi ricavati dalla vendita del singolo attraverso iTunes sono andati in beneficenza a Broadway Impact[13]. Nel 2012, preceduto da un concerto di lancio al Joe's Pub di New York che viene trasmesso anche in diretta streaming su Internet[14], viene lanciato il terzo album di Creel, Get Out. Tra i brani presenti nell'album anche uno dedicato a Whitney Houston, scritto in realtà molti mesi prima della scomparsa della cantante, idolo giovanile di Creel.

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

Broadway[modifica | modifica wikitesto]

Londra[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 - Chess - Pittsburgh CLO Production
  • 1998 - Fame - The North American Tour – nel ruolo di Nick Piazza
  • 2000 - Honk! - North Shore Music Theatre – nel ruolo di Ugly
  • 2001 - Bat Boy: The Musical - Original Off-Broadway Production
  • 2001 - Spring Awakening - Workshop – nel ruolo di Melchior
  • 2001 - Hair - Encores! Concert
  • 2003 - Bounce – Chicago/Washington DC – nel ruolo di Hollis Bessemer
  • 2003 - Bright Lights, Big City - New York Concert – nel ruolo di Michael
  • 2004 - A Tale of Two Cities - Workshop – nel ruolo di Charles Darnay
  • 2011 - Prometheus Bound - American Repertory Theater – nel ruolo di Prometheus - 2011
  • 2012 - The Book of Mormon - First National Tour – nel ruolo di Elder Price

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia da cantautore[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006 - Goodtimenation [15]
  • 2010 - Quiet [16]
  • 2011 - Noise (singolo) [17]
  • 2012 - Get Out [18]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Celia Keenan-Bolger, intervista a Broadway.com
  2. ^ Hair Raiser The Advocate, March 30, 2009
  3. ^ Gans, Andrew."All Aboard!: "Rosie" Cruise, with Murney, Creel and Rudetsky, Departs March 15" Archiviato il 23 giugno 2008 in Internet Archive., playbill.com, March 15, 2008
  4. ^ [2] Broadway Impact, Official site
  5. ^ [3] The Huffington Post, articolo
  6. ^ [4] The Craptacular, articolo
  7. ^ [5] Theatermania.com, articolo
  8. ^ Copia archiviata, su playbill.com. URL consultato il 1º aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2012). Playbill.com, articolo
  9. ^ Copia archiviata, su playbill.com. URL consultato il 31 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2012). Playbill.com, articolo
  10. ^ Hello, London! The Book of Mormon Missionaries Gavin Creel and Jared Gertner are Headed to the West End | Broadway Buzz | Broadway.com
  11. ^ [6] Billboard.com, articolo
  12. ^ [7] Noise video, YouTube
  13. ^ [8] Noise, Official Site
  14. ^ Copia archiviata, su playbill.com. URL consultato il 23 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2012). Playbill.com articolo
  15. ^ [9] Download iTunes
  16. ^ [10] Download iTunes
  17. ^ [11] Download iTunes
  18. ^ [12] Download iTunes

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71061980