Cesana Torinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cesana Torinese
comune
Cesana Torinese – Stemma Cesana Torinese – Bandiera
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Torino-Stemma.svg Torino
Sindaco Lorenzo Colomb (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 44°57′00″N 6°48′00″E / 44.95°N 6.8°E44.95; 6.8 (Cesana Torinese)Coordinate: 44°57′00″N 6°48′00″E / 44.95°N 6.8°E44.95; 6.8 (Cesana Torinese)
Altitudine 1.354 m s.l.m.
Superficie 121,30 km²
Abitanti 1 026[2] (30-09-2011)
Densità 8,46 ab./km²
Frazioni Bousson, Champlas Seguin, Désèrtes, Fénils, Mollières, Pra Claud, Rhuilles, San Sicario Alto, San Sicario Borgo, Solomiac, Thures[1]
Comuni confinanti Abriès (FR-05), Cervières (FR-05), Claviere, Montgenèvre (FR-05), Névache (FR-05), Oulx, Sauze di Cesana, Sestriere
Altre informazioni
Cod. postale 10054
Prefisso 0122
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001074
Cod. catastale C564
Targa TO
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti cesanesi
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cesana Torinese
Localizzazione del Comune di Cesana Torinese nella Provincia di Torino.
Localizzazione del Comune di Cesana Torinese nella Provincia di Torino.
Sito istituzionale

Cesana Torinese (Cesan-a in piemontese, Cesana in occitano) è un comune italiano di 1.026 abitanti della provincia di Torino.

Si trova in Val di Susa e fa parte della Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone. Secondo alcuni[3] è l'antica gallo-romana Scingomagus, mentre per altri[4] è la Goesao romana, essendo Scingomagus (o Excingomagus) attribuibile ad Oulx.

Geografia e topografia[modifica | modifica sorgente]

Cesana si trova in un'ampia vallata tra il Monte Chaberton, il Monte Fraiteve e il Colle Bercia. Si trova anche alla confluenza della Ripa con la Dora e formano la Dora Riparia.

Il territorio di Cesana è ricco di laghi, il più grande è il Lago Nero.

Geologia[modifica | modifica sorgente]

Nel comune di Cesana Torinese si possono notare affioramenti eterogenei di rocce. In particolare gran parte dei litotipi presenti sono metamorfici quali Calcescisti, Oficalci. Da segnalare la presenza di Radiolariti nei pressi dell'abitato di Champlas, nonché le Dolomie del Monte Chaberton e le Ofioliti di Bousson. Queste ultime venivano coltivate fino al secolo scorso da cave tuttora esistenti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Si trova sul tracciato della strada romana che portava dalla Pianura Padana alle Gallie. Durante l'Alto Medioevo il percorso stradale perse la propria importanza per il commercio, conservando però quella militare. Cesana fu proprietà dei Delfini di Vienne, i conti di Albon, fino alla seconda metà del XIV secolo, quando questi diedero terre e titolo alla Francia.

Nel 1155 il Delfino Guido V[non chiaro] ottenne dall'imperatore Federico I l'autorizzazione a coniare a Cesana monete d'argento; dal 1281 le monete portarono il delfino, simbolo dei signori e presente in tutti gli stemmi della zona.

Nel 1343, con la concessione dei Delfini, nacque la repubblica degli Escartons (su un territorio attualmente diviso tra Italia e Francia) e Cesana si trovò a essere nell'Escarton d'Oulx fino al 1713, quando fu ceduta ai Savoia con il trattato di Utrecht.

Tra il XIV e il XVII secolo la valle di Cesana fu sconvolta direttamente e indirettamente dalle guerre di religione combattute soprattutto contro gli "eretici valdesi" delle valli di Pragelato.

La pista da bob di Cesana Pariol

Durante la guerra di successione spagnola (1701-1714) fu assediato e conquistato dalle truppe francesi.

Nel XVIII secolo anche l'importanza strategica andò scemando, fino all'epoca in cui con la costruzione di nuove strade Cesana ebbe un nuovo sviluppo del traffico commerciale.

Nel 1928 furono aggregati a Cesana alcuni comuni sino ad allora autonomi:Désèrtes, Bousson, Fenils, Mollières, Solomiac e Thures.

È stata una delle sedi dei XX Giochi olimpici invernali, durante i quali ha ospitato gare di biathlon, sci (femminile), bob, slittino e skeleton, e dell'Universiade invernale 2007, dove ha ospitato le gare di biathlon.

Cesana ha ospitato il 19 maggio 2013 la 15º tappa del Giro d'Italia.

Arte[modifica | modifica sorgente]

La parrocchiale di Bousson in una immagine del 1912

La chiesa parrocchiale di S. Giovanni Battista, alta sul borgo, ha ancora tre absidi e il campanile della costruzione romanica (XII secolo). Il portale è del 1518; il soffitto ligneo del XVII secolo. Vicino alla chiesa vi è una fontana del XV secolo. Nella casa Alliaudi soggiornò per parecchio tempo Vittorio Alfieri. A Bousson la chiesa parrocchiale, dedicata a Nostra Signora della Neve, ha un portale tardo-gotico in pietra di scuola francese e uno slanciato campanile. Nel borgo vecchio c'è la casa delle lapidi.

Economia[modifica | modifica sorgente]

L'economia del paese è oggi fortemente legata al turismo, in particolar modo invernale. È infatti sede di un'importante stazione sciistica facente parte del comprensorio della Via Lattea.
Sagnalonga, frazione di Cesana, il villaggio più alto d'Europa, è composto da villini alpini raccolti in mezzo alla pineta (2000 m) e sul ripiano del Colle Bercia (2230 m), zona che, conosciuta con il nome di Monti della Luna, è collegata al capoluogo con seggiovie e una carrozzabile panoramica. I grandi pascoli favoriscono l'allevamento del bestiame.

Origine del nome[modifica | modifica sorgente]

Pare che il pittore francese Paul Cézanne derivi il proprio cognome dal paese valsusino di Cesana, di cui cézanne non sarebbe che un francesismo. Secondo numerose fonti, gli antenati dell'artista si sarebbero mossi dal Piemonte intorno al 1650 per praticare in territorio transalpino il mestiere di cappellai. Inoltre, Cézanne stesso soggiornò per un breve periodo, così come Vittorio Alfieri, nella comunità montana.

Sport[modifica | modifica sorgente]

  • A Cesana si praticano tutti gli sport invernali.
  • In estate si possono praticare equitazione, trekking, ciclismo oppure delle passeggiate nei sentieri di montagna.
  • Nel 1975 a Cesana è stato fondato il Torino Cesana Calcio a 5, sciolto nel 2012.
  • Si praticano anche pallacanestro, pallavolo e calcio.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

A Mollières è presente il Parco Avventura Chaberton, un parco dove si possono fare tiro con l'arco e rafting oppure un percorso su degli alberi.

Ogni anno a Cesana si svolgono 2 eventi principali: il primo è la "Cesana - Sestriere", una corsa automobilistica, valida per il campionato europeo. La seconda è la "Carton Rapid Race", una gara di barche di cartone sulla Dora Riparia.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Stranieri[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 96 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania Romania 55 5,23%

Albania Albania 20 1,90%

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il territorio e le frazioni.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2011.
  3. ^ Gian Vittorio Avondo e Marco Comello, Frontiere contese tra Italia e Francia, Torino, Edizioni del Capricorno, 2012, ISBN 978-88-7707-160-6. p. 84
  4. ^ Michele Ruggiero, Storia della valle di Susa, Alzani Editore, Pinerolo (TO), 1998, ISBN 88-8170-040-9, p. 20
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Città e paesi d'Italia, vol. I, De Agostini, 1966
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di arte religiosa alpina, Valle di Susa, Borgone Susa 2009
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di Cultura e Natura alpina Valle di Susa, Borgone Susa 2010
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di Cultura e Natura alpina, Piana di Oulx e Valli di Cesana, Borgone Susa 2013

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte