Premi Emmy 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andy Samberg ha presentato la 67ª edizione dei Primetime Emmy Awards

La 67ª edizione della cerimonia di premiazione dei Primetime Emmy Awards si è tenuta al Microsoft Theatre di Hollywood, a Los Angeles, il 20 settembre 2015[1]. La cerimonia è stata presentata da Andy Samberg e trasmessa in diretta televisiva dal network Fox[1].

In Italia è andata in onda su Rai 4[2]. Le candidature erano state annunciate da Uzo Aduba e Cat Deeley, insieme al CEO dell'Academy Bruce Rosenblum, il 16 luglio 2015 al Pacific Design Center di West Hollywood[3].

La 42ª edizione dei Daytime Emmy Awards si è tenuta invece presso gli studi televisivi della Warner Bros. di Burbank il 26 aprile 2015[4]. Le candidature erano state annunciate il 31 marzo 2015[4].

La cerimonia della 43ª edizione degli International Emmy Awards si è celebrata il 23 novembre 2015 all'Hilton Hotel di New York.

Indice

Primetime Emmy Awards[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione del 2015 dei Primetime Emmy Awards, rispetto alla precedente, è ritornata ad essere celebrata in una domenica di settembre, con l'introduzione di novità di rilievo nel regolamento da parte dell'Academy of Television Arts & Sciences, tra le quali[5]:

  • il numero di candidature nelle due categorie principali, miglior serie commedia e miglior serie drammatica, aumenta da sei a sette;
  • in principio le serie televisive sono considerate "commedie" se composte da episodi da non più di trenta minuti, "drammatiche" in caso contrario; tuttavia un'apposita giuria vaglierà i casi dubbi: Orange Is the New Black, l'anno precedente candidata a miglior serie commedia, è stata ad esempio ritenuta una serie drammatica[6];
  • le categorie riservate alle miniserie ospitano solo programmi in edizione limitata, ossia i programmi dalla durata complessiva entro i 150 minuti o che comunque abbiano una trama e dei personaggi non destinati a ricorrere in stagioni successive, non più candidabili a discrezione dei produttori nelle categorie per le serie drammatiche; l'anno precedente aveva infatti suscitato delle critiche la scelta di ammettere la prima stagione di True Detective tra le serie drammatiche, a differenza di altre dalle stesse caratteristiche ammesse come miniserie;
  • nelle categorie dedicate alle migliori guest star non sono più ammessi personaggi che ricorrono in più di metà degli episodi della stagione considerata;
  • la categoria miglior varietà è stata suddivisa distinguendo tra i programmi di genere talk show e quelli dedicati prevalentemente a sketch comici.

La cerimonia, presentatata da Andy Samberg, ha visto salire sul palcoscenico per annunciare i vincitori[7]: Jaimie Alexander, Anthony Anderson, Adrien Brody, Mel Brooks, Reg E. Cathey, James Corden, Jamie Lee Curtis, Joan Cusack, Viola Davis, Tina Fey, Will Forte, Lady Gaga, Ricky Gervais, Maggie Gyllenhaal, Colin Hanks, Marcia Gay Harden, Lena Headey, Taraji P. Henson, Terrence Howard, LL Cool J, Mindy Kaling, Keegan-Michael Key, Jimmy Kimmel, Zachary Levi, Rob Lowe, Jane Lynch, Margo Martindale, Ben McKenzie, Seth Meyers, John Oliver, Jordan Peele, Amy Poehler, Emma Roberts, Gina Rodriguez, Tracee Ellis Ross, Fred Savage, Liev Schreiber, Amy Schumer, John Stamos, Eric Stonestreet, Kerry Washington e Bradley Whitford. Tracy Morgan ha presentato il premio miglior serie drammatica in chiusura della cerimonia.

Il Trono di Spade, riconosciuta miglior serie drammatica, è stata la serie televisiva più premiata, prevalendo complessivamente in dodici diverse categorie. Veep - Vicepresidente incompetente è stata eletta miglior serie commedia, risultando anche la comedy più premiata insieme a Transparent, ottenendo cinque statuette. Olive Kitteridge e Bessie sono stati la miglior miniserie e il miglior film per la televisione. Viola Davis è diventata la prima donna afroamericana a vincere il premio alla miglior attrice protagonista in una serie drammatica, mentre Allison Janney ha conquistato il suo sesto Emmy in carriera vincendo nella categoria miglior attrice non protagonista in una serie commedia[8]. Il premio miglior attrice protagonista in una commedia è andato per il quarto anno consecutivo a Julia Louis-Dreyfus, che arriva a sette statuette vinte in carriera contando anche quella ottenuta come produttrice per il premio alla miglior serie commedia, mentre Jon Hamm ha vinto il premio al miglior attore in una serie drammatica, categoria in cui era stato candidato anche nei sette anni precedenti senza mai vincere[8].

Per quanto riguarda le candidature, annunciate il 16 luglio 2015[3], tra le serie più nominate, spiccavano Il Trono di Spade, con 24 candidature, e American Horror Story: Freak Show, con 19 candidature, seguite al terzo posto da Olive Kitteridge, con 13 candidature[9]. Bessie e Transparent erano stati invece il film per la televisione e la serie commedia più nominati[9]. Tra i programmi e gli attori "snobbati" secondo i critici figurano la serie The Affair e Gina Rodriguez, che durante il precedente mese di gennaio erano stati premiati ai Golden Globe[10].

Segue l'elenco delle categorie premiate durante la cerimonia del 20 settembre con i rispettivi candidati[3][11]. I vincitori sono indicati in cima all'elenco di ciascuna categoria. A seguire anche l'elenco delle altre categorie premiate durante la precedente cerimonia dei Primetime Creative Arts Emmy Awards.

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie commedia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior miniserie[modifica | modifica wikitesto]

Miglior reality competitivo[modifica | modifica wikitesto]

Miglior varietà talk show[modifica | modifica wikitesto]

Miglior varietà di sketch[modifica | modifica wikitesto]

Recitazione[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore protagonista in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Jon Hamm e Viola Davis, miglior attori protagonisti in una serie drammatica

Miglior attrice protagonista in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore protagonista in una serie commedia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice protagonista in una serie commedia[modifica | modifica wikitesto]

Julia Louis-Dreyfus è stata riconosciuta per il quarto anno consecutivo miglior attrice in una serie commedia

Miglior attore protagonista in una miniserie o film[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice protagonista in una miniserie o film[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore non protagonista in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Peter Dinklage, miglior attore non protagonista in una serie drammatica

Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore non protagonista in una serie commedia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice non protagonista in una serie commedia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore non protagonista in una miniserie o film[modifica | modifica wikitesto]

Bill Murray, miglior attore non protagonista in una miniserie o film

Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior regia per una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Miglior regia per una serie commedia[modifica | modifica wikitesto]

Jill Soloway, autrice e regista di Transparent

Miglior regia per un film, miniserie o speciale drammatico[modifica | modifica wikitesto]

Miglior regia per un varietà[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Miglior sceneggiatura per una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

David Benioff e D.B. Weiss, autori de Il Trono di Spade

Miglior sceneggiatura per una serie commedia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior sceneggiatura per un film, miniserie o speciale drammatico[modifica | modifica wikitesto]

Miglior sceneggiatura per un varietà[modifica | modifica wikitesto]

Primetime Creative Arts Emmy Awards[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Primetime Creative Arts Emmy Awards 2015.

Segue una lista delle categorie riservate alle guest star premiate durante la cerimonia dei Primetime Creative Arts Emmy Awards, tenutasi il 12 settembre 2015 presso il Microsoft Theatre di Los Angeles.

Miglior attore guest star in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice guest star in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore guest star in una serie commedia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice guest star in una serie commedia[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi premiati[modifica | modifica wikitesto]

Lista di tutti i programmi televisivi per i quali è stato assegnato almeno un premio Emmy:

12 premi
8 premi
6 premi
5 premi
4 premi
3 premi
2 premi
1 premio

Programmi con più candidature[modifica | modifica wikitesto]

Classifica dei programmi televisivi che hanno ottenuto più candidature tra tutte le categorie[9]:

Daytime Emmy Awards[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Daytime Emmy Awards 2015.

La 42ª edizione della cerimonia di consegna dei Daytime Emmy Awards si è tenuta negli studi televisivi della Warner, a Burbank, il 26 aprile 2015. Le candidature sono state annunciate il 31 marzo 2015[4].

Segue una lista delle categorie che celebrano la migliori soap opera e le relative miglior interpretazioni; i vincitori sono indicati in cima all'elenco di ciascuna categoria[4][12].

Soap opera[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore protagonista in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Anthony Geary, miglior attore protagonista in una serie drammatica

Miglior attrice protagonista in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore non protagonista in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Amelia Heinle, miglior attrice non protagonista in una serie drammatica

Miglior giovane attore in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

Miglior giovane attrice in una serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

International Emmy Awards[modifica | modifica wikitesto]

I premi Emmy per le migliori produzioni televisive internazionali sono stati assegnati il 23 novembre 2015. Bassem Youssef ha presentato la cerimonia, mentre tra gli annunciatori si sono alternati Karla Mosley, Mozhan Marnò, Holly Taylor, Patina Miller, Tovah Feldshuh, Piolo Pascual, Leandra Leal, Lourenço Ortigão e Anke Engelke[13]. Michael Douglas ha inoltre presentato l'International Emmy Directorate Award, assegnato a Richard Plepler, mentre Elizabeth McGovern e Gareth Neame hanno presentato l'International Emmy Founders Award, assegnato a Julian Fellowes[13].

Segue l'elenco delle categorie premiate con i rispettivi candidati; i vincitori sono indicati in cima all'elenco di ciascuna categoria[14][15].

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie drammatica[modifica | modifica wikitesto]

  • Spiral (Engrenages) – Francia
    • MOZU Season 1 - Night Cry of the MOZU – Giappone
    • My Mad Fat Diary – Regno Unito
    • Psy – Brasile

Miglior serie commedia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior telenovela[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film o miniserie[modifica | modifica wikitesto]

Miglior programma artistico[modifica | modifica wikitesto]

  • Illustre & Inconnu: Comment Jacques Jaujard a Sauvé le Louvre – Francia
    • Buenaventura No Me Dejes Mas – Colombia
    • Messiah at the Foundling Hospital – Regno Unito
    • Trial of Chunhyang - A Girl Prosecuted by Feudalism – Corea del Sud

Miglior programma documentario[modifica | modifica wikitesto]

  • Miners Shot Down – Sudafrica
    • Africa's Wild West - Stallions of the Namib Desert – Austria
    • Antes de que Nos Olviden – Messico
    • Growing Up Down's – Regno Unito

Miglior programma non sceneggiato[modifica | modifica wikitesto]

  • 50 Ways to Kill your Mammy – Regno Unito
    • Barones de la Cervez – Argentina
    • Flying Doctors – Belgio
    • MasterChef South Africa – Sudafrica

Recitazione[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Matt Webb Mitovich, Andy Samberg to Host Emmy Awards, in TVLine, Penske Media Corporation, 12 marzo 2015. URL consultato il 6 aprile 2015.
  2. ^ Antonio Genna, Agenda Rai 4 #64 – Le prime serate da domenica 20 a sabato 26 settembre 2015 – Questa notte la diretta degli Emmy Awards 2015, in Antonio Genna Blog, 20 settembre 2015. URL consultato il 20 settembre 2015.
  3. ^ a b c (EN) Emmy Nominations: The Complete List, in The Hollywood Reporter, 16 luglio 2015. URL consultato il 16 luglio 2015.
  4. ^ a b c d (EN) Erik Pedersen, CBS, 'General Hospital' Lead Daytime Emmy Noms, in Deadline, Penske Media Corporation, 31 marzo 2015. URL consultato il 6 aprile 2015.
  5. ^ (EN) Michael O'Connell, Emmys Change Rules: 7 Series Nominees, Comedy Defined as Half-Hours, in The Hollywood Reporter, 20 febbraio 2015. URL consultato il 6 aprile 2015.
  6. ^ (EN) Nellie Andreeva, Emmys: 'Orange Is The New Black' To Run As Drama, Ruled Ineligible For Comedy Race, in Deadline, Penske Media Corporation, 20 marzo 2015. URL consultato il 6 aprile 2015.
  7. ^ (EN) Final Presenters Announced for 67th Emmys, in Emmys.com, Academy of Television Arts & Sciences, 18 settembre 2015. URL consultato il 19 settembre 2015.
  8. ^ a b (EN) Brandon Griggs, 'Thrones,' 'Veep,' 'Kittredge' big winners at Emmys, in cnn.com, 21 settembre 2015. URL consultato il 21 settembre 2015.
  9. ^ a b c (EN) Lesley Goldberg, Emmys by the Numbers: Nominations by Series, Network, in The Hollywood Reporter, 16 luglio 2015. URL consultato il 16 luglio 2015.
  10. ^ (EN) James Hibberd, Emmy nominations: The most shocking snubs, in Entertainment Weekly, Time Inc., 16 luglio 2015. URL consultato il 16 luglio 2015.
  11. ^ (EN) Emmy Awards: The Complete Winners List, in The Hollywood Reporter, 20 settembre 2015. URL consultato il 21 settembre 2015.
  12. ^ (EN) Kimberly Nordyke, Daytime Emmy Awards: The Complete Winners List, in The Hollywood Reporter, 26 aprile 2015. URL consultato il 27 aprile 2015.
  13. ^ a b (EN) 2015 International Emmy Awards Presenters Announced, in iemmys.tv, International Academy of Television Arts & Sciences, 11 novembre 2015. URL consultato il 24 novembre 2015.
  14. ^ (EN) 2015 International Emmy Awards Nominees Span 19 Contries, in iemmys.tv, International Academy of Television Arts & Sciences, 5 ottobre 2015. URL consultato il 24 novembre 2015.
  15. ^ (EN) Ross A. Lincoln, International Emmys: France Leads As 'Spiral' Wins Best Drama Series, in Deadline, Penske Media Corporation, 23 novembre 2015. URL consultato il 24 novembre 2015.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione