Settimo Torinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Settimo Torinese
comune
Settimo Torinese – Stemma Settimo Torinese – Bandiera
Chiesa di San Pietro in Vincoli nella piazza omonima
Chiesa di San Pietro in Vincoli nella piazza omonima
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Torino-Stemma.svg Torino
Amministrazione
Sindaco Fabrizio Puppo (PD) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 45°08′00″N 7°46′00″E / 45.133333°N 7.766667°E45.133333; 7.766667 (Settimo Torinese)Coordinate: 45°08′00″N 7°46′00″E / 45.133333°N 7.766667°E45.133333; 7.766667 (Settimo Torinese)
Altitudine 207 m s.l.m.
Superficie 32,37 km²
Abitanti 47 785[1] (30-5-2014)
Densità 1 476,21 ab./km²
Frazioni Borgata Paradiso, Fornacino, Mezzi Po, Villaggio Olimpia, Villaggio Ulla
Comuni confinanti Brandizzo, Castiglione Torinese, Gassino Torinese, Leini, Mappano, San Mauro Torinese, San Raffaele Cimena, Torino, Volpiano
Altre informazioni
Cod. postale 10036
Prefisso 011
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001265
Cod. catastale I703
Targa TO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti settimesi
Patrono Corpi santi
Giorno festivo In realtà è la prima domenica di settembre ma le attività lavorative restano chiuse il giorno dopo (lunedì)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Settimo Torinese
Posizione del comune di Settimo Torinese all'interno della provincia di Torino
Posizione del comune di Settimo Torinese all'interno della provincia di Torino
Sito istituzionale

Settimo Torinese (ël Seto in piemontese) è un comune italiano di 47.785 abitanti[2] della provincia di Torino, in Piemonte.

È il decimo comune della regione per popolazione[3] superando come numero di abitanti anche qualche capoluogo di provincia piemontese.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine è sicuramente romana anche perché oltre al nome era posta lungo un tracciato romano, cioè Torino-Pavia-Piacenza. Nel Villaggio Fiat fu rinvenuta un'iscrizione votiva intestata a Giove Ottimo Massimo, iscrizione che diciamo fa il pendant con D.O.M. - A Dio Ottimo Massimo che sta sul frontale di quasi tutte le chiese cattoliche. La posizione di Settimo posta tra Torino e Milano ha sempre fatto gola ai potenti del passato. Pertanto la Città è sempre stata al centro di contese; infinite quelle tra i Marchesi del Monferrato e i Savoia che alla fine la spuntarono nel 1435. Gli ultimi feudatari furono i Marchesi Falletti di Barolo, conti di Settimo; era la fine del XVIII secolo.

Oggi Settimo è un grosso centro industriale nell'hinterland NE di Torino ma ciò è stato il risultato di un lunghissimo cammino iniziato sul finire del XVII secolo con il rinnovamento dell'agricoltura seguito dall'inizio del processo di industrializzazione all'alba dell'unità d'Italia.

Scrivendo di Settimo Torinese non si può non ricordare don Luigi Paviolo, parroco di San Pietro in Vincoli. Il parroco si adoperò senza sosta nella protezione, dall'8 settembre alla Liberazione, di quanti erano ricercati dai nazisti. Vicino alla cascina Pramolle, sotto il cavalcavia dell'autostrada MI-TO, l'8 agosto del 1944 furono impiccati dai tedeschi sei giovani partigiani.

Il presidente Giovanni Gronchi concesse a Settimo Torinese il titolo di Città il 28 settembre 1958.

Il 28 settembre 2008 è stato celebrato il cinquantesimo anniversario di "Settimo Città", con grandi festeggiamenti a naturale conclusione di tutta una serie di iniziative, ad esempio il rinnovato look del centro storico (ma pure delle rotatorie, non più distese di asfalto o sampietrini ma vere opere d'arte).

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo deriva dal latino (ad) septimum (lapidem), ossia "presso la settima (pietra miliare)" riferendosi alla distanza da Torino, infatti si chiamò in passato Septimum Taurinensem.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Cappella di San Giorgio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cappella di San Giorgio (Settimo Torinese).

La Torre di Settimo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Torre di Settimo.
La torre

La torre è l’ultimo elemento superstite dell’antico castello signorile, gravemente danneggiato e forse distrutto durante le guerre franco-asburgiche del sedicesimo secolo.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

La città di Settimo Torinese è inserita nel Parco Fluviale del Po (Tratto Torinese) e fa parte del progetto Tangenziale Verde insieme ai comuni di Borgaro e Torino.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Settimo Torinese ha conosciuto una significativa crescita di popolazione dal 1961 al 1971 con un incremento del 133 % di residenti, mentre è cresciuto del 156 % dal 1961 ad oggi .

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 2.334 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania Romania 1.238 2,57%

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

  • Fiere

Le fiere tradizionali che si svolgono a Settimo, una in primavera e l’altra in autunno, hanno avuto origine nel 1848 quando il Re Carlo Alberto di Savoia-Carignano autorizzò il Comune a organizzarle, ma soltanto nel 1853 esse divennero una realtà consolidata. Oggi rappresentano degli appuntamenti di notevole interesse, non solo per la popolazione settimese, ma anche per un folto pubblico di visitatori.

Durante il terzo fine settimana del mese di novembre si svolge a Settimo la tradizionale Fera dji Còj ("Fiera dei Cavoli"), dedicata a uno dei prodotti tipici locali, il cavolo. Settimo può infatti vantare una produzione rilevante di questo ortaggio, avendo al suo attivo una varietà considerata tra le migliori attualmente sul mercato. Vengono riproposte diverse iniziative legate al "cavolo", con mostre, rassegne orto-floro-frutticole, zootecniche, delle macchine agricole, dell’artigianato e dell’hobbistica, con concorsi gastronomici, cene e iniziative varie. Legate a questa ricorrenza sono anche due figure tipiche: il "re dij Coj" (re dei cavoli) e la "regin-a dle verze" (regina delle verze) .

Nel terzo fine settimana di maggio si svolge la Fera dl’Arlev. Un appuntamento primaverile, riscoperto proprio nel 2001 dopo una pausa di diversi anni. Il significato della Fiera si trova nel nome stesso: Fera dl’Arlev, ovvero in piemontese "Fiera del risveglio". Nel passato, infatti, chiunque poteva partecipare vendendo o scambiando diversi prodotti. Proprio con questo spirito di recupero delle tradizioni e delle usanze tipiche settimesi è stata riproposta la Fiera che ogni anno è dedicata a temi e prodotti diversi.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Settimo Torinese[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

La dismissione dello stabilimento Pirelli dall'area industriale di via Torino ha reso disponibile un'area che potrebbe essere in un futuro non immediato oggetto di investimenti privati di edilizia residenziale e nel settore terziario. Il progetto è stato reso pubblico con la presentazione di un masterplan l'11 giugno 2008 presso il Politecnico di Torino. L'area potrebbe essere denominata Laguna Verde e prevede la costruzione di 600.000 m² di edifici che saranno sopraelevati su un parco di 810.000 m².

Il progetto mira a ricucire le aree urbane della città a quelle della città di Torino, e nello stesso tempo dare una marcata impostazione architettonica al quartiere, che sarà caratterizzato da edifici di altezza rilevante (una media di 100 metri di altezza, con una torre centrale di 215 metri).

Nel quartiere, forte impatto sarà portato dall'insediamento del Politecnico di Torino con una sezione distaccata della sua Cittadella Politecnica. Altre aree saranno destinate all'insediamento di centri di ricerca, anche stranieri. Il resto dell'area ospiterà edilizia residenziale privata, mentre il comune provvederà a dotare l'area di strutture pubbliche quali un nuovo palasport, una nuova stazione ferroviaria, piscina e scuola pubblica ed un museo[5].

Suddivisioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Settimo Torinese è divisa in quattro quartieri:

  • Borgo Nuovo, che comprende l'area nord della città e il Villaggio Ulla
  • Centro, che è il centro storico della città con la Torre
  • S. Gallo, zona est della città a cavallo dell'omonimo rio in parte interrato
  • Borgo Provinciale, che comprende il Villaggio Fiat, a occidente, probabilmente prende il nome dall'attuale via Regio Parco che una volta era la strada provinciale per Torino.

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Mezzi Po[modifica | modifica wikitesto]

Mezzi Po è una frazione rurale di Settimo Torinese, dalla quale dista 5,2 chilometri.

Sorge a 188 metri sul livello del mare, nelle campagne a nord-est del comune d'appartenenza. Vi risiedono circa 400 abitanti.

Confina a sud con l'abitato di Settimo, a est con il territorio comunale di Volpiano, a nord con quel di Brandizzo e, a est, il fiume Po la cinge dividendola dai paesi di Castiglione e Gassino, in linea d'aria molto vicini.

La frazione ha fatto parte del comune di Gassino fino al 12 giugno 1957, anno in cui l'allora presidente della repubblica Giovanni Gronchi concesse a Settimo Torinese il titolo di città assegnandole, su richiesta dei mezzesi, la frazione, a causa della mancanza di collegamenti con il comune di Gassino. Oggi, tuttavia, la recente inaugurazione della S.P. 500 "Strada Provinciale della Collina Torinese" ha finalmente messo la parola fine alla situazione di paradossale isolamento tra il vecchio capoluogo -Gassino- e l'antica frazione. Il nuovo raccordo che si sviluppa dall'intersezione con la SP 40 di San Giusto all'incrocio con la SP 590 della Valle Cerrina, permette di collegare, per una lunghezza complessiva di km. 7,550 l'area di Gassino con quella di Volpiano, passando quindi per Mezzi Po, raccordandosi con la strada provinciale 11 Torino-Chivasso e con le autostrade A5 per Aosta e A4 per Milano.

Villaggio Olimpia[modifica | modifica wikitesto]

Villaggio Olimpia è la frazione di Settimo Torinese, più vicina al comune di Torino, sull'asse di c.so Romania. Dista circa 2 km da Settimo.

Fornacino[modifica | modifica wikitesto]

Fornacino è una frazione di Settimo, a circa 3 km verso Nord Ovest dalla città. Dista 4 km dal comune di Leinì.

Borgata Paradiso[modifica | modifica wikitesto]

La Borgata Paradiso è una frazione del comune di Settimo, situata a circa metà strada tra Settimo e San Mauro Torinese.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Industria[modifica | modifica wikitesto]

È storica e rilevante la presenza all'interno del comune di grossi insediamenti industriali dei settori più svariati, quali GFT (ex Facis), Huhtamaki (ex Monoservizio-Bibo), Lavazza, L'oreal, Olon (ex Antibioticos), Pilkington (ex Siv), Pirelli, Universal, Rejna-Framtek, Yesmoke, ecc.

Molte aziende hanno aperto nel tempo i loro stabilimenti all'interno del territorio cittadino, entrando a far parte della storia di Settimo: basti ricordare la CEAT, la Lucchini Siderurgica, le acciaierie Ferrero, la Siva, dove è stato direttore generale di stabilimento Primo Levi, la Lecce-Pen, la Paramatti, la Wilson, la Walker, ecc. ecc.

Regione Piemonte, Provincia di Torino, Comune di Settimo Torinese e Pirelli Tyre hanno firmato un accordo quadro finalizzato alla nascita di un polo tecnologico e industriale all'avanguardia per la produzione di pneumatici vettura sul territorio della città di Settimo, dove la società del gruppo Pirelli è attualmente presente con due siti produttivi.

Il piano di rilancio industriale prevede il trasferimento delle attività produttive attualmente svolte nello stabilimento dedicato agli pneumatici vettura nello stabilimento per pneumatici autocarro. L'unificazione dei due impianti consentirà la realizzazione di un nuovo e moderno polo che si avvarrà delle più avanzate tecnologie produttive frutto della ricerca Pirelli, diventando così lo stabilimento del gruppo più all'avanguardia nel mondo[6]. Il polo industriale, il 19 marzo 2011, ha ricevuto la visita del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Settimo Torinese è nodo di interscambio tra la Ferrovia Torino-Milano (gestita da RFI) e la Ferrovia Canavesana Settimo-Rivarolo-Pont Canavese (gestita da GTT).

La Stazione di Settimo è servita dai treni delle linee SFM1 (Rivarolo-Chieri) e SFM2 (Pinerolo-Chivasso) del Servizio Ferroviario Metropolitano di Torino e da alcuni treni Regionali gestiti da Trenitalia e GTT.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Settimo Torinese è servita da linee suburbane GTT 49, SE1 e SE2 che la collegano a Torino.

In città è presente anche un servizio urbano gestito dal Comune di Settimo Torinese completamente gratuito è caratterizzato da 3 linee.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
  • 1946 sindaco PSI, giunta PSI-PCI
  • 1956 sindaco PSDI, giunta DC-PSDI
  • 1960 sindaco PSI, giunta PCI-PSI
  • 1964 sindaco PSI, giunta DC-PSI-PSDI
  • 1970 sindaco PCI,giunta PCI-PSI
  • 1985 sindaco PCI, giunta PCI
  • 1986 sindaco PSI, giunta PSI-DC-PLI-PRI
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1987 2004 Giovanni Ossola centrosinistra Sindaco [7]
2004 2014 Corgiat Loia Aldo centrosinistra Sindaco [8]
2014 in carica Puppo Fabrizio centrosinistra Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La città di Settimo Torinese nel 1995 ha ospitato i Campionati Europei di Softball femminili, che hanno visto primeggiare l'Italia davanti ai Paesi Bassi

Pallavolo[modifica | modifica wikitesto]

Settimo è rappresentata dalla squadra femminile Lilliput Pallavolo che milita in serie B1 e dalla Pallavolo Settimo, in prima divisione.

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione calcistica 2009-2010 la città è stata rappresentata in Serie D da ben due squadre: il Settimo e la Pro Settimo & Eureka. Nel 2011-12 entrambe le squadre militano in Eccellenza Piemontese.

Cronistoria recente[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Pro Settimo & Eureka
  • 1983 - Fondazione.
  • 1983-89 - Attività di solo settore giovanile.
  • 1989 - Acquista il titolo di Seconda del Pilonetto.
  • 1989-90 - In Seconda Categoria.
  • 1990-91 - In Seconda Categoria.
  • 1991-92 - In Seconda Categoria.
  • 1992-93 - In Seconda Categoria.
  • 1993-94 - 1° in Seconda Categoria. Promossa in Prima Categoria.
  • 1994-95 - 1° in Prima Categoria. Promossa in Promozione.
  • 1995-96 - 13° nel girone B di Promozione.
  • 1996-97 - 11° nel girone D di Promozione.
  • 1997-98 - 4° nel girone C di Promozione.
  • 1998-99 - 2° nel girone B di Promozione. Promossa in Eccellenza.
  • 1999-00 - 10° nel girone B di Eccellenza.
  • 2000-01 - 10° nel girone A di Eccellenza.
  • 2001-02 - 9° nel girone A di Eccellenza.
  • 2002-03 - 14° nel girone A di Eccellenza. Perde i play out contro la Sunese. Retrocessa in Promozione.
  • 2003-04 - 1° nel girone B di Promozione. Promossa in Eccellenza.
  • 2004-05 - 6° nel girone B di Eccellenza.
  • 2005-06 - 16° nel girone B di Eccellenza. Ripescata in Eccellenza.
  • 2006-07 - 5° nel girone A di Eccellenza. Si fonde con l'Eureka. La nuova denominazione è Pro Settimo & Eureka.
  • 2007-08 - 3° nel girone A di Eccellenza. Vince la Coppa Italia Eccellenza Piemonte. Perde la finale di Coppa Italia Eccellenza contro l'Hinterreggio. Promossa in Serie D.
  • 2008-09 - 6° nel girone A di Serie D.
  • 2009-10 - 15° nel girone A di Serie D. Perde i play out contro il Rivoli 2-0, 0-2. Retrocesso in Eccellenza.
  • 2010-11 - 8° nel girone A di Eccellenza. Vince la Coppa Italia Eccellenza Piemonte.
  • 2011-12 - 3° nel girone A di Eccellenza.
  • 2012-13 - 5° nel girone A di Eccellenza. Vince la Coppa Italia Eccellenza Piemonte. Perde la semifinale di Coppa Italia Eccellenza contro la Fermana Fermana.
  • 2013-14 - 1° nel girone A di Eccellenza. Vince la Coppa Italia Eccellenza Piemonte. Esce ai quarti di finale di Coppa Italia Eccellenza contro l'Associazione Sportiva Dilettantistica Union ArzignanoChiampo. Promosso in Serie D.
  • 2014-15 - nel girone A di Serie D.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione

D

3 2008-2009 2014-2015

Ecc.

12 1999-2000 2013-2014

Baseball e Softball[modifica | modifica wikitesto]

La città di Settimo è rappresentata dal B.C. Settimo che gareggia nel campionato di serie B nazionale FIBS

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Settimo è chiamata la "Città della penna" poiché si stima che il 70% della produzione avvenga in quest'area.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat al 30/5/2014
  2. ^ Dato Istat al 30/5/2014
  3. ^ Comuni piemontesi per popolazione
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Giovanna Favro. Le palafitte della città futura, «La Stampa», giugno 2008, 55.
  6. ^ Pirelli: polo Settimo più moderno mondo
  7. ^ Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Comunali del 13 giugno 1999
  8. ^ Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni: Comunali del 12 giugno 2004 - Comunali del 7 giugno 2009

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

CULTURA

ASSOCIAZIONI

SOCIETA' SPORTIVE

ISTRUZIONE

ALTRO

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte