Fenestrelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il fiume, vedi Fenestrelle (fiume).
Fenestrelle
comune
Fenestrelle – Stemma
Fenestrelle con sullo sfondo il Forte San Carlo
Fenestrelle con sullo sfondo il Forte San Carlo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Torino-Stemma.svg Torino
Amministrazione
Sindaco Ilario Manfredini (Qualcosa di nuovo) dal 06/05/2012
Territorio
Coordinate 45°02′00″N 7°03′00″E / 45.033333°N 7.05°E45.033333; 7.05 (Fenestrelle)Coordinate: 45°02′00″N 7°03′00″E / 45.033333°N 7.05°E45.033333; 7.05 (Fenestrelle)
Altitudine 1.145 m s.l.m.
Superficie 49,04 km²
Abitanti 571[1] (31-12-2010)
Densità 11,64 ab./km²
Frazioni Champs, Puy, Pequerel, Chambons, Depot, Mentoulles, Granges, Ville Cloze, La Latta, Fondufaux
Comuni confinanti Massello, Mattie, Meana di Susa, Pragelato, Roure, Usseaux
Altre informazioni
Cod. postale 10060
Prefisso 0121
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001103
Cod. catastale D532
Targa TO
Cl. sismica zona 3s (sismicità bassa)
Cl. climatica zona A, 2 GG[2]
Nome abitanti fenestrellesi
Patrono san Luigi IX re di Francia
Giorno festivo 25 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fenestrelle
Localizzazione del Comune di Fenestrelle nella Provincia di Torino.
Localizzazione del Comune di Fenestrelle nella Provincia di Torino.
Sito istituzionale

Fenestrelle (Fenestrele in piemontese, Finistrelas o Fënetrèlla in occitano) è un comune italiano di 568 abitanti della provincia di Torino.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Grazie alla sua posizione intermedia tra l'Alta e la Bassa Val Chisone, Fenestrelle è sempre stato un nodo strategico per il controllo politico e militare dell'intera vallata. Durante l'epoca romana Fenestrelle apparteneva alla zona di confine del regno del re Cozio ed era denominata Finis Terrae Cotii ("confine della terra di Cozio"), da cui deriva appunto il nome odierno.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Posto circa a metà della Val Chisone, il territorio comunale fa parte della Comunità Montana Valli Chisone e Germanasca.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Fenestrelle.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

La Fortezza di Fenestrelle[modifica | modifica sorgente]

Il Forte delle Valli parte della Fortezza di Fenestrelle
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Forte di Fenestrelle.

Considerato la muraglia cinese d'Italia[senza fonte], il complesso è costituito in realtà da una serie di 3 forti e 7 ridotte, ciascuno dei quali realizzato in modo d'esser indipendente in caso di guerra. Le varie parti sono collegate fra loro da: strade, scale esterne e dall'eccezionale scala interna, detta "coperta", che sviluppa 3996 gradini consecutivi. Non vi sono conferme sul fatto che sarebbe la scala coperta più lunga esistente al mondo.

Opera pregevole ed unica dal punto di vista dell'architettura militare, dal 1999 è diventata il simbolo della Provincia di Torino[4]

Il forte di Fenestrelle è stato costruito per fermare eventuali eserciti francesi che avessero tentato di invadere il Piemonte attraverso la Val Chisone. Durante il periodo napoleonico, quando l'insieme di edifici passò in mano francese, vennero edificate opere destinate a bloccare un'eventuale avanzata piemontese.

A partire dall'ultimo decennio del Settecento fino al periodo fascista, venne utilizzato non solo come piazzaforte, ma anche come prigione di stato e bagno penale in modo non continuativo. Oppositori politici sia laici che religiosi di tutti i governi in carica, civili accusati di brigantaggio, militari agli arresti o prigionieri di guerra, vi furono reclusi[5]. Lavori forzati, maltrattamenti, nutrizione scadente o assente, condanne a morte. Questa fu Fenestrelle nel post unità, dove vi persero la vita tutti i soldati borbonici catturati dal regno unitario. Attualmente non esiste una cifra ufficiale e universalmente riconosciuta di coloro che morirono in fortezza nel corso dei secoli.

Dal 1984 sono iniziate opere di restauro ed al suo interno vengono realizzate visite guidate di carattere storico divulgativo. Ogni anno vengono organizzati numerosi e variegati eventi: rappresentazioni teatrali, culturali, mostre fotografiche o artistiche, concerti musicali. La fortezza è da molti anni riconosciuta, a livello ufficiale, come patrimonio culturale italiano. Nel 2007 il World Monuments Fund ha inserito la fortezza nella lista dei 100 siti storico-archeologici di rilevanza mondiale più a rischio, essa fa parte dei quattro siti italiani inclusi.

Chiesa Parrocchiale di san Luigi IX[modifica | modifica sorgente]

La chiesa parrocchiale fa capolino tra le strette vie del paese.

Di particolare pregio è la Chiesa Parrocchiale. La chiesa venne costruita per volontà del re Luigi XIV di Francia; fu inaugurata il 25 agosto 1689 e dedicata a san Luigi IX. Il 25 agosto da allora è la festa patronale di Fenestrelle.

Pracatinat[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pracatinat.

La località di Pracatinat si trova sopra l'abitato di Fenestrelle e sopra il Forte. Fu la sede dei sanatori intitolati a Giovanni Agnelli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Sito web Provincia di Torino
  5. ^ Fenestrelle non fu come Auschwitz

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte