Monte Chaberton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Monte Chaberton
Chaberton001.JPG
Vista del monte dalla val di Susa
Stato Francia Francia
Regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Dipartimento Alte Alpi
Altezza 3.131 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 44°57′51″N 6°45′06.7″E / 44.964167°N 6.751861°E44.964167; 6.751861Coordinate: 44°57′51″N 6°45′06.7″E / 44.964167°N 6.751861°E44.964167; 6.751861
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Monte Chaberton
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Sud-occidentali
Sezione Alpi Cozie
Sottosezione Alpi del Moncenisio
Supergruppo Catena Chaberton-Tabor-Galibier
Gruppo Gruppo del Chaberton
Sottogruppo Gruppo Chaberton-Clotesse
Codice I/A-4.III-A.1.a

Il monte Chaberton (3.131 m s.l.m.) è una montagna delle Alpi Cozie situata nel dipartimento francese delle Alte Alpi.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il monte si trova sulla cresta che costituisce lo spartiacque fisico principale tra Italia e Francia; la vetta si trova in territorio orograficamente italiano[1], ma politicamente appartiene alla Francia per motivi storici.

La montagna domina allo stesso tempo l'italiana Valle di Susa e la valle francese di Briançon. Fino al XX secolo si trovava in territorio italiano; in particolare, dopo l'unità d'Italia, si trovava in comune di Cesana Torinese, in provincia di Torino.

Panorama dalla vetta dello Chaberton con resti delle Batterie militari

Data la sua posizione eminente, pressoché inespugnabile, e la sua vicinanza al confine francese, il monte ebbe sempre notevole importanza strategica:. Per questo motivo, tra fine XIX secolo ed inizio XX secolo vi fu costruita un'opera fortificata, la cosiddetta Batteria dello Chaberton, che ebbe un ruolo attivo nella guerra tra Italia e Francia del 1940.[2][3]

Nel 1947, con i Trattati di Parigi, il monte passò alla Francia; attualmente è situato nel dipartimento delle Alte Alpi e sotto il comune di Névache.

Si tratta di una notevole piramide rocciosa, che si estende con versanti di notevole pendenza verso est ed ovest. La vetta si trova sulla cresta spartiacque che si estende da nord a sud, limitata idealmente a nord dal Colle dello Chaberton, ed a sud dal Colle del Monginevro.

La porzione più prossima alla vetta è composta da dolomie bianche e giallognole risalenti al Triassico; allontanandosi dalla vetta si incontrano su entrambi i versanti est e ovest formazioni di calcari dolomitici e compatti del Retico, nonché calcari grigi a banchi, calcari scistosi e scisti calcarei del Giurassico,[4] disposti in una struttura a sinclinale.[4][5]. Sulla cresta tra la vetta ed il colle dello Chaberton compaiono affioramenti di scisti e micascisti verdi, con lenti di quarzo, calcari cristallini e rocce porfiriche.[4]

La vetta fu pesantemente modificata nel corso dei lavori di costruzione della batteria fortificata, presentandosi oggi come un'ampia spianata, raggiunta dall'antica strada militare di servizio.[2][3]

Accesso alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

Il monte costituisce una classica meta per itinerari escursionistici e scialpinistici.

Il percorso più facile, benché sia anche il più lungo, si sviluppa lungo l'antica strada militare che parte da Fenils, frazione di Cesana Torinese sul tracciato della vecchia strada carrozzabile dello Chaberton. La strada sale da Fenils al Colle dello Chaberton, e da qui fino in vetta.[6] Pur con qualche difficoltà, la strada è percorribile anche con la mountain bike.[7] La strada era percorribile con mezzi motorizzati fino al 1987, quando venne chiusa al traffico.[2]

Il percorso più utilizzato dagli escursionisti a piedi[6] si sviluppa da Claviere. Da questa località si risale il vallone delle Baisses, passando per le Grange les Baisses e l'ex Ricovero Sette Fontane (distrutto nel 2009 da una slavina), fino a raggiungere da ovest il Colle dello Chaberton, dove ci si ricongiunge con l'itinerario precedente.[3][6]

Esisteva un terzo itinerario più difficile che si sviluppava lungo la cresta SSE ed il cui accesso partiva dalla statale 24, poco a monte di Cesana, dopo una galleria paravalanghe, ma che è stato chiuso dopo il termine della costruzione della circonvallazione, con una serie di gallerie, tra Cesana e Claviere.[6][8] Il percorso era in origine utilizzato per collegare a piedi la Batteria Alta e la Batteria Bassa, evitando la lunga strada da Fenils.[8]. Si raggiunge la Batteria Alta, da cui si risale il Petit Vallon fino alla base di alcune paretine rocciose coperte di detrito. Si risalgono le paretine, eventualmente assicurandosi ai numerosi spit presenti, fino a portarsi sulla cresta SSE, da dove si raggiunge la vetta.[8] Questo percorso originariamente era una vera e propria via ferrata, mentre oggi è da considerarsi un sentiero attrezzato; presenta difficoltà di tipo alpinistico, con passaggi esposti ed alcuni tratti di semplice arrampicata (II grado).[8]

Sci alpinismo[modifica | modifica wikitesto]

Gli itinerari sulla strada militare e per il vallone delle Baisses possono essere percorsi in inverno con gli sci da sci alpinismo[9][10] oppure con le ciaspole[11]

Le fortificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Batteria dello Chaberton.

Le rovine della Batteria dello Chaberton sono ancora visitabili, anche se si deve porre particolare attenzione: le parti in sotterranea non sono illuminate e sono spesso ingombre di ghiaccio che impediscono la visita; inoltre, si tratta di un'opera che non è stata sottoposta a manutenzione da decenni, dunque presenta rischi intrinseci. Per visitare le rovine è opportuno essere adeguatamente attrezzati, ed evitare di effettuare la visita da soli.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]