Castagnole Piemonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castagnole Piemonte
comune
Castagnole Piemonte – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Torino-Stemma.svg Torino
Amministrazione
Sindaco Mattia Sandrone (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°54′00″N 7°34′00″E / 44.9°N 7.566667°E44.9; 7.566667 (Castagnole Piemonte)Coordinate: 44°54′00″N 7°34′00″E / 44.9°N 7.566667°E44.9; 7.566667 (Castagnole Piemonte)
Altitudine 244 m s.l.m.
Superficie 17 km²
Abitanti 2 197[1] (30-6-2011)
Densità 129,24 ab./km²
Frazioni Oitana
Comuni confinanti Carignano, Cercenasco, None, Osasio, Piobesi Torinese, Scalenghe, Virle Piemonte
Altre informazioni
Cod. postale 10060
Prefisso 011
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001065
Cod. catastale C048
Targa TO
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti castagnolesi
Patrono san Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castagnole Piemonte
Localizzazione del Comune di Castagnole Piemonte nella Provincia di Torino.
Localizzazione del Comune di Castagnole Piemonte nella Provincia di Torino.
Sito istituzionale

Castagnole Piemonte (Castagnòle in piemontese) è un comune italiano di 2 197[1] abitanti della provincia di Torino in Piemonte.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Castagnole Piemonte è oggi un Comune che conta circa 2200 abitanti, ha una superficie di 1750 ettari per la maggior parte coltivata e dista circa 25 km da Torino. È attraversato da tre bealere ("ruscelli di campagna" in piemontese), le più importanti sono: l'Oitana a sud-est, la Fuga e l'Essa a nord, che segna il confine con il territorio di None; fra le minori spicca l'Ologna, tributaria dell'Oitana e alimentata tutto l’anno da acque sorgive; si tratta inoltre di un'oasi naturale per anatre selvatiche, gallinelle d’acqua e qualche esemplare di airone. Il Comune è situato a 244 m sul livello del mare, quindi ha un territorio decisamente pianeggiante; ricco di acqua adatto alla coltivazione del frumento, del mais e al pascolo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le prime tracce di insediamenti umani nel territorio castagnolese si hanno con un ritrovamento di un deposito di asce da lavoro risalenti all’era del “bronzo antico”: siamo dunque intorno al 2000 a.C. Il primo documento in cui si fa riferimento a Castagnole Piemonte è del 1037 ed indica che il territorio era compreso nella contea di Torino. I primi signori di Castagnole furono i vescovi di Torino, seguiti nel XIII secolo dai conti di Piossasco del ramo De’ Rossi. Questo periodo fu il momento di maggior rilevanza storica per il nostro comune in quanto a Pietro, signore di Castagnole, furono assegnati il castello ed il villaggio di Piobesi. Nel 1500 risulta essere feudo dei conti di Piossasco e successivamente (intorno al XVIII secolo) passò in modo definitivo sotto la signoria dei Savoia.

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Il nome di Castagnole deriva da “castagna” come rappresenta lo stemma comunale che riporta un castagno sormontato da una corona con la scritta latina “Non inter ardua montium” (Non tra le asperità dei monti). Il determinante “Piemonte” è stato aggiunto nel 1864 con un “regio decreto” di Re Vittorio Emanuele II per distinguerlo dagli omonimi centri delle Langhe e del Monferrato.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Degne di nota sono le opere dello scultore A. Lavy, attivo presso la corte di re Carlo Alberto, tra cui l’altare dedicato a San Luigi e quello alla Madonna Assunta nella locale Chiesa di San Rocco, e la statua in gesso della Consolata (copia di quella in argento che si trova a Torino nel Santuario omonimo).

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]


Cultura[modifica | modifica sorgente]

Folclore[modifica | modifica sorgente]

Le maschere che caratterizzano il carnevale castagnolese, traggono origine dalle figure e dai mestieri storici presenti nel comune come il Negossiant, ovvero il commerciante di bovini di Castagnole, e la Bela Filera, maschera femminile che trae origine da una delle più grandi filande seriche della zona (1750-1949).

Persone legate a Castagnole Piemonte[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

L'agricoltura è l'attività principale anche se, nell’ultimo decennio, si è sviluppata una realtà artigianale tecnologicamente all'avanguardia. Un'altra risorsa di Castagnole è stata la Fornace per la costruzione di tegole e mattoni, i cui operai erano in grado di produrre ciascuno oltre 100.000 mattoni in una sola stagione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile al 30-6-2011.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte