Catena principale alpina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La catena delle Alpi.

Con Catena principale alpina si intende la linea di montagne delle Alpi che ne costituiscono lo spartiacque principale.

La catena principale alpina inizia dalla Bocchetta di Altare dove le Alpi si staccano dagli Appennini e termina alla Sella di Godovič dove iniziano le Alpi Dinariche.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

In una catena montuosa la catena principale contiene normalmente le più importanti vette della catena stessa. Nelle Alpi tuttavia vi sono dei notevoli massicci montuosi separati dalla catena principale alpina, come ad esempio le Alpi del Delfinato e le Alpi Bernesi.

La catena principale alpina è ben individuabile nelle Alpi Occidentali; nelle Alpi Orientali perde via via di definizione mano a mano che si procede verso oriente. Nelle Alpi Orientali vi sono infatti tre bacini idrografici principali: quello del Reno a nord, quello del Danubio ad est e quello del Po e degli altri fiumi italiani a sud. Il punto di triplice spartiacque è situato a Passo Lunghin. Se come spartiacque principale si intende quello Reno-Danubio allora la catena principale termina con le Alpi della Bassa Austria alle porte di Vienna; se invece come spartiacque principale si intende quello Danubio-Po ed altri fiumi italiani allora la catena principale termina con le Alpi e Prealpi Giulie. In questa voce si segue questa seconda soluzione.

Partendo dalla Bocchetta di Altare la catena principale alpina ha inizialmente un andamento verso ovest; in seguito piega verso nord fino al Monte Bianco. Dopo corre generalmente verso est-nord-est anche se con varie correzioni di direzione fino alla Vetta d'Italia; infine piega verso sud-est per raggiungere la Sella di Godovič.

Nelle Alpi Occidentali la montagna più alta situata lungo la catena principale alpina è il Monte Bianco (4.810 m) mentre nelle Alpi Orientali è il Pizzo Bernina (4.049 m).

Descrizione della catena principale alpina[modifica | modifica sorgente]

Quadro d'insieme delle sezioni alpine secondo la SOIUSA e relativa numerazione.

Sono interessate dalla catena principale alpina le seguenti sezioni[1]:

Da questo spartiacque principale si staccano via via le altre sezioni alpine:

Bacini idrografici[modifica | modifica sorgente]

Dalla catena principale alpina scendono i bacini idrografici soprattutto di questi quattro fiumi:

Partendo dalla Bocchetta di Altare nel primo tratto di andamento verso ovest si ha a nord il bacino del Po ed a sud brevi fiumi che scendono nel mar Ligure. Quando la catena principale alpina si dirige verso nord fino ad arrivare al Monte Bianco troviamo ad est il Po e vari suoi affluenti e ad ovest il Rodano con i suoi affluenti. Nel tratto dal Monte Bianco alla Vetta d'Italia troviamo a sud il bacino del Po e nell'ultimo tratto quello dell'Adige mentre a nord si susseguono nell'ordine prima il bacino del Rodano, poi quello del Reno ed infine quello del Danubio. Nell'ultimo tratto a sud troviamo nell'ordine i bacini del Piave, del Tagliamento e dell'Isonzo mentre a nord continua il bacino del Danubio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le sezioni alpine qui descritte seguono le definizioni della SOIUSA. Il numero riportato è il numero identificativo della sezione secondo la SOIUSA.
  2. ^ Il Tesslu (o Bocchetta Stretta) è un punto di valico situato sul crinale Val Mastallone/Valle Strona quotato 2304 e che separa la Cima Lago (2.401 m) dall'Altemberg.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

montagna Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di montagna