Piossasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piossasco
comune
Piossasco – Stemma Piossasco – Bandiera
Vista con la chiesa di San Vito
Vista con la chiesa di San Vito
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Torino-Stemma.svg Torino
Amministrazione
Sindaco Roberta Maria Avola Faraci (coalizione centrosinistra) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 44°59′00″N 7°28′00″E / 44.983333°N 7.466667°E44.983333; 7.466667 (Piossasco)Coordinate: 44°59′00″N 7°28′00″E / 44.983333°N 7.466667°E44.983333; 7.466667 (Piossasco)
Altitudine 304 m s.l.m.
Superficie 39 km²
Abitanti 18 279[1] (31-12-2010)
Densità 468,69 ab./km²
Frazioni I Galli, San Vito, Garola, Tetti Scaglia, Duis, Abate, Brentatori, Colomba, Lupi, Barboschi, Villaggio Nuovo, Giorda, Maritani, Mompalà, Tetti Olli, Campetto, Rivetta, Generala, Prese, Ciampetto, Gaj, Merlino.
Comuni confinanti Bruino, Cumiana, Rivalta di Torino, Sangano, Trana, Volvera
Altre informazioni
Cod. postale 10045
Prefisso 011
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001194
Cod. catastale G691
Targa TO
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti piossaschesi
Patrono Madonna del Carmine
Giorno festivo 9 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Piossasco
Localizzazione del Comune di Piossasco nella Provincia di Torino.
Localizzazione del Comune di Piossasco nella Provincia di Torino.
Sito istituzionale

Piossasco (Piossasch in piemontese) è un comune italiano di 18.042 abitanti della provincia di Torino, in Piemonte.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Adagiato ai piedi del rilievo alpino, che s'incunea nella pianura torinese, a 20 km dal capoluogo, ha per confini i torrenti Chisola e Sangone. Oltre a questi due fiumi, nel comune scorre il Sangonetto, canale artificiale per il cui sfruttamento ci furono contrasti tra il comune di Piossasco e quello di Trana.

Il monte sovrastante Piossasco è chiamato monte San Giorgio (837 metri s.l.m.), diventato parco provinciale l'8 novembre 2004, e sulla cui sommità si può raggiungere la chiesetta romanica dell'XI secolo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel territorio di Piossasco si può riscontrare un clima particolarmente favorevole, grazie al quale, sin dall'età del ferro, è stato possibile lo sviluppo di insediamenti umani. Nel complesso morfologico del monte San Giorgio, della Montagnassa e del monte della Croce sono state individuate fasi di cultura materiale risalenti all'età del ferro e delle incisioni rupestri collocabili tra l'età del ferro e del bronzo. Non sono molte invece, le informazioni sul periodo pre-romano e romano. Alcuni studiosi di toponomastica fondano l'ipotesi di una presenza dei liguri in Piemonte sulla quantità di toponimi in -asco. In base a questa considerazione anche per Piossasco si potrebbe riscontrare un'eventuale origine ligure.[senza fonte] Non ci sono testimonianze sulla successiva dominazione celtica. Il Piemonte venne conquistato dai romani solo in un secondo momento, grazie ad Augusto, il quale dispose nelle campagne che circondano Torino alcuni villaggi, popolati dai veterani, in modo tale da accrescerne l'affidabilità dal punto di vista militare e politico. Nonostante si riscontrino numerosi ritrovamenti dell'epoca, non è possibile collegarli a degli insediamenti ben precisi.

Piossasco ha un'importante storia medioevale come testimoniano i suoi tre castelli, i resti delle mura del ricetto ed il borgo di San Vito con la chiesa omonima. Dei tre castelli medioevali è attualmente perfettamente conservato solo il più recente, tardo napoleonico, castello dei Nove Merli, nome probabilmente originato da un'alleanza di nobili (i merli appunto) nata per difendere il territorio; questo nome è tuttora presente nel simbolo della cittadina, come si evince dallo stemma. Degli altri due castelli, uno fu bombardato e distrutto durante l'avanzata francese ed in particolare durante il violento scontro della battaglia della Marsaglia (4 ottobre 1693), l'altro fu abbandonato prima di essere completato.

Per molti decenni centro prevalentemente agricolo conosce uno sviluppo esponenziale negli anni settanta-ottanta con l'apertura del grande insediamento industriale della FIAT di Rivalta, abbandonato poi dall'industria automobilistica ed ora sede di aziende manifatturiere diverse.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Religione[modifica | modifica sorgente]

La religione maggiormente praticata a Piossasco è il cattolicesimo; il territorio comunale è suddiviso in due parrocchie (Santi Apostoli e San Francesco d'Assisi) che rientrano nel distretto pastorale Torino Ovest dell'arcidiocesi di Torino. A Piossasco sono presenti comunità religiose dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi, delle Figlie di Nostra Signora della Neve, delle Suore di San Giuseppe di Pinerolo e delle Suore Missionarie di Maria Aiuto dei Cristiani.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Persone legate a Piossasco[modifica | modifica sorgente]

  • Alessandro Cruto, inventore piossaschese alle prese con il tentativo di produrre il diamante sintetico. Egli infatti aveva capito che il diamante è composto da carbonio organizzato in reticoli e quindi cristallizzato. Durante i suoi esperimenti ottenne un filamento di grafite purissima e dopo aver ascoltato Galileo Ferraris in una conferenza del 1879 a Torino, capì che il suo filamento poteva essere utilizzato come componente principale di nuove lampadine. Grazie a lui il 16 maggio 1883 Piossasco diviene la prima cittadina italiana, ed anche europea, ad essere illuminata con lampadine elettriche ad incandescenza[4].

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Festa del Primo maggio con camminata sul Monte San Giorgio (1º maggio)
  • Piossasco Jazz Festival: Note d'Autore (secondo fine settimana di giugno)
  • Assaporando: camminata enogastronomica sul monte San Giorgio fino al parco montano (ultimo weekend di maggio)
  • Festa patronale della Madonna del Carmine (fine settimana più vicino al 9 luglio)
  • Festa del rione San Rocco (primo fine settimana di settembre)
  • Festa della frazione Garola (secondo fine settimana di settembre)
  • Fiera di San Martino (fine settimana più vicino all'11 novembre)
  • Ideag: radunonazionale di autori ed editori di giochi (metà gennaio)
  • Antiche come le Montagne: manifestazione internazionale annuale (novembre) a cura del Gruppo Amici della Poesia[5]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Laura Oliviero centrosinistra Sindaco
2009 in carica Roberta Maria Avola Faraci centrosinistra Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Il Mulino
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Museo della lampadina - Alessandro Cruto - Alpignano
  5. ^ Gruppo Amici della Poesia di Piossasco
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte