Catena montuosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La catena dell'Himalaya detiene la vetta più alta del mondo.

Una catena montuosa o cordigliera è un gruppo di montagne facenti parte del medesimo sistema montuoso geologico, confinante con pianure o separato da altre catene montuose da passi o fiumi. Oltre a gruppi montuosi isolati o confinanti può racchiudere in sè più massicci montuosi.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Nella maggior parte dei casi le singole montagne che appartengono alla stessa catena montuosa hanno la stessa geologia, ma non sempre e non necessariamente: possono avere diverse orogenesi, per esempio vulcani, montagne sollevate o ripiegate e possono perciò essere costituite da rocce diverse.

Le Ande sono la catena montuosa più lunga del pianeta. L'Himalaya è la catena montuosa che ospita le montagne più alte. Le Alpi sono invece la catena montuosa con le cime più alte d'Europa.

Normalmente una catena montuosa è il frutto dell'incontro fra placche tettoniche; si ottiene così un sollevamento del terreno lungo la linea di impatto. Per esempio la catena dell'Himalaya è il risultato dello scontro tra la placca tettonica dell'India e quella del sud dell'Asia; le Alpi invece sono il risultato dello scontro della placca tettonica africana con quella europea.

Comunemente la definizione di catena montuosa si differenzia da quella di gruppo montuoso. Infatti per gruppo montuoso si intende un insieme non meglio definito di montagne, mentre per catena montuosa si intende una struttura di montagne ben definita dal punto di vista fisico e geomorfologico.[1] Tipicamente una catena montuosa è formata da più gruppi montuosi.

Alcune catene montuose[modifica | modifica sorgente]

L'America meridionale con la lunga catena delle Ande.

Alcune tra le principali catene montuose terrestri sono:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Per esempio le Alpi Cozie sono un gruppo montuoso e non una catena montuosa.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]